REDDITO IMPRESA E IRAP

Sulle rimanenze l’Agenzia persevera nell’errore

  In occasione di Telefisco l’Agenzia ha, purtroppo, confermato la “bontà” delle conclusioni raggiunte dalla risoluzione n. 78/E del 2013 in materia di valutazione da un punto di vista fiscale delle rimanenze di magazzino. Partendo da una improbabile domanda – “Si chiede conferma che, per coerenza, gli eventuali maggiori valori che, per qualunque motivo, fossero…

Continua a leggere...

Servizi infragruppo deducibili quando è verificata l’utilità per la società

L’Amministrazione non può disconoscere la deducibilità fiscale delle cd. “spese di regia” addebitate dalla capogruppo alle proprie controllate se risulta verificata, anche in astratto, l’utilità di questi servizi rispetto all’attività svolta dalla società ricevente, laddove gli addebiti siano regolati ad un accordo che contenga il dettaglio delle prestazioni da rendere, e la specificazione dei criteri…

Continua a leggere...

Colpo di scure sulla rivalutazione dei beni

Con una risposta che, in tutta sincerità, pare costruita con il solo intento di difendere una posizione “precostituita”, l’Agenzia delle Entrate ha manifestato il proprio parere in merito alla questione più importante che attiene alla rivalutazione dei beni di impresa, introdotta dalla legge di stabilità per il 2014. Volutamente diciamo che quello conosciuto è il…

Continua a leggere...

Lo studio associato bisticcia con l’Irap

Si è ormai chiuso anche l’anno 2013 e si stanno riscaldando i motori in preparazione delle dichiarazioni dei redditi; ciò nonostante, rimane del tutto inalterata la situazione nebulosa che attiene alla soggettività passiva IRAP, materia nella quale sembra sfumata anche la possibilità di un intervento volto a delineare (in modo netto e preciso) i contorni…

Continua a leggere...

Operazioni con effetti pluriennali e limiti temporali all’accertamento

Una questione dibattuta riguarda il potere dell’Amministrazione Finanziaria di contestare gli effetti derivanti dall’adozione da parte di un’impresa di un determinato criterio di contabilizzazione di una posta di bilancio, o anche gli effetti fiscali che sono sorti dall’esecuzione di un’operazione societaria, in ciascuno dei singoli periodi d’imposta in cui questa fattispecie si riflette nel conto…

Continua a leggere...

Gestione complessa per interessi e Rol nel consolidato fiscale

  L’articolo 96, comma 7, del Tuir, consente che l’eventuale eccedenza di interessi passivi che si genera in capo ad una società aderente al consolidato fiscale possa essere portata in diminuzione del reddito imponibile complessivo della fiscal unit a condizione che, e nei limiti in cui, altre società aderenti al consolidato fiscale generano per lo…

Continua a leggere...

La deducibilità del TFM tra competenza e cassa

In relazione agli “uffici di amministratore” continua l’incertezza sulla rilevanza fiscale delle quote accantonate in bilancio dalla società “erogante” a titolo di indennità di fine mandato (TFM), incertezza connessa, in buona sostanza, alla corretta interpretazione dell’art. 105, comma 4, del Testo Unico delle Imposte sui Redditi. L’articolo 105 del TUIR, che disciplina gli “Accantonamenti di…

Continua a leggere...

Comunicazione dei beni ai soci: ultimi chiarimenti

Nel Videoforum di Italia Oggi, e con una serie di , l’Agenzia delle Entrate ha fornito una serie di ultime precisazioni, rispondendo a specifici quesiti, in merito alla Comunicazione dei beni ai soci e dei finanziamenti, il cui termine di presentazione, relativamente al periodo 2012, scade il prossimo 31 gennaio 2014 (o meglio scade il…

Continua a leggere...

Ammortamento dei diritto di superficie capitalizzato

In un precedente intervento abbiamo analizzato quanto affermato, in maniera non condivisibile, da parte dell’Agenzia delle entrate con la circolare n. 36/E/2013 in tema di corretto trattamento della cessione del diritto di superficie da parte del soggetto alienante. In questo intervento ci occuperemo di come il soggetto acquirente debba trattare contabilmente e fiscalmente il costo…

Continua a leggere...

Legge Stabilità 2014: trasformazione delle imposte anticipate in crediti tributari

L’art. 2, commi da 55 a 58, del DL 225/2010, modificato successivamente dall’art. 9 DL 201/2011, ha introdotto la possibilità, a determinate condizioni, di trasformare in credito di imposta le attività per imposte anticipate Ires (Deferred Tax Asset –DTA) iscritte in bilancio. Tale norma è stata oggetto di revisione ad opera della legge di Stabilità…

Continua a leggere...