PATRIMONIO E TRUST

Professionisti e trust: cosa possiamo fare per i nostri Clienti

Nell’editoriale di lunedì abbiamo evidenziato come, almeno secondo la nostra valutazione, il trust possa rappresentare un’interessante opportunità professionale per la nostra categoria (e non soltanto appannaggio di avvocati e notai). Qualcuno dei Colleghi ci ha scritto dicendo che sono anche loro “stufi” di gestire contabilità e adempimenti fiscali, ma di quello “vivono”, avendo un “piccolo”…

Continua a leggere...

CTR Napoli: la disposizione di beni immobili in Trust sconta le imposte ipo-catastali in misura proporzionale

La Commissione Tributaria Regionale di Napoli con sentenza n.367/9/13 del 4 dicembre 2013 esamina l’interessante questione relativa al pagamento delle imposte ipotecarie e catastali nell’atto di dotazione iniziale di un patrimonio immobiliare in Trust. La CTR, in contrasto con la prevalente giurisprudenza sul tema, afferma che le imposte ipo-catastali sono dovute nella misura dell’1% e…

Continua a leggere...

Gli errori da non fare nell’atto istitutivo di un trust

Una sentenza del Tribunale di Trieste dello scorso 22 gennaio ci consente di evidenziare alcuni degli errori da non fare nella redazione dell’atto istitutivo di un trust. In sede di reclamo tavolare, il Tribunale ha dichiarato non riconoscibile un trust interno sottoposto alla legge di Jersey che, nella sostanza, considera la segregazione del patrimonio al…

Continua a leggere...

Donazioni estere a fiscalità incerta

Il regime fiscale di una donazione effettuata all’estero appare tutt’altro che pacifico e lineare. Va innanzitutto premesso come la disciplina relativa all’imposta di donazione debba essere attentamente valutata alla luce del criterio di territorialità. Infatti, l’art. 2 del D.lgs. 346/1990 delimita territorialmente la pretesa impositiva italiana in base alla residenza del donante alla data della…

Continua a leggere...

I presupposti per l’opponibilità ai terzi del fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale è opponibile ai terzi solo con l’annotazione dell’atto costitutivo a margine dell’atto di matrimonio: lo ribadisce la Corte di Cassazione con la recentissima sentenza n. 27854 del 12/12/2013. Nella vicenda in commento, due coppie di coniugi avevano costituito fondi patrimoniali nei quali avevano fatto confluire beni immobili; i suddetti fondi patrimoniali erano…

Continua a leggere...

La regalia mediante bonifico: profili fiscali

E’ frequente, soprattutto in ambito familiare, che un soggetto attribuisca, con un atto non formalizzato, delle somme ad un altro soggetto. Come evidenziato nello studio del Notariato n. 135/2011, ci si riferisce al trasferimento informale di somme, privo di matrice solutoria o di finanziamento, che avviene tutte le volte che viene trasferito denaro (in contanti…

Continua a leggere...

E’ legittimo il sequestro conservativo di beni conferiti in un trust fittizio

In tema di sequestro conservativo, nel concetto di beni mobili ed immobili dell’imputato contenuto nell’articolo 316 Cod.Proc.Pen. non rileva la loro formale intestazione, ma che l’imputato ne abbia la disponibilità “uti dominus”, indipendentemente dalla titolarità apparente del diritto in capo a terzi. Tale principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n….

Continua a leggere...

La Cassazione torna ad esprimersi su azione revocatoria e fondo patrimoniale

Con la recentissima sentenza n. 27117 del 04/12/2013 della sezione I, la Corte di Cassazione ha ribadito alcuni principi già affermati in materia di fondo patrimoniale. Nella vicenda in esame, due istituti di credito avevano proposto un’azione revocatoria ex articolo 2901 Cod.Civ. avverso un atto di costituzione d fondo patrimoniale nel quale il conferente aveva…

Continua a leggere...

Scissione e disposizione in trust di quote: è elusiva?

Una questione di particolare interesse attiene all’eventuale profilo di elusività della disposizione in trust di quote societarie generate a seguito di scissione societaria. Ovviamente, è importante valutare se vi siano diverse considerazioni da fare a seconda che le partecipazioni disposte in trust siano relative alla società immobiliare o a quella operativa. Sul punto appare opportuno…

Continua a leggere...

Il trust antimafia

Il “trust antimafia” è uno strumento nato dalla prassi per preservare le realtà imprenditoriali dalle conseguenze derivanti dall’emissione dell’informativa prefettizia di tipo interdittivo, utilizzato per sottrarre il patrimonio societario dalla sfera di proprietà dei soggetti sospettati; per assolvere il suo scopo, è tuttavia necessario che non mantenga alcun legame con la precedente compagine sociale. Con…

Continua a leggere...