IVA

Regime Iva dei beni venduti nell’ambito delle fiere mercato in altri Paesi Ue

In un precedente intervento è stato esaminato il regime IVA dei beni venduti da imprese di altri Paesi membri nell’ambito di fiere mercato ed esposizioni tenute in Italia (si veda “Regime IVA dei beni venduti da imprese UE nell’ambito delle fiere mercato in Italia”, pubblicato il 14 aprile 2014). Le stesse considerazioni dovrebbero applicarsi, in…

Continua a leggere...

Indebita applicazione del reverse charge per operazioni escluse dal relativo ambito

Considerata la complessità della normativa sul reverse charge può accadere che le parti considerino soggette a tale regime delle operazioni che invece esulano dal relativo ambito applicativo. Ci si chiede allora quale siano le conseguenze in caso di accertamento di una indebita applicazione dell’inversione contabile. Per esemplificare si pensi ai due ambiti degli appalti in…

Continua a leggere...

Il leasing nautico alleggerisce l’IVA nell’acquisto di imbarcazioni

Sarà capitato a tutti di sentire il termine “leasing nautico”, ma forse non tutti ne conoscono le caratteristiche: nei fatti si tratta di un contratto di locazione finanziaria che sconta una limitata imponibilità IVA per (parziale) difetto di territorialità dell’operazione. Vediamone più nel dettaglio le caratteristiche, ricordando che la modifica ai principi di individuazione della…

Continua a leggere...

Regime Iva dei beni venduti da imprese UE nell’ambito delle fiere mercato in Italia

I beni movimentati dagli operatori comunitari in occasione di fiere mercato ed esposizioni tenute in Italia non rientrano nella disciplina degli scambi intracomunitari di cui al D.L. n. 331/1993, caratterizzati dalla tassazione nel Paese di destinazione (nella specie, in Italia). L’art. 38, comma 5, lett. a), del D.L. n. 331/1993 dispone, infatti, che non costituisce…

Continua a leggere...

Il rappresentante fiscale può avvalersi del plafond per non pagare l’Iva sugli acquisti

  Ci sono imprese extra-UE che fanno uso di “magazzini centrali” situati in uno o più Paesi membri nei quali vengono introdotti i beni acquistati per essere successivamente rivenduti sui mercati europeo e/o mondiale. Ipotizzando che uno di questi magazzini si trovi in Italia e che in esso siano stoccati i beni acquistati da fornitori…

Continua a leggere...

Da oggi, l’Iva all’importazione sui beni trasferiti in altri Paesi Ue è sospesa anche senza prestare garanzia

Nella nota dell’Agenzia delle Dogane 1° aprile 2014, prot. n. 3540, si afferma che da oggi, 8 aprile 2014, non deve essere più prestata la garanzia per non pagare l’IVA sui beni immessi in libera pratica in Italia con contestuale o successiva destinazione verso un altro Stato membro dell’Unione europea. L’esonero si giustifica in considerazione:…

Continua a leggere...

Modalità di gestione della merce all’estero tramite deposito

Ci sono imprese che vendono in Paesi extra-UE previo acquisto dei beni da un fornitore nazionale e che intenderebbero operare direttamente dall’estero, attraverso un deposito nel quale la merce – non ancora venduta – viene immagazzinata in modo da soddisfare al meglio e con maggiore tempestività le esigenze di approvvigionamento dei clienti. Rispetto allo schema…

Continua a leggere...

Rilevanza Iva delle somme dovute a titolo di indennizzo

Vi sono diversi casi in cui non è facile stabilire se le somme dovute a titolo di indennizzo nell’ambito di un rapporto contrattuale siano o meno da assoggettare ad IVA. Di norma, la questione va risolta ricercando la reale volontà delle parti e verificando la sussistenza o meno del presupposto oggettivo di applicazione del tributo….

Continua a leggere...

Trasporti di beni “estero su estero” con Iva

  In un precedente intervento è stato esaminato il trattamento applicabile, ai fini IVA, alle prestazioni di trasporto di beni esportati al di fuori dell’Unione europea (si veda “Trasporti di beni in esportazione con doppio vettore in regime di non imponibilità Iva”, pubblicato il 7 marzo 2014). L’art. 9, comma 1, n. 2), del D.P.R….

Continua a leggere...

Riaddebito dei costi con Iva variabile a seconda della territorilità

Nell’ambito dei rapporti con l’estero può accadere che il soggetto “A”, stabilito in Italia, acquisti un determinato servizio da “B”, stabilito in un altro Paese UE, per conto di “C”, anch’esso stabilito in Italia, il quale provvede a rimborsare le spese sostenute da “A”. Per individuare il regime IVA del riaddebito occorre stabilire, in via…

Continua a leggere...