IVA

Il servizio di vigilanza su navi destinate a traffici internazionali è non imponibile

Con la risoluzione 79/E del 1 agosto 2014 l’agenzia ha fornito un’importante chiarimento sul trattamento di non imponibilità Iva per i servizi di vigilanza armata su navi mercantili in transito negli spazi marittimi internazionali a rischio pirateria. In particolare la società istante, svolgendo servizi di protezione a tutela delle navi mercantili, nonché delle merci e…

Continua a leggere...

Obblighi Iva per gli acquisti di beni da San Marino

In un precedente intervento (Obblighi IVA delle cessioni di beni verso San Marino) è stata esaminata la disciplina IVA delle cessioni di beni verso operatori sammarinesi. A completamento dell’analisi del regime IVA dei rapporti di scambio con la Repubblica di San Marino, si forniscono ora alcune indicazioni sugli adempimenti connessi agli acquisti di beni provenienti…

Continua a leggere...

Le nuove regole Iva in materia di editoria

L’Agenzia delle Entrate, con la corposa Circolare 23/E del 24 luglio 2014, ha fornito chiarimenti sul trattamento Iva per le vendite di prodotti editoriali effettuate dal 1.01.2014, alla luce delle novità introdotte dal D.L. n. 63/2013. In particolare vi sono alcune modifiche al regime semplificato, c.d. “monofase”, di imposizione e riscossione dell’Iva per il commercio,…

Continua a leggere...

Obblighi Iva delle cessioni di beni verso San Marino

Ai fini IVA, i rapporti di scambio tra la Repubblica italiana e la Repubblica di San Marino sono disciplinati dal D.M. 24 dicembre 1993, entrato in vigore il 1° gennaio 1994 a seguito della realizzazione del mercato unico comunitario e dell’accordo sull’unione doganale e sulla cooperazione tra la Comunità europea e la Repubblica di San…

Continua a leggere...

Importazione di beni oggetto di più vendite successive

Nelle operazioni con l’estero può verificarsi l’ipotesi in cui l’impresa provvede all’importazione in Italia di merce di provenienza extracomunitaria, a sua volta acquistata da un’impresa con sede in altro Stato membro dell’Unione europea. L’art. 218 del Reg. CEE n. 2454/1993 dispone che alla dichiarazione in dogana per l’immissione in libera pratica (modello DAU-IMP) occorre allegare…

Continua a leggere...

Il trasferimento di beni in “tentata vendita” in altri Paesi comunitari

In un precedente intervento è stata esaminato il regime IVA dei beni introdotti in Italia in “tentata vendita” da parte di operatori economici di altri Paesi UE, mettendo in luce che – secondo la R.M. 10 marzo 2000, n. 30/E, il trasferimento in Italia di beni per “tentata vendita”: è sottratto alla disciplina degli acquisti…

Continua a leggere...

La rettifica della detrazione Iva per cambio di destinazione

Una delle problematiche più insidiose nel mondo Iva è rappresentato indubbiamente dalla rettifica della detrazione. Il diritto alla detrazione Iva, disciplinato dall’art. 19 del D.P.R. 633/1972, relativo agli acquisti di beni o servizi effettuati nell’esercizio di impresa o di arti e professioni, è un diritto che sorge fin dal momento dell’acquisizione dei beni e dei…

Continua a leggere...

La “tentata vendita” in Italia da parte di soggetti Iva di altri Paesi Ue

Le operazioni di “tentata vendita” realizzate in Italia da parte di soggetti passivi IVA comunitari presentano alcune specificità che è opportuno conoscere ai fini della corretta individuazione degli obblighi impositivi. L’art. 17, par. 1, della Direttiva n. 2006/112/CE considera “assimilato” ad una cessione di beni effettuata a titolo oneroso “il trasferimento da parte di un…

Continua a leggere...

Ai fini Iva per le lavorazioni intracomunitarie conta la destinazione dei beni lavorati

Nell’ambito delle lavorazioni intracomunitarie di beni può accadere che l’ordine di vendita sia anteriore o successivo al trasferimento dei beni nel Paese del terzista. Ipotizziamo che un’impresa francese incarichi il terzista italiano di lavorare i beni inviati in Italia dalla Francia. Stando al tenore letterale dell’art.38, comma 5, lett. a), del D.L. n. 331/1993, non…

Continua a leggere...

Il regime Iva delle cessioni di beni allo “Stato estero” alla prova della territorialità

Per i beni di provenienza extracomunitaria, vincolati ad un regime doganale sospensivo, si pongono alcune problematiche riguardo al trattamento applicabile, ai fini IVA, in caso di vendita. Il caso che s’intende esaminare è quello del deposito doganale, che costituisce un regime sospensivo in quanto consente, a fronte di apposita autorizzazione da parte dell’Autorità doganale, di…

Continua a leggere...