IVA

Esportatore abituale: plafond fisso o mobile?

Per evitare di penalizzare dal punto di vista finanziario i contribuenti che effettuano esportazioni e cessioni intracomunitarie con una certa incidenza rispetto al volume d’affari, evitando il formarsi di un eccessivo credito IVA, il legislatore ha previsto per tali soggetti la facoltà di acquistare beni e/o servizi (con esclusione di fabbricati e aree fabbricabili e…

Continua a leggere...

Apparizioni e sparizioni dei crediti Iva

Credo si possa affermare che sia cosa rara che un collega non abbia mai avuto problemi con qualche pratica di disconoscimento del credito IVA a riporto, per omessa presentazione della dichiarazione annuale. Ci si dibatteva in un dilemma che vedeva contrapporsi, da un lato, l’esistenza del credito (aspetto sostanziale) e, dall’altro, la mancanza del “veicolo”…

Continua a leggere...

L’iva su royalties e diritti di licenza per i beni importati

Come evidenziato in un precedente intervento (Il valore in dogana delle royalties e dei diritti di licenza), il Codice doganale comunitario stabilisce che, ai fini della determinazione del valore in dogana dei beni oggetto di importazione, al prezzo effettivamente pagato o da pagare occorre addizionare: ove non già compresi nel prezzo di acquisto; i corrispettivi…

Continua a leggere...

Utilizzo in eccesso del plafond Iva: quali rimedi?

I contribuenti che, a seguito della verifica dello status di esportatore abituale effettuata sulle operazioni realizzate nel 2013, si sono avvalsi nel corso del 2014 della facoltà di acquistare beni e/o servizi (ricordiamo con esclusione di fabbricati e aree fabbricabili e di beni/servizi con Iva indetraibile) senza applicazione dell’imposta, possono trovarsi, soprattutto dopo mesi di…

Continua a leggere...

L’Iva su royalties e diritti di licenza per i beni importati

Come evidenziato in un precedente intervento (Il valore in dogana delle royalties e dei diritti di licenza), il Codice doganale comunitario stabilisce che, ai fini della determinazione del valore in dogana dei beni oggetto di importazione, al prezzo effettivamente pagato o da pagare occorre addizionare: ove non già compresi nel prezzo di acquisto; i corrispettivi…

Continua a leggere...

Gli effetti dell’omessa tenuta del registro dei movimenti intracomunitari di beni “senza vendita”

L’art. 17, par. 1, della Direttiva n. 2006/112/CE considera “assimilato” ad una cessione di beni effettuata a titolo oneroso “il trasferimento da parte di un soggetto passivo di un bene della sua impresa a destinazione di un altro Stato membro”. In particolare, costituisce “trasferimento a destinazione di un altro Stato membro” “qualsiasi spedizione o trasporto…

Continua a leggere...

Il valore in dogana delle royalties e dei diritti di licenza

Il valore in dogana delle merci è dettato dagli artt. da 28 a 36 del Reg. CEE n. 2913/1992 (Codice doganale comunitario) e dagli artt. da 141 a 181-bis del Reg. CEE n. 2454/1993, contenente le disposizioni di applicazione del Codice doganale comunitario. È dato, infatti, osservare che gli artt. da 69 a 76 del…

Continua a leggere...

Paypal semplifica i pagamenti (ma non gli adempimenti fiscali)

PayPal è uno dei sistemi di pagamento più usati su internet perché consente di acquistare beni, inviare e ricevere pagamenti in assoluta sicurezza, senza dover rivelare il numero della propria carta di credito o le coordinate del proprio conto corrente bancario. Il sistema è utilizzato diffusamente da tempo da parte dei soggetto privati, che, attraverso…

Continua a leggere...

Il servizio di vigilanza su navi destinate a traffici internazionali è non imponibile

Con la risoluzione 79/E del 1 agosto 2014 l’agenzia ha fornito un’importante chiarimento sul trattamento di non imponibilità Iva per i servizi di vigilanza armata su navi mercantili in transito negli spazi marittimi internazionali a rischio pirateria. In particolare la società istante, svolgendo servizi di protezione a tutela delle navi mercantili, nonché delle merci e…

Continua a leggere...

Le nuove regole Iva in materia di editoria

L’Agenzia delle Entrate, con la corposa Circolare 23/E del 24 luglio 2014, ha fornito chiarimenti sul trattamento Iva per le vendite di prodotti editoriali effettuate dal 1.01.2014, alla luce delle novità introdotte dal D.L. n. 63/2013. In particolare vi sono alcune modifiche al regime semplificato, c.d. “monofase”, di imposizione e riscossione dell’Iva per il commercio,…

Continua a leggere...