IVA

La circolare 1/E fornisce i primi chiarimenti sullo split payment

Ieri l’Agenzia delle Entrate ha rilasciato la prima circolare dell’anno dedicata a uno dei temi “caldi” del momento, ossia l’applicazione della nuova disciplina del meccanismo della scissione dei pagamenti, meglio noto come split payment. Va detto che lo stesso oggetto della circolare utilizza la locuzione “primi chiarimenti” a testimoniare il fatto che le indicazioni fornite…

Continua a leggere...

L’IVA nel Paese di destinazione per le “vendite a distanza”

La normativa in materia di IVA prevede un regime particolare per le vendite in base a cataloghi, per corrispondenza e simili, ove effettuate nell’ambito dell’Unione europea nei confronti di “privati consumatori”. Come regola generale, è infatti prevista la tassazione nel Paese membro di destinazione, purché le vendite effettuate nel singolo Paese siano superiori ad una…

Continua a leggere...

Stabile organizzazione e prestazioni di servizi

L’art. 192-bis della Direttiva n. 2006/112/CE, stabilisce che “un soggetto passivo che dispone di una stabile organizzazione nel territorio di uno Stato membro in cui è debitore di imposta si considera soggetto passivo non stabilito nel territorio di tale Stato membro qualora siano soddisfatte le seguenti condizioni: a) egli effettua in tale paese una cessione…

Continua a leggere...

Tra pochi giorni a regime le nuove regole per gli esportatori abituali

Ancora pochi giorni e il regime degli acquisti degli esportatori abituali, così come lo conoscevamo prima delle modifiche apportate dal decreto semplificazioni, andrà definitivamente in soffitta. Termina infatti il prossimo mercoledì 11 febbraio il regime transitorio previsto dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 12 dicembre 2014. Il decreto semplificazioni prevedeva che le nuove…

Continua a leggere...

Cessioni di pallet in reverse charge

A decorrere dallo scorso 1° gennaio, le cessioni di bancali in legno usati effettuate da imprese nei confronti di altro soggetto passivo devono essere fatturate con applicazione del meccanismo dell’inversione contabile, senza quindi che il cedente addebiti l’Iva in fattura e con l’indicazione nel documento dell’annotazione “inversione contabile”. Il comma 629 dell’art. 1 della Legge…

Continua a leggere...

Cash accounting: comportamento concludente per permanere nel regime

Il regime che prevede la liquidazione dell’Iva secondo la contabilità di cassa, il cosiddetto “cash accounting” richiamato dall’art.167-bis della Direttiva n. 2006/112/CE, è stato introdotto nel nostro Paese dall’art.32-bis del D.L. n. 83/2012 con decorrenza 01.12.2012, in sostituzione del precedente regime di Iva per cassa previsto dall’art. 7 del D.L. n. 185/2008. Tale disciplina è…

Continua a leggere...

Lo split payment “entra” in farmacia

Come è noto, la Legge di Stabilità 2015 (L. n. 190/2014) ha introdotto un nuovo metodo di versamento dell’Iva, il c.d. “split-payment”, per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti di Enti pubblici che “non sono debitori di imposta” ai sensi delle disposizioni in materia di Iva. Come noto, il nuovo…

Continua a leggere...

Iva nel Paese UE di destinazione per i mezzi di trasporto “nuovi”

Per i mezzi di trasporto “nuovi” oggetto di scambio intracomunitario è prevista una disciplina Iva specifica per i soggetti non operanti nell’esercizio d’impresa, arte o professione, compresi i “privati consumatori” e gli enti, associazioni ed altre organizzazioni, non soggetti passivi Iva. La nozione di “mezzo di trasporto”, ai fini delle operazioni intracomunitarie, è dettata dall’art….

Continua a leggere...

Inversione contabile e concetto di edifici

Abbiamo già cominciato il mese di febbraio e non è ancora giunto alcun chiarimento in merito alle nuove regole da seguire per l’applicazione delle regole sulla inversione contabile di cui all’art. 17, comma 6, lettera a- ter) del D.P.R. n. 633/1972. Come noto, si tratta delle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione…

Continua a leggere...

Operazioni triangolari e plafond di esportatore abituale

Nella pratica commerciale, le imprese nazionali utilizzano di sovente lo schema delle operazioni triangolari, sia finalizzate all’effettuazione di esportazioni non imponibili ai sensi dell’art. 8, lett. a), del D.P.R. n.633/72, sia per l’effettuazione di cessioni intracomunitarie non imponibili di cui all’art. 42 del D.L. n.331/93, La caratteristica di tali operazioni risiede nella circostanza che il…

Continua a leggere...