IVA

Caparre e acconti nel settore immobiliare

Sovente, nell’ambito delle operazioni relative alla cessione di beni immobili, le parti stipulano accordi preliminari in cui si impegnano a formalizzare il successivo accordo definitivo di trasferimento della proprietà del bene. In tale contesto, la parte promissaria acquirente, al fine di garantire il proprio impegno, versa alla parte promissaria venditrice una somma di denaro, la…

Continua a leggere...

Regime IVA speciale per i pacchetti turistici

Le agenzie di viaggio e turismo, nonché i tour operators, applicano il regime Iva speciale previsto dall’art. 74-ter del D.P.R. n. 633/1972 quando vendono “pacchetti turistici” ad un prezzo forfetario. In pratica, attraverso il procedimento di detrazione “base da base”, il corrispettivo dovuto all’agenzia è diminuito dei costi sostenuti per le cessioni di beni e…

Continua a leggere...

Fattura elettronica: il Ministero elenca le P.A. obbligate dal 31 marzo

Individuati i soggetti per i quali dal 31 marzo 2015 scatta l’obbligo di passaggio definitivo alla fatturazione elettronica: ultimo step del più ampio programma di digitalizzazione delle Amministrazioni pubbliche sancito dalla Finanziaria 2008 ed iniziato ufficialmente il 6 dicembre 2013. La Circolare del Dipartimento delle Finanze n. 1/DF del 9 marzo 2015 ripercorre le classi…

Continua a leggere...

Reverse charge Iva nella cessione di immobili

L’art. 17, comma 1, del D.P.R. n. 633/1972, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi commi 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando…

Continua a leggere...

Gli infissi limitano l’aliquota al 10%

Nell’ambito di lavori di manutenzione, la fornitura di infissi rileva come fornitura di beni significativi, con la conseguenza che l’aliquota del 10 per cento è applicabile solo fino a concorrenza del valore della prestazione lavorativa considerato al netto del valore, risultante dal contratto, degli infissi stessi. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione…

Continua a leggere...

Regime IVA delle cessioni intra-UE con riserva di gradimento

In via generale, l’effetto traslativo della proprietà avviene nel momento in cui le controparti manifestano il reciproco consenso. Questa regola, che caratterizza le vendite ad effetti immediati, è derogata nelle vendite ad effetti differiti, che ricorrono quando il trasferimento della proprietà è differito al verificarsi di un determinato evento. Talvolta, il rinvio dell’effetto traslativo della…

Continua a leggere...

Reverse charge Iva e qualificazione del contratto

La recente introduzione della nuova fattispecie di reverse charge Iva nelle prestazioni di servizi di pulizia, demolizione, installazione di impianti e di completamento relative ad edifici, di cui all’art. 17, comma 6, lett. a-ter), del D.P.R. n.633/1972, efficace dal 1° gennaio 2015 (Legge n. 190/2014) ha riportato alla ribalta l’importante distinzione tra cessione con posa…

Continua a leggere...

Ma come si detrae l’imposta sul valore aggiunto?

La discussione in merito alla spettanza del diritto alla detrazione Iva viaggia in ogni direzione. A fianco del dibattito, assai interessante, relativo alle “asimmetrie” tra diritto alla deduzione dei costi, agli effetti delle imposte dirette, e diritto alla detrazione, agli effetti dell’imposta sul valore aggiunto, con posizione più “morbida” ai fini di quest’ultima imposta, come…

Continua a leggere...

Salvaguardia della detrazione: separazione tra gestione e compravendita

La compilazione della dichiarazione Iva, oltre che adempimento periodico, è spesso sede per ragionare (e ripensare) su alcune situazioni che frequentemente vengono trascurate in corso d’anno; tra queste vi è la gestione degli immobili sotto il profilo Iva. La compravendita e la locazione di immobili è attività ordinariamente esente (anche se può essere talvolta superata…

Continua a leggere...

Status di esportatore abituale e compilazione rigo VE30

La verifica dello status di esportatore abituale avviene confrontando l’importo delle operazioni non imponibili indicate nel rigo VE30 del modello Iva 2015 con il totale del volume d’affari di cui allo stesso quadro VE, quest’ultimo nettizzato delle operazioni fuori campo Iva con obbligo di fatturazione, il cui importo deve essere inserito nel rigo VE34. In…

Continua a leggere...