IVA

Lo split payment “entra” in farmacia

Come è noto, la Legge di Stabilità 2015 (L. n. 190/2014) ha introdotto un nuovo metodo di versamento dell’Iva, il c.d. “split-payment”, per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti di Enti pubblici che “non sono debitori di imposta” ai sensi delle disposizioni in materia di Iva. Come noto, il nuovo…

Continua a leggere...

Iva nel Paese UE di destinazione per i mezzi di trasporto “nuovi”

Per i mezzi di trasporto “nuovi” oggetto di scambio intracomunitario è prevista una disciplina Iva specifica per i soggetti non operanti nell’esercizio d’impresa, arte o professione, compresi i “privati consumatori” e gli enti, associazioni ed altre organizzazioni, non soggetti passivi Iva. La nozione di “mezzo di trasporto”, ai fini delle operazioni intracomunitarie, è dettata dall’art….

Continua a leggere...

Inversione contabile e concetto di edifici

Abbiamo già cominciato il mese di febbraio e non è ancora giunto alcun chiarimento in merito alle nuove regole da seguire per l’applicazione delle regole sulla inversione contabile di cui all’art. 17, comma 6, lettera a- ter) del D.P.R. n. 633/1972. Come noto, si tratta delle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione…

Continua a leggere...

Operazioni triangolari e plafond di esportatore abituale

Nella pratica commerciale, le imprese nazionali utilizzano di sovente lo schema delle operazioni triangolari, sia finalizzate all’effettuazione di esportazioni non imponibili ai sensi dell’art. 8, lett. a), del D.P.R. n.633/72, sia per l’effettuazione di cessioni intracomunitarie non imponibili di cui all’art. 42 del D.L. n.331/93, La caratteristica di tali operazioni risiede nella circostanza che il…

Continua a leggere...

Il trattamento IVA dei voucher

Risulta sempre più diffusa la prassi commerciale di prevedere la possibilità di emissione di buoni acquisto, usualmente denominati voucher; si tratta di titoli non nominativi che danno diritto al possessore di effettuare il pagamento per l’acquisto di un bene o la fruizione di un servizio. In sostanza, potremmo assimilarli forzatamente a “carte prepagate” che possono…

Continua a leggere...

L’opzione per l’IVA di gruppo in scadenza

Il prossimo 16.02.2015 scade il termine per esercitare l’opzione per l’Iva di gruppo che si perfeziona presentando, in via telematica, il modello IVA 26. Il modello di “Dichiarazione di adesione al regime previsto per le società controllanti e controllate e Comunicazione delle variazioni” deve essere presentato dagli enti o società controllanti che si vogliono avvalere,…

Continua a leggere...

Rappresentanza indiretta e responsabilità dell’IVA all’importazione

In base all’art. 5 del Reg. CEE n. 2913/1992 (Codice doganale comunitario), chiunque può farsi rappresentare presso l’Autorità doganale per l’espletamento di atti e formalità previsti dalla normativa doganale. Analogamente a quanto previsto dal Codice Civile, la rappresentanza può essere: diretta, quando il rappresentante agisce in nome e per conto di terzi, oppure indiretta, quando…

Continua a leggere...

L’obbligo di fatturazione nel commercio elettronico

Nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-03615 del 24.09.2014, l’Agenzia delle entrate ha ribadito che le operazioni di commercio elettronico “diretto” (cd. “servizi di e-commerce”), ove territorialmente rilevanti ai fini Iva in Italia, sono soggette all’obbligo di fatturazione, nei termini di cui all’art. 6, comma 3, del D.P.R. n. 633/1972, ossia avuto riguardo al momento del…

Continua a leggere...

Gli obblighi di dichiarazione e di versamento dell’IVA nel regime MOSS

In un precedente intervento (si veda “La registrazione al MOSS per i servizi digitali”) sono state illustrate le modalità di registrazione al MOSS (Mini One Stop Shop). Il MOSS rappresenta l’estensione del sistema V@T on e-services, applicabile fino al 31.12.2014 per i servizi di e-commerce resi da fornitori extracomunitari nei confronti di “privati consumatori” comunitari….

Continua a leggere...

Le cessioni di beni a titolo di omaggio

L’articolo 2 del D.P.R. n. 633/1972 esclude dalla categoria delle cessioni di beni, le cessioni gratuite di beni: la cui produzione o il cui commercio non rientra nell’attività propria dell’impresa se di costo unitario non superiore a 50,00; per i quali non sia stata operata, all’atto dell’acquisto o della importazione, la detrazione dell’imposta a norma…

Continua a leggere...