IVA

Attività preparatoria e detrazione dell’Iva

La Cassazione torna ancora sulla tematica della detraibilità dell’IVA assolta sugli acquisti c.d. preparatori all’attività, vale a dire quelli sostenuti in periodi in cui non si sono prodotti ricavi; il tema è al centro della sentenza 6664 depositata lo scorso 21 marzo 2014. Un contribuente apriva in data 5 maggio 1997 una partita IVA per…

Continua a leggere...

Le esportazioni a partire da un altro Paese Ue non possono essere fatturate dal cedente italiano

Nella prassi commerciale accade sovente che i beni oggetto di cessione da parte dell’impresa italiana si trovino, nel momento della vendita, in un altro Paese membro dell’Unione europea, per esempio perché acquistati per essere rivenduti nell’ambito di una triangolazione. Ipotizzando che la cessione sia posta in essere nei confronti di un cliente extracomunitario, con trasporto/spedizione…

Continua a leggere...

La non imponibilità Iva per i servizi internazionali è oggettiva o presuppone la verifica della territorialità?

Le operazioni che il D.P.R. n. 633/1972 definisce come non imponibili IVA sono quelle previste dagli artt. 8, 8-bis e 9, riguardanti: le cessioni all’esportazione (art. 8); le operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione (art. 8-bis); i servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali (art. 9). Secondo la Direttiva n. 2006/112/CE, si tratta di operazioni esenti…

Continua a leggere...

Aliquota Iva del 10% per il contributo a fondo perduto per la realizzazione delle opere di urbanizzazione

Il caso che s’intende esaminare è quello della realizzazione, mediante contratto d’appalto, di un impianto di smaltimento rifiuti, con specifico riguardo all’aliquota IVA applicabile sia alla prestazione d’appalto, sia al contributo a fondo perduto erogato per finanziare il relativo costo. In base al n. 127-quinquies) della Tabella A, Parte III, allegata al D.P.R. n. 633/1972,…

Continua a leggere...

Cessioni non intracomunitarie

  L’art. 41 D.L. 331/1993 disciplina le cessioni intracomunitarie e prevede, quale regola generale, il soddisfacimento di alcune condizioni al fine di poter beneficiare del regime di non imponibilità. In particolare, è necessario che la cessione avvenga tra due soggetta iva, sia a titolo oneroso, sia presente l’acquisizione o il trasferimento di un diritto di…

Continua a leggere...

Spese di trasporto addebitate al cliente estero separatamente dalla fattura di vendita

Nelle cessioni di beni all’estero può accadere che l’operatore nazionale, nel momento della vendita, non sia ancora in possesso della fattura del vettore al quale è stato affidato l’incarico di trasportare la merce al cliente non residente. In questa, come in altre situazioni in cui l’addebito delle spese di trasporto al proprio cliente avvenga separatamente…

Continua a leggere...

Per le esportazioni “franco fabbrica” il termine di 90 giorni non è perentorio

  Con la circolare Assonime n. 10 del 17 marzo 2014 viene esaminato l’orientamento espresso dalla Corte di giustizia nella causa C-563/12 del 19 dicembre 2013, riguardante la rilevanza da attribuire ad una previsione che, al pari di quella contenuta nell’art. 8, comma 1, lett. b), del D.P.R. n. 633/1972, subordini il regime di non…

Continua a leggere...

Gestione incrociata tra credito IVA annuale e trimestrale

Continuando l’analisi proposta in un precedente contributo (Finanziarsi con l’IVA con il rimborso trimestrale), pare interessante mettere a confronto le differenze e le correlazioni tra l’utilizzo del credito trimestrale con quello scaturente dalla dichiarazione annuale. Le due soluzioni non sono infatti perfettamente sostituibili e una oculata gestione permette, oltre che di evitare errori, anche di…

Continua a leggere...

Il reso costituisce una “retrovendita”?

Il trattamento IVA dei resi dipende essenzialmente dal motivo per il quale i beni, già oggetto di fatturazione, siano successivamente restituiti al cedente. Si tratta, più nello specifico, di stabilire se al reso sia applicabile la procedura di variazione in diminuzione dell’imponibile e dell’imposta di cui all’art. 26, commi 2 e 3, del D.P.R. n….

Continua a leggere...

La cessione gratuita di clientela non dà luogo a detrazione non essendo un’attività rilevante ai fini Iva

  La Corte di giustizia, con la sentenza relativa alla causa C-204/13 del 13 marzo 2014, ha dovuto stabilire se sia detraibile l’IVA versata dal socio di una società di consulenza fiscale per l’acquisizione di una parte della clientela poi ceduta a titolo gratuito ad una nuova società. In base alla descrizione dei fatti, il…

Continua a leggere...