IVA

L’obbligo di fatturazione nel commercio elettronico

Nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-03615 del 24.09.2014, l’Agenzia delle entrate ha ribadito che le operazioni di commercio elettronico “diretto” (cd. “servizi di e-commerce”), ove territorialmente rilevanti ai fini Iva in Italia, sono soggette all’obbligo di fatturazione, nei termini di cui all’art. 6, comma 3, del D.P.R. n. 633/1972, ossia avuto riguardo al momento del…

Continua a leggere...

Gli obblighi di dichiarazione e di versamento dell’IVA nel regime MOSS

In un precedente intervento (si veda “La registrazione al MOSS per i servizi digitali”) sono state illustrate le modalità di registrazione al MOSS (Mini One Stop Shop). Il MOSS rappresenta l’estensione del sistema V@T on e-services, applicabile fino al 31.12.2014 per i servizi di e-commerce resi da fornitori extracomunitari nei confronti di “privati consumatori” comunitari….

Continua a leggere...

Le cessioni di beni a titolo di omaggio

L’articolo 2 del D.P.R. n. 633/1972 esclude dalla categoria delle cessioni di beni, le cessioni gratuite di beni: la cui produzione o il cui commercio non rientra nell’attività propria dell’impresa se di costo unitario non superiore a 50,00; per i quali non sia stata operata, all’atto dell’acquisto o della importazione, la detrazione dell’imposta a norma…

Continua a leggere...

Commercio elettronico indiretto da parte di operatori in franchigia

In un precedente intervento (si veda “La gestione degli acquisti di beni su Internet”) è stato esaminato il regime Iva applicabile ai beni acquistati su Internet presso fornitori non residenti, con successiva consegna attraverso i canali tradizionali (es. posta, corriere, ecc.). Nell’ambito di tale forma di commercio elettronico, cd. “indiretto”, può accadere che l’operatore italiano…

Continua a leggere...

Prestazioni di servizi e modelli Intrastat

Le modifiche introdotte dal D.Lgs. n. 175/2014 (cd. “decreto semplificazioni”) relative alle informazioni da indicare negli elenchi Intrastat non incidono in alcun modo sulle tipologie di prestazioni di servizi per le quali sussiste l’obbligo di indicazione nei modelli Intra. In particolare, l’art. 50, comma 6, del D.L. n. 331/1993, il cui contenuto non ha subito…

Continua a leggere...

L’Iva sui servizi digitali resi dai “minimi” nei rapporti “B2C”

Dal 1° gennaio di quest’anno, le prestazioni di servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione ed elettronici (cd. “TBE services”) rese nei rapporti “B2C”, cioè nei confronti di soggetti che non agiscono come operatori economici, sono assoggettate a Iva nel Paese del committente, in applicazione pertanto dello stesso criterio territoriale previsto, dal 2010, per i rapporti “B2B”. Per…

Continua a leggere...

Split-Payment: intersezioni con il differimento di esigibilità

La Legge di Stabilità 2015, con l’introduzione dell’art. 17-ter al D.P.R. n. 633/1972, ha istituito l’inedito istituto dello split payment, il cui meccanismo di funzionamento, analizzato nel corso della quarta giornata del Master Breve, può essere riassunto come segue: il fornitore emette, nei confronti della Pubblica Amministrazione, una fattura che evidenzia, secondo l’ordinario meccanismo delle…

Continua a leggere...

La registrazione al MOSS per i servizi digitali

Dal 1° gennaio di quest’anno, in coincidenza con il nuovo criterio territoriale applicabile ai servizi elettronici, di telecomunicazione e di teleradiodiffusione resi a privati consumatori comunitari, non più basato sul Paese del fornitore, ma su quello del cliente (art. 58 della Direttiva n. 2006/112/CE, nel testo sostituito dall’art. 5 della Direttiva n. 2008/8/CE), è stata…

Continua a leggere...

La gestione degli acquisti di beni su Internet

In caso di acquisto di beni su Internet da fornitori non residenti, con successiva consegna sotto forma di prodotti materiali (cd. “commercio elettronico indiretto”), il trattamento applicabile ai fini Iva dipende essenzialmente: dallo status del cliente (privato consumatore o soggetto Iva), esplicitato in sede di ordine d’acquisto, e dal luogo di partenza dei beni acquistati,…

Continua a leggere...

Chi applica il reverse charge dal 2015?

A pochi giorni dall’avvio del nuovo anno 2015 gli studi professionali devono affrettarsi a comunicare alla propria clientela che vi sono rilevanti novità nel mondo dell’Iva, con particolare riguardo alle nuove casistiche di applicazione del reverse charge. Ci riferiamo al mondo “dell’edilizia”, con una definizione volutamente generica che andremo a specificare, all’interno della quale ci…

Continua a leggere...