IMU E TRIBUTI LOCALI

Ok al prezzo valore anche se il saldo è differito

La risoluzione 53/E/2014 del 20 maggio scorso ci dà l’occasione di riepilogare gli elementi essenziali della disciplina del prezzo-valore introdotta dal D.L. 223/2006. Il documento di prassi è intervenuto a chiarire in particolare l’aspetto relativo all’applicabilità del criterio del prezzo-valore ai fini dell’imposta di registro e delle ipocatastali nel caso in cui il saldo del…

Continua a leggere...

Acconto TASI: tutti fermi fino a giugno

È il terzo anno consecutivo che il versamento dell’acconto (non che con il saldo le cose sia andate molto meglio…) dei tributi locali sulla casa rende le cose oltremodo complicate: nel 2012 erano state introdotte dal DL 16/12 specifiche modalità di versamento differenziato per l’abitazione principale (versamento facoltativo in 3 rate in luogo delle 2…

Continua a leggere...

Immobili-merce: per l’esenzione IMU attenti all’obbligo di dichiarazione

L’art. 13, comma 9 bis, D.L. n. 201 del 2011, dispone, nella versione così riformata dall’art.2, comma 2, del D.L. 31 agosto 2013, n. 102, convertito, con modificazioni, dalla L. 28 ottobre 2013, n. 124, che “a decorrere dal 1° gennaio 2014 sono esenti dall’imposta municipale propria i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla…

Continua a leggere...

La TASI 2014 debutta con un incremento: ma c’è una strategia?

Il primo provvedimento che interessa la TASI è, tanto per cambiare, un incremento del prelievo: sul tema interviene infatti il DL 16 del 6 marzo 2014, pubblicato sulla G.U. 54 dello stesso giorno. Si tratta di una previsione già elaborata dallo scorso Governo al fine di recuperare risorse al fine di ridurre il prelievo sull’abitazione…

Continua a leggere...

La produzione nel contraddittorio di un contratto di mutuo non è “caso d’uso” ai fini dell’imposta di registro

Con la sentenza n. 54 del 30 gennaio 2014 la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia ha affrontato il caso di una contestazione sollevata dall’Amministrazione Finanziaria riguardo al presunto verificarsi del “caso d’uso” rilevante ai fini dell’applicazione dell’imposta proporzionale di registro su di un contratto di mutuo, non registrato dalle parti al momento della sua…

Continua a leggere...

Ai fini dell’imposta di registro le passività rilevano se sono connesse al bene conferito

L’Ordinanza n. 3444 del 14 febbraio 2014 della Corte di Cassazione ritorna sul tema controverso dei requisiti necessari affinché una passività inclusa nell’ambito di un conferimento di beni possa assumere rilevanza ai fini della determinazione dell’imposta di registro, ovvero possa diminuire la base imponibile dell’imposta d’atto. Il caso oggetto della sentenza in commento riguarda un…

Continua a leggere...

La bozza del modello IMU per gli enti non commerciali

E’ stata resa nota la prima bozza della dichiarazione IMU, con le relative istruzioni, che gli enti non commerciali sono tenuti a presentare per dichiarare le modalità di assoggettamento al tributo municipale degli immobili posseduti. Mentre il modello si presenta abbastanza snello, con tre quadri da compilare, le allegate istruzioni risultano invece abbastanza corpose e…

Continua a leggere...

Le esenzioni che si “salvano” dalla falcidia della nuova disciplina delle indirette

Con la C.M. 2/E/2014 del 21 febbraio 2014 l’Agenzia delle entrate ha fornito, tra le altre, un’interessante e non scontata interpretazione del comma 4 dell’art. 10 del D.Lgs 23/2011 che ha stabilito la soppressione di tutte le esenzioni e agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali, in relazione agli atti di trasferimento immobiliari a…

Continua a leggere...

L’imposta “minima” di registro: i chiarimenti dell’Agenzia

Una delle modifiche apportate dall’articolo 10 del D.Lgs. n. 23/2011 e successive modifiche, riguarda l’introduzione, per gli atti aventi ad oggetto trasferimenti o costituzione di diritti reali immobiliari sui quali si applica l’imposizione proporzionale, di un’imposta minima di registro nella misura di € 1.000. Di conseguenza, possiamo affermare che la “regola” dell’imposta minima, oggetto del…

Continua a leggere...

Sul “prezzo-valore” l’Agenzia si arrende alla Consulta

Con la circolare n. 2/E l’Agenzia delle Entrate analizza in modo approfondito la nuova disciplina della fiscalità indiretta per le compravendite immobiliari entrata in vigore a partire dal 1 gennaio di quest’anno. L’intervento realizzato con il D.Lgs. 23/2011, e poi oggetto di modifiche con il D.L. 104/2013 e da ultimo con la legge di stabilità…

Continua a leggere...