IMPOSTE INDIRETTE

Rimborso dell’imposta di registro per risoluzione anticipata

Nell’ipotesi di risoluzione anticipata del contratto di locazione di durata pluriennale, per il quale sia stata versato l’intero importo relativo all’imposta di registro sul corrispettivo pattuito, il contribuente ha diritto al rimborso della parte dell’imposta relativa alle annualità successive a quella in corso. Così l’articolo 17, comma 3, D.P.R. 131/1986 dispone il diritto al rimborso…

Continua a leggere...

Applicabilità delle agevolazioni “prima casa” con immobile preposseduto

Le agevolazioni “prima casa” si applicano anche nell’ipotesi di possesso di un altro immobile situato nello stesso Comune, purché si rispetti il limite temporale di un anno per l’alienazione e nonostante l’immobile preposseduto non abbia goduto delle agevolazioni, poiché acquistato nel 1990 da una società costruttrice. Si tratta semplicemente, come affermato dall’Agenzia delle entrate nella…

Continua a leggere...

Il mero dato fattuale non rileva per l’agevolazione “prima casa”

L’agevolazione “prima casa”, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro, spetta a chi può dimostrare, in base ai dati anagrafici, di risiedere, ovvero di lavorare, nel territorio del Comune dove ha acquistato l’immobile, non rilevando la residenza di fatto o altre situazioni in contrasto con le risultanze degli atti dello stato civile. In particolare, il beneficio…

Continua a leggere...

La cedolare secca sostituisce le imposte

L’opzione per il regime della cedolare secca, esercitata in regime di registrazione del contratto o nelle annualità successive, non prevede il pagamento dell’imposta di registro e dell’imposta di bollo. Si tratta di un regime facoltativo che, ai sensi dell’articolo 3, comma 2, D.Lgs. 23/2011, implica unicamente il pagamento di un’imposta sostitutiva, dell’Irpef e delle addizionali,…

Continua a leggere...

Lo “stato oggettivo” dell’immobile determina le imposte

La cessione di un immobile in corso di costruzione, in applicazione del principio di “alternatività Iva – registro”, è soggetta ad Iva e a imposta di registro in misura fissa; diversamente, la cessione di un immobile ultimato è esente Iva ai sensi dell’articolo 10, comma 1 n. 8-bis e n. 8-ter), del D.P.R. 633/1972, e…

Continua a leggere...

La semplice consegna del documento non integra il “caso d’uso”

Nella pratica professionale accade non così di rado di imbattersi in avvisi di liquidazione emessi dall’Amministrazione Finanziaria a fronte della registrazione ex articolo 6 D.P.R. 131/1986, contenenti la richiesta di pagamento della relativa imposta di registro proporzionale, di atti formati dalle parti a mezzo scambio di corrispondenza e oggetto di consegna in occasione di verifiche…

Continua a leggere...

Agevolazione “prima casa” per pertinenze acquistate con atto separato

L’applicazione dell’agevolazione “prima casa” spetta anche all’acquisto, con atto separato, delle pertinenze dell’immobile acquistato con la stessa agevolazione. In particolare, ai sensi dell’articolo 1, comma 3 della Parte Prima della Tariffa, allegata al D.P.R. 131/1986, “sono ricomprese tra le pertinenze, limitatamente ad una per ciascuna categoria, le unità immobiliari classificate o classificabili nelle categorie catastali…

Continua a leggere...

L’esenzione dei trasferimenti in sede di divorzio o separazione

Sono esenti dal pagamento dell’imposta di registro, oltre all’imposta di bollo e a qualsiasi altra tassa, tutti gli atti, i documenti e i provvedimenti relativi al procedimento di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili dello stesso. Così l’articolo 19 L. 74/1987 assicura la completa esenzione fiscale a tutti gli atti, i documenti…

Continua a leggere...

Prezzo-valore anche per i trasferimenti immobiliari “senza corrispettivo”

L’imposta di registro, in esecuzione della disciplina del prezzo-valore, si applica sul valore catastale dell’immobile trasferito quale corrispettivo per la rinuncia all’eredità da parte di un soggetto nell’ambito di una successione ereditaria. È quanto affermato dalla risposta n. 494 pubblicata ieri sul sito dell’Agenzia delle entrate. Prima di entrare nel merito della vicenda oggetto del…

Continua a leggere...

Finanziamento fruttifero con registro fisso

Già da qualche anno le verifiche del Fisco si stanno focalizzando sui finanziamenti erogati dai soci in favore della società, al fine di scovare una qualche irregolarità, soprattutto con riguardo al comparto dell’imposta di registro. È quello che è accaduto anche nel caso oggetto della sentenza della Corte di Cassazione n. 29383 depositata in data…

Continua a leggere...