ENTI NON COMMERCIALI

Anche le asd possono perdere la qualifica di enti non commerciali

Non è sufficiente ad escludere la possibilità di perdere la qualifica di ente non commerciale da parte di una associazione sportiva dilettantistica la previsione normativa espressa di non applicabilità a questi enti dei criteri e delle regole di prevalenza della commercialità di cui all’ art. 149 TUIR. È quanto afferma la Commissione Tributaria Regionale di…

Continua a leggere...

La legge delega e gli enti non commerciali

La legge 11 marzo 2014 n. 23, recante la delega al Governo di emanare disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, non può che lasciare insoddisfatti gli operatori del terzo settore per l’assoluta assenza di spirito riformatore. Nella prima riforma degli anni ’70 le associazioni senza scopo di lucro, ossia…

Continua a leggere...

Per l’inserimento negli elenchi del 5 per mille c’è tempo fino al 7 maggio

Il prossimo 7 maggio scade il termine per trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate la richiesta per essere inseriti nell’elenco dei possibili destinatari del contributo del 5 per mille dell’Irpef da parte dei cosiddetti “enti del volontariato” (organizzazioni di volontariato di cui alla L. n. 266/1991, Onlus, associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali…

Continua a leggere...

Anche per gli enti è tempo di bilanci

Aprile, tempo di bilanci. Anche per le associazioni, le Onlus e, in genere, tutti gli organismi non profit con il periodo d’imposta coincidente con l’anno solare e per i quali lo statuto prevede l’approvazione del bilancio entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio il mese di aprile si segnala come quello in cui solitamente si svolge…

Continua a leggere...

Le detrazioni per contribuzioni agli enti non commerciali nel modello UNICO 2014

Si avvicina la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi delle persone fisiche (modello Unico PF o modello 730) ed è quindi ora di mettere in ordine tra le carte per reperire la documentazione utile, da consegnare a chi predispone il modello, per fare valere le detrazioni dall’Irpef o le deduzioni dall’imponibile. Tra questi…

Continua a leggere...

Il trattamento delle indennità chilometriche corrisposte agli sportivi dilettanti

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione 38/E di ieri, fornisce alcuni importanti chiarimenti in merito al trattamento tributario da riservare alle c.d. indennità chilometriche corrisposte, ai sensi di quanto previsto dall’art. 69, secondo comma del Tuir, ai soggetti che svolgono “esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica” (pur avendo usato tale terminologia, il riferimento legislativo ci…

Continua a leggere...

È necessaria una revisione del concetto di “ente non commerciale”?

Tra le diverse misure annunciate dal nuovo Governo si è fatta notare anche quella che ha previsto la destinazione di 500 milioni di euro ad un ipotetico fondo per le imprese sociali. Con questa iniziativa, è stato detto, sono state accolte le istanze di alcuni esponenti del Terzo settore (che, a detta del Premier, dovrebbe…

Continua a leggere...

Il certificato penale nell’associazionismo

Entra in vigore dal 6 aprile l’obbligo per il datore di lavoro di richiedere il certificato penale a tutto il personale impiegato in attività che sono a diretto contatto con minorenni, al fine di verificare eventuali condanne a loro carico. In particolare l’art. 2 del D.Lgs. n. 39 del 2014, in attuazione della direttiva dell’Unione…

Continua a leggere...

Associazioni sportive dilettantistiche: l’assenza del fine di lucro va accertata in concreto

Le agevolazioni fiscali previste per le associazioni sportive dilettantistiche non operano nei casi in cui rilevi l’esercizio in via esclusiva di un’attività commerciale, anche se l’associazione risulta essere iscritta al CONI. A puntualizzarlo la CTP di Treviso che, con sentenza 151/05/2014, ha respinto il ricorso presentato da un’associazione sportiva avverso un avviso di accertamento emesso…

Continua a leggere...

L’attività di formazione svolta dalla Onlus va rivolta a soggetti svantaggiati

La Corte di Cassazione precisa che è legittimo, per una Onlus, svolgere in via principale attività di formazione solo se questa è rivolta a “soggetti svantaggiati”. E’ questo, in estrema sintesi, il precetto contenuto nella sentenza n. 7311 del 28 marzo scorso, con la quale la Suprema corte è intervenuta a decidere in merito al…

Continua a leggere...