ENTI NON COMMERCIALI

Alcune riflessioni sulla disciplina degli enti non commerciali

Mi sono chiesto se anche per le associazioni fosse necessario prevedere un capitale sociale. Credo che, a questa domanda, le risposte possibili siano diverse ma tutte legate ad una visione aziendalistica del problema (qualcuno farà riferimento al c.d. “fondo sociale”, qualcun altro al patrimonio da devolvere, ecc.). Vorrei cercare, invece, con voi una risposta “metagiuridica”…

Continua a leggere...

Scade il 31 marzo il termine per comunicare le variazioni EAS

Il prossimo 31 marzo scade il termine per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate del modello per la comunicazione dei dati rilevanti degli enti associativi (mod EAS). La scadenza riguarda esclusivamente quei soggetti per i quali nel corso del 2013 si sono verificate delle variazioni rispetto ai dati trasmessi in precedenza. Sono previsti casi di…

Continua a leggere...

Alcune curiosità della legislazione sullo sport

Vorrei accompagnare i miei quattro lettori a “curiosare” nelle pieghe della disciplina giuridico – amministrativa delle associazioni sportive dilettantistica per farli partecipi di alcuni perché ai quali, io, fino ad oggi, non sono riuscito a dare risposta. Presuntuosamente partiamo dal dettato costituzionale e, più in particolare, dalla competenza legislativa concorrente riconosciuta alle Regioni in materia…

Continua a leggere...

Ma cosa vuol dire per una associazione sportiva, assenza di scopo di lucro indiretto?

L’assenza di scopo indiretto di utili La previsione che i proventi delle attività poste in essere da una associazione o società sportiva dilettantistica non possano, in nessun caso, essere divisi tra gli associati, anche in forme indirette, come norma di chiusura del principio dell’assenza dello scopo di lucro, è presupposto obbligatorio che deve essere necessariamente…

Continua a leggere...

Non sono sufficienti le mere violazioni formali per fare perdere le agevolazioni ad una ASD

Le agevolazioni fiscali riconosciute dall’art. 148, comma 3, del TUIR alle associazioni sportive dilettantistiche in quanto enti non commerciali a carattere associativo, non possono essere disconosciute per mere contestazioni relative ad inadempimenti di ordine squisitamente formale ma occorre prova contraria da parte dell’amministrazione finanziaria in merito all’insussistenza in concreto delle condizioni per la realizzazione delle…

Continua a leggere...

Le coop sociali e la verifica del “socio svantaggiato”

Le cooperative sociali, come noto, sono organismi che nascono per perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini. La fonte normativa di riferimento è la L. 381/1991 con la quale, di fatto, il Legislatore ha inteso definirne due tipologie a seconda delle finalità solidaristiche perseguite, comunemente note come: cooperative sociali…

Continua a leggere...

Marcia indietro del Ministero del Lavoro sui rapporti di lavoro nello sport dilettantistico

Il Ministero del Lavoro, con la sua circolare n. 37 del 21.02.2014 della direzione generale per l’attività ispettiva, torna sul tema delle prestazioni sportive dilettantistiche disciplinate dal primo comma lett. m) dell’art. 67 del Tuir fornendo importanti indicazioni operative ai suoi uffici di vigilanza. Dopo aver evidenziato la caratteristica non lucrativa degli enti iscritti all’apposito…

Continua a leggere...

Una Onlus può gestire un albergo-ristorante? Il MISE risponde in una nota

Quando si parla dell’attività commerciale che può svolgere una Onlus o un’associazione sportiva dilettantistica gli spunti di approfondimento non sono mai abbastanza. Quindi ben vengano i chiarimenti forniti su due questioni particolari dal Ministero dello Sviluppo Economico con la risoluzione n. 15452 del 30 gennaio 2014. In un primo caso, il MISE prende posizione sulla…

Continua a leggere...

Le Federazioni sportive nazionali: alcune considerazioni fiscali a ruota libera

La natura giuridica delle Federazioni sportive nazionali Il decreto legislativo 242/99, meglio noto come Decreto Melandri, al secondo comma dell’art. 15 qualifica le Federazioni sportive nazionali riconosciute dal Coni quali “associazioni con personalità giuridica di diritto privato”, disciplinate dal codice civile e dalle disposizioni di attuazione del codice medesimo. Tale esplicito riferimento alle associazioni riconosciute…

Continua a leggere...

Sport e diritto d’autore: gli oneri per la diffusione di musica

È ormai di comune dominio che per poter diffondere musica, radio, videoclip in locali frequentati da pubblico, non è più sufficiente aver provveduto a regolarizzare la propria posizione solo riguardo le licenze per la tutela del diritto d’autore ma è necessario mettersi in regola anche sul fronte della corresponsione di quanto per legge prescritto a…

Continua a leggere...