DICHIARAZIONI

La decadenza del credito Irpef

In tempi di Unico molto spesso ci si trova a far fronte con dei crediti Irpef di anni pregressi per i quali sussiste un mancato riporto nella prima dichiarazione utile, in conseguenza di un’omessa presentazione. Come comportarsi in questi casi? Innanzitutto c’è da dire che il mancato riporto del credito Irpef nell’esercizio successivo non comporta,…

Continua a leggere...

I contributi alla gestione separata INPS nel quadro RR del modello Unico 2014

La sezione II del quadro RR deve essere compilata dai contribuenti titolari di partita iva che svolgono attività di lavoro autonomo ai sensi dell’art. 53, comma 1, del Tuir, e tenuti al versamento dei contributi previdenziali alla Gestione Separata ai sensi dell’ art. 2, comma 26, della L. 335/1995 in quanto privi di altra copertura…

Continua a leggere...

I soci versano al 7 luglio solo se la società è trasparente

La recente proroga riguardante i versamenti scaturenti dal modello UNICO riguarda, oltre che i contribuenti per i quali sono approvati gli studi di settore, anche i relativi soci se ad applicare lo studio di settore è una società trasparente. La proroga è invece parziale (nel senso che interessa solo gli eventuali contributi previdenziali) per i…

Continua a leggere...

Proroga versamenti se vi sono studi di settore “approvati”

Dopo aver ottenuto in extremis (o oltre…) la proroga, già segnalata in precedenza sulle pagine della presente rivista telematica, non resta che esaminarne il contenuto al fine di individuare esattamente quali sono i soggetti che possono beneficiare di queste tanto attese 3 settimane di “tempi supplementari” per il versamento delle imposte senza maggiorazione. Valutazioni i…

Continua a leggere...

Modello Unico 2014 e visto di conformità

La legge n. 147/2013 ha disposto, a partire dal periodo di imposta in corso al 31.12.2013, che per l’utilizzo in compensazione nel modello F24 dei crediti IRPEF, IRES, IRAP, ritenute alla fonte e imposte sostitutive per importi superiori a Euro 15.000 annui è obbligatorio richiedere l’apposizione del visto di conformità relativamente alle singole dichiarazioni dalle…

Continua a leggere...

La corretta gestione Irpef degli immobili a disposizione

Con la circolare n. 11 del 2014 può dirsi definito il contesto normativo ed interpretativo con cui procedere alla gestione dell’alternatività IMU-Irpef. Con particolare riferimento agli immobili ulteriori rispetto all’abitazione principale, la regola generale è che se sono tenuti a disposizione, gli stessi sono sottoposti solo ad IMU, non concorrendo dunque alla formazione del reddito…

Continua a leggere...

Il quadro RW del beneficiario del trust che non sia titolare effettivo

Esistono ancora perplessità sulla compilazione del quadro RW in ipotesi di trust. I dubbi riguardano soprattutto quando la segnalazione deve essere fatta dal beneficiario e non tanto quando il monitoraggio competa al trust stesso, atteso che l’adempimento è ormai consolidato da anni. Il primo problema è quello di valutare in quale delle tre ipotesi di…

Continua a leggere...

Con la risoluzione 57/E l’Agenzia chiarisce il 730

Dopo alcuni mesi di attesa, finalmente l’Agenzia delle entrate, con la R.M. n.57/E/2014, è intervenuta per fornire alcuni chiarimenti meramente operativi in merito alle “novità” procedurali del modello 730, sia per quanto riguarda il c.d. “modello 730 senza sostituto d’imposta” e sia per quanto concerne i controlli preventivi da parte dell’Amministrazione finanziaria nel caso di…

Continua a leggere...

Il monitoraggio in RW per il soggetto delegato al prelievo

In altri articoli abbiamo evidenziato quelle che a noi sembrano incongruità nella compilazione del quadro RW. Una di queste è sicuramente rappresentata dalle regole che devono seguire i soggetti che hanno la delega al prelievo sui conti correnti e che sono chiamati, come previsto dalle istruzioni e come era stato già anticipato dalla circolare n….

Continua a leggere...

Anche il fisco richiede un po’ di serietà

Esordisco con una domanda banale: quando un cliente di studio ha presentato in modo ordinato e tempestivo tutto la necessaria documentazione per il modello Unico, a qualche professionista verrebbe mai in mente di presentare la dichiarazione in modo approssimativo, sulla scorta del motto “tanto poi se qualche cosa non va bene posso correggere tra una…

Continua a leggere...