DICHIARAZIONI

Amministratori di condominio: novità in tema di obblighi dichiarativi

Con risoluzione 67/E/2018 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’amministratore di condominio ha facoltà di non riportare nel quadro AC del modello Redditi o nel quadro K del modello 730 l’indicazione delle spese, relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio su parti comuni di edifici condominiali, sulle quali ha trovato applicazione la ritenuta dell’8%…

Continua a leggere...

Modello Redditi ENC

Il modello Redditi Enc è utilizzato per presentare la dichiarazione dei redditi degli enti non commerciali ed equiparati. Gli enti non commerciali si caratterizzano per non avere quale oggetto esclusivo, o principale, lo svolgimento di un’attività di natura commerciale che non determina reddito d’impresa. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata…

Continua a leggere...

Il credito ricerca e sviluppo nel modello Redditi

Tra i quadri del modello Redditi che nella fase iniziale di redazione vengono “dimenticati”, non incidendo sulla determinazione dell’imposta, ma che, in vista dell’approssimarsi della scadenza per la trasmissione telematica (31 ottobre), vanno completati, vi è sicuramente il quadro RU dedicato ai crediti di imposta concessi a favore delle imprese da norme agevolative. Tra questi…

Continua a leggere...

I quadri del modello Redditi da presentare insieme al 730

Come noto, per poter utilizzare il modello 730 (precompilato o ordinario) i contribuenti devono aver percepito nel 2017 tipologie reddituali che possono essere dichiarate con questo modello, ovvero, come precisato anche nelle istruzioni alla compilazione: redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente; redditi dei terreni e dei fabbricati; redditi di…

Continua a leggere...

730/2018 integrativo e rettificativo

Il 730 integrativo e il 730 rettificativo sono due diverse modalità utilizzabili per correggere eventuali errori commessi nel modello dichiarativo 730 originario già inviato all’Agenzia delle Entrate, secondo le scadenze previste. Se è il contribuente ad accorgersi di avere compiuto degli errori (ad esempio omissione di redditi) o delle mancanze (ad esempio mancata indicazione di…

Continua a leggere...

Quadro AC: esonero dalla compilazione per i lavori condominiali

Le somme pagate per gli interventi di recupero edilizio, soggette a ritenuta da parte della banca, non devono essere indicate dall’amministratore di condominio nel quadro AC, sezione II, del modello Redditi (o nel corrispondente quando K del modello 730). È questo quanto è stato chiarito dall’Agenzia delle entrate con la risoluzione 67/E/2018 pubblicata nella giornata…

Continua a leggere...

L’opzione per il consolidato nel quadro OP del modello Redditi SC 2018

L’istituto del consolidato fiscale, disciplinato dagli articoli da 117 a 129 Tuir, permette  alle società che appartengono al medesimo gruppo di determinare il proprio reddito complessivo senza procedere alla li­quidazione dell’imposta, ma trasferendolo, per la tassazione, alla società consolidante che a tal fine deve predisporre la dichiarazione del gruppo determinando un’unica base imponibile, in modo…

Continua a leggere...

Il Modello Redditi Persone Fisiche

Il modello REDDITI PERSONE FISICHE (PF) è il modello di dichiarazione dei redditi con il quale le persone fisiche dichiarano i redditi conseguiti nell’anno precedente a quello di presentazione, ad esempio nell’anno x si presenta il modello dell’anno x-1. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Evolution, nella sezione…

Continua a leggere...

La ripartizione territoriale dell’Irap nel quadro IR

L’articolo 15 D.Lgs. 446/1997 stabilisce che l’Irap è dovuta alla regione (o provincia autonoma) nel cui territorio il valore della produzione netta è realizzato; il riparto territoriale del valore della produzione va operato secondo le regole dettate dall’articolo 4, comma 2, del Decreto citato, in relazione alle diverse categorie di soggetti. Per quanto riguarda le…

Continua a leggere...

Gli studi di settore per le imprese minori in contabilità semplificata

Come noto il D.L. 50/2017, convertito con la L. 96/2017, ha previsto l’introduzione, dal periodo d’imposta 2017, dei primi indici sintetici di affidabilità fiscale che avrebbero dovuto gradualmente sostituire gli studi di settore. Tuttavia la Legge di Bilancio 2018 (articolo 1, comma 931, L. 205/2017) ne ha disposto la proroga di un anno, differendone l’applicazione…

Continua a leggere...