ADEMPIMENTI

Le disposizioni in materia di giochi del D.L. 4/2019

Il D.L. 4/2019, oltre a disciplinare il reddito di cittadinanza e la c.d. quota 100, prevede, all’articolo 27, anche disposizioni in materia di giochi. Il comma 1 dell’articolo in esame stabilisce, in primo luogo, che la ritenuta sulle vincite del gioco numerico a quota fissa denominato “10&lotto” (e dei relativi giochi opzionali e complementari) è…

Continua a leggere...

Nuovo aumento delle aliquote contributive Enasarco

Dal 1° gennaio 2019 è scattato l’aumento programmato dell’aliquota relativa ai contributi Enasarco, nel percorso già deliberato dall’ultimo Regolamento delle attività istituzionali approvato dalla Fondazione, per gli agenti operanti in forma di impresa individuale o società di persone. Nessuna modifica, invece, per i contributi relativi agli agenti operanti in forma di società di capitali. Si…

Continua a leggere...

La comunicazione all’ENEA degli interventi di ristrutturazione

La Legge di Bilancio 2018 introducendo il comma 2-bis all’articolo 16 D.L. 63/2013, al fine consentire il monitoraggio e la valutazione del risparmio energetico ottenuto grazie alla realizzazione di interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o l’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia e che accedono alle detrazioni fiscali perviste per le ristrutturazioni edilizie,…

Continua a leggere...

Rivalutazione di quote e terreni più onerosa

La Legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018), ai commi 1053 e 1054, ha previsto la riapertura dei termini per procedere alla rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni posseduti alla data del 1° gennaio 2019, modificando l’articolo 2, comma 2, D.L. 282/2002. La possibilità riguarda i beni detenuti da persone fisiche, società semplici, associazioni…

Continua a leggere...

Il bilancio finale di liquidazione

La procedura di liquidazione, volta a realizzare le risorse aziendali e ad estinguere le posizioni debitorie della società, si conclude, dal punto di vista dell’informativa contabile, con la redazione obbligatoria del c.d. bilancio finale di liquidazione, che ha il compito di rendicontare sinteticamente sui risultati economici, finanziari e patrimoniali raggiunti dall’attività svolta dai liquidatori e…

Continua a leggere...

L’e-commerce e le diverse tipologie di siti internet

L’esercizio dell’attività di e-commerce, generalmente, richiede la creazione di un sito internet dedicato alla vendita dei prodotti commercializzati dall’impresa, ma potrebbe anche essere esercitata in assenza di un “proprio” sito internet dedicato, utilizzando magari le vetrine di altri soggetti on line. Tale ultima fattispecie non deve essere confusa con la sempre più frequente pratica di…

Continua a leggere...

Esterometro: come evitare l’invio

In un precedente contributo sono stati analizzati i profili soggettivi dell’esterometro, con l’individuazione di coloro che saranno tenuti all’invio della nuova comunicazione, sulla scorta dei chiarimenti forniti da Assonime con la circolare 26 del 13 dicembre 2018. Nel prosieguo, invece, sempre avendo riguardo al recente documento di Assonime, si indagheranno gli aspetti oggettivi dell’adempimento, allo…

Continua a leggere...

Esterometro: chi è obbligato all’invio

Con la circolare 26 del 13 dicembre 2018, Assonime fornisce una disamina a 360 gradi del nuovo adempimento denominato “esterometro” che decorrerà dal 1° gennaio 2019. In particolare, l’apprezzabile documento illustra le caratteristiche dell’obbligo e le sue concrete modalità applicative, anche alla luce delle indicazioni fornite dall’Agenzia delle entrate in occasione della pubblicazione delle FAQ…

Continua a leggere...

L’e-commerce e i contribuenti minimi o forfettari

Ai fini Iva il commercio elettronico è sottoposto ad un regime Iva dedicato, al sussistere di specifiche condizioni; tale concetto non è, invece, valido nel caso in cui il soggetto che partecipa all’operazione – dal lato attivo o dal lato passivo – sia un soggetto che abbia adottato il c.d. regime dei contribuenti minimi (D.L….

Continua a leggere...

Segnalazioni irregolarità dichiarative

Qualora gli intermediari abilitati alla trasmissione delle dichiarazioni fiscali (redditi, Iva, Irap e 770) vengano chiamati dall’Agenzia delle Entrate, attraverso il canale Entratel, a fornire risposte in merito alle irregolarità nell’attività di presentazione telematica delle stesse (omesse o tardive trasmissioni delle dichiarazioni), saranno tenuti ad adempiere a tale richiesta nei tempi dettati dalla stessa Agenzia….

Continua a leggere...