PROFESSIONISTI

Modalità di finanziamento delle imprese e ruolo del professionista

In questi anni molto difficili dal punto di vista finanziario per le imprese, è divenuta un’esigenza imprescindibile anche per i commercialisti più orientati alle questioni “fiscali” quella di fornire un adeguato supporto ai Clienti nella gestione della pianificazione finanziaria e dei rapporti con le banche. E’ quindi fondamentale dotarsi di quelle conoscenze necessarie delle problematiche…

Continua a leggere...

Il reddito delle STP? È lavoro autonomo

Dopo l’approvazione dello schema di decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, sarà chiaro che le Società tra professionisti (c.d. STP) producono reddito di lavoro autonomo: si tratta di una attesa conferma ufficiale, dopo che l’amministrazione finanziaria aveva correttamente sostenuto che, nel panorama attuale, ove la STP avesse assunto la forma di società commerciale, non avrebbe potuto…

Continua a leggere...

La mia prima settimana col pos

A pochi giorni dal “lancio” della operazione del POS obbligatorio, appare utile provare a tracciare un primo bilancio della esperienza che, vale subito la pena di ribadire, riteniamo inutile e ridicola. Vogliamo parlare di bilancio per il semplice fatto che, quando argomenti di natura tecnica e/o amministrativa sono trattati alla stregua di fatti di cronaca…

Continua a leggere...

Rimborsi chilometrici ai soci dello studio associato

Alcuni Uffici dell’Agenzia delle entrate stanno disconoscendo, in sede di accertamento, la deducibilità dei rimborsi spese corrisposti dagli studi professionali ai propri associati per l’utilizzo delle loro autovetture. In altri casi gli Uffici applicano ai rimborsi spese il limite di deducibilità previsto per i costi delle autovetture dall’art. 164 del TUIR (attualmente del 20%). Si…

Continua a leggere...

Riaddebiti di costi tra professionisti: asimmetrie da gestire in UNICO

Non è raro, soprattutto in questi periodi di difficoltà economica, che diversi soggetti esercenti attività di lavoro autonomo decidano di condividere gli stessi locali per svolgere la propria attività: il riferimento è a situazioni ove ciascuno dei professionisti mantiene la propria individualità fiscale, quindi senza costituire uno studio associato, ma semplicemente con l’intento di dividere…

Continua a leggere...

Per i professionisti deducibile solo l’IMU dello studio

Una delle principali novità del modelli UNICO 2014 riguarda la possibilità di portare in deduzione una quota dell’IMU sostenuta dal contribuente, deduzione non concessa in misura piena, ma nel limite del 20% a regime, mentre per il solo periodo d’imposta 2013 è stata introdotta una deduzione maggiorata, pari al 30%. Tale deduzione spetta tanto ai…

Continua a leggere...

Scomputo ritenute in RE: le certificazioni talvolta possono essere fuorvianti

Attività propedeutica alla compilazione del quadro RE della dichiarazione dei redditi di un contribuente esercente arte o professione è quella di raccolta (talvolta supplicata…) delle certificazioni che sono (o, per meglio dire, dovrebbero) essere rilasciate dai loro clienti, certificazioni nelle quali vengono attestate le ritenute operate. Se infatti vero è che l’Agenzia, con la R.M….

Continua a leggere...

Rilevanza dei compensi: si fa presto a dire “incasso”

Questo è periodo di chiusura dei conti 2013: oltre che per le società, ove preme la scadenza del deposito, anche per i soggetti di ridotte dimensioni gli Studi professionali sono al lavoro per definire i redditi da riportare nel modello UNICO 2014. Mentre una certa cura viene posta sui soggetti esercenti attività d’impresa visto che…

Continua a leggere...

È privilegiato il credito del professionista maturato antecedentemente alla dichiarazione di fallimento

Con la sentenza n. 1740 del 28/1/2014 la Corte di Cassazione ha ribadito che il biennio, ai fini del riconoscimento del privilegio generale sui compensi professionali di cui all’articolo 2751-bis Cod.Civ., decorre dal momento in cui l’incarico è stato portato a termine o è comunque cessato, allorché il credito dell’onorario è divenuto liquido ed esigibile….

Continua a leggere...

Entro il 30 giugno 2014 l’obbligo del POS anche per i professionisti: una conferma (forse)

La L. n. 15/2014 conferma che, per i soggetti esercenti l’attività di rivendita di prodotti e di prestazione di servizi (anche professionali), il 30.6.2014 rappresenta il termine ultimo per dotarsi di strumenti elettronici di pagamento. Tale data, quindi, dopo un piccolo “valzer” di date e disposizioni normative, ad oggi, sembra essere il “punto di non…

Continua a leggere...