PROFESSIONISTI

Nuove tutele per i liberi professionisti

Sono entrate in vigore norme che prevedono nuove tutele per i soggetti esercenti arti e professioni, anche in forma associata o societaria, qualora il numero complessivo dei professionisti associati o dei soci sia inferiore a tre, o se il professionista tutelato è nominativamente responsabile dello svolgimento dell’incarico professionale. Infatti, i commi da 927 a 944,…

Continua a leggere...

Il contributo dovuto dal Revisore iscritto nel Registro

I revisori legali e le società di revisione legale iscritti nel Registro dei revisori legali sono tenuti – ai sensi dell’articolo 21, comma 7, D.Lgs. 39/2010 – al versamento di un contributo annuale di revisione definito annualmente con decreto dal Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro della giustizia. Tale contributo è…

Continua a leggere...

Opposizione alle telefonate commerciali: no al “recupero consensi”

L’ordinanza della Corte di Cassazione n. 11019, depositata ieri, 26 aprile, che sta avendo ampia risonanza, essendo stata pronunciata nei confronti di una nota compagnia telefonica, costituisce un’occasione per tornare a soffermare l’attenzione sulla disciplina del consenso in materia di privacy. In estrema sintesi, oggetto della pronuncia è un’iniziativa volta a contattare i clienti che…

Continua a leggere...

L’azione di responsabilità si prescrive dopo dieci anni dall’accertamento

Il termine di prescrizione decennale previsto per l’azione di risarcimento del danno nei confronti del Dottore Commercialista decorre dalla data di notifica dell’avviso di accertamento, in quanto solo da questo momento si è verificato un danno. Precedenti atti, quali il processo verbale di constatazione, prima notificati al contribuente, non sono idonei, invece, a far decorrere…

Continua a leggere...

Responsabilità del professionista solo se il danno viene provato

L’ordinanza n. 3782 della Corte di Cassazione, depositata ieri, 15 febbraio, rappresenta un utile spunto per tornare a soffermarsi sull’onere probatorio richiesto nell’ambito delle azioni di responsabilità professionale. Il caso riguarda un professionista, convenuto in giudizio da una società cooperativa di cui curava gli adempimenti fiscali, per il risarcimento dei danni, non avendo lo stesso…

Continua a leggere...

Il mandato alla tenuta della contabilità non obbliga alla redazione della dichiarazione

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 25289 depositata ieri, 11 novembre, ha ribadito il principio in base al quale la tenuta della contabilità non prova l’incarico del ragioniere commercialista nella presentazione della dichiarazione dei redditi e, di conseguenza, il professionista non è responsabile per eventuali errori. Nel caso di specie, oggetto della controversia era…

Continua a leggere...

Accertamento alla società: il professionista deve risarcire

Con l’ordinanza n. 22855, depositata ieri, 20 ottobre, la Corte di Cassazione è tornata nuovamente a soffermarsi sul tema della responsabilità professionale. Il caso riguarda una Srl che aveva agito nei confronti del commercialista a cui aveva affidato la tenuta della contabilità sociale, la redazione dei bilanci e delle dichiarazioni fiscali della società. La società,…

Continua a leggere...

Il presidente del collegio sindacale di una srl fallita “paga” l’omesso controllo e la consulenza “incompatibile”

La prima sezione civile della Corte di Cassazione ha emanato ieri l’ordinanza 11884/20 sulla vicenda che ha interessato un commercialista, in qualità di presidente del collegio sindacale di una società poi fallita, che era stato condannato per i danni cagionati ai creditori per atti di mala gestio e di mancato controllo. La curatela aveva infatti…

Continua a leggere...

La ripartizione degli utili della società semplice professionale

La tassazione dei redditi prodotti dalle società di persone è improntata al principio della trasparenza, secondo cui l’imputazione e la conseguente imposizione del reddito in capo a ciascun socio avviene indipendentemente dalla relativa percezione, in proporzione alla quota di partecipazione agli utili. Lo stesso meccanismo governa l’imposizione delle associazioni professionali e degli studi associati tra…

Continua a leggere...

L’incarico di direttore generale è compatibile con la professione

L’esercizio della professione di dottore commercialista è incompatibile con talune cariche o attività individuate dalla legge, dalle circolari interpretative e dalle note informative emanate nel tempo dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. È importante accertarsi che non vi siano condizioni di incompatibilità, poiché gli eventuali anni dichiarati incompatibili non sono utili…

Continua a leggere...