LAVORO E PREVIDENZA

Prestazioni occasionali: sabbie mobili Inps

Capita spesso di incrociare, nell’economia un po’ traballante di questi anni, soggetti che effettuano prestazioni di natura sporadica ed occasionale di svariata natura. Una prima difficoltà, solitamente, risiede nel corretto inquadramento della natura di tali compensi, che potrebbero essere ascritti alla categoria del reddito di lavoro autonomo occasionale (art. 67, comma 1, lettera l) del…

Continua a leggere...

L’attuazione del Jobs Act da parte della contrattazione collettiva

Attuando le possibilità di deleghe previste dal DL 34/2014 (c.d. Jobs Act), Federalberghi, CGIL, CISL e UIL hanno sottoscritto un importante accordo, in riferimento al contratto a termine e l’apprendistato, per il settore del turismo. Con l’accordo stipulato in data 16 giugno 2014, il settore Turismo Federalberghi è tra i primi a essere intervenuto nella…

Continua a leggere...

Istituito il Fondo di solidarietà residuale

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto 7 febbraio 2014, un ulteriore passo viene compiuto verso l’estensione dell’operatività del nuovo ammortizzatore sociale previsto dalla Riforma Fornero. La Legge 92/2012, meglio nota come Legge Fornero, all’art. 3, prevede l’introduzione di un nuovo ammortizzatore sociale, legato all’istituzione di fondi di solidarietà bilaterali di matrice contrattuale. Per…

Continua a leggere...

Il trasferimento di ramo d’azienda e la “circoscritta” tutela europea dei diritti dei lavoratori

I Giudici europei, con la sentenza emessa a seguito della causa C-458/12, del 6 marzo 2014, hanno avuto modo di chiarire alcuni aspetti relativi al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di MANTENIMENTO dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti….

Continua a leggere...

Approvato il testo definitivo del Decreto Job Act

Non è ancora chiuso il percorso, ma il testo approvato con la fiducia dal Senato, stante il termine del 19 maggio, è la versione definitiva della conversione in legge del Decreto Job Act. Molte sono state le modifiche apportate dai rami del parlamento, in parte a correggere dubbi e incertezze nel testo originario, in parte…

Continua a leggere...

Presentato il Disegno di Legge Delega del progetto Job Act

Facendo seguito, nel percorso di riforma, al DL 34/2014, relativo al contratto a termine e l’apprendistato, il Governo ha presentato pochi giorni fa il disegno di legge delega di riforma complessiva del mercato del lavoro: dalla sue definitiva approvazione, gli interventi delegati dovranno essere attuati entro 6 mesi da parte del Governo mediante D.Lgs. Il…

Continua a leggere...

Nuovi obblighi per le attività professionali a contatto con i minori

Inizialmente passato in silenzio, con l’attenzione dei professionisti del lavoro dedicata alla recente riforma del DL Job Act, è in vigore da 6 aprile 2014 il D.Lgs. n.39/14, a seguito della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.68/14, con nuovi obblighi per i datori di lavoro in caso di svolgimento di attività professionali e lavorative che comportino…

Continua a leggere...

L’utilità residua delle causali nei contratti a termine e i nuovi dubbi quantitativi

La disciplina del contratto a termine ha visto superata, mediante il DL 34/2014, una delle più rilevanti problematiche che aveva caratterizzato tale contratto, e cioè l’interpretazione delle causali per l’apposizione del termine, le “ragioni tecniche, produttive, organizzative o sostitutive”. Ora, fino alla soglia massima dei 36 mesi, comprensiva di proroghe, non vi sarà più la…

Continua a leggere...

Il Job act e la semplificazione dei contratti flessibili

Nonostante la soddisfazione per un provvedimento di semplificazione della disciplina del principale contratto flessibile, il lavoro a termine, e dell’unico contratto agevolato, l’apprendistato, il primo pensiero va al percorso parlamentare di conversione in legge che ora si apre: la speranza è che non sia toccato l’impianto del DL 34/2014, con le ricorrenti eccezioni e complicati…

Continua a leggere...

Le aliquote 2014 per la gestione Ivs degli artigiani e commercianti

Con la circolare n. 19/2014, l’INPS ha comunicato le nuove aliquote, i minimali e i massimali contributivi applicabili ai soggetti iscritti alla Gestione IVS degli artigiani e commercianti. I soggetti obbligati all’iscrizione alla Gestione IVS ed al versamento dei relativi contributi sono: i titolari di imprese individuali artigiane, compresi i propri coadiuvanti e coadiutori; i…

Continua a leggere...