ISTITUTI DEFLATTIVI

Definizione dei PVC, un’opportunità tra cautele da adottare e possibili rimedi

Al termine di una verifica fiscale, dopo la consegna del processo verbale di constatazione, il contribuente è chiamato a valutare con rapidità un paio di alternative che hanno scadenze ravvicinate: La possibilità di definizione prevista dell’art. 5-bis del D. Lgs. 218/97; La possibilità di presentare memorie difensive, ex art. 12 L. 212/2000. La prima delle…

Continua a leggere...

Accertamento con adesione: l’invito del contribuente al contraddittorio non è obbligatorio?

L’Ordinamento tributario prevede al comma 2 dell’art. 6 del D. Lgs. 218/1997 la possibilità per il contribuente, nei cui confronti sia stato notificato avviso di accertamento, di formulare anteriormente all’impugnazione dell’atto innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale, istanza in carta libera di accertamento con adesione. Lo stesso art. 6, al comma 4, prevede che: “Entro quindici…

Continua a leggere...

Autotutela: quale limite alla discrezionalità dell’ufficio?

L’art. 1 del D.M. 37/1997 prevede in capo all’Ufficio competente, od in caso di inerzia di questo, in capo alla Direzione Regionale dalla quale lo stesso dipende, il potere di annullamento o di revoca dell’atto illegittimo. L’autotutela dell’Amministrazione finanziaria, al pari di quella di qualsiasi Pubblica Amministrazione, è attività che consiste nel riesame di un…

Continua a leggere...

La mediazione tributaria: oltre i profili di incostituzionalità

Come noto, a seguito delle modifiche apportate al D.Lgs. n.546/1992 dal D.L. n.98/2011, è stato introdotto nel nostro ordinamento l’istituto della mediazione tributaria obbligatoria per le controversie di valore non superiore ad € 20.000 e derivanti da atti notificati dall’Agenzia delle Entrate a partire dal 1° aprile 2012. In particolare, possono essere oggetto di mediazione,…

Continua a leggere...

Ravvedimento operoso: i piccoli errori non pregiudicano gli effetti

Gli errori commessi in relazione ai versamenti effettuati avvalendosi del ravvedimento operoso non pregiudicano (in toto) l’effetto della regolarizzazione. Sono queste le conclusioni cui è pervenuta l’Agenzia delle Entrate con la recente C.M. n. 27/E/2013. L’Agenzia ha quindi “aggiustato il tiro” sulla questione, arrivando ad una valutazione differente rispetto a precedenti pronunce proprie e della…

Continua a leggere...