ISTITUTI DEFLATTIVI

Interpelli: è arrivato il momento di una revisione generale della disciplina

L’interpello è l’istanza del contribuente volta ad ottenere, prima di porre in essere il comportamento giuridicamente rilevante o di dare attuazione alla norma oggetto del quesito, il parere dell’amministrazione finanziaria in ordine alla interpretazione di una norma tributaria obiettivamente incerta rispetto ad un caso concreto e personale riferibile all’istante. Le istanze di interpello all’Agenzia delle…

Continua a leggere...

La mediazione tributaria tra gli “oneri di compliance”

Nel corso dell’Audizione del 12 marzo 2014, il Presidente della Corte dei Conti ha fatto il punto delle cose da fare per raggiungere la tanto auspicata semplificazione normativa ed amministrativa. In particolare, nel paragrafo dedicato alla semplificazione fiscale ha individuato i cosiddetti “oneri di compliance”, ossia i costosi e laboriosi adempimenti che, associati alle caratteristiche…

Continua a leggere...

L’Agenzia fa il punto sui risultati della mediazione

Onestamente avevamo un percezione diversa. Girando l’Italia in lungo ed in largo con il Master Breve, ascoltando i colleghi di diverse città, la sensazione era che la mediazione tributaria non avesse avuto un grande appeal tra i contribuenti. I dati dell’Agenzia delle Entrate dicono il contrario e non possiamo che prenderne favorevolmente atto. La scommessa…

Continua a leggere...

La circolare n. 1/E sulla “nuova” mediazione tributaria

La prima circolare del 2014 è dedicata alle novità introdotte dalla legge di stabilità in materia di mediazione tributaria. Il legislatore ha apportato delle modifiche sostanziali alla disciplina della mediazione per evitare quelle censure di incostituzionalità che su essa gravano e sulle quali si dovrà pronunciare (comunque) la Corte Costituzionale. Il documento di prassi evidenzia…

Continua a leggere...

Reverse charge e ravvedimento operoso

A partire dal 20 febbraio 2010 i rappresentanti fiscali italiani e le identificazioni dirette di soggetti esteri non sono più legittimati ad emettere fatture con Iva in relazione alle cessioni interne italiane a meno che il cliente, essendo un consumatore finale, non sia in grado di implementare l’inversione contabile. Questo principio vale per i servizi…

Continua a leggere...

La mediazione rileva anche ai fini INPS

La legge di stabilità 2014 modifica le norme in materia di reclamo/mediazione con estensione degli effetti anche ai fini INPS. Con riferimento a tale ultima novità, il Legislatore ha normato quanto già affermato dall’Agenzia delle Entrate con circolare 9/E/2012 nell’ambito della quale, al punto 1.4, l’amministrazione ha chiarito che: “la mediazione produce effetti anche sui…

Continua a leggere...

In caso di accertamento con adesione spetta sempre il maggior termine di 90 giorni per impugnare

Il problema sembrava ormai risolto, ma l’insidia è sempre dietro l’angolo. L’art. 6, comma 3, del D. Lgs. 218/97 prevede che nel caso di presentazione dell’istanza di accertamento con adesione, i termini per impugnare l’atto sono sospesi per 90 giorni. In tal modo la parte contribuente, ai fini della proposizione del ricorso, avrà a disposizione…

Continua a leggere...

La mediazione tributaria colpisce ancora

A seguito di alcune modifiche presenti all’interno della Legge di Stabilità, la mediazione tributaria torna a far parlare di sé. Vediamo nel dettaglio le principali novità. Mediazione tributaria come condizione di procedibilità Si stabilisce che la presentazione del reclamo rappresenta condizione di procedibilità del ricorso e non più di ammissibilità. Si ricorda che la disciplina…

Continua a leggere...

La mancata autotutela è abuso del diritto

L’Agenzia delle Entrate, direzione centrale affari legali, ha inviato ai propri uffici periferici la Direttiva n. 48/2012, con la quale ha rammentato ai funzionari delle sedi delegate, che il tempestivo intervento finalizzato alla rimozione dell’atto illegittimo mediante lo strumento dell’autotutela, consente di limitare i costi connessi con la gestione del contenzioso, riduce il rischio di…

Continua a leggere...

Anche per il “vecchio” redditometro possibile definire l’invito al contradditorio

In attesa di conoscere come gli Uffici si comporteranno nella gestione del “nuovo” accertamento sintetico, ancora ai box per i problemi di rispetto della privacy riscontrati dal Garante, va segnalata una nuova prassi attivata da parte degli Uffici nella gestione degli accertamenti effettuati con il previgente art. 38 del D.P.R. 600/1973 ed aventi ad oggetto…

Continua a leggere...