CONTENZIOSO

Attenzione ai termini per la costituzione in giudizio

Non è banale soffermarci ancora una volta sui termini delle notificazioni in quella che rappresenta una delle principali fasi del Processo Tributario: l’instaurazione del giudizio. L’argomento non risulta affatto banale perché, anche di fronte ad una difesa precisa e puntuale in tutti gli elementi in diritto e in merito, una svista o un errore nella…

Continua a leggere...

Impugnabilità del diniego di disapplicazione: orientamenti della giurisprudenza di legittimità

In tema di autonoma impugnabilità del diniego di disapplicazione emanato con provvedimento della Direzione Regionale delle Entrate in esito al procedimento instaurato con la presentazione dell’istanza di interpello antielusivo, ai sensi dell’articolo 37-bis, comma 8, del D.P.R. 600/1973, l’orientamento della Corte di Cassazione si attesta senz’altro sul riconoscerne l’ammissibilità, seppur con motivazioni non univoche. Occorre…

Continua a leggere...

La notifica del ricorso in busta chiusa

Il ricorso spedito in busta chiusa è inammissibile se giunge a destinazione oltre la scadenza del termine. E’ questo il principio sancito dalla Commissione Tributaria Regionale di Roma, sezione Staccata di Latina, Sezione n. 39, con la sentenza n. 697 del 14 novembre 2013. E’ noto che la notifica dei ricorsi tributari, ai sensi dell’art….

Continua a leggere...

La distruzione della contabilità ammette la prova per testi nel processo tributario

Il contribuente può esibire nel corso del giudizio i documenti che non ha potuto produrre in sede di verifica. Per la Cassazione, è infatti ammissibile produrre la documentazione non esibita ai verificatori nell’ambito del giudizio tributario se la mancata produzione è dipesa dalla “… manifesta difficoltà di reperimento da parte del contribuente”. La Suprema Corte…

Continua a leggere...

Competenza dei ricavi fra (in)certezza ed oggettiva determinazione

Il tema della competenza fiscale dei componenti di reddito continua a fare discutere, sebbene i riflessi in termini accertativi possano dirsi ad oggi significativamente diminuiti (vedi le Circolari n. 23/2010, 31/2012 e la Risoluzione n. 87/2013) anche se non del tutto risolti, soprattutto sotto il profilo sanzionatorio. In materia si riscontra l’interessante Sentenza della Commissione…

Continua a leggere...

Derogabili le regole della soccida

Di recente la Corte di Cassazione, con due sentenze, la n. 19738 del 28 agosto e la n. 24914 del 6 novembre si è occupata del contratto di soccida, disciplinato dall’art. 2170 e seguenti del codice civile, in termini di abuso del diritto. Preliminarmente definiamo il contratto in oggetto che, ai sensi del sopra richiamato…

Continua a leggere...

Processo tributario: termini perentori per il deposito di memorie e documenti e rilevanza della sospensione feriale

Interessante pronuncia della CTP di Siracusa che ha fissato alcuni paletti procedurali invalicabili nell’attività processuale. In particolare, con la sentenza n.296/02/13 del 25.9.2013 (Pres. Tamburini, Rel. Valenti) la commissione tributaria provinciale ha ribadito che la tardività della costituzione in giudizio determina per la parte la decadenza dalla facoltà di chiedere o svolgere attività processuali precluse…

Continua a leggere...

Contributo unificato “multiplo” richiesto anche su appello tributario a fronte di unica sentenza C.T.P.

Il contributo unificato di iscrizione a ruolo è dovuto, per ciascun grado di giudizio, nel processo civile, nel processo amministrativo e nel processo tributario (“contributo unificato tributario” – C.U.T.). Uno dei problemi che spesso emerge per la quantificazione del contributo unificato tributario nel processo di primo grado riguarda la fattispecie in cui il contribuente, mediante…

Continua a leggere...

Diniego liti fiscali pendenti legittimo nel caso di cartelle di pagamento che “assolvono a funzione impositiva”

Alla cartella di pagamento va negata natura di atto impositivo autonomo, direttamente impugnabile come tale, allorchè essa faccia seguito ad un avviso di accertamento, ma non anche nei casi in cui essa costituisca l’unico atto che consente al contribuente di mettere in discussione la debenza del tributo: in tali casi, infatti, l’atto deve essere qualificato,…

Continua a leggere...

La compensazione delle spese di giudizio solo per gravi ed eccezionali ragioni

Ancora oggi, frequentemente, si assiste ad una immotivata compensazione delle spese di giudizio da parte del giudice tributario ovvero ad una stereotipa motivazione sul punto: la recente Sentenza della CTR Lazio, Sezione 1^ (Pres. Lauro, Rel. Tozzi), n. 175/01/13 del 3.4.2013, offre lo spunto per una disamina dell’argomento. E’ noto che la novella legislativa portata…

Continua a leggere...