CONTENZIOSO

Notifica ex art.140 c.p.c.: quando si perfeziona per il destinatario?

L’efficacia degli atti tributari è, di certo, subordinata al corretto compimento dell’attività di notifica messa a punto dall’agente della riscossione. Per potersi definire esattamente compiuta, tale attività deve essere espletata secondo il regolare procedimento previsto dal Legislatore. In particolare, stante l’espresso richiamo dell’art. 60 del D.P.R. 600/1973, la notificazione degli atti tributari deve essere eseguita…

Continua a leggere...

Quando la congruità e la coerenza difendono il contribuente

In diverse occasioni è stata rimarcata l’importanza di risultare congrui e coerenti agli studi di settore, a condizione che l’elaborazione degli stessi fosse assolutamente veritiera. È vero che il risultato di Gerico non è più fonte di accertamento automatico, ma è altrettanto vero che gran parte delle liste selettive ruotano proprio attorno ai risultati statistici…

Continua a leggere...

La prova diabolica nelle vincite in contante al casinò

Che l’evasione fiscale passi prevalentemente attraverso il  denaro contante è cosa nota; come è nota la  difficoltà che incontra il contribuente che intende fornire  adeguate giustificazioni all’Amministrazione Finanziaria circa le movimentazioni in contante registrate sui conti correnti, nonostante le stesse siano il frutto di proventi non soggetti a tassazione o assoggettati a prelievo alla fonte a titolo di…

Continua a leggere...

Redditometro senza “nesso eziologico”

  Si consolida sempre più l’orientamento della Cassazione secondo cui il contribuente ai fini della prova contraria richiesta a fronte del redditometro, sia tenuto a dimostrare solo il possesso di redditi esenti o comunque non inclusi nella dichiarazione per un periodo di tempo compatibile rispetto ai successivi incrementi patrimoniali. Nessuna rilevanza invece per il c.d….

Continua a leggere...

Roma batte Palermo 18 a 14!

Non è l’improbabile risultato di un’amichevole estiva di calcio né quello di una partita di pallanuoto. Purtroppo si tratta degli anni di attesa per la trattazione di un ricorso tributario! Qualche settimana fa, su queste colonne (si veda Oltre ogni ragionevole durata: dopo 14 anni in CTP in attesa della prima udienza!), avevamo segnalato quello…

Continua a leggere...

L’impugnabilità dell’estratto di ruolo al vaglio delle Sezioni Unite

Con l’ordinanza n. 16055 del 11/7/2014 la V Sezione della Corte di Cassazione ha rimesso al vaglio delle Sezioni Unite la questione dell’autonoma impugnabilità, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2 e 19 del D.Lgs. n. 546/1992, dell’estratto di ruolo tributario che sia pervenuto a conoscenza del contribuente tramite altri mezzi informali, in difetto…

Continua a leggere...

Il ricorso cumulativo e quello collettivo

Accade spesso che al momento di intraprendere un contezioso contro il fisco ci si interroghi sulla possibilità (oltre che l’opportunità) di proporre per conto del medesimo contribuente un unico ricorso contro più atti relativi a diversi periodi di imposta (si parla in tal caso di “ricorso cumulativo”), oppure presentare un unico ricorso nei confronti di…

Continua a leggere...

Il Fisco non può modificare in sede di contenzioso le motivazioni dell’avviso di accertamento

Il tema della motivazione degli atti impositivi emessi dall’Amministrazione finanziaria in rapporto alle tesi difensive spendibili dal Fisco nella fase del contenzioso è stato di recente affrontato dalla Corte di Cassazione, che si è pronunciata in merito con la sentenza n. 9810 del 7/5/2014. Nella vicenda in esame, l’Agenzia delle Entrate aveva emesso un avviso…

Continua a leggere...

Il Fisco non può modificare in sede di contenzioso le motivazioni dell’avviso di accertamento

Il tema della motivazione degli atti impositivi emessi dall’Amministrazione finanziaria in rapporto alle tesi difensive spendibili dal Fisco nella fase del contenzioso è stato di recente affrontato dalla Corte di Cassazione, che si è pronunciata in merito con la sentenza n. 9810 del 7/5/2014. Nella vicenda in esame, l’Agenzia delle Entrate aveva emesso un avviso…

Continua a leggere...

Giustizia tributaria “in ferie”: chiarimenti sulla pausa feriale

A decorrere dal 1° agosto e fino al 15 settembre, come ogni anno, anche la giustizia tributaria chiude “per ferie”. La norma di riferimento della disciplina della sospensione feriale dei termini è la Legge n. 742 del 1969, il cui comma 1 dell’art.1 sancisce che: il decorso dei termini relativi alle giurisdizioni ordinarie e a…

Continua a leggere...