ACCERTAMENTO

Medie di settore utilizzabili solo se comparabili

La Corte di Cassazione, sesta sezione civile, con l’ordinanza n. 92 depositata in Cancelleria in data 7 gennaio 2014 (udienza del 28 novembre 2013, Presidente Dott. Cicala, rel. Dott. Caracciolo), interviene in maniera chiara sull’utilizzo delle medie di settore in sede di accertamento, sottolineando come tale modalità di controllo possa essere validamente applicata soltanto se…

Continua a leggere...

Agevolazioni prima casa: gli strani controlli di un Comune…

Ben “32 sopralluoghi effettuati dalla polizia locale ad ogni ora del giorno e della notte” ed un Comune che discetta sui consumi di acqua per la doccia o per lo sciacquone del water (!) per valutare la sussistenza o meno dei requisiti prima casa. E’ lo strano caso affrontato dalla Commissione Tributaria Provinciale di Brescia,…

Continua a leggere...

Vietato l’uso del contante nelle locazioni: quali conseguenze in caso di errore?

Tra le varia disposizioni di “corollario” contenute nella Legge di Stabilità per il 2014 ve ne è una che, sebbene sicuramente non risulti di grande spessore tributario, in realtà si dimostra idonea a creare importanti ripercussioni operative; si tratta di aspetti che credo molti colleghi confermeranno visto l’interesse dei clienti di Studio nell’ottenere informazioni circa…

Continua a leggere...

Entro fine gennaio la comunicazione delle donazioni alle iniziative culturali 2013

La fine di gennaio segna ormai da molti anni il termine per ricordare una scadenza che interessa chi, nel corso dell’anno passato, ha ricevuto o effettuato donazioni per iniziative culturali. Entro il 31 gennaio infatti le imprese che hanno effettuato erogazioni liberali per iniziative culturali devono trasmettere in via telematica all’Agenzia delle entrate l’apposita comunicazione…

Continua a leggere...

Reati tributari ed azione penale: il tema di prova

Il potere di accertamento dell’Amministrazione Finanziaria si dota sempre più spesso, per espressa previsione normativa, dello strumento presuntivo, in forza del quale l’onus probandi viene posto in capo al contribuente. E ciò, in deroga al principio giuridico generale enunciato dall’art. 2497 cod. civ. secondo il quale chi vuole dimostrare l’esistenza di un fatto ha l’obbligo…

Continua a leggere...

Accertamento immotivato se non tiene conto delle deduzioni difensive in sede di contraddittorio

Importante pronuncia della CTR Sicilia, sede di Catania, in ordine all’obbligo motivazionale dell’avviso di accertamento in presenza di adeguate giustificazioni prodotte dal contribuente in sede di contraddittorio preventivo. Peraltro, è anche evidenziato come in materia di indagini finanziarie non sia possibile chiedere al contribuente di soddisfare una “prova diabolica”, come nel caso di non obbligo…

Continua a leggere...

Mentire al Fisco può costare sino a 3 anni di reclusione!

Fino a 3 anni di reclusione per chi fornisce all’Agenzia delle Entrate documenti falsi o notizie non veritiere. E’ questa la pena prevista dall’art.11, primo comma, del D.L. 201/2011 (c.d. “decreto salva Italia”), che assimila la produzione di documenti falsi o le risposte non veritiere ai casi di falsità delle autodichiarazioni. La norma punisce “chiunque”…

Continua a leggere...

Sconti praticati, la dichiarazione dell’amministratore non vincola il fisco

  Con un’articolata sentenza la Corte di Cassazione ha recentemente affrontato il tema delicato delle dichiarazioni rilasciate in sede di verifica fiscale. È notorio che nel processo tributario non è ammessa la prova testimoniale e le dichiarazioni effettuate, anche mediante la dichiarazione sostitutiva di atto notorio, possono al più essere valutate per corroborare il convincimento…

Continua a leggere...

Raddoppio dei termini solo in presenza di ipotesi di reato riscontrate prima dello spirare dei termini ordinari di accertamento

  Interessante pronuncia della seconda sezione della Commissione Tributaria Provinciale di Ravenna in tema di raddoppio dei termini dell’accertamento in caso di violazioni che comportano l’obbligo di denuncia all’Autorità Giudiziaria. I giudici tributari nella sentenza n. 191 del 11.9.2013 affermano il condivisibile principio che “fin dall’inizio della verifica tributaria devono emergere chiari ed obiettivi elementi…

Continua a leggere...

La comunione dei beni non frena il redditometro

  La comunione dei beni non frena il redditometro. È comunque necessario valutare la reale capacità contributiva del contribuente e il rapporto intercorrente tra tale capacità e reddito accertato. Queste le importanti conclusioni della recente sentenza n. 28415 della Cassazione, il cui deposito è avvenuto lo scorso 19 dicembre 2013. La motivazione della sentenza è…

Continua a leggere...