14 settembre 2018

Assirevi aggiorna l’attestazione del revisore ai fini Irap

di Francesco Rizzi Scarica in PDF La scheda di EVOLUTION

Assirevi ha di recente pubblicato il documento di ricerca n. 222 contenente l’aggiornamento delle linee guida per lo svolgimento delle attività di revisione finalizzate all’emissione dell’attestazione di effettività dei costi del personale addetto alla ricerca e sviluppo.

Si rammenta, infatti, che per la deducibilità ai fini Irap di tali costi è espressamente richiesto dall’articolo 11, comma 1, lett. a), n. 5), D.Lgs. 446/1997, il rilascio di un’attestazione di effettività del loro sostenimento; attestazione che, secondo la formulazione letterale della norma e l’interpretazione fornita dall’Agenzia delle Entrate (cfr. risoluzione 104/E/2009) può essere rilasciata da un revisore legale, dal Presidente della società di revisione legale, dal Presidente del Collegio sindacale o dal sindaco unico qualora l’organo di controllo svolga anche la revisione legale.

Nel documento di ricerca Assirevi chiarisce preliminarmente che lo scopo dell’attestazione che viene richiesta al revisore è quello di garantire (all’Amministrazione Finanziaria) l’effettivo sostenimento dei costi del personale addetto alla ricerca e sviluppo e la corrispondenza degli stessi alla relativa documentazione contabile. Tale incarico è dunque da considerarsi separato da quello della revisione legale del bilancio e richiede l’adozione di specifiche procedure di revisione.

Inoltre, considerato che i principi di revisione adottati con determina del Mef ineriscono lo svolgimento della revisione legale del bilancio e non contengono indicazioni relative alla revisione contabile di specifici elementi, conti o componenti del bilancio, Assirevi fa riferimento al principio di revisione internazionale Isa 805 (revised) emanato dall’Ifac (International Federation of Accountants) e fornisce al revisore specifiche indicazioni operative, così riepilogabili:

  • per tipologie di costi quali le spese del personale, gli accantonamenti al fondo Tfr, ecc., sarà necessario esaminare anche altri dati contabili al di fuori dei costi oggetto di verifica e svolgere procedure di revisione consistenti nell’esame della contabilità analitica, dei report del controllo di gestione, ecc.;
  • ordinariamente sarà opportuno usare procedure di revisione “di validità” (trattasi delle cosiddette “substantive procedures”, basate sulle procedure di analisi comparativa e sui test di dettaglio) svolte su base campionaria;
  • la società dovrà predisporre un prospetto riepilogativo dei costi del personale addetto alla ricerca e sviluppo, adeguatamente corredato da note esplicative sui criteri utilizzati per l’individuazione dei costi e sui principi contabili applicati;
  • i controlli campionari dovranno essere finalizzati ad ottenere la ragionevole sicurezza che i costi sostenuti siano supportati da idonea documentazione probativa e a verificare la corrispondenza di tale documentazione con le scritture contabili;
  • dovrà determinarsi una soglia di significatività (facendo questa volta riferimento al principio di revisione internazionale Isa Italia 320 adottato dal Mef), valutandone l’impatto in relazione al totale dei costi oggetto di revisione (e non in relazione al bilancio nel suo complesso);
  • per la redazione della relazione di revisione dovrà farsi riferimento alle linee guida indicate nel documento di ricerca n. 218 pubblicato da Assirevi ad aprile 2018, inerente alle attività di revisione contabile richieste per scopi specifici;
  • al termine del lavoro sarà opportuno ottenere una lettera di attestazione dalla Direzione;
  • nel caso in cui emergano dei rilievi (ad esempio qualora siano state verificate delle deviazioni rispetto ai criteri esposti nelle note esplicative del prospetto dei costi fornito dalla società) il revisore dovrà valutare se è in grado di esprimere le proprie conclusioni emettendo un giudizio con modifica o se la portata dei rilievi è tale da impedire la formulazione delle conclusioni.

Infine, per quel che concerne la documentazione del lavoro, il documento di ricerca si correda di un utile facsimile di relazione del revisore indipendente sul prospetto dei costi per il personale addetto alla ricerca e sviluppo (cfr. allegato A).

Per approfondire questioni attinenti all’articolo vi raccomandiamo il seguente corso:

L’impostazione dell’attività del revisore legale attraverso l’analisi di un caso operativo