15 Ottobre 2014

Accertamento e Contenzioso: nasce una nuova rivista

di Euroconference Centro Studi Tributari Scarica in PDF
La pubblicazione di una
rivista specifica dedicata all’
accertamento e contenzioso, in un panorama certamente variegato quale è il Fisco italiano e il connesso mondo del “commento scientifico”, porta il lettore attento inevitabilmente alle seguenti domande: perché una nuova rivista su tali argomenti? Qual è l’
obiettivo?
La rivista nasce in forza delle esperienze condivise sul piano professionale dai componenti del comitato scientifico di Euroconference e dal confronto con i partecipanti agli eventi formativi.
Chiunque, in maniera più o meno ripetuta, si è trovato ad affrontare problematiche connesse all’accertamento o al contenzioso tributario. L’
ambito è quanto mai complesso, caratterizzato da una miriade di disposizioni, dal mix di aspetti tipicamente legali da un lato e “ragionieristici” dall’altro, fino ad arrivare al coacervo di adempimenti e indicazioni di prassi non sempre semplici in cui districarsi. Il tutto, alla luce di una giurisprudenza in diverse occasioni “bizzarra”, dove nemmeno la Corte di Cassazione riesce talvolta a tracciare un percorso univoco e affidabile.
Ecco dunque l’idea di
analizzare a beneficio dei professionisti che se ne occupano, l’
evoluzione dei comparti sistematicamente individuati delle varie fasi che connotano l’ambito:
  • amministrativa e istruttoria preaccertativa;
  • accertativa pura;
  • deflattiva;
  • di riscossione;
  • contenziosa tributaria
  • e penal-tributaria.
Di riviste fiscali ve ne sono, ma una
riflessione specifica con tale suddivisione ancora non ha visto la luce. Il proponimento è di fornire uno strumento valido, sia di riflessione che operativo, per
supportare in maniera adeguata le scelte da effettuare, i comportamenti da adottare e le possibilità che si offrono nella gestione di tali delicate fasi del rapporto con l’Amministrazione finanziaria. In tale direzione non si mancherà di ricevere anche le interpretazioni, ancorché non istituzionali, dei rappresentanti dell’Amministrazione medesima, oltremodo utili proprio per ampliare la visione di fondo su cui basare le predette decisioni.
La conoscenza simultanea del
modus operandi del fisco, delle statuizioni e degli istituti normativi, del trend giurisprudenziale e delle eccezioni sollevabili a difesa del contribuente riteniamo possa essere una “base di partenza” ottimale, non soltanto per la costruzione di un valido percorso difensivo in fase contenziosa, quanto anche per la prevenzione e/o gestione dell’accertamento fiscale in fase di genesi. Prevenire i punti di debolezza o comunque saper rintuzzare, in maniera adeguata, le contestazioni mosse in sede di controllo rappresentano assunti fondamentali ai fini della
preparazione di un procedimento tributario con elevate possibilità di vittoria. L’alternativa è quella di ritrovarsi, come spesso si è avuto modo di riscontrare nelle esperienze pratiche, con situazioni profondamente minate alla base, vale a dire con elementi contabili, gestionali, economici, comportamentali e sostanziali tali da rendere, a prima vista, valide le conclusioni del fisco ed estremamente arduo e difficoltoso l’iter di tutela e garanzia.
In ciò si sostanzia l’obiettivo della Rivista, che non riteniamo essere ambizioso se adeguatamente ponderato.
  • Da un lato, non si ha la pretesa di essere esaustivi, essendo praticamente impossibile per chiunque una simile impresa: il sistema tributario italiano è talmente farraginoso e aperto a interpretazioni di vario genere che i cambi di rotta sono ormai all’ordine del giorno, potendosi tutt’al più tracciare delle linee guida principali.
  • Dall’altro, la Rivista dovrà necessariamente conservare un connotato pratico. Tecnicismi e approfondimenti saranno indispensabili e inevitabili, ma senza assumere “deviazioni” teoriche, lontane dalla realtà operativa e fini a se stesse.
Al centro della riflessione saranno poste le
novità normative e la più
recente giurisprudenza, di merito e di legittimità, sugli istituti procedurali e processuali, oltre che ovviamente l’analisi dell’iter endoprocedimentale che conduce dalle diverse tipologie di controllo espletate alla concretizzazione degli accertamenti.
L’idea di fondo è di consentire al consulente di disporre di un
osservatorio che fornisca l’esegesi sulle ultime novità, elemento assolutamente imprescindibile per chi intenda coltivare il diritto tributario dell’accertamento e processuale.
L’auspicio è quello di poter soddisfare le domande del lettore professionale evidenziate innanzi.
Il grado di soddisfacimento sarà misurato dal gradimento rivolto alla Rivista.