CONTROLLO

“Altri aspetti” nella relazione di revisione per i casi particolari

Il Documento di ricerca di Assirevi n. 198 si propone di fornire alcuni modelli di relazione relativi a specifici incarichi di revisione contabile di bilancio e di suggerire alcuni esempi con particolare riguardo all’uso del paragrafo intitolato “Altri aspetti” indicato dal Principio Isa Italia 706 in presenza di alcuni particolari casi che ricorrono con una…

Continua a leggere...

Gli “Altri aspetti” nella relazione del revisore

Il Principio di revisione Isa Italia 706, come abbiamo avuto già modo di evidenziare, oltre a trattare del paragrafo della relazione del revisore contenente i cd. “richiami di informativa”, ha per oggetto anche un ulteriore ed eventuale paragrafo aggiuntivo relativo ai cd. “altri aspetti”; si tratta di un paragrafo che ha la funzione di richiamare…

Continua a leggere...

I “richiami di informativa” nella nuova relazione del revisore

Il Principio di revisione Isa Italia 706 ha per oggetto i “richiami di informativa” ed i “paragrafi relativi ad altri aspetti”; si tratta di paragrafi aggiuntivi che possono essere inseriti, secondo il giudizio professionale del revisore, nella relazione del revisore indipendente sul bilancio d’esercizio. In particolare, si tratta rispettivamente delle seguenti fattispecie: quando il revisore…

Continua a leggere...

Per i bilanci 2015 relazione di revisione con giudizio “in chiaro”

I principi ISA Italia, applicabili già nella redazione della relazione di revisione dei bilanci 2015, permettono una maggiore comprensione dei giudizi, anche per i soggetti che non hanno grande dimestichezza nella lettura dei bilanci. La relazione deve essere necessariamente redatta in forma scritta e deve seguire la struttura prevista dal principio di revisione ISA Italia…

Continua a leggere...

Efficacia immediata per le dimissioni del sindaco

Un tema assai discusso in materia di controlli e di collegio sindacale attiene da sempre alla efficacia delle dimissioni di un sindaco effettivo, in particolare modo quando si verifica una situazione di inerzia degli amministratori con riguardo agli adempimenti pubblicitari previsti dalla legge. Infatti, l’art. 2400, co. 2, c.c., prescrive che la cessazione dall’ufficio del…

Continua a leggere...

Accertamento e sanzioni per chi sottoscrive la relazione sulla revisione

Il comma 5 dell’articolo 1 del D.P.R. 322 del 1998 stabilisce che la dichiarazione delle società e degli enti soggetti all’imposta sul reddito delle società sottoposti al controllo contabile ai sensi del codice civile o di leggi speciali è sottoscritta anche dai soggetti che sottoscrivono la relazione di revisione. La dichiarazione priva di tale sottoscrizione è valida,…

Continua a leggere...

La vigilanza dei sindaci non riguarda il “merito” della gestione

Nei confronti del Collegio sindacale sono come noto ipotizzabili due diverse tipologie di responsabilità con riguardo all’adempimento dei propri doveri. La prima, cd. “esclusiva”, è quella relativa alla violazione degli obblighi di verità delle proprie attestazioni, e di conservazione del segreto sui fatti e sui documenti di cui abbia avuto conoscenza nell’espletamento del mandato. Si…

Continua a leggere...

Con gli ISA Italia si rinnova la relazione del sindaco-revisore

I Principi di revisione ISA Italia, che si applicano per le revisioni legali dei conti a partire dai bilanci d’esercizio aventi inizio dal 1 gennaio 2016, dedicano alla relazione finale del revisore contenente il giudizio sul bilancio d’esercizio ben cinque (più uno) principi di revisione; si tratta precisamente dei seguenti documenti: Isa Italia n. 700:…

Continua a leggere...

Isa Italia nelle imprese minori: il documento applicativo del Cndcec

Il Cndcec ha pubblicato alla fine dell’anno 2015 il documento intitolato “L’applicazione dei principi di revisione internazionali (ISA Italia) alle imprese di dimensioni minori”. Si tratta di un aggiornamento sostanziale, anche per via dell’allineamento ai nuovi principi di revisione ISA Italia applicabili dai bilanci degli esercizi aventi inizio a partire dal 1 gennaio 2015, del…

Continua a leggere...

Il controllo di legalità del collegio sindacale

Nello svolgimento del proprio incarico i sindaci devono vigilare sull’adeguatezza e sul corretto funzionamento della struttura organizzativa, nonché sull’adeguatezza dell’assetto amministrativo. Un primo monitoraggio sull’adeguatezza della struttura organizzativa si articola attraverso la corrispondenza tra struttura decisionale, deleghe e poteri risultanti dalle delibere assembleari e consiliari con le risultanze comunicate al Registro delle imprese. La consapevolezza…

Continua a leggere...