PROFESSIONI

Le competenze trasversali cognitive

La figura del professionista classico, che dal proprio studio professionale eroga servizi consistenti nell’attuazione del vasto campo di conoscenze tecniche acquisite, ormai è tramontata e salvo quale caso di eccellenza richiede un restyling che porti a un’offerta a 360° e una velocità di analisi e soluzione del problema direttamente proporzionale alla velocità con cui il…

Continua a leggere...

OK è sempre OK?

Nel 1872 Charles Darwin scrisse un libro intitolato: “L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali”. Questa pubblicazione formò le fondamenta della ricerca e degli studi – ancora in corso – sul linguaggio del corpo e sul significato delle espressioni facciali. Da allora, gli scienziati hanno identificato quasi un milione di segnali non verbali, che si…

Continua a leggere...

“Chunking down”

“Chunking down” è un’espressione anglosassone che, nel linguaggio comune, significa “sbocconcellare” qualcosa di solido per poter meglio assorbire un’abbondante quantità di liquidi (un esempio: patatine e snack quando si bevono abbondanti aperitivi). Nel linguaggio della Programmazione Neurolinguistica, la definizione “chunking down” esprime la procedura di specificazione nel dettaglio degli elementi di un’informazione generale. Faccio un…

Continua a leggere...

Risate da sballo!

Negli Stati Uniti molti Istituti scolastici hanno scelto di invitare un particolare conferenziere che spiega agli studenti, al corpo docente e ai genitori una buona strategia per abbandonare l’uso di qualsiasi droga, l’abuso di alcool e di altre sostanze frastornanti. Soprattutto insegna la tattica per non cominciare nemmeno a farne uso. Il Dottor Matt Bellace…

Continua a leggere...

Le competenze trasversali personali: l’intelligenza emotiva

Un buon professionista, oltre che essere tecnicamente preparato, deve riuscire a scindere e a controllare le proprie emozioni, senza farsi coinvolgere e far trasparire, incidendo sui terzi, i propri stati d’animo. Quante volte nella propria vita professionale si sono riversate tensioni e malumori sul cliente successivo quando, al contrario, il vero destinatario avrebbe dovuto essere…

Continua a leggere...

Multitasking per abitudine o per forza?

Non ricordo un incontro a cui ho preso parte negli ultimi tempi, in cui non si sia verificata una particolare situazione: tutti i partecipanti prima o poi distolgono l’attenzione dal dialogo e la focalizzano sul proprio cellulare, sul tablet o sul PC. Ben poche persone oggi sono immuni dalla compulsione di monitorare continuamente i propri…

Continua a leggere...

Le convinzioni limitanti

Quando mi si chiedono informazioni sul mio lavoro, e io rispondo raccontando della formazione in aula, è facile che mi senta ribattere: “caspita, io non riuscirei mai a parlare di fronte a così tante persone sconosciute!”. Ma è proprio così? È assodato che parlare in pubblico richieda studio, volontà e tanta pratica, ma non è…

Continua a leggere...

Il ruolo del facilitatore nella formazione esperienziale

Il facilitatore è colui che guida un evento verso un risultato positivo. Come il nome suggerisce, il suo ruolo è quello di facilitare i processi di apprendimento. Nello specifico, il facilitatore pianifica, guida e gestisce l’evento di formazione esperienziale per assicurarsi che gli obiettivi individuali e di gruppo vengano raggiunti in modo efficace, chiaro, partecipativo…

Continua a leggere...

Il “modeling”

La programmazione neurolinguistica è la neuroscienza che si fonda sullo studio del linguaggio e dell’influenza che esso ha sul comportamento umano. Uno dei presupposti fondamentali è denominato “modeling”. Di cosa si tratta? Si parte da un concetto basilare, universalmente riconosciuto come vero: se qualcuno può fare qualcosa, chiunque altro può prenderlo a modello. Il modeling…

Continua a leggere...

Il ciclo di Kolb: un modello di apprendimento efficace

Secondo i più recenti studi neurobiologici, il nostro cervello acquisisce concetti, nozioni e relazioni molto più velocemente se è spinto a metterli in pratica, se li vive in prima persona. Infatti, il coinvolgimento fisico ed emotivo facilita l’attenzione e la memoria. Questa è la base su cui si è sviluppato l’apprendimento esperienziale. A questo proposito,…

Continua a leggere...