FINANZA

La settimana finanziaria

  IL PUNTO DELLA SETTIMANA: 29 marzo, inizia la Brexit   Gli indicatori economici suggeriscono una rinnovata tenuta dell’economia britannica in presenza di un aumento significativo dell’inflazione. Nei prossimi trimestri ci si attende un rallentamento dell’attività economica, la politica monetaria resta accomodante e pronta ad agire in entrambe le direzioni Gli effetti immediati dell’avvio formale…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

  IL PUNTO DELLA SETTIMANA: banche centrali prudenti nonostante il rialzo dell’inflazione   Il FOMC aumenta il costo del denaro ma previene un’eccessiva rimodulazione delle aspettative sui prossimi rialzi dei tassi La BoJ approfitta del rialzo dei tassi statunitensi per ribadire lo status di valuta di funding dello yen La BoE resta in bilico tra…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

  IL PUNTO DELLA SETTIMANA: La Cina rivede al ribasso l’obiettivo di crescita per il 2017 Il governo cinese segnala una maggior tolleranza verso una decelerazione della crescita La politica monetaria diventa piu’ restrittiva a fronte di una politica fiscale stabile Vi è la volontà di “mantenere stabile la posizione del Renminbi nel sistema monetario…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

IL PUNTO DELLA SETTIMANA: governativi in bilico tra due forze opposte, miglioramento macroeconomico e incertezza politica L’incertezza politica deprime i rendimenti obbligazionari, mentre il generalizzato miglioramento macro crea le condizioni per una rotazione dei portafogli. Nell’Area Euro le condizioni sono complicate sia dalle pressioni dovute alla scarsità di titoli tedeschi sia dall’aumento dell’inflazione headline. Suggeriamo…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

Per i creditori europei la maggior preoccupazione sembra essere quella di non creare nuove tensioni sul debito greco in una stagione fitta di appuntamenti elettorali. Il FMI ritiene inverosimile che l’economia greca possa raggiungere un avanzo primario a medio termine pari al 3,5% del PIL nel 2018. Ciò che cambia e che può influire sulla…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

IL PUNTO DELLA SETTIMANA: l’audizione del Presidente Yellen conferma in agenda il rialzo dei tassi per il 2017 “Rimandare per troppo tempo la stretta sui tassi sarebbe imprudente e potrebbe risultare dannoso per l’economia statunitense” L’agenda politica di Trump resta fonte di incertezza secondo la Federal Reserve  Il Presidente della Federal Reserve (Fed), Janet Yellen,…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

IL PUNTO DELLA SETTIMANA: le riserve valutarie cinesi, per la prima volta dal 2011, sotto la soglia di 3mila miliardi di dollari   Il deflusso di riserve valutarie cinesi è la conseguenza della decelerazione economica del paese e dei passi ufficiali in direzione della liberalizzazione del conto capitale della sua bilancia dei pagamenti. Per la…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

  IL PUNTO DELLA SETTIMANA: nel quarto trimestre del 2016 l’Area Euro tiene il passo con gli Stati Uniti   Nel quarto trimestre del 2016 l’espansione economica dell’Area Euro ha accelerato Negli Stati Uniti la longevità del ciclo economico ne sta penalizzando l’intensità  Come già anticipato dagli indici di sorpresa economica nelle prime settimane del…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

IL PUNTO DELLA SETTIMANA: la ridefinizione degli accordi commerciali degli Stati Uniti e i conseguenti effetti recessivi Nelle prossime settimane Trump dovrà definire la proposta di budget per il 2018, contestualizzare la riforma fiscale e chiarire la propria agenda sulla politica commerciale. Al momento i mercati sembrano credere alla sua promessa espansionistica, ma l’evoluzione della…

Continua a leggere...

La settimana finanziaria

IL PUNTO DELLA SETTIMANA: la BCE difende la propria decisione di dicembre e conferma il proprio bias espansivo  Nel meeting di gennaio, la BCE non ha modificato la propria strategia di politica monetaria ultra espansiva, confermando la correttezza della “ri-calibrazione” del piano d’acquisti di titoli dello scorso dicembre e lasciando inalterati i tassi di interesse….

Continua a leggere...