IVA

Novità in vista per i servizi digitali e le vendite a distanza di beni

In un precedente intervento è stato evidenziato che la proposta di Direttiva COM (2016) 757, con effetto dal 1° gennaio 2021, estende il regime speciale del MOSS, attualmente previsto per i servizi elettronici resi da soggetti stabiliti nella UE, ma non nel Paese membro di consumo, alle cessioni intracomunitarie di beni “a distanza”. Le soglie…

Continua a leggere...

La condizione del trasporto nelle cessioni intracomunitarie a distanza

L’attuale normativa Iva detta un regime particolare per le vendite in base a cataloghi, per corrispondenza e simili, ove effettuate nell’ambito dell’Unione europea nei confronti di “privati consumatori”. Come regola generale, è infatti prevista la tassazione nel Paese membro di destinazione, purché le vendite effettuate nel singolo Paese siano superiori ad una determinata soglia annua,…

Continua a leggere...

Approvato il modello di affidabilità per le estrazioni dal deposito

Il provvedimento AdE n. 57215 di ieri ha approvato il modello definitivo di dichiarazione sostitutiva che dovrà essere utilizzato dagli operatori dal 1° aprile 2017 per estrarre i beni dai depositi Iva emettendo fattura senza applicazione dell’imposta. Si ricorda, infatti, che ai sensi del D.M. 23.2.2017, recante le disposizioni attuative per l’estrazione dei beni introdotti…

Continua a leggere...

Modalità di estrazione dei beni dai depositi IVA dal 1° aprile 2017

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.M. 23 febbraio 2017 si rende necessario riepilogare le modalità di estrazione dei beni dai depositi IVA alla luce delle novità introdotte dalla L. n. 225/2016, di conversione del D.L. n. 193/2016, in vigore il 1° aprile 2017. Nulla cambierà se i beni sono estratti in dipendenza di…

Continua a leggere...

Istruzioni per l’estrazione dei beni dal deposito Iva

Dopo pochi giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.M. 23 febbraio 2017, recante le disposizioni attuative delle modifiche ai depositi Iva introdotte dal D.L. 193/2016, l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 35/E di ieri fornisce alcuni chiarimenti sulle modalità di compilazione della dichiarazione d’intento utilizzata per l’estrazione di beni dal deposito da parte dell’esportatore…

Continua a leggere...

Beni ceduti in esportazione dopo la lavorazione in altro Paese UE

Di particolare interesse sono le considerazioni svolte dal Comitato Iva nel WP n. 894 dell’8 febbraio 2016, sul trattamento Iva dell’esportazione di beni al termine della lavorazione effettuata, per conto del cliente non residente, in uno Stato membro diverso da quello del cedente. Lo schema considerato è quello in cui il soggetto A, stabilito nello…

Continua a leggere...

Inesigibilità credito Iva a seguito di esdebitazione: compatibile col diritto UE

La procedura di esdebitazione prevista dall’ordinamento nazionale, la quale consente a determinate circostanze di rendere inesigibile il credito Iva vantato dall’erario, è compatibile con l’ordinamento UE in materia di imposta sul valore aggiunto. È questo il contenuto della sentenza C-493/15 della Corte di giustizia depositata ieri. Il caso sottoposto all’attenzione del giudice comunitario, riguarda un…

Continua a leggere...

Non imponibilità delle esportazioni in triangolazione con clausola FOB

Nelle esportazioni in triangolazione, si pone il dubbio se il trattamento di non imponibilità IVA di cui all’articolo 8, comma 1, lett. a), del D.P.R. n. 633/1972 sia applicabile nell’ipotesi in cui la cessione avvenga con la clausola FOB (Free On Board). Si tratta del caso in cui il primo cedente italiano, che vende i…

Continua a leggere...

Regime IVA dell’adeguamento dei macchinari per conto del cliente estero

Nella prassi commerciale delle operazioni con l’estero può capitare che l’azienda, su richiesta dei propri clienti non residenti, realizzi specifiche attrezzature da aggiungere ai macchinari di proprietà per produrre articoli diversi rispetto a quelli normalmente venduti. Le variazioni vengono addebitate ai clienti come voce di costo che comprende la progettazione, lo studio di fattibilità, il…

Continua a leggere...

Superamento del plafond neutrale in capo all’esportatore abituale

L’Agenzia delle Entrate, con la recente risoluzione 16/2017, è nuovamente intervenuta sulle modalità di regolarizzazione degli acquisti senza applicazione dell’IVA oltre i limiti del plafond disponibile, chiarendo che la procedura basata sul computo della maggiore IVA in sede di liquidazione periodica può essere adottata entro il 31 dicembre dell’anno in cui si è realizzato lo…

Continua a leggere...