IVA

Identificazione IVA in altro Stato UE per operazioni in reverse charge

Le operazioni che, sul piano unionale, sono soggette al meccanismo del reverse charge sono previste dagli articoli 199 e 199-bis della Direttiva n. 2006/112/CE. Per le cessioni e le prestazioni ivi indicate, gli Stati membri dell’Unione europea possono stabilire che il debitore dell’IVA sia il destinatario dei beni e servizi, purché soggetto passivo. Ulteriori e…

Continua a leggere...

Gli effetti delle variazioni successive alla formazione del plafond

L’effetto temporale delle note di variazione sul plafond degli esportatori abituali deve essere attentamente valutato per evitare possibili contestazioni da parte dei verificatori. La causa della variazione, dovuta ad esempio al riconoscimento di uno sconto previsto contrattualmente, può sorgere nello stesso anno di formazione del plafond (anno 1), nell’anno del suo utilizzo (anno 2) o…

Continua a leggere...

Resi di beni in garanzia e fuori garanzia in ambito intra-UE

Nei rapporti intracomunitari, si pone il problema di come trattare i resi di beni a seconda che siano in garanzia o fuori garanzia. Innanzi tutto, la sostituzione in garanzia non dà luogo ad una operazione rilevante ai fini IVA, per cui sono esclusi da imposta i beni movimentati in esecuzione di un obbligo di garanzia,…

Continua a leggere...

Esportazione EXW per beni montati/assiemati dal cliente estero

Nella prassi commerciale può accadere che il fornitore nazionale emetta fattura al cliente non residente nell’Unione europea con resa EXW (Ex Works), con esportazione, a cura o a nome del soggetto estero, previo montaggio o assiemaggio. Di regola, con tale clausola Incoterm, l’operatore nazionale può emettere la fattura di vendita con la dicitura “operazione non…

Continua a leggere...

Aliquote Iva per suini e bovini fuori tempo massimo

Per il secondo anno consecutivo, il mondo dell’agricoltura e, in particolare, gli allevatori di suini e bovini, si trovano a navigare in un mare, già tempestoso, senza bussola e con il cielo coperto. Ma vediamo i termini della questione quali sono. Il Legislatore, da sempre, ha riservato al mondo dell’agricoltura un trattamento di favore in…

Continua a leggere...

Principio di unicità soggettiva per il gruppo Iva

Nell’ambito dell’attuazione della delega fiscale, di cui alla L. 23/2014, al Governo è stato devoluto il compito di riesaminare la disciplina dell’Iva di gruppo. La revisione proposta nell’ambito della riforma fiscale è volta all’attuazione del principio di unicità soggettiva previsto dalla normativa unionale, in quanto l’attuale sistema – regolato dall’articolo 73, comma 3, del D.P.R….

Continua a leggere...

Aliquota al 5% anche per il basilico surgelato

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 18/E di ieri è intervenuta per fornire gli opportuni chiarimenti in merito ad alcune delle novità introdotte, in materia di aliquote Iva, dalla L. 122/2016, la cd. legge Europea 2015-2016, concernente gli adempimenti degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea. Si ricorda, infatti, come, per quanto concerne la possibile…

Continua a leggere...

Il trasferimento del plafond Iva nella cessione/conferimento d’azienda

Il plafond, vale a dire il diritto di acquistare e di importare beni e servizi senza applicazione dell’Iva, può essere trasferito ad altri soggetti, ma con regole diverse a seconda dei casi. Con specifico riguardo al conferimento e alla cessione d’azienda o di un suo ramo, l’Amministrazione finanziaria, in un primo tempo, ha precisato che…

Continua a leggere...

Il nuovo regime sanzionatorio per le operazioni inesistenti

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16679 del 2016, è intervenuta chiarendo l’ambito applicativo del comma 9-bis.3 dell’articolo 6 del D.Lgs. 471/1997, come novellato dal D.Lgs. 158/2015, di riordino del sistema sanzionatorio. La norma in esame, nel disciplinare l’ipotesi di errata applicazione del reverse charge alle operazioni esenti, non imponibili o non soggette…

Continua a leggere...

Rimediare allo splafonamento: restano valide le vecchie procedure

Con la risoluzione 16/E di ieri l’Agenzia delle Entrate ha ribadito la propria posizione interpretativa in merito alle procedure utilizzabili dagli esportatori abituali per regolarizzare il c.d. “splafonamento”. È noto che l’articolo 8, comma 1, lettera c) del D.P.R. 633/1972 prevede la non imponibilità delle cessioni e delle prestazioni di servizi fatte agli esportatori abituali…

Continua a leggere...