IVA

Manovra correttiva: novità contrarie ai principi europei

A seguito delle novità introdotte con il D.L. 50/2017, convertito, con modificazioni, dalla Legge 96/2017, il diritto alla detrazione Iva può essere esercitato, al più tardi,  con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto, e le fatture di acquisto devono essere annotate nell’apposito registro anteriormente alla liquidazione periodica nella quale…

Continua a leggere...

Il destinatario finale guida il trattamento IVA della triangolazione

La sentenza della Corte di giustizia relativa alla causa C-386/16 del 26 luglio 2017 (Toridas) assume particolare interesse perché evidenzia, sia pure non esplicitamente, quale sia il limite applicativo dell’esenzione da IVA prevista nello schema della triangolazione comunitaria. Nella triangolazione comunitaria, intervengono tre soggetti identificati ai fini IVA in tre diversi Paesi membri dell’Unione europea….

Continua a leggere...

Detrazione Iva: fatture 2016 escluse dalle novità

A seguito delle novità introdotte con il D.L. 50/2017, convertito con modificazioni dalla L. 96/2017: è stato ridotto il termine per il diritto alla detrazione Iva (in quanto, ai sensi del riformato articolo 19, comma 1, D.P.R. 633/1972, “il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati … è esercitato al…

Continua a leggere...

Non imponibilità IVA per i trasporti di beni in importazione

La non imponibilità IVA prevista dall’articolo 9, comma 1, n. 2), del D.P.R. n. 633/1972 per i “trasporti relativi a beni in importazione i cui corrispettivi sono assoggettati all’imposta a norma dell’articolo 69, comma 1” si giustifica perché la prestazione corrispondente alla tratta nazionale – che, in ragione del principio di territorialità, costituirebbe un’operazione imponibile…

Continua a leggere...

Territorialità IVA del prestito di personale

Con la R.M. n. 502712/1973, è stato precisato che i prestiti di personale dipendente effettuati fra società del medesimo gruppo non realizzano i presupposti per l’applicazione dell’IVA, sempreché le somme pagate dalla società utilizzatrice del servizio siano esattamente commisurate alla retribuzione spettante al dipendente “prestato” ed ai relativi oneri previdenziali e assistenziali. La successiva R.M….

Continua a leggere...

La rivalsa dell’Iva

Mediante la rivalsa il soggetto passivo cedente o prestatore addebita l’Iva al proprio acquirente, che se soggetto privato rimane inciso dall’imposta, mentre se trattasi di altro operatore può recuperare l’Iva mediante l’esercizio della detrazione. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Iva”, una apposita Scheda di…

Continua a leggere...

Il plafond IVA per i servizi internazionali

L’articolo 9, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972 stabilisce che “le disposizioni del secondo e terzo comma dell’articolo 8 si applicano con riferimento all’ammontare complessivo dei corrispettivi delle operazioni indicate nel precedente comma, anche per gli acquisti di beni, diversi dai fabbricati e dalle aree edificabili e di servizi fatti dai soggetti che effettuano le…

Continua a leggere...

Note di variazione e plafond Iva

Per l’esportatore abituale che ha verificato il relativo status, il limite di acquisti che possono essere effettuati senza applicazione dell’Iva è pari all’ammontare delle operazioni che rilevano ai fini dello status di esportatore abituale (ossia cessioni all’esportazione, cessioni intracomunitarie ed operazioni assimilate, servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali) registrate nell’anno solare precedente. Ai fini…

Continua a leggere...

Le forniture di software in ambito intra-UE ed extra-UE

Di regola, ai fini IVA, la cessione del software standardizzato, cioè realizzato in serie, dà luogo ad una cessione di beni, mentre la cessione del software personalizzato, vale a dire prodotto sulla base delle specifiche esigenze dell’acquirente, integra una prestazione di servizi. Per ciò che riguarda il software standardizzato, l’utilizzo del canale telematico per la…

Continua a leggere...

Split payment: pubblicati gli elenchi definitivi delle società

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha pubblicato ieri sul proprio sito gli elenchi definitivi per l’anno 2017 delle società controllate da pubbliche Amministrazioni centrali e locali, nonché delle società quotate incluse nell’indice FTSE MIB, tenute all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti. Gli elenchi tengono conto delle segnalazioni pervenute a seguito delle informazioni divulgate…

Continua a leggere...