IMPOSTE INDIRETTE

Il valore da dichiarare in successione per il fabbricato rurale

In sede di dichiarazione di successione i fabbricati rurali, come individuati ai sensi dell’articolo 9, commi 3 e 3-bis, D.L. 557/1993, devono essere dichiarati con indicazione della relativa rendita catastale, tuttavia, il valore imponibile da esporre è pari a zero. Questo è lo scenario che si viene a determinare quando erede è un soggetto che…

Continua a leggere...

Fideiussioni e decreti ingiuntivi: Registro proporzionale al 3%

Il decreto ingiuntivo recante la “condanna al pagamento di somme o valori”, ottenuto dal fideiussore nei confronti del debitore principale nell’ambito dell’azione di regresso, è soggetto ad imposta di registro proporzionale nella misura del 3%, ai sensi dell’articolo 8 della tariffa, parte I, del D.P.R. 131/1986, “senza involgere l’applicazione del principio di alternatività Iva/registro”. È…

Continua a leggere...

Fiscalità indiretta secondaria nell’assegnazione agevolata

La riapertura al 30 settembre 2017 delle operazioni di assegnazione agevolata degli immobili diversi da quelli strumentali per destinazione ci consente di ritornare sul tema della fiscalità indiretta secondaria e in particolare sulla disciplina che riguarda le imposte di registro, ipotecarie e catastali dovute in occasione di tali operazioni senza corrispettivo. Mentre dal versante Iva…

Continua a leggere...

Agevolazione “prima casa” e nuda proprietà su altra casa di abitazione

In materia di agevolazione prima casa occorre prestare particolare attenzione alle condizioni oggettive e soggettive richieste dalla nota II-bis all’articolo 1 della Tariffa, Parte I, allegata al D.P.R. 131/1986. Ciò in quanto la presenza di taluni elementi non esaminati approfonditamente (come la sussistenza del regime di comunione o la titolarità di diritti reali su altri beni…

Continua a leggere...

L’attività di B&B con la partita Iva

Come già messo in evidenza in altri interventi, il bed and breakfast (B&B) è un’attività ricettiva di tipo extralberghiero che offre un servizio di alloggio e prima colazione per un numero limitato di camere e/o posti letto utilizzando parti dell’abitazione privata del proprietario, con periodi di apertura annuale o stagionale. Dal punto di vista fiscale, a…

Continua a leggere...

Le partecipazioni sociali nella successione

Uno dei temi che genera molte incertezze in materia di imposta sulle successioni è la corretta valorizzazione delle quote sociali e delle azioni. Tema a cui è poi connessa l’altra (non meno delicata) questione inerente all’esenzione dall’imposta in caso di trasferimento di quote sociali e di azioni a favore dei discendenti o del coniuge del…

Continua a leggere...

Prima casa nello stesso Comune non impedisce l’agevolazione

Con la circolare 27/E/2016 l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in materia di fiscalità immobiliare e, per quanto ci interessa, anche in tema di agevolazione per l’acquisto della “prima casa” con applicazione dell’Iva al 4% (oltre ad imposte di registro, ipotecaria e catastale pari ad euro 200 cadauna) o dell’imposta di registro al 2%…

Continua a leggere...

L’attività di affittacamere: aspetti generali

Il contratto di affittacamere, al pari del contratto di residence, è un contratto atipico, a prestazioni corrispettive e a contenuto misto. In tale rapporto giuridico le parti pattuiscono l’affitto di una camera, con anche erogazione di alcuni determinati servizi, la cui regolamentazione rientra nei contratti di somministrazione di servizi e prestazioni d’opera e che aumenta…

Continua a leggere...

Il contratto di residence: differenze rispetto ai B&B e alle locazioni

Il contratto di alloggio in residence rientra nella categoria giuridica dei contratti atipici, a prestazioni corrispettive, con contenuto misto. Essendo come detto un negozio atipico – e cioè non disciplinato organicamente sia dal codice civile, sia da una norma (legge) speciale – trova la sua legittimazione giuridica nel disposto del secondo comma dell’articolo 1322 del…

Continua a leggere...

Prima casa e mancato trasferimento per cause di forza maggiore

Con la sentenza 6.8.2015, n. 16568, la Corte di Cassazione ha affermato che non si realizza la decadenza dall’agevolazione per l’acquisto della prima casa quando il mancato trasferimento della residenza entro 18 mesi (quale condizione per fruire dell’agevolazione stessa) è dovuto a forza maggiore, fatto che, automaticamente, non può escludersi ove il tutto sia dipeso…

Continua a leggere...