ENTI NON COMMERCIALI

Ridisegnati gli adempimenti e le scadenze per gli enti non commerciali

Dal punto di vista legislativo, l’ultima parte dell’anno è tradizionalmente un periodo di intensa produzione normativa che spesso impatta anche sugli adempimenti dell’anno successivo. Non fa eccezione quest’anno, anzi. Grazie al decreto fiscale 193/2016 convertito dalla L. 225/2016 ed alla legge di Bilancio 2017 (al momento non ancora pubblicata sulla “Gazzetta Ufficiale” ma approvata in…

Continua a leggere...

Un emendamento approvato in commissione ma non in aula … un peccato

La sesta commissione della Camera (Finanze), su proposta del Presidente, aveva approvato lo scorso 10 novembre un emendamento al disegno della legge di bilancio 2017 che non è stato però accolto nella bozza del provvedimento legislativo. Va detto che quanto proposto avrebbe meritato, forse, ad avviso di chi scrive, maggiore considerazione per gli indubitabili effetti…

Continua a leggere...

Agevolazioni per le bande, i cori e le filodrammatiche

Tra i soggetti legittimati ad applicare le disposizione della L. 398/1991 sono comprese: le associazioni sportive dilettantistiche; le associazioni senza fini di lucro; le pro-loco; le associazioni bandistiche e cori amatoriali, filodrammatiche, di musica e danza popolare legalmente costituite senza fini di lucro. Per quest’ultima categoria l’estensione è stata espressamente disposta dall’articolo 2, comma 31,…

Continua a leggere...

Impianto sportivo quale opera di urbanizzazione secondaria

L’articolo 4 della L. 847/1964, integrato dall’articolo 44 della L. 865/1971, elenca, tra le opere di urbanizzazione secondaria, alla lettera f), gli “impianti sportivi di quartiere”. Ai fini della qualificazione come tali, come prescrive anche la C.M. 14/1981, è necessario che tali immobili siano realizzati in funzione, ossia al servizio, di zone urbanizzate o da…

Continua a leggere...

Quando una ASD supera la prova dell’accertamento

La sentenza n. 340 del 13 settembre 2016, emessa dalla sez. V della Commissione Tributaria Provinciale di Treviso offre un compendio di massime relative a diverse questioni che, negli ultimi tempi, hanno interessato la giurisprudenza tributaria in materia di associazioni sportive dilettantistiche. Vediamole nel dettaglio. La denominazione L’articolo 90 della L. 289/2002, al comma 17,…

Continua a leggere...

Cara associazione, ti scrivo

Sono tempi duri per le associazioni sportive, non c’è che dire. Tra i controlli fiscali sensibilmente aumentati negli ultimi tempi e la legge delega di riforma del Terzo settore (L. 106/2016) che non li prende nemmeno in considerazione, gli enti associativi che svolgono attività nei confronti dei propri soci si interrogano sul proprio futuro e,…

Continua a leggere...

Le associazioni in 398 saranno obbligate al “nuovo” spesometro?

L’articolo 4 del D.L. 193/2016 ha modificato, a decorrere dal prossimo anno, le regole per la comunicazione di alcuni dati all’Agenzia delle Entrate. Nello specifico, com’è ormai noto (e salvo modifiche in sede di conversione del provvedimento), scomparirà la comunicazione annuale delle operazioni rilevanti ai fini Iva (cosiddetto spesometro), per fare posto a due comunicazioni…

Continua a leggere...

Ancora sullo scopo di lucro nello sport

Una recente sentenza della CTR di Roma (sez. 6 n. 4273/VI/16 del 28.06.2016) ci consente di tornare (si veda “Lo sport e l’assenza di scopo di lucro”) su uno dei punti cardine della disciplina del terzo settore in generale e, in particolare, del mondo dello sport: il concetto di assenza di scopo di lucro. Il legislatore…

Continua a leggere...

Lo sport e il canone ricognitorio sui beni demaniali marittimi

Una recentissima sentenza del Consiglio di Stato (sez. VI n. 4103 del 5 ottobre 2016) ci consente di affrontare il tema dei canoni che le associazioni devono assolvere per la concessione di aree, pertinenze demaniali marittime e specchi d’acqua. In particolare, il tema appare di estremo interesse per tutte quelle associazioni che prevedono l’utilizzo di…

Continua a leggere...

Chiarimenti con dubbi nei casi di omessa presentazione del modello EAS

Lo scorso 29 settembre, con la risposta fornita in occasione di una interrogazione parlamentare, la n. 5-09617, l’Agenzia delle entrate si è pronunciata in merito all’adempimento telematico che gli enti non commerciali devono osservare entro 60 giorni dalla data di costituzione, qualora intendano mantenere le agevolazioni previste per tale comparto tanto ai fini redditi quanto…

Continua a leggere...