FISCO E PATRIMONIO

Il valore da dichiarare in successione per il fabbricato rurale

In sede di dichiarazione di successione i fabbricati rurali, come individuati ai sensi dell’articolo 9, commi 3 e 3-bis, D.L. 557/1993, devono essere dichiarati con indicazione della relativa rendita catastale, tuttavia, il valore imponibile da esporre è pari a zero. Questo è lo scenario che si viene a determinare quando erede è un soggetto che…

Continua a leggere...

Il punto sul meccanismo applicativo dell’IRI

La nuova imposta sul reddito d’impresa – cd. IRI – introdotta dalla legge di Bilancio per il 2017 è stata oggetto, in questi primi mesi dell’anno, di numerosi contributi che ne hanno analizzato le caratteristiche principali. Con il presente intervento si vuole fare il punto sulla disciplina anche alla luce dei chiarimenti forniti in occasione…

Continua a leggere...

Spesometro 2017: la comunicazione diventa semestrale

Novità in arrivo per lo spesometro 2017. Con l’approvazione in via definitiva del decreto Milleproroghe (D.L. 244/2016), di cui si attende la sola pubblicazione in Gazzetta Ufficiale prevista entro fine mese, diventa “semestrale“, per il primo anno di applicazione (2017), il nuovo obbligo di trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute. L’adempimento dovrà…

Continua a leggere...

Individuazione del paradiso fiscale: nuovi criteri anche per il passato

La legge di Stabilità 2016, con efficacia dal 1 gennaio 2016, ha introdotto radicali modifiche alla normativa CFC ed al regime di tassazione integrale dei dividendi paradisiaci. Nello specifico, sono cambiate le modalità di individuazione dei Paesi a fiscalità privilegiata (articolo 167, comma 4, del Tuir) in quanto oggi non occorre fare riferimento, come accadeva…

Continua a leggere...

Identificazione IVA in altro Stato UE per operazioni in reverse charge

Le operazioni che, sul piano unionale, sono soggette al meccanismo del reverse charge sono previste dagli articoli 199 e 199-bis della Direttiva n. 2006/112/CE. Per le cessioni e le prestazioni ivi indicate, gli Stati membri dell’Unione europea possono stabilire che il debitore dell’IVA sia il destinatario dei beni e servizi, purché soggetto passivo. Ulteriori e…

Continua a leggere...

Lettere d’intento soft: ulteriori conferme

È noto che tra pochi giorni debutterà il nuovo modello delle lettere d’intento approvato con il provvedimento direttoriale del 2 dicembre 2016. La circolare n. 5/2017 di Assonime emanata nella giornata di ieri esamina la nuova disciplina confermando alcuni indirizzi operativi forniti nei giorni scorsi su Euroconferencenews. Si ricorda che la modifica apportata al modello…

Continua a leggere...

Gli effetti delle variazioni successive alla formazione del plafond

L’effetto temporale delle note di variazione sul plafond degli esportatori abituali deve essere attentamente valutato per evitare possibili contestazioni da parte dei verificatori. La causa della variazione, dovuta ad esempio al riconoscimento di uno sconto previsto contrattualmente, può sorgere nello stesso anno di formazione del plafond (anno 1), nell’anno del suo utilizzo (anno 2) o…

Continua a leggere...

Fideiussioni e decreti ingiuntivi: Registro proporzionale al 3%

Il decreto ingiuntivo recante la “condanna al pagamento di somme o valori”, ottenuto dal fideiussore nei confronti del debitore principale nell’ambito dell’azione di regresso, è soggetto ad imposta di registro proporzionale nella misura del 3%, ai sensi dell’articolo 8 della tariffa, parte I, del D.P.R. 131/1986, “senza involgere l’applicazione del principio di alternatività Iva/registro”. È…

Continua a leggere...

Perizie di stima: l’importanza del chiaro “processo valutativo”

Ogni processo di valutazione di un’azienda deve essenzialmente fondarsi su alcuni basilari presupposti: la razionalità della “funzione del valore”; la dimostrabilità dei dati utilizzati; la chiarezza dell’esposizione delle semplificazioni, delle ipotesi e delle stime soggettive; la verifica dell’impatto sul valore delle semplificazioni, ipotesi o stime alternative. Il primo punto è domandarsi: che cos’è la “funzione…

Continua a leggere...

Prorogato l’invio dei dati delle spese per interventi edilizi

Gli amministratori di condominio possono inviare i dati relativi alle spese di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico sulle parti comuni, che saranno utilizzati per l’elaborazione della dichiarazione precompilata 2017, fino al prossimo 7 marzo. Lo ha annunciato ieri l’Agenzia delle Entrate con apposito comunicato stampa. Si ricorda che, in relazione agli interventi di recupero…

Continua a leggere...