LAVORO E PREVIDENZA

Le “imprese” sportive e l’inquadramento dei lavoratori

Con una recente decisione (sentenza n. 766/2016 del 28.11.2016) il Tribunale di Bologna ha delineato, in maniera del tutto condivisibile, il discrimine tra quali siano le attività di carattere motorio classificabili come sportive e, come tali, le cui prestazioni siano inquadrabili, ai fini previdenziali, tra quelle della gestione ex Enpals, e quelle, invece, rientranti tra…

Continua a leggere...

Ancora sul lavoro sportivo dilettantistico

Il comunicato del consiglio nazionale del Coni, svoltosi lo scorso 20 dicembre, indica, tra le delibere approvate all’unanimità quella relativa al: “Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche-Elenco discipline sportive ammissibili”. Dietro questa apparente “formalità” si nasconde, invece, una rivoluzione epocale per chi segue gli aspetti giuridico – amministrativi legati allo sport. Infatti per…

Continua a leggere...

L’ispettorato del lavoro sulle prestazioni sportive dilettantistiche

Il neocostituito ispettorato nazionale del lavoro ha emanato, con propria lettera circolare del primo dicembre, protocollo 1/2016, le proprie indicazioni operative sul trattamento, ai fini previdenziali, dei compensi erogati dalle società e associazioni sportive dilettantistiche. La presa di posizione appare quanto mai opportuna alla luce degli ondivaghi orientamenti fino ad oggi ricavabili dalla giurisprudenza in…

Continua a leggere...

Transazione con l’ex dipendente e sanzioni contributive

A seguito dell’avvenuta conciliazione tra le parti (azienda e dipendente), il datore di lavoro non è tenuto a pagare le sanzioni civili connesse all’omissione contributiva. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 17645 del 6 settembre 2016 che ha giudicato il ricorso presentato dall’Inps come inammissibile, annullando la cartella di pagamento…

Continua a leggere...

Retribuzioni convenzionali a effetti limitati in ambito previdenziale

La Cassazione con la sentenza n. 17646 del 6 settembre scorso è intervenuta a dirimere l’annosa questione della utilizzabilità o meno delle c.d. “retribuzioni convenzionali” in ambito previdenziale anche in caso di distacco del lavoratore dipendente in Paesi previdenzialmente convenzionati con l’Italia. La pronuncia è di particolare interesse, anche in considerazione del fatto che ribalta…

Continua a leggere...

Depenalizzazione parziale dell’omesso versamento delle ritenute

Con l’approvazione del D.Lgs. 8/2016, attuativo della legge 67/2014, entrato in vigore dal 6 febbraio 2016, il Legislatore ha riscritto il sistema sanzionatorio legato all’omesso versamento delle ritenute previdenziali, prevedendo due diverse fattispecie sanzionatorie legate al quantum dell’omissione compiuta dal datore di lavoro. Più in particolare, la novella ha sostituito, per il tramite dell’introduzione dell’articolo…

Continua a leggere...

Le associazioni e le prestazioni occasionali in loro favore

Le prestazioni “di lavoro autonomo non esercitate abitualmente” o quelle legate a “assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere”, i cui compensi rientrano tra i redditi diversi di cui all’articolo 67, primo comma, lett. m), del Tuir, costituiscono, dal primo gennaio di quest’anno, alla luce della previsione dell’articolo 2 del D.Lgs. 81/2015, le…

Continua a leggere...

Detassazione: le istruzioni dell’Agenzia agevolano il welfare

In data 15 giugno 2016 è stata diramata l’attesa circolare dell’Agenzia dell’Entrate, d’intesa con il Ministero del Lavoro, relativa alla detassazione per i premi di produttività e, in particolare, alla possibilità corrispondere, in sostituzione delle retribuzioni premiali, benefit e misure di welfare. Il voluminoso documento emanato dall’Ufficio in primo luogo definisce l’ambito di applicazione dell’agevolazione,…

Continua a leggere...

Ancora sul lavoro sportivo dilettantistico

La sezione lavoro della Corte d’Appello di Bologna, con la propria sentenza n. 250/2016, pubblicata lo scorso sette giugno, si unisce al filone interpretativo inaugurato dal Ministero del Lavoro e sul quale, prima della decisione in esame, si erano già espressi in senso conforme i Giudici di secondo grado di Firenze e di Milano. La…

Continua a leggere...

Detassazione avanti piano

Sarà il fatto che, a partire dal 2016, la detassazione è diventata strutturale, sarà la sua complessità, dovuta essenzialmente all’allaccio con l’attuale tema/esigenza del welfare aziendale, ma la lentezza con cui si sta definendo il quadro operativo sta creando non pochi problemi alle imprese, soprattutto medie e piccole, che vorrebbero, viceversa, istituire forme incentivanti retributive…

Continua a leggere...