CASI CONTROVERSI

Omessi versamenti periodici e credito Iva: ancora dubbi

Gli ultimi giorni di gestione della dichiarazione Iva vengono lasciati normalmente alla ricerca, in extremis, della soluzione dei casi incagliati. A dispetto di quanto poteva apparire da una prima lettura della soluzione tracciata dalla circolare 42/E/2016 § 4.3, anche quest’anno si ripresenta l’annosa questione di come gestire la presentazione della dichiarazione del soggetto con versamenti…

Continua a leggere...

Dichiarazioni di intento più disinvolte

Il prossimo 1° marzo entrerà in vigore la nuova modulistica delle dichiarazioni d’intento, così come riformata dal provvedimento AdE del 2 dicembre scorso. Sull’apparente inutilità di tali modifiche avevamo già formulato alcune osservazioni lo scorso dicembre (“Lettere d’intento e “processo alle intenzioni”) all’indomani delle precisazioni fornite dalla risoluzione 120/E/2016. Tale tesi, di fatto, risulta ora…

Continua a leggere...

Complicazioni dall’anticipo del modello IVA

La dichiarazione IVA per l’anno 2016 dovrà essere trasmessa entro il prossimo 28 febbraio. Non sembrano realistiche, al momento, ipotesi di proroga di questo termine; non si tratta di non accogliere le istanze degli operatori (comunque subissati dagli adempimenti) ma, semplicemente, di dover ottemperare alle prescrizioni comunitarie che richiedono la fornitura di dati di sintesi…

Continua a leggere...

Confini più certi per le comunicazioni IVA

L’anno 2017 sarà caratterizzato dall’avvio del nuovo metodo di invio periodico dei dati IVA, in sostituzione e completamento dell’invio dello “spesometro” vecchia maniera e di altre comunicazioni, quali quelle relative agli acquisti senza IVA da San Marino, alle operazioni con paesi black list (abrogato già con decorrenza 2016) e agli intra acquisti (peraltro con la…

Continua a leggere...

Semplificati e regime per cassa: proviamo con meno pregiudizi?

Nel corso della giornata del Master Breve nella quale si analizzano le novità della legge di Bilancio 2017, non vi è ombra di dubbio su quale sia stato l’argomento mattatore: la nuova contabilità semplificata per cassa. Lo testimoniano i tanti quesiti ricevuti che, molto spesso, valutano la novità in relazione agli aggravi che ne possono…

Continua a leggere...

Semplificati e regime per cassa: ipotesi pure o spurie?

Abbiamo ormai preso già tutti consapevolezza delle difficoltà che accompagneranno il nuovo regime per cassa dei contribuenti semplificati; basterebbe già questo per ribadire la inopportunità di avere inserito un regime obbligatorio e non facoltativo. Infatti, da un lato passa il tormentone della definizione, quale quella del “semplificato per cassa”, mentre – per altro verso –…

Continua a leggere...

Nuova IRI: momento di rilevanza dei prelievi

Una delle novità che interessa gli studi professionali nei primi mesi dell’anno 2017 è certamente quella della valutazione di convenienza all’applicazione del regime IRI per i clienti dello studio. La possibilità di applicare una flat tax in misura pari al 24% affascina l’imprenditore che, tuttavia, non sempre comprende che: non sempre è semplice effettuare una…

Continua a leggere...

Rottamazione: che il condono non si trasformi in condanna

Sulle pagine di EC News abbiamo più volte toccato il tema della rottamazione per evidenziare alcune stranezze e iniquità del provvedimento. Parimenti, abbiamo anche messo in luce la necessità di chiarimenti interpretativi (si pensi al caso dei contenziosi pendenti e della rinuncia alla lite) su alcuni lati ancora oscuri della norma. Nell’attesa, però, gli studi…

Continua a leggere...

Lettere d’intento e “processo alle intenzioni”

Si va verso la chiusura d’anno ed il clima natalizio invade anche la rubrica dei casi controversi. In questo intervento proviamo a valutare se si possa intravedere qualche comportamento controverso in seno all’Agenzia delle Entrate. È noto che, dal prossimo anno, dovranno cambiare le abitudini in tema di gestione delle lettere di intento; il tema…

Continua a leggere...

Accordi particolari e ricadute sulla competenza

Siamo normalmente portati a credere che vi siano alcuni principi per la determinazione del reddito di impresa oramai acquisiti nel DNA dei professionisti; sembrerebbero – dunque – non meritevoli di attenzione e approfondimento. Tuttavia, le varie casistiche pratiche che si possono presentare, ci inducono talvolta a valorizzare l’importanza di tali principi, valutando con attenzione le…

Continua a leggere...