RISCOSSIONE

La rottamazione delle cartelle per i soggetti in rateazione

Con la conversione nella L. 225/2016 del D.L. 193/2016, avvenuta in data 1° dicembre 2016, ha trovato definitiva applicazione la nota procedura di rottamazione delle cartelle di pagamento, con alcune novità rispetto alla versione iniziale, non da ultimo la possibilità di accedere alla rottamazione per i carichi affidati all’Agente della riscossione nell’intervallo temporale compreso tra…

Continua a leggere...

La rottamazione delle cartelle

L’articolo 6 del D.Lgs. 193/2016 ha introdotto la possibilità sino a tutto il 2016 per i contribuenti che abbiano carichi di ruolo impagati di fruire di un regime di definizione agevolata. Questo consiste nella possibilità di definire le pendenze con il versamento delle somme iscritte a ruolo a titolo di capitale, di interessi legali e…

Continua a leggere...

Incognita rottamazione per le liti in corso

La rottamazione dei ruoli sembra ormai aver assunto il suo assetto definitivo e attende solo di entrare nella fase operativa. La norma conduce ad una definizione agevolata, aperta a qualsiasi contribuente sia persona fisica che giuridica, di tutti i ruoli affidati all’Agente della riscossione (dunque rileva l’effettiva consegna ad Equitalia e non la data di…

Continua a leggere...

Le istruzioni dell’Agenzia per riprendere la rateazione

La circolare dell’Agenzia delle entrate n. 41/E di ieri fornisce le istruzioni per avvalersi della possibilità, prevista dall’articolo 13-bis del D.L. 133/2016, di ottenere un nuovo piano di rateazione una volta che si è decaduti da una precedente dilazione. Trattasi di un’opportunità che scade il prossimo 20 ottobre. Il documento, in particolare, individua l’ambito di…

Continua a leggere...

Riammissione alla rateazione per i ruoli scaduti al 30 giugno 2016

Con la pubblicazione della L. 160/2016 di conversione del D.L. 113/2016 sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 20 agosto 2016, i contribuenti che sono decaduti dal beneficio della rateizzazione con Equitalia entro il 30 giugno 2016, possono chiedere una nuova dilazione delle somme non ancora versate senza avere l’obbligo di pagare integralmente le rate scadute…

Continua a leggere...

Riammissione alle rateazioni: domanda entro il prossimo 20 ottobre

Lo scorso 21 agosto 2016 è entrata in vigore la L. 160/2016, di conversione del D.L. 113/2016, recante – tra le altre – una serie di importanti novità per i soggetti decaduti da una precedente rateazione con l’agente della riscossione per il pagamento di debiti erariali e/o contributivi. Va ricordato che, soprattutto per i soggetti…

Continua a leggere...

La compensazione dei crediti verso la P.A. con ruoli scaduti

La Legge di Stabilità per il 2016 (articolo 1, comma 129, L. 208/2015) ha prorogato anche per l’anno 2016 la possibilità di compensare le somme riferite a cartelle esattoriali con crediti commerciali vantati verso la pubblica Amministrazione. Il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 27 giugno 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161…

Continua a leggere...

Il concetto di “lieve inadempimento”

I Giudici di Piazza Cavour, con la sentenza n. 9176, del 6 maggio 2016, hanno fornito importanti chiarimenti in ordine all’applicabilità dell’articolo 15-ter, D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, introdotto dall’articolo 3, D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 159, e cioè la disposizione sul c.d. lieve inadempimento, che ricorre ogni qualvolta ritardi di breve durata ovvero…

Continua a leggere...

Inadempimento meno lieve se la prima rata scade tra il 1° e il 20 agosto

Quando la prima rata del piano di rateazione scade nel periodo compreso tra il 1° e il 20 agosto, i 7 giorni di ritardo scusabili, che consentono di rimanere nel lieve inadempimento, decorrono comunque dal 20 agosto. Lo ha chiarito la circolare dell’Agenzia delle entrate n. 17/E di ieri che ha fornito chiarimenti sulla disciplina…

Continua a leggere...

La sospensione o il differimento degli obblighi tributari

Nel caso di eventi eccezionali e imprevedibili è prevista, ai sensi dell’articolo 9, secondo comma, della L. 212/2000, la facoltà, con Decreto del Ministro delle finanze, sentito il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, di sospendere o differire i termini per l’adempimento degli obblighi tributari. Con l’introduzione del comma 2-bis, disposta dal…

Continua a leggere...