ISTITUTI DEFLATTIVI

Cedolare secca: ravvedi, ma non troppo

Nella terza giornata del Master Breve abbiamo affrontato il tema delle sanzioni e ci pare assolutamente proficuo il confronto con i colleghi di tutta Italia; sono emerse, infatti, talune problematiche che meriterebbero una pronta soluzione. Come abbiamo ormai capito, con il nuovo corso dell’Agenzia delle Entrate (ormai noto con lo slogan “cambia verso”) il contribuente…

Continua a leggere...

Inviti a sanare le anomalie dichiarazione Iva-spesometro del 2013

Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato ai fini Iva per l’anno 2013 un volume d’affari discordante rispetto al dato che emergerebbe prendendo a riferimento le operazioni comunicate dai propri clienti attraverso lo spesometro, riceveranno a breve una comunicazione personalizzata del Fisco contenente l’invito a regolarizzare l’anomalia. Lo ha annunciato il provvedimento n. 221446…

Continua a leggere...

Mirino sugli iscritti AIRE

La previsione normativa (articolo 7, D.L. 193/2016) che ha riaperto i termini della voluntary disclosure porta in dote il rafforzamento dei controlli nei confronti delle persone fisiche iscritte all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE). Il ragionamento è molto semplice: a fronte di coloro che hanno regolarizzato (o regolarizzeranno) la propria posizione accedendo alla procedura di…

Continua a leggere...

Vedi e ravvedi

Il 26 novembre 2016 il MEF ha diffuso l’atto di indirizzo per il triennio 2017-2019. Tra le pieghe di tale documento troviamo la precisa indicazione della volontà di estendere ulteriormente l’ambito di applicazione del ravvedimento operoso, che da strumento spontaneo diventerà dunque, a maggior ragione, strumento di compliance dell’Agenzia delle Entrate, a conferma di quel…

Continua a leggere...

La nuova “geografia” della voluntary-bis

Come avvenuto nella precedente edizione della voluntary, la regolarizzazione di capitali illecitamente detenuti in Paesi inclusi nelle black list del 4.5.1999 e del 21.11.2001, che siano divenuti collaborativi assicurando un effettivo scambio di informazioni, gode di una serie di benefici sintetizzabili nel blocco del raddoppio dei termini di accertamento e delle sanzioni previsto sia ai…

Continua a leggere...

A regime il termine “lungo” per l’integrativa a favore

Dopo giorni di attesa è stata pubblicata nel Supplemento ordinario n. 55/L alla Gazzetta Ufficiale di ieri la L. 225/2016 di conversione del D.L. 193/2016 recante “disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili”. Tra le modiche che hanno suscitato maggior interesse vi è senz’altro quella relativa alla possibilità per i…

Continua a leggere...

La nuova conciliazione giudiziale: effetti sulle liti in corso

Il decreto di riforma del processo tributario, D.Lgs. 156/2015, ha rivitalizzato notevolmente il procedimento di conciliazione giudiziale, scindendo il vecchio articolo 48 del D.Lgs. 546/1992 e introducendo disposizioni comuni ai fini della definizione e del pagamento delle somme dovute a seguito della conclusione dell’accordo. Per effetto di tali modifiche il nuovo impianto normativo dell’istituto risulta…

Continua a leggere...

La voluntary bis “punta” sui contanti

Una delle novità più interessanti della voluntary-bis è rappresentata dalla disciplina ad hoc introdotta con riferimento alla regolarizzazione di denaro contante detenuto in Italia (c.d. “voluntary nazionale”).  A differenza di quanto ipotizzato inizialmente, tuttavia, non è stato previsto alcun meccanismo forfettario di tassazione del contante e, di conseguenza, l’appeal della VD in merito a questa…

Continua a leggere...

Voluntary bis con ambito temporale “elastico”

In attesa che il D.L. 193/2016 venga definitivamente approvato e dopo il voto di fiducia posto dalla Camera, possono formularsi le prime considerazioni con riferimento agli anni di imposta oggetto della voluntary–bis. Le violazioni sanabili grazie alla riapertura dei termini sono quelle commesse entro il 30 settembre 2016 e dunque devono essere regolarizzati i periodi…

Continua a leggere...

Le cause ostative alla voluntary si eliminano con il ravvedimento

La riapertura della nuova voluntary disclosure precede una campagna di persuasione dei contribuenti prevalentemente fondata sugli accordi e convenzioni internazionali stipulati con i paesi “irriducibili”. Da ultimo abbiamo assistito alle operazioni denominate Panama Papers (un fascicolo riservato composto da 11,5 milioni di documenti confidenziali) e Torre d’Avorio (analisi di operazioni bancarie intrattenute da 30.000 soggetti…

Continua a leggere...