ISTITUTI DEFLATTIVI

Le novità del D.L. 50/2017 sulla voluntary-bis

Nella versione convertita del D.L. 50/2017 trovano spazio, nell’articolo 1-ter, anche alcune modifiche sul filo di lana alla voluntary-bis le cui istanze, come noto, devono essere presentate entro il prossimo 31 luglio. Tali modifiche, peraltro, non sono state commentate dalla recente circolare AdE 19/E/2017 in quanto la c.d. “Manovrina” non aveva ancora concluso l’iter parlamentare…

Continua a leggere...

Definizione liti pendenti estesa ai ricorsi notificati sino al 24 aprile

L’articolo 11 del D.L. 50/2017 (cd. Manovra correttiva) ha introdotto la definizione agevolata delle liti fiscali, al fine di deflazionare il contenzioso tributario in cui è parte l’Agenzia delle Entrate. Com’è noto, previa domanda del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio o di chi vi è subentrato o ne ha la legittimazione, le…

Continua a leggere...

Autoliquidazione con sanzioni “soft” nella voluntary-bis

Panama va considerato come Paese black list “senza accordo”. Il waiver in caso di capitali in Svizzera non è più necessario. Il cumulo giuridico per le sanzioni in tema di monitoraggio fiscale di fatto non trova applicazione pratica. Niente maggiorazioni a carico del contribuente che opta per l’autoliquidazione in caso di riqualificazione giuridica della fattispecie…

Continua a leggere...

In arrivo le comunicazioni “multiredditi” dall’Agenzia delle Entrate

Con provvedimento n. 91828 del 12 maggio 2017 l’Agenzia delle Entrate dà attuazione all’articolo 1, commi 634-636, L. 190/2014, mettendo a disposizione dei contribuenti informazioni riguardanti possibili anomalie dei redditi, al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di compliance tra Amministrazione finanziaria e contribuenti, stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari e favorire l’emersione spontanea…

Continua a leggere...

Cooperative compliance: il Fisco individua le disposizioni operative

Con il provvedimento 101573 di ieri, le Entrate fissano le disposizioni attuative del regime di adempimento collaborativo (cd. cooperative compliance) disciplinato dall’articolo 3 e ss. D.Lgs. 128/2015, il cui obiettivo è promuovere e instaurare un rapporto di fiducia tra Amministrazione finanziaria e contribuente, che miri a un aumento del livello di certezza sulle questioni fiscali…

Continua a leggere...

Dichiarazione Iva omessa o anomala: in arrivo gli alert del Fisco

Con il provvedimento n. 85373 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha reso note le modalità con cui verranno segnalate ai contribuenti le possibili irregolarità relative alla omessa presentazione della dichiarazione Iva 2017 (relativa al periodo d’imposta 2016) oppure alla erronea presentazione della stessa con la compilazione del solo quadro VA. Ma procediamo con ordine. Soggetti…

Continua a leggere...

Voluntary bis: sanzioni più basse per le annualità recenti

La nuova edizione della voluntary disclosure contiene una disposizione secondo cui il pagamento delle somme dovute in occasione della procedura produce i medesimi effetti degli articoli 5-quater e 5-quinquies, D.L. 167/1990 anche per l’ammontare delle sanzioni e “(…) anche in deroga all’articolo 3 del D.Lgs. 472/1997” (principio cd. del favor rei). Ciò è quanto sancisce…

Continua a leggere...

Accertamento con adesione e sospensione feriale dei termini

È stata pubblicata in Dottryna la scheda che approfondisce l’istituto dell’accertamento con adesione. È noto che tale strumento consente al contribuente di prendere parte alla determinazione, in contraddittorio con l’Amministrazione finanziaria, della pretesa fiscale a suo carico, evitando l’insorgere di una lite tributaria. Esso si sostanzia in un accordo tra Ufficio e contribuente destinatario di…

Continua a leggere...

Interpello nuovi investimenti nella risoluzione 4/E/2017

Con la risoluzione 4/E/2017, la Direzione Centrale Normativa dell’Agenzia delle Entrate ha fornito la prima risposta a seguito di un interpello sui “nuovi investimenti”, procedura recentemente introdotta dall’articolo 2 del D.Lgs. 147/2015 anche conosciuto come “decreto internazionalizzazione”. Com’è noto, tale decreto ha introdotto una nuova tipologia d’interpello, diversa da quelle contemplate nell’articolo 11 dello Statuto…

Continua a leggere...

Monitoraggio e voluntary: chi ha pagato le sanzioni guarda al rimborso

Il Fisco italiano non si smentisce e ad ogni occasione valida ribadisce il noto motto “chi tardi arriva meglio alloggia”, tradotto in termini pratici con l’altrettanto nota massima che a pagare (e a fare gli adempimenti) c’è sempre tempo, posto che è abitudine del bel paese introdurre norme di sanatoria di vario tipo. In questi…

Continua a leggere...