CONTENZIOSO

Il (complicato) rapporto tra processo tributario e processo penale

Il rapporto tra processo tributario e processo penale è regolato segnatamente dall’articolo 20 D.Lgs. 74/2000, secondo cui “il procedimento amministrativo di accertamento ed il processo tributario non possono essere sospesi per la pendenza del procedimento penale avente ad oggetto i medesimi fatti o fatti dal cui accertamento comunque dipende la relativa definizione”. Tale norma sancisce…

Continua a leggere...

Bonus Irpef da Iva anche per immobili ceduti da imprese di ripristino

A partire dai prossimi modelli dichiarativi sarà possibile fruire della detrazione Irpef del 50% dell’Iva pagata per l’acquisto di immobili residenziali. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia in esame, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Misure agevolative”, la relativa Scheda di studio. Il presente contributo tratta nello specifico i requisiti soggettivi…

Continua a leggere...

Atti impositivi autonomamente impugnabili

Per la proposizione del ricorso tributario è fondamentale individuare gli atti impositivi autonomamente impugnabili dinanzi alle Commissioni tributarie. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia in esame, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Contenzioso”, la relativa Scheda di studio. Il presente contributo individua nel dettaglio gli atti impositivi autonomamente impugnabili e i…

Continua a leggere...

Costituzione in giudizio della parte ricorrente

La costituzione in giudizio della parte ricorrente e della parte resistente è disciplinata rispettivamente dagli articoli 22 e 23 D.Lgs. 546/1992, i quali ne individuano procedure operative, termini e documenti da depositare. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia in esame, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Contenzioso”, la relativa Scheda di…

Continua a leggere...

La quantificazione del contributo unificato sugli atti giudiziari

Il contributo unificato rappresenta la tassa da pagare per la presentazione di un ricorso tributario. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia in esame, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Contenzioso”, la relativa Scheda di studio. Il presente contributo analizza le modalità di determinazione e quantificazione del contributo dovuto nei diversi gradi…

Continua a leggere...

La Cassazione si esprime sull’imposta di registro complementare

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 2400 del 31 gennaio 2017, intervenendo in tema di accertamento dell’imposta di registro, ha statuito che l’imposta di registro liquidata dall’Ufficio a seguito dell’accertata insussistenza dei presupposti del trattamento agevolato previsto per i piani particolareggiati va qualificata come imposta complementare, non rientrando nelle altre fattispecie, positivamente definite,…

Continua a leggere...

Sull’Agente della riscossione l’onere di chiamare in causa l’ente impositore

Nella ipotesi in cui il contribuente proponga ricorso avverso un atto tributario solo nei confronti dell’Agente della riscossione, l’onere di chiamare in causa l’ente creditore grava in capo a quest’ultimo, senza che il giudice adito debba ordinare l’integrazione del contraddittorio. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con ordinanza 3 marzo 2017, n….

Continua a leggere...

L’estinzione del processo per cessazione della materia del contendere

L’estinzione del processo tributario determina la conclusione del giudizio prima che si giunga a una definizione delle stesso. Al fine di approfondire i diversi aspetti dell’istituto in esame, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Contenzioso”, la relativa Scheda di studio. Il presente contributo tratta il procedimento di estinzione nella particolare ipotesi in cui si…

Continua a leggere...

Raccomandata informativa anche per la notifica al coniuge convivente

In caso di notifica dell’atto tributario a persona diversa dal destinatario è obbligatorio l’invio e la ricezione della raccomandata informativa al contribuente, non essendo sufficiente la semplice spedizione. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con sentenza del 3 febbraio 2017, n. 2868. La pronuncia trae origine dalla proposizione di un ricorso per…

Continua a leggere...

Se presumi, presumo pure io

La sentenza della Corte di Cassazione 30 marzo 2017 n. 8279 affronta la delicata questione del regime probatorio applicabile alle indagini finanziarie. Si ricorda brevemente che, secondo una giurisprudenza che può oramai dirsi consolidata, laddove l’Amministrazione finanziaria ponga a base dell’accertamento tributario le risultanze di una indagine sui conti e sui depositi bancari, dette risultanze…

Continua a leggere...