CONTENZIOSO

Se presumi, presumo pure io

La sentenza della Corte di Cassazione 30 marzo 2017 n. 8279 affronta la delicata questione del regime probatorio applicabile alle indagini finanziarie. Si ricorda brevemente che, secondo una giurisprudenza che può oramai dirsi consolidata, laddove l’Amministrazione finanziaria ponga a base dell’accertamento tributario le risultanze di una indagine sui conti e sui depositi bancari, dette risultanze…

Continua a leggere...

L’obbligo di comunicazione dell’iscrizione di ipoteca

Con la sentenza n. 4587 depositata in data 22 febbraio 2017, la Quinta Sezione Tributaria della Corte di Cassazione è tornata a occuparsi del tema relativo alla validità dell’iscrizione ipotecaria su beni immobili in assenza del preventivo contradditorio tra le parti. In particolare, l’oggetto della controversia riguardava l’impugnazione proposta avverso l’avviso di iscrizione ipotecaria emesso…

Continua a leggere...

Il procedimento di interruzione del processo tributario

L’interruzione del processo consiste nell’arresto temporaneo del suo svolgimento al verificarsi di un determinato evento, al fine di assicurare l’effettività del contraddittorio. In ambito tributario, tali eventi sono individuati nell’articolo 40 D.Lgs. 546/1992, il quale prevede che il processo è interrotto se si verifica: il venir meno, per morte o altre cause, o la perdita…

Continua a leggere...

Il concetto di colpa nell’abbandono dei rifiuti

Con la sentenza n. 2675 del 21.11.2016 il TAR Sicilia Palermo ha avuto modo pronunciarsi in tema di responsabilità per abbandono e deposito dei rifiuti prevista dall’articolo 192 D.Lgs. 152/2006, in base al quale sono vietati l’abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo, così come l’immissione di rifiuti di qualsiasi…

Continua a leggere...

La sospensione del processo tributario per pregiudizialità

La sospensione del processo consiste nell’arresto temporaneo del suo svolgimento al verificarsi di un determinato evento. In ambito tributario, tali eventi sono individuati dall’articolo 39 del D.Lgs. 546/1992, il quale prevede che la sospensione possa essere disposta nel caso in cui: sia proposta la querela di falso o una questione sullo stato o sulla capacità…

Continua a leggere...

Le modalità di risarcimento del danno ambientale

La liquidazione del danno ambientale per equivalente è esclusa dalla data di entrata in vigore della L. 97/2013, ma il giudice può ancora conoscere della domanda pendente in applicazione della nuova formulazione dell’articolo 311 del D.Lgs. 152/2006, testo unico delle norme in materia ambientale (come modificato prima dall’articolo 5-bis, comma 1, lettera b), del D.L….

Continua a leggere...

Estinzione del giudizio di cassazione in caso di definizione agevolata

Il giudizio di cassazione deve essere dichiarato estinto, con compensazione integrale delle spese di lite, nella ipotesi in cui il contribuente abbia aderito alla definizione agevolata ex articolo 6 D.L. 193/2016, presentando contestualmente una rinuncia agli atti per mancanza di interesse alla prosecuzione del giudizio. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione, con…

Continua a leggere...

I poteri delle commissioni tributarie

Al fine di approfondire la disciplina del processo tributario è stata pubblicata in Dottryna la scheda autorale che tratta in modo esaustivo i diversi poteri delle commissioni tributarie. Al fine di fornire uno strumento pratico e di sintesi, si propone un estratto della scheda di studio nell’ambito della quale si ripercorrono i principali poteri istruttori…

Continua a leggere...

L’inversione dell’onere probatorio negli accertamenti bancari

Con la sentenza n. 711 depositata in data 13 gennaio 2017, la Quinta Sezione Tributaria della Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi della questione relativa ad accertamenti bancari basati su indagini finanziarie. In particolare, nel caso in esame, il contribuente aveva proposto ricorso avanti la CTP avverso l’avviso di accertamento emesso dall’Ufficio sulla base…

Continua a leggere...

I criteri valutativi dell’abuso del diritto in dogana

In applicazione dei principi sanciti dalla Corte di giustizia dell’Unione europea, con sentenza del 14 aprile 2016, causa C-131/14, Cervati e Malvi, compete in ogni caso al giudice nazionale verificare, in concreto, se il meccanismo mediante il quale un importatore tradizionale, che non disponga di un titolo nell’ambito del contingente GATT, si rivolga ad un…

Continua a leggere...