ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO

Raccomandata informativa anche per la notifica al coniuge convivente

In caso di notifica dell’atto tributario a persona diversa dal destinatario è obbligatorio l’invio e la ricezione della raccomandata informativa al contribuente, non essendo sufficiente la semplice spedizione. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con sentenza del 3 febbraio 2017, n. 2868. La pronuncia trae origine dalla proposizione di un ricorso per…

Continua a leggere...

La natura sanzionatoria della confisca per equivalente

Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente non richiede l’esistenza di un collegamento fra il bene oggetto della misura cautelare ed il reato dal momento che riveste una natura esclusivamente sanzionatoria. In tale senso si è pronunciata la Corte di Cassazione nella sentenza 7180/2017 nella quale viene richiamato il costante indirizzo della giurisprudenza di…

Continua a leggere...

Sequestro preventivo anche per i premi delle polizze vita già versati

In tema di reati tributari, il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente può avere ad oggetto anche i premi delle polizze vita già versati aventi come beneficiario il coniuge dell’indagato. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con sentenza del 13 marzo 2017, n. 11945. Nel caso di specie, ad un soggetto…

Continua a leggere...

Se presumi, presumo pure io

La sentenza della Corte di Cassazione 30 marzo 2017 n. 8279 affronta la delicata questione del regime probatorio applicabile alle indagini finanziarie. Si ricorda brevemente che, secondo una giurisprudenza che può oramai dirsi consolidata, laddove l’Amministrazione finanziaria ponga a base dell’accertamento tributario le risultanze di una indagine sui conti e sui depositi bancari, dette risultanze…

Continua a leggere...

L’obbligo di comunicazione dell’iscrizione di ipoteca

Con la sentenza n. 4587 depositata in data 22 febbraio 2017, la Quinta Sezione Tributaria della Corte di Cassazione è tornata a occuparsi del tema relativo alla validità dell’iscrizione ipotecaria su beni immobili in assenza del preventivo contradditorio tra le parti. In particolare, l’oggetto della controversia riguardava l’impugnazione proposta avverso l’avviso di iscrizione ipotecaria emesso…

Continua a leggere...

Differenze inventariali minime legittimano l’accertamento

In caso di contestazione da parte dell’Amministrazione finanziaria di differenze inventariali, le istruzioni contenute nei documenti di prassi operano nei confronti dei verificatori in fase accertativa, ma non possono influenzare il giudizio sulla legittimità dell’accertamento una volta che questo sia stato compiuto, rendendosi di fronte ad esso applicabili solo le norme del D.P.R. 441/1997, che…

Continua a leggere...

Il procedimento di interruzione del processo tributario

L’interruzione del processo consiste nell’arresto temporaneo del suo svolgimento al verificarsi di un determinato evento, al fine di assicurare l’effettività del contraddittorio. In ambito tributario, tali eventi sono individuati nell’articolo 40 D.Lgs. 546/1992, il quale prevede che il processo è interrotto se si verifica: il venir meno, per morte o altre cause, o la perdita…

Continua a leggere...

La dichiarazione fraudolenta è reato di pericolo e di mera condotta

Il delitto di dichiarazione fraudolenta mediante utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti si connota come reato di pericolo e di mera condotta, che si perfeziona nel momento in cui la dichiarazione è presentata agli uffici finanziari e prescinde dal verificarsi dell’evento di danno. È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con sentenza del…

Continua a leggere...

Redditometro senza forma scritta per le donazioni

Considerata la finalità propria dell’accertamento sintetico del reddito, inteso alla ricostruzione della effettiva capacità contributiva del soggetto accertato sulla base della disponibilità di beni e servizi, non può assumere rilievo limitativo di tale verifica la mancata adozione della forma prescritta per la opponibilità a terzi delle donazioni. È questo il principio sancito dalla Corte di…

Continua a leggere...

Voluntary bis: sanzioni più basse per le annualità recenti

La nuova edizione della voluntary disclosure contiene una disposizione secondo cui il pagamento delle somme dovute in occasione della procedura produce i medesimi effetti degli articoli 5-quater e 5-quinquies, D.L. 167/1990 anche per l’ammontare delle sanzioni e “(…) anche in deroga all’articolo 3 del D.Lgs. 472/1997” (principio cd. del favor rei). Ciò è quanto sancisce…

Continua a leggere...