ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO

La Cassazione torna ad esprimersi sul tema IRAP

Con l’ordinanza n. 25853 del 15 dicembre 2016 la Sezione Sesta della Corte di Cassazione ha statuito che in caso di riconoscimento della rilevanza impositiva ai fini IRAP del reddito professionale, devono essere disapplicate le sanzioni per obiettiva incertezza normativa. Nella vicenda in esame un ragioniere commercialista aveva impugnato una cartella, emessa ai sensi dell’articolo…

Continua a leggere...

Condono e recupero del credito d’imposta: si esprimono le SS.UU.

Con l’ordinanza n. 25092 del 7.12.2016 la Corte di Cassazione ha rimesso al Primo Presidente gli atti di un’impugnazione promossa da una società nei confronti dell’Agenzia delle Entrate per la valutazione dell’eventuale assegnazione del ricorso alle Sezioni Unite. L’oggetto della remissione riguardava gli effetti del perfezionamento del c.d. condono tombale fruito ai sensi dell’articolo 9…

Continua a leggere...

La notifica della cartella irregolare è sanata dall’impugnazione

Con la sentenza n. 24408 depositata in data 30 novembre 2016, la Quinta Sezione Tributaria della Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi del tema relativo alle conseguenze della irregolarità della notifica della cartella di pagamento. In particolare l’oggetto della controversia riguardava la notifica da parte dell’Agenzia delle Entrate della cartella di pagamento a una…

Continua a leggere...

La definizione agevolata dei carichi: rottamare ma non troppo

È noto che l’articolo 6 del D.L. 193/2016 ha introdotto un regime di definizione agevolata dei carichi di ruolo impagati che sono stati affidati dall’Ente impositore (Agenzia delle Entrate, INPS, ecc.) a Equitalia entro il 31 dicembre 2016. La norma in parola introduce un regime opzionale di favore per il contribuente, garantendogli la possibilità di…

Continua a leggere...

Riaprono i termini per aderire alla collaborazione volontaria

È noto che il D.L. 193/2016, tra i vari interventi, ha previsto la riapertura dei termini per aderire alla procedura di collaborazione volontaria (cd. “voluntary-bis”). Al riguardo, si ricorda che l’adesione alla voluntary-bis prevede il pagamento integrale, in un’unica soluzione o in tre rate mensili, delle somme dovute a titolo di maggiori imposte, sanzioni ed…

Continua a leggere...

La rottamazione dei tributi locali

È noto che, oltre alle cartelle di pagamento riguardanti imposte dirette e indirette, possono essere oggetto di rottamazione anche i ruoli riferiti ai tributi locali e alle violazioni del codice della strada; per questi ultimi è doveroso segnalare che la c.d. “rottamazione” è limitata agli interessi. Per quanto riguarda i tributi locali, la rottamazione è…

Continua a leggere...

La Cassazione ribadisce l’illegittimità dell’accertamento anticipato

La Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, è tornata nuovamente a pronunciarsi in tema di avvisi di accertamento “anticipati” con la sentenza n. 25692 del 14.12.2016. Nel caso in esame, attraverso l’applicazione degli studi di settore, l’Agenzia delle Entrate, con tre distinti avvisi di accertamento, aveva rettificato i redditi di impresa dei soci di una società….

Continua a leggere...

Il vizio di omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio

Con l’ordinanza n. 14152 dell’11 luglio 2016, la Sesta sezione civile si è pronunciata in tema di ricorso per Cassazione e ha affermato che il vizio motivazionale previsto dall’articolo 360, comma 1, n. 5, c.p.c., ricorre solo qualora, alla luce dei fatti ricostruiti dal ricorrente nel rispetto del principio di autosufficienza del ricorso medesimo, risulti…

Continua a leggere...

Litisconsorzio necessario e riunione dei giudizi

Il ricorso tributario proposto, anche avverso un solo atto impositivo, da uno dei soci o dalla società riguarda inscindibilmente sia la società che tutti i soci, salvo il caso in cui questi prospettino questioni personali, sicché tutti questi soggetti devono essere parte dello stesso procedimento e la controversia non può essere decisa limitatamente ad alcuni…

Continua a leggere...

Rilevanza penale solo con l’evasione tributaria

È noto che per effetto della delega contenuta nella L. 23/2014 è stato emanato il D.Lgs. 128/2015 sulla “certezza del diritto” che ha introdotto il nuovo articolo 10-bis della L. 212/2000, quest’ultima disciplinante le disposizioni in materia di “statuto dei diritti del contribuente”. Tale norma ha provveduto a fondere il concetto di abuso del diritto…

Continua a leggere...