ACCERTAMENTO E CONTENZIOSO

Rottamazione: rientro dalla sospensione con sorpresa

La rottamazione dei ruoli è entrata nella fase finale: entro lo scorso 15 giugno Equitalia doveva infatti comunicare ai debitori che hanno presentato la domanda di definizione agevolata secondo le disposizioni del D.L. 193/2016 l’ammontare complessivo delle somme dovute, nonché quello delle singole rate e il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di…

Continua a leggere...

Il reclamo avverso il decreto di inammissibilità del ricorso

Quando sussistono gravi vizi del ricorso afferenti per lo più a questioni processuali, il presidente di sezione, in sede di esame preliminare, ne pronuncia, con decreto soggetto a reclamo, l’inammissibilità. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Contenzioso”, la relativa Scheda di studio. Il presente contributo…

Continua a leggere...

Ammissibile l’appello proposto da soggetto non presente in primo grado

La legittimazione ad impugnare la sentenza spetta, indipendentemente dalla realtà processuale, anche a chi sia qualificabile come parte in base alla stessa sentenza impugnata, con la conseguenza che il soggetto direttamente raggiunto da una sentenza, che si ponga all’esito di un giudizio nel quale non sia stato convenuto, ha diritto di impugnare tale sentenza. È…

Continua a leggere...

La cartella notificata alla società in liquidazione coatta è nulla

La liquidazione coatta amministrativa è una procedura concorsuale disciplinata in linea generale dagli articoli 194 e seguenti della Legge Fallimentare del 1942, oltre che da norme di carattere speciali. Tale istituto è volto a tutelare prevalentemente un interesse di ordine pubblico correlato alla natura o all’attività dell’impresa stessa (es. banche, assicurazioni, società cooperative e consorzi…

Continua a leggere...

L’esibizione di documenti in fase di accesso

La recente sentenza della Cassazione n. 10527 del 28.04.2017 fornisce una interessante occasione per riflettere sulla mancata esibizione di documentazione in sede di verifica fiscale, successivamente inutilizzabile laddove sia constatata coscienza e volontà del rifiuto di esibizione. Considerata la delicatezza del momento di verifica, tenendo in considerazione che le verifiche fiscali, nella prassi, se svolte…

Continua a leggere...

Ricorso ammissibile anche senza deposito della ricevuta di spedizione

Nel processo tributario, non costituisce motivo di inammissibilità del ricorso o dell’appello, che sia stato notificato direttamente a mezzo del servizio postale universale, il fatto che il ricorrente o l’appellante, al momento della costituzione in giudizio entro il termine di trenta giorni dalla ricezione della raccomandata da parte del destinatario, depositi l’avviso di ricevimento del…

Continua a leggere...

La produzione di documenti nel processo tributario

Il decreto del processo tributario (D.Lgs. 546/1992) contiene delle specifiche disposizioni che regolano la produzione dei documenti, l’integrazione dei motivi della causa e la presentazione di memorie illustrative. Al fine di approfondire questi diversi aspetti, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Contenzioso”, una apposita Scheda di studio. Il presente contributo tratta nello specifico la…

Continua a leggere...

Autoliquidazione con sanzioni “soft” nella voluntary-bis

Panama va considerato come Paese black list “senza accordo”. Il waiver in caso di capitali in Svizzera non è più necessario. Il cumulo giuridico per le sanzioni in tema di monitoraggio fiscale di fatto non trova applicazione pratica. Niente maggiorazioni a carico del contribuente che opta per l’autoliquidazione in caso di riqualificazione giuridica della fattispecie…

Continua a leggere...

Gli effetti della conciliazione giudiziale dinanzi al giudice tributario

La conciliazione giudiziale è uno strumento deflattivo del contenzioso attraverso cui è possibile definire totalmente o parzialmente la controversia pendente dinanzi al giudice tributario, anche attraverso la fattiva opera di collaborazione e di incentivazione da parte degli organi giudicanti. A seguito delle modifiche apportate dal D.Lgs. 156/2015, gli articoli 48 e 48-bis D.Lgs. 546/1992 prevedono…

Continua a leggere...

L’accertamento analitico nel reddito d’impresa

L’accertamento analitico rappresenta la regola generale da seguire nell’attività di accertamento del reddito imponibile e del volume d’affari dei contribuenti, realizzato attraverso la puntuale ricostruzione di ciascuna categoria reddituale e di ogni singola operazione rilevante ai fini dell’Iva. Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in Dottryna, nella sezione “Accertamento”,…

Continua a leggere...