Massimiliano Tasini

Ultimi articoli a cura di: Massimiliano Tasini
giustizia2-3

Verifiche fiscali: alcuni punti fermi

La sentenza 2055, depositata lo scorso 27 gennaio 2017 dalla Quinta Sezione Tributaria della Suprema Corte, costituisce un ottimo punto di riferimento per fotografare alcuni orientamenti via via consolidatisi e che possono dirsi oramai punti fermi. Un focus sugli stessi appare sicuramente opportuno, anche per non lanciare false speranze ai clienti a fronte di potenziali…

Continua a leggere...
giustizia2-3

Verso un vero processo tributario

Dire che il processo tributario è un vero processo può sembrare una affermazione sorprendente. Ma ad essere sinceri, qualche volta siamo stati un po’ delusi; certo, in tutti i processi si potrebbe incontrare un Giudice che non ha intenzione di dare spazio alla discussione; che, innervosito da alcuni atteggiamenti del difensore si infervora; che non…

Continua a leggere...
professionista2

Se vedi, rottami … ma forse la nebbia è ancora fitta

È sempre così. Quando i provvedimenti importanti vengono emanati con decreti legge, i danni rischiano di essere maggiori dei benefici. L’obiettivo, o come in questo caso gli obiettivi – togliere dai tavoli dei Giudici tante liti e prepararsi alla scomparsa di Equitalia – vengono travolti. Perché un provvedimento avente forza di legge deve essere chiaro;…

Continua a leggere...
professionista2

Cedolare secca: ravvedi, ma non troppo

Nella terza giornata del Master Breve abbiamo affrontato il tema delle sanzioni e ci pare assolutamente proficuo il confronto con i colleghi di tutta Italia; sono emerse, infatti, talune problematiche che meriterebbero una pronta soluzione. Come abbiamo ormai capito, con il nuovo corso dell’Agenzia delle Entrate (ormai noto con lo slogan “cambia verso”) il contribuente…

Continua a leggere...
mani

Vedi e ravvedi

Il 26 novembre 2016 il MEF ha diffuso l’atto di indirizzo per il triennio 2017-2019. Tra le pieghe di tale documento troviamo la precisa indicazione della volontà di estendere ulteriormente l’ambito di applicazione del ravvedimento operoso, che da strumento spontaneo diventerà dunque, a maggior ragione, strumento di compliance dell’Agenzia delle Entrate, a conferma di quel…

Continua a leggere...
giustizia1-1

Sequestro a maglie larghe

La sentenza della Cassazione n. 39767, depositata all’esito dell’udienza dello scorso 21 luglio 2016, costituisce l’occasione per tornare sulla delicata questione della sfera di applicazione del sequestro, nella fattispecie finalizzata alla confisca di prevenzione patrimoniale. La vicenda riguarda una ordinanza pronunciata dal Tribunale di Napoli con la quale era stata rigettata la richiesta di riesame…

Continua a leggere...
mondo3

Collaborazione internazionale senza più confini

L’idea, romanticamente sostenuta da taluni, che portare all’estero i propri danari sia cosa “buona e giusta” a fronte di una politica spendaccione e dissennata, in realtà nasconde “quasi” sempre la naturale conseguenza del tentativo di sottrarre all’Erario imponibili a tassazione. È però noto che la collaborazione internazionale tra autorità è un meccanismo oramai collaudato, e…

Continua a leggere...
casa4-1-1

Società di comodo nel settore immobiliare

Com’è noto la disciplina delle società non operative è nata con l’obiettivo specifico di colpire le società c.d. “schermo”, ossia quelle strutture giuridiche create ad hoc dal contribuente senza una reale finalità imprenditoriale, ma con l’unico scopo di celare beni patrimoniali dei soci i quali restano, tuttavia, nella loro disponibilità pur senza una formale intestazione….

Continua a leggere...
professionista3-1

La motivazione dell’atto impositivo

Credo che almeno una vicenda su tre che passa sotto gli occhi dei Giudici Tributari sia connotata da una eccezione in tema di motivazione dell’atto impositivo. Devo dire che, quando durante le udienze tributarie, parliamo di questo argomento, la sensazione che si trae è, in più di qualche occasione, quella di sufficienza: “ancora di questo…

Continua a leggere...
grafici4

Un mostro chiamato antieconomicità

Nei propri scritti infuocati, Bartolomeo Quatraro tuonava: non sia mai che il Giudice di merito si metta a sindacare le scelte dell’imprenditore, ovviamente con il limite che esse non risultino talmente irragionevoli da risultare abnormi anche per l’uomo della strada. Purtroppo, a dispetto di questi ammonimenti, il tema, almeno sul fronte tributario, ha preso una…

Continua a leggere...
dama-2

Correlazioni difficili nel redditometro

Giulio Andreotti la definirebbe certamente una soluzione equilibrata. D’altra parte, quella scuola ci insegna che tra due opposte esigenze, occorre trovare un punto di intesa mediano. Il tema è quello della prova contraria che il contribuente deve offrire una volta vistosi accertare ai sensi dell’articolo 38 DPR 600/1973 un maggior reddito in via sintetica. Già…

Continua a leggere...
filo

“Senza fondo” la discussione sul fondo patrimoniale

Mi pare davvero “senza fondo” la discussione “sul fondo” patrimoniale. Quasi che l’interpretazione non abbia fatto passi avanti. Invece, a me sembra che i punti cardinali siano molto chiari, e che semmai la discussione sia orientata alla speranza di riaprire questioni interpretative oramai chiuse. Da tempo. Forse, per coltivare l’orto delle proprie speranze. Nel suo…

Continua a leggere...
lavori-progetto-1

Beni di terzi … e un po’ miei

Dopo molti anni di pendolo, pare che la giurisprudenza stia rivedendo il pensiero, inizialmente assai restrittivo, in ordine al trattamento tributario delle spese sostenute dalle imprese su beni di proprietà di terzi e detenuti in forza di una situazione giuridica definita, quali il leasing o la locazione. In particolare, la Suprema Corte, con riferimento al…

Continua a leggere...
megafono

Ancora acceso il dibattito sul transfer pricing

Il 4 giugno 2014 la Corte di Cassazione, con la sentenza 12502, ha avuto modo di affermare che il principio del valore normale ha una portata generale ed è dunque applicabile anche al transfer pricing domestico, ossia alle transazioni avvenute fra società appartenenti allo stesso gruppo e tutte aventi sede in Italia. La disciplina sul…

Continua a leggere...
giustizia

Motivi di buon senso

Scambiando qualche parola con amici e colleghi, emerge in più di qualche occasione un senso di insoddisfazione nel modo in cui talvolta il fisco motiva gli accertamenti impositivi. Nondimeno, è diffusa una certa delusione pure nel modo in cui i giudici talora motivano le istanze sul punto sollevate dai ricorrenti. Ed allora, forse è bene…

Continua a leggere...
professionista2

Nullità invisibili

I manuali insegnano che, in materia tributaria, le nullità non sono codificate. Naturalmente, questo non è un mondo di libero arbitrio, per cui occorrerà dare risposte diverse in funzione di problemi diversi. L’art. 12 c. 5 dello Statuto dei Diritti del Contribuente fissa la durata delle verifiche fiscali. Cosa succede se le verifiche durano di…

Continua a leggere...
professionista2

Valutazioni scivolose

Credo di interpretare correttamente il pensiero di tanti, studiosi ed applicatori del diritto, se affermo che all’indomani della sentenza Cass. Sez. V 16 giugno 2015 n. 33774 ci siamo sentiti tutti più “rilassati” nel lavorare sui bilanci di esercizio. La frase “coccolosa” è quella in cui la Corte afferma che “il dato testuale e il…

Continua a leggere...
documenti

Accertamenti da studi di settore inutili

Viste ora, le conclusioni cui è giunta la giurisprudenza in materia di studi di settore sembrano scontate, quasi nemmeno più ci prestiamo attenzione. Eppure, quando nei convegni dicevamo “ci vuole coraggio” lo facevamo nella convinzione che, in un moderno Stato di diritto, è impensabile standardizzare i redditi di tutti i contribuenti: tutti sotto il “cappello”…

Continua a leggere...
giudice1

Simulatamente falso

L’articolo 1 del D.Lgs. 74/2000, nel fornire le definizioni necessarie alla lettura del provvedimento, stabilisce che: a) per “fatture o altri documenti per operazioni inesistenti” si intendono le fatture o gli altri documenti aventi rilievo probatorio analogo in base alle norme tributarie, emessi a fronte di operazioni non realmente effettuate in tutto o in parte…

Continua a leggere...
giudice

Uno sguardo sulle nuove sanzioni

Piace un po’ a tutti il D.Lgs. 158/2015. Certo, i punti di vista possono divergere, ma l’impressione di studiosi ed applicatori del diritto è complessivamente più che positiva. Non è cambiato il rapporto tra sanzioni amministrative e penali; certo, si potrà dire – a ragione – che la legge delega 23/2014 grandi spazi di manovra…

Continua a leggere...
giudice

Molti (poco chiari) pignoramenti – parte II

La settimana scorsa è stato analizzato il comma 1 dell’articolo 72-bis D.P.R 602/1973, nel testo vigente dal 22 giugno 2013 quale risultante dopo le modifiche apportate dall’articolo 52, comma 1, lett. e), D.L. 69/2013. Tale norma riguarda l’istituto del pignoramento di crediti presso terzi; nel proseguo verranno esaminati i successivi commi 1-bis e 2. Il comma…

Continua a leggere...
contratto

Molti (poco chiari) pignoramenti

Il pignoramento di crediti presso terzi è disciplinato dall’articolo 72-bis D.P.R. 600/1973. La disposizione, nel testo vigente dal 22 giugno 2013 quale risultante dopo le modifiche apportate dall’articolo 52, primo comma, lett. e), D.L. 69/2013, è suddivisa in tre commi. Il presente articolo è dedicato al primo comma. Esso prevede che fatto salvo che per…

Continua a leggere...
professionista2

Come ti valuto…

L’articolo 2621 codice civile, titolato “False comunicazioni sociali”, nella versione vigente dal 12 gennaio 2006 al 14 giugno 2015 (data di entrata in vigore della Legge 69/2009), stabiliva che, salvo quanto previsto dall’articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, i sindaci e i liquidatori, i quali,…

Continua a leggere...
giustizia

Dell’incertezza non v’è certezza

“L’incertezza interpretativa può essere rilevata dal giudice anche se non dedotta in giudizio dal contribuente, ma deve trattarsi di incertezza oggettiva – come, ad esempio, nei casi di divergenze di contenuto tra atti ufficiali dell’Amministrazione – non anche di incertezza derivante da condizioni soggettive del ricorrente”. “La pronuncia della CTR che ha annullato il ruolo…

Continua a leggere...
manette

Sequestro e confisca: impatto della riforma

È oramai alle porte l’entrata in vigore del decreto legislativo che, in attuazione di alcune previsioni racchiuse nella legge delega di riforma del sistema tributario n. 23 del 2014, provvede a riformare il diritto penale tributario. Tra le tantissime – e davvero complesse – questioni sul tappeto, va segnalata l’introduzione nel decreto legislativo n. 74…

Continua a leggere...
fallimenti

Ipoteca ex art. 77 D.P.R. 602/73: natura e revocatoria fallimentare

Sulla natura giuridica dell’ipoteca su beni immobili iscritta da Equitalia per debiti tributari complessivamente non inferiori ad € 20.000, l’approdo della giurisprudenza di legittimità (Cass. n. 3232/2012) è stato nel senso di escludere, certamente, l’equiparazione all’ipoteca volontaria, a motivo della presupposta adesione del debitore, ma anche alle fattispecie dell’ipoteca giudiziale e legale. Nel primo caso…

Continua a leggere...
stop

Un fermo amministrativo … molto bene

Uno degli effetti tangibili della crisi economica che morde è l’aumento delle liti in materia di riscossione. E, tra esse, di quelle sul bene (forse … sic…) più amato dagli italiani: ovvero l’auto. Ci riferiamo in particolare alle controversie in materia di fermo amministrativo di beni mobili registrati, materia innovata dal DL 69 del 2013….

Continua a leggere...
dama

Rapporti difficili

Dopo un momento di forte attenzione, la sensazione è che il dibattito sul ruolo di Equitalia sia uscito dalla scena, ma è certo che i problemi sono sempre gli stessi. Non vogliamo qui tornare sulla annosa questione dell’opportunità che Equitalia sia o meno accorpata in seno all’Agenzia delle Entrate (Area Controllo, Area Legale, Area Riscossione);…

Continua a leggere...
asso

Società di comodo, ma non troppo

Approssimandosi il tempo per la predisposizione dei progetti di bilancio e per la connessa definizione del reddito imponibile e delle correlate imposte, ci poniamo ancora una volta il tema se e quando una società possa dirsi “di comodo” nel senso delineato dall’art. 30 della Legge n. 724/1994. Vengono allora in evidenza due considerazioni strutturali, che…

Continua a leggere...
idea

Ma come si detrae l’imposta sul valore aggiunto?

La discussione in merito alla spettanza del diritto alla detrazione Iva viaggia in ogni direzione. A fianco del dibattito, assai interessante, relativo alle “asimmetrie” tra diritto alla deduzione dei costi, agli effetti delle imposte dirette, e diritto alla detrazione, agli effetti dell’imposta sul valore aggiunto, con posizione più “morbida” ai fini di quest’ultima imposta, come…

Continua a leggere...
filo

Buona fede, principio immanente

Al di là del caso specifico affrontato, pur interessante, la sentenza 31.12.2014 n. 447 della Commissione Tributaria Regionale delle Marche presenta profili di sicuro interesse. Il caso affrontato è quello di un contribuente “reo” di non avere versato quanto dovuto a titolo di seconda rata nel condono c.d. “degli omessi versamenti”, quale contemplato dall’art. 12…

Continua a leggere...
filo

Come ti rettifico la dichiarazione

L’art. 2 del D.P.R. n. 322/1998 ai commi 8 e 8-bis disciplina le dichiarazioni rettificative: precisamente al comma 8 le rettifiche a favore del fisco, al comma 8-bis quelle a favore del contribuente. Le questioni che si annidano dietro a queste previsioni sono tante, tantissime. Di due di queste vorremmo fare parola. Premettiamo che la…

Continua a leggere...
soldi1

Quali sanzioni per questa Italia

La macchina fiscale sta letteralmente schiacciando questo Paese: norme assolutamente farraginose, tecnicamente scorrette, quando non anacronistiche, asfissiano la classe degli imprenditori, il cui compito è quello di “dare le idee”, e quella di amministratori e manager, il cui compito è quello di “attuare le idee”. In un simile quadro, spesso parlare di sanzioni sembrerebbe un…

Continua a leggere...
filo

Corri e concorri

Che il Dottore Commercialista sia un mestiere “da corridore” non è un fatto nuovo: a fianco della proverbiale disponibilità a supportare il cliente di fronte a qualsivoglia esigenza professionale – e non solo … una sorta di pronto soccorso, nemmeno troppo virtuale – il Dottore Commercialista è chiamato ad un lavoro di supporto in un…

Continua a leggere...
giudice

Appunti in tema di indipendenza e imparzialità del giudice

La CTP di Reggio Emilia con Ordinanza n. 280/3/14 del 23/09/2014 (Pres. Est. Montanari, Rel. Gianferrari) denuncia una serie di norme del D.Lgs. 545/92, come modificato dall’art. 39, co. 2, D.L. 6 luglio 2011, n. 98 convertito, con modificazioni, dalla L. 15 luglio 2011, n. 111, sul presupposto che le stesse non si prestino ad…

Continua a leggere...
editoriale

Confusioni Ufficiali

Qualche mese fa, sull’onda della rabbia di chi ostinatamente esercita la professione pensando ancora che studiare pervicacemente e suggerire strade a chi da Roma ci osserva serva a qualcosa, abbiamo scritto un pezzo titolato “Semplicità ufficiali”. Un inno alla semplificazione. La degradazione del dibattito politico che osserviamo quotidianamente ci induce a porci una domanda: ma…

Continua a leggere...
giudice

Indennità espropriativa: note in tema di quantificazione e profili fiscali

L’espropriazione per pubblica utilità è disciplinata dal DPR 327/2001 il quale, all’art. 32, fissa il principio generale in tema di determinazione del valore del bene oggetto di esproprio stabilendo che “ l’indennità di espropriazione è determinata sulla base delle caratteristiche del bene al momento dell’accordo di cessione o alla data di emanazione del decreto di…

Continua a leggere...
IMU-210x140

Quale pace tra Italia e San Marino

Non vi sono dubbi che negli ultimi anni la Serenissima Repubblica sanmarinese abbia compiuto passi da gigante nella direzione della trasparenza e dell’adeguamento agli standards   internazionali; le parole pronunziate dal Presidente Napolitano nel corso della Visita Ufficiale compiuta nella primavera 2014 a San Marino testimoniano con chiarezza questa lettura, corroborata da provvedimenti in campo…

Continua a leggere...

I capricci del 41 bis

Le norme in bianco frustrano chi le fa, ancor prima di chi le usa (rectius: deve usarle, suo malgrado). Un esempio che ci dimostra come gli intenti vengono furiosamente traditi è l’attuale previsione dell’art. 41 bis DPR 600/1973, non tanto o comunque non solo per la sua formulazione testuale, bensì per l’interpretazione che della stessa…

Continua a leggere...

Vecchie sentenze che non muoiono mai

  Una oramai datata sentenza – Cass. civ. Sez. V, 30-01-2007, n. 1905 – relativa all’obbligo di motivazione degli atti impositivi è stata recentemente rispolverata dalla stessa Corte con significative aggiunte che riprendono un percorso fortemente garantista. Iniziando dalla sentenza del 2007, la Corte rimarca che la motivazione dell’avviso di accertamento costituisce strumento essenziale di…

Continua a leggere...

Semplicità “ufficiali”

Mentre da studiosi appassionati scorrevamo sulla nostra libreria di casa i tanti e tanti manuali di diritto, l’occhio ci è caduto sulla copia di una Gazzetta Ufficiale, l’unica che abbiamo conservato, romanticamente, nell’era della telematica. Si tratta della n. 105/2011 del 3/5, parte prima, che accoglie la Circolare 2/5/2001 n. 1 (!!!) della Presidenza del…

Continua a leggere...

Adesione al PVC: alcuni profili critici

L’art. 5 bis del D. Lgs. 218/1997 rubricato “Adesione ai Processi Verbali di Constatazione” disciplina uno degli strumenti deflattivi del contenzioso: l’adesione ai verbali contenenti violazioni in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto per i quali è prevista l’applicazione della disciplina dell’accertamento parziale. La norma prevede la possibilità per il contribuente di…

Continua a leggere...

Presunzioni da black list

  Di presunzioni tributarie stiamo scoppiando. Tutti i giorni leggiamo interi manifesti dedicati alla Semplificazione. Ma semplificare, obiettivo già di per sé pressoché impossibile, non basta. Uno Stato di diritto deve fondarsi su certezze: se i contribuenti vanno continuamente soggetti ad accertamenti presuntivi perdono certezza, fiducia. Le presunzioni sono in parte figlie di creazioni del…

Continua a leggere...

Ravvediamoci sul ravvedimento

La riforma fiscale alle porte potrebbe essere un’ottima occasione per ripensare il ravvedimento operoso disciplinato dall’art. 13 del D.Lgs. n.472/97: semplificare e potenziare questo istituto non potrebbe che far bene al difficile rapporto tra fisco e contribuenti. Una prima serie di interventi potrebbe riguardare gli omessi o tardivi versamenti. Tutti hanno apprezzato l’introduzione del cosiddetto…

Continua a leggere...

Equitalia: ma quanto ci costi?

Equitalia è una società per azioni a capitale interamente pubblico che svolge attività di riscossione mediante ruolo, con i poteri e secondo le disposizioni di cui al titolo I, capo II, e al titolo II del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, nonché l’attività di cui all’articolo 4 del D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 237….

Continua a leggere...

In tema di responsabilità aggravata nel processo tributario

L’art. 96 c.p.c. disciplina la responsabilità aggravata (recte, risarcitoria) a carico della parte che ha agito o resistito in giudizio con malafede o colpa grave. Tale ipotesi è verificabile solamente nel caso in cui chi ha agito o resistito in giudizio abbia posto in essere un abuso del diritto (legittimo, di azione) esercitato, cioè abbia…

Continua a leggere...

L’efficacia del giudicato penale nel processo tributario

Con l’entrata in vigore del D.Lgs 74/2000 i rapporti tra procedimento penale e procedimento tributario trovano compiuta disciplina nelle disposizioni recate dagli artt. 20 e 25 della novella legislativa citata. In particolare, l’art. 20 vieta la sospensione del procedimento tributario in pendenza di un procedimento penale avente ad oggetto i medesimi fatti, ovvero fatti dal…

Continua a leggere...

Principio di specialità in campo penal-tributario

L’art. 19, c. 1, del D. Lgs 74/2000, mutuandolo dall’art. 15 del Codice penale, ha introdotto il principio di specialità il quale stabilisce che qualora un determinato fatto sia idoneo ad integrare la violazione di due distinte disposizioni che prevedono l’applicazione di una sanzione amministrativa e di una sanzione penale, troverà applicazione quella delle due…

Continua a leggere...

In tema di accertamento parziale ex art. 41 bis D.P.R. 600/1973

L’art. 41 bis del D.P.R. 600/1973 testualmente recita: “gli Uffici dell’Agenzia delle Entrate, qualora dagli accessi, ispezioni e verifiche (…) risultino elementi che consentono di stabilire l’esistenza di un reddito non dichiarato o il maggior ammontare di un reddito parzialmente dichiarato che avrebbe dovuto concorrere a formare il reddito imponibile (…), possono limitarsi ad accertare,…

Continua a leggere...

Esterovestiti … Anzi … Nudi

Non v’è chi non veda che una parte davvero importante delle risorse di cui gli organi di verifica (tributaria) dispongono sono destinati al contrasto dell’evasione internazionale. Fioccano gli accertamenti in materia di costi da Paesi black list, di rettifica di costi e di ricavi da transfer pricing, e, con una percentuale rilevante, da contrasto a…

Continua a leggere...

Dovere di preventiva comunicazione d’irregolarità in tema di controlli automatizzati

L’art. 36 bis del D.P.R. 600/1973 norma il potere/dovere dell’Amministrazione finanziaria di liquidare le imposte, i contributi e i premi dovuti, nonché i rimborsi spettanti in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti, in ciò avvalendosi di procedure automatizzate. Al comma 3, è statuito che se all’esito della liquidazione emerge un risultato diverso da quello indicato…

Continua a leggere...

La mancata redazione del PVC

  Dopo che la Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha composto il dibattito sulla necessità o meno che l’accertamento tributario sia notificato dopo sessanta giorni dalla notifica del PVC, pena la sua nullità, avallando la tesi pro-contribuente, si è diffuso, come era facile prevedere, un ampio dibattito volto ad individuare le ipotesi in cui…

Continua a leggere...

Direttive che vanno, Direttive che vengono

La cooperazione amministrativa a livello fiscale con specifico riguardo alle imposte dirette si fonda sulla Direttiva 2011/16. Secondo il suo art. 29, gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla Direttiva a partire dal 1° gennaio 2013. Naturalmente l’Italia non si è adeguata, e l’Unione Europea ha…

Continua a leggere...

Reati tributari ed azione penale: il tema di prova

Il potere di accertamento dell’Amministrazione Finanziaria si dota sempre più spesso, per espressa previsione normativa, dello strumento presuntivo, in forza del quale l’onus probandi viene posto in capo al contribuente. E ciò, in deroga al principio giuridico generale enunciato dall’art. 2497 cod. civ. secondo il quale chi vuole dimostrare l’esistenza di un fatto ha l’obbligo…

Continua a leggere...

Accertamenti bancari non autorizzati

“A tale proposito la Corte sente il dovere di mettere nella dovuta evidenza il principio secondo il quale attività compiute in dispregio dei fondamentali diritti del cittadino non possono essere assunte di per se a giustificazione ed a fondamento di atti processuali a carico di chi quelle attività costituzionalmente illegittime abbia subito“. Si esprimeva così…

Continua a leggere...

Un anno di presunzioni

La dilagante diffusione degli accertamenti fondati sulle presunzioni è un fatto sotto gli occhi di noi tutti. Eppure, la sensazione è che si tratti di un fenomeno oramai talmente “normalizzato” da non richiedere più di tanta attenzione: come una nuova imposta o un nuovo adempimento, fa “rumore” alla sua introduzione, poi diviene elemento strutturale della…

Continua a leggere...

Sul rapporto tra l’art.21 octies L. 241/90 e l’obbligo di motivazione

  L’art. 21 octies, L. 241/1990, introdotto dall’art. 14 della L. 15/2005, al suo primo comma, secondo periodo, ha positivizzato la teoria del vizio non invalidante in forza del quale non è annullabile il provvedimento amministrativo emesso in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti, qualora sia palese che il contenuto dispositivo…

Continua a leggere...

Come ti ri(ri)tasso gli immobili

Come si è avuto modo di appurare già nei due precedenti scritti (“Come ti tasso gli immobili” e “Come ti ri-tasso gli immobili“), i problemi relativi alla tassazione degli immobili da parte delle persone fisiche sono notevoli ed in larga misura irrisolti. Molto preoccupante è la questione posta dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n.395/E…

Continua a leggere...

Sulla capacità espansiva del giudicato esterno

L’istituto giuridico di derivazione processual-civilistica del giudicato tributario, idoneo a conferire certezza, stabilità, rapidità e coerenza agli accertamenti giudiziali, è assicurato dall’ordinamento in forza del combinato disposto degli articoli 324 C.p.c e 2909 Cod. Civ., in quanto norme generali regolatrici del processo applicabili anche al processo tributario. In materia tributaria, l’autonomia tra i diversi periodi…

Continua a leggere...

Come ti (ri)tasso gli immobili

Si è detto in un precedente articolo (si veda “Come ti tasso gli immobili” in Ecnews dell’8 novembre 2013) delle difficoltà che si incontrano nel procedere ad individuare il corretto trattamento tributario delle cessioni di immobili (terreni e fabbricati) nella determinazione del reddito delle persone fisiche. Una prima considerazione si impone. I redditi diversi non…

Continua a leggere...

Sulla caducazione dell’atto impositivo per illegittimità derivata

L’esercizio della funzione impositiva presuppone lo svolgimento dell’istruttoria tributaria che è attività amministrativa volta all’acquisizione dei fatti rilevanti ai fini dell’emissione dell’atto di accertamento. L’istruttoria tributaria, implicando, tra l’altro, l’attribuzione all’Amministrazione Finanziaria di una serie di poteri di indagine e di intervento, è necessariamente informata al criterio di legalità da cui discende la tassatività dei…

Continua a leggere...

Come ti tasso gli immobili

In questo strano Paese, da oltre dieci anni le imposte sui redditi di lavoro – in tutte le sue forme – salgono, mentre quelle sui plusvalori vengono forfetizzate in misure risibili: così è per le partecipazioni societarie ed anche per gli immobili (terreni, fabbricati) ceduti da persone fisiche al di fuori dell’esercizio di un’attività di…

Continua a leggere...

L’accesso agli atti amministrativi tra diritto ed interesse

  Il diritto di accesso agli atti amministrativi ha la sua sede normativa negli articoli da 22 a 24 della Legge n. 241/90 ed attiene al diritto degli interessati di prendere visione ed estrarre copia di documenti amministrativi. Ne sono titolari tutti i cittadini, società ed associazioni che siano portatori di interessi pubblici o diffusi,…

Continua a leggere...

Sono conti di terzi … o no?

  Nell’accertamento bancario, nella pratica sovente l’Amministrazione finanziaria non si limita ad indagare sui conti dello specifico contribuente sul quale intende porre in essere un accertamento fiscale, bensì allarga la cerchia alle persone prossime al contribuente, come ad esempio il coniuge, i parenti, i soci, i dipendenti, gli amministratori di società da esso possedute. Tutte…

Continua a leggere...

Il nuovo redditometro “simula” lo studio di settore

L’art. 38 del D.P.R. n. 600/1973, rubricato “Rettifica del reddito delle persone fisiche”, nei commi da 4 a 8 disciplina il cosiddetto “redditometro”, sub specie del più ampio genus dell’accertamento sintetico, metodo accertativo che quantifica il reddito complessivo netto attribuibile al soggetto passivo d’imposta, prescindendo dall’individuazione delle effettive fonti di reddito. La norma, profondamente novellata…

Continua a leggere...

Troppo strumentali per essere presi

Il Decreto del Fare ha significativamente inciso l’art. 62 del DPR 602/1973. Nella sua precedente formulazione, la norma disponeva: al comma 1 che i beni mobili di cui all’art. 514 comma 1 n. 4) Cpc (gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l’esercizio della professione, dell’arte o del mestiere del debitore) possono essere…

Continua a leggere...

Autotutela: quale limite alla discrezionalità dell’ufficio?

L’art. 1 del D.M. 37/1997 prevede in capo all’Ufficio competente, od in caso di inerzia di questo, in capo alla Direzione Regionale dalla quale lo stesso dipende, il potere di annullamento o di revoca dell’atto illegittimo. L’autotutela dell’Amministrazione finanziaria, al pari di quella di qualsiasi Pubblica Amministrazione, è attività che consiste nel riesame di un…

Continua a leggere...

I “furbetti” tra sequestri e dintorni

La sentenza n.37591/2013 della Corte di Cassazione, Sezione Penale, nel ribaltare a favore del contribuente le due precedenti pronunce di merito, annulla il sequestro per equivalente su beni dell’amministratore di una società di capitali inizialmente concesso dal Tribunale sulla scorta di argomentazioni assai lineari e persuasive. Ricordiamo brevemente che dal 2008 è operante anche in…

Continua a leggere...

Riscossione coattiva dei tributi: il Decreto Fare non elimina tutte le criticità

Non può certamente negarsi la buona volontà del legislatore che, nella consapevolezza dell’irrinunciabilità di un intervento forte e strutturato in tema di riscossione coattiva dei tributi in questo tempo lacerato da una congiuntura economica che fatica a cedere il passo alla ripresa, è fattivamente intervenuto con una serie di misure idonee a ripristinare il giusto…

Continua a leggere...

Utilizzo di fatture false: uno “sport” nazionale?

Le contestazioni in materia di utilizzo di fatture a fronte di operazioni ritenute inesistenti sono ormai all’ordine del giorno; viene spontaneo interrogarsi sulle ragioni sottese a tale stato di cose. In realtà, a noi pare che l’aumento delle contestazioni sia il frutto dei molteplici equivoci interpretativi che sempre più sono alimentati da una legislazione schizofrenica,…

Continua a leggere...