Giovanni Valcarenghi

Ultimi articoli a cura di: Giovanni Valcarenghi
professionista2

Se vedi, rottami … ma forse la nebbia è ancora fitta

È sempre così. Quando i provvedimenti importanti vengono emanati con decreti legge, i danni rischiano di essere maggiori dei benefici. L’obiettivo, o come in questo caso gli obiettivi – togliere dai tavoli dei Giudici tante liti e prepararsi alla scomparsa di Equitalia – vengono travolti. Perché un provvedimento avente forza di legge deve essere chiaro;…

Continua a leggere...
professionista2

Cedolare secca: ravvedi, ma non troppo

Nella terza giornata del Master Breve abbiamo affrontato il tema delle sanzioni e ci pare assolutamente proficuo il confronto con i colleghi di tutta Italia; sono emerse, infatti, talune problematiche che meriterebbero una pronta soluzione. Come abbiamo ormai capito, con il nuovo corso dell’Agenzia delle Entrate (ormai noto con lo slogan “cambia verso”) il contribuente…

Continua a leggere...
mani

Vedi e ravvedi

Il 26 novembre 2016 il MEF ha diffuso l’atto di indirizzo per il triennio 2017-2019. Tra le pieghe di tale documento troviamo la precisa indicazione della volontà di estendere ulteriormente l’ambito di applicazione del ravvedimento operoso, che da strumento spontaneo diventerà dunque, a maggior ragione, strumento di compliance dell’Agenzia delle Entrate, a conferma di quel…

Continua a leggere...
semaforo-rosso

Dal VIES si esce … ma poi si rientra

L’Agenzia delle entrate, con apposito comunicato stampa di ieri, preannuncia un possibile addio (temporaneo) al VIES per circa 60mila operatori IVA che non hanno presentato elenchi riepilogativi Intrastat a partire dal primo trimestre del 2015. L’aggancio normativo risale al c.d. Decreto semplificazioni (D.L. 175/2014) che, all’articolo 22, modificava la norma IVA per consentire l’immediata inclusione…

Continua a leggere...
approved-2

Assegnazione agevolata: i chiarimenti bis dell’Agenzia in sintesi

La circolare dell’Agenzia delle entrate n. 37/E di ieri fornisce ulteriori chiarimenti, rispetto a quelli contenuti nella circolare n. 26/E dello scorso giugno, sul regime fiscale della assegnazione, cessione e trasformazione in società semplice agevolata. La seguente tabella ne riporta sinteticamente il contenuto. 1 Trattamento dell’assegnazione L’assegnazione dei beni ai soci comporta l’annullamento di riserve…

Continua a leggere...
iva1-2

Detrazione IVA e inerenza: quali i corretti confini?

Quali sono le condizioni per poter esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA assolta sugli acquisti? Il comma 1 dell’articolo 19 del DPR 633/1972 vincola il beneficio al fatto che l’imposta gravi su corrispettivi relativi a beni e servizi importati o acquistati nell’esercizio dell’impresa, arte o professione. In relazione a tale concetto, spesso si cade in…

Continua a leggere...
professionista1

La responsabilità del professionista ed il modello 730

La recente giurisprudenza della Cassazione in tema di responsabilità dei professionisti rispetto ai loro clienti (sentenze 12463/2016 e 13007/2016 già commentate in queste pagine “Evviva! Il professionista non deve ricercare la documentazione” “Obbligo di diligenza professionale e responsabilità”), offre lo spunto per qualche considerazione aggiuntiva in materia di responsabilità del professionista in tema di assistenza per…

Continua a leggere...
hotel-1

Sul riclassamento di strutture ricettivo – alberghiere

Ultimamente si sta assistendo a provvedimenti di classamento da parte dell’Amministrazione finanziaria che interessano strutture ricettive alberghiere (come ad esempio i villaggi turistici), attraverso i quali unità abitative minime, come ad esempio i bungalow, vengono di fatto equiparati ad unità immobiliari con potenzialità funzionale e reddituale autonoma. Per essere più precisi, in più di un’occasione,…

Continua a leggere...
professionista2

Evviva! Il professionista non deve ricercare la documentazione

Il concitato periodo di chiusura dei bilanci e delle dichiarazioni, unitamente ad una recente sentenza della Cassazione, ci dà l’occasione per gridare a squarciagola che “il commercialista non ha l’obbligo di reperire la documentazione che il cliente distratto non gli consegna”. Tante altre cose le deve fare, ma almeno questa no. Sarà poco, potrete pensare,…

Continua a leggere...
casa5

Estromissioni: base imponibile e rettifica IVA

Abbiamo già pubblicato in un precedente articolo alcune riflessioni in merito alla corretta quantificazione della base imponibile IVA da assumere in occasione delle operazioni di assegnazione agevolata, anche alla luce dei chiarimenti forniti dall’Agenzia con la circolare 26/E/2016. Estendiamo qui il ragionamento al caso specifico della estromissione agevolata dei beni dell’imprenditore individuale, considerando che: da un…

Continua a leggere...
casa5-1

Assegnazioni: la base imponibile IVA reclama chiarezza

Nel caso di assegnazione agevolata di beni immobili, quale è la corretta base imponibile ai fini dell’IVA? Non seguano queste riflessioni i colleghi che hanno in animo di utilizzare il regime di esenzione; probabilmente lo sforzo sarebbe inutile, in gran parte dei casi. Quando, però, per obbligo o per scelta si intende applicare l’imposta sul…

Continua a leggere...
professionista1

Studi di settore: obblighi “redivivi” e sanzioni “alleviate”

La circolare 24/E pubblicata ieri dall’Agenzia delle Entrate ci dà l’occasione per richiamare alcune specificità attinenti gli obblighi compilativi dei modelli ed il connesso regime sanzionatorio, recentemente modificato ad opera dei decreti attuativi della Legge Delega. In merito agli aspetti compilativi, pare utile sottolineare come il documento di prassi si occupi (probabilmente in modo improprio)…

Continua a leggere...
IRAP-1

IRAP e distacco del personale: necessari alcuni aggiustamenti

L’introduzione delle nuove deduzioni “aggiuntive” IRAP per il personale assunto con contratto a tempo indeterminato hanno generato più di una difficoltà operativa in sede di compilazione della dichiarazione e determinazione del valore aggiunto della produzione. Su Euroconferencenews ci siamo già occupati della questione, dapprima per segnalare il disallineamento tra i precedenti di prassi e le…

Continua a leggere...
leasing

XBRL e prospetto leasing: prosegue il mal di testa

In un precedente contributo pubblicato su Euroconferencenews, abbiamo evidenziato come i prospetti standard del leasing proposti dalla tassonomia XBRL e dall’OIC 12 mal si pongono in merito all’esposizione delle informazioni riferite ai “debiti impliciti” (metodo finanziario). Completiamo l’analisi dei prospetti standardizzati formulando qualche altra riflessione critica. In tema di “altri Ratei e Risconti”, è appena…

Continua a leggere...
leasing

Leasing e nota integrativa: prospetto in tilt sullo storno del maxicanone

Tutti ricordiamo le difficoltà incontrate lo scorso anno per adattare la nota integrativa al formato XBRL, vuoi per la novità di un tale approccio, vuoi per l’assenza di alcune tabelle che costituiscono parte integrante del documento. La nuova tassonomia applicabile ai bilanci approvati dal 1° marzo 2016, rimedia, tra l’altro, con l’inserimento delle informazioni obbligatorie…

Continua a leggere...
certificazione

Risparmio energetico ed immobiliari: il Fisco deve adeguarsi

Avvicinandosi il momento di presentazione della dichiarazione dei redditi, torna un tormentone che pare non essersi sopito: può una società di gestione immobiliare beneficiare della detrazione del 65% per interventi di incremento dell’efficienza energetica degli immobili locati a terzi? Diciamo subito che la norma non sembra porre alcuna limitazione. L’Agenzia delle entrate, però, ha fornito…

Continua a leggere...
dubbio1

Società di comodo: solo se non svolgono attività

Nuovo scossone dalla giurisprudenza di merito in tema di società di comodo. Dopo una prima saetta giunta dalla CTR di Milano (sentenza 486 del 26-01-2016), anche i Giudici fiorentini assestano una ulteriore “pugnalata” all’intero sistema della legge 742/1994 (CTR Firenze, sentenza 512 del 15—3-2016). Nell’uno e nell’altro caso si rinviene un tratto comune, che esula…

Continua a leggere...
soldi1

La rateazione rivive anche per gli accertamenti con adesione

Ennesimo ripescaggio dei decaduti da pagamenti rateali con l’Agenzia. Questo, il messaggio che emergere dal testo della Legge di Stabilità 2016. Che il tema del ripescaggio dei decaduti da pagamenti rateali sia nell’agenda del Legislatore non è certo una novità; nei rapporti con Equitalia, ad esempio, l’ultima “riammissione in corsa” risale allo scorso mese di…

Continua a leggere...
asso

Omesso 770 con “scherzo” sul periodo 2014

Tra le novità introdotte in materia di reati penal-tributari spicca certamente la “rivisitazione” dedicato alla dichiarazione dei sostituti di imposta, quantomeno per tre aspetti differenti: la nuova previsione del reato di dichiarazione omessa, in perfetta sintonia con la situazione degli altri modelli dichiarativi; l’assenza di regolamentazione del reato dei infedele dichiarazione, in modo distonico rispetto…

Continua a leggere...
filo

Dispersi nelle nebbie della compensazione indebita

La recente rivisitazione dei reati penal tributari riferiti alle frodi da riscossione (di IVA e di ritenute), offre lo spunto per approfondire una vicenda che, a parere di chi scrive, appare tutt’altro che cristallina. Ci si riferisce all’articolo 10-quater del decreto legislativo 74/2000 che, nella versione vigente dal 22 ottobre scorso, prevede quanto segue: è…

Continua a leggere...
tempo3

Eventi eccezionali e sospensione dei termini

Il nostro Paese si è, purtroppo, caratterizzato negli ultimi anni per il ricorrere di calamità naturali che, oltre ad arrecare danni alle vite umane ed al patrimonio, hanno anche un risvolto di natura fiscale. Infatti, al fine di rendere meno doloroso l’evento, si provvede usualmente con specifiche disposizioni che hanno lo scopo di far slittare…

Continua a leggere...
centro

Equitalia poggia le proprie basi sulla rateazione

Anche dopo la mini riforma operata con D.Lgs. 159/2015, possiamo certamente affermare che la “sopravvivenza” di Equitalia è strettamente connessa con l’ampliamento delle procedure di rateazione. Le azioni di recupero, certamente più efficaci ed efficienti del passato, non sono insomma sufficienti per agevolare la riscossione delle somme pendenti, complice il diffuso stato di crisi finanziaria…

Continua a leggere...
divieto

L’accomandante non risponde degli utili extra bilancio

La CTR di Roma, con sentenza n. 5107/2015, torna ad analizzare la questione della presunzione di distribuzione ai soci dei maggiori utili imputati alla società (considerata a ristretta base partecipativa) in sede di accertamento. I Giudici di seconda istanza erano stati chiamati a pronunciarsi su due specifiche questioni: l’applicabilità del raddoppio dei termini in capo…

Continua a leggere...
documenti

La fattura deve recare la corretta descrizione delle operazioni

Capita spesso di imbattersi in contestazioni dell’Agenzia delle entrate in merito alla descrizione inserita nelle fatture. Dalla censura derivano, solitamente, due conseguenze: la prima, relativa al comparto dell’Iva, in merito alla violazione delle prescrizioni dell’articolo 21 D.P.R. 633/1972; la seconda, ben più pesante, relativa al disconoscimento del costo in capo al soggetto acquirente del bene…

Continua a leggere...
centro

Ammortamenti: il Fisco entra nelle valutazioni di bilancio

Correva l’anno 2007 quando, all’interno della legge 244 del 24 dicembre, venne inserito un comma 34 all’articolo 1 ove si affermava che : “Gli ammortamenti, gli accantonamenti e le altre rettifiche di valore imputati al conto economico a partire dall’esercizio dal quale, … , decorre l’eliminazione delle deduzioni extracontabili, possono essere disconosciuti dall’Amministrazione finanziaria se…

Continua a leggere...
scacchi2

Ancora sulla motivazione dell’avviso di accertamento

Lo scorso 9 ottobre 2015 la Cassazione ha depositato la sentenza 20251 avente ad oggetto una controversia tra l’Agenzia delle entrate ed un professionista (nello specifico avvocato), all’interno della quale si torna a parlare della motivazione dell’avviso di accertamento e delle conseguenze che si producono in caso di assenza della medesima all’interno dell’atto con cui…

Continua a leggere...
professionista2

Modifiche alla riscossione: l’entrata in vigore

Tra i decreti della Legge Delega definitivamente pubblicati, riteniamo che quello attinente il sistema della riscossione possa impattare in modo evidente sulla operatività degli studi. In primis, in quanto tocca istituti oggi largamente diffusi, vista anche la situazione economica, quali la rateazione degli avvisi bonari, delle somme dovute per gli accertamenti con adesione e per…

Continua a leggere...
iva3

Assoggettamento ad IVA: c’è caparra e c’è acconto

Una recente pronuncia della Cassazione (Ordinanza 10306 depositata il 20 maggio scorso) ci offre l’occasione di tornare a trattare il tema delle differenti conseguenze che si producono nel mondo dell’IVA a seconda che l’erogazione di somme legate a preliminari vengano qualificate come caparre o come acconti. Anticipiamo subito le conclusioni rammentando che la Corte afferma…

Continua a leggere...
divieto

Niente sanzioni se la questione è controversa

Nell’attesa della pubblicazione del decreto sulla revisione del sistema sanzionatorio, ci pare utile commentare una recente sentenza della Cassazione (la n. 19412 depositata il 30 settembre scorso) nella quale i Giudici hanno concesso la possibilità di disapplicare le sanzioni in accertamento a fronte di una situazione di caos fiscale. L’incertezza del comportamento assunto dal contribuente,…

Continua a leggere...
soldi1

Accertamenti bancari: una buona difesa comincia dal merito

Sta sempre più affermandosi un principio generale in forza del quale il contribuente, a prescindere dalle pure ragioni di diritto che vanno ovviamente avanzate ed apprezzate, abbia sempre la convenienza a difendersi nel merito contro eventuali contestazioni dell’Amministrazione finanziaria, cercando di rendere il meno “patologico” possibile il proprio comportamento, segnalando le possibili giustificazioni, evidenziando le…

Continua a leggere...
lavoro2

Punto fermo sui contributi occasionali INPS

In precedenti interventi su questa testata ci siamo già occupati di un problema che spesso viene affrontato in modo non del tutto omogeneo dagli operatori e dall’INPS: nel caso vengano corrisposti compensi occasionali ad un soggetto per ammontari superiori a 5.000 euro (per singolo committente o per cumulo di committenti) sono sempre dovuti i contributi…

Continua a leggere...
giudice

Mano leggera sull’omesso versamento

Nel CdM dello scorso 22 settembre è stato dato il via libera definitiva ai decreti attuativi della legge delega. In particolare, si tratta dei seguenti provvedimenti: misure per la revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario; misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione; misure per la revisione della…

Continua a leggere...
asso

Riscossione e Legge Delega: ancora un difetto di trasparenza

Il decreto attuativo della legge delega in tema di riscossione contiene, a parere di chi scrive, taluni interventi di dubbia utilità per il contribuente che, al contrario, riflettono un chiaro sbilanciamento a favore dell’Amministrazione finanziaria, correndosi così il rischio evidente di impedire che, sulle questioni importanti, si possa davvero realizzare quel tanto auspicato rapporto paritetico…

Continua a leggere...
centro

Rivisto il sistema sanzionatorio per il reverse charge

Il decreto attuativo della legge delega in tema di sanzioni penali ed amministrative, approvato dal CDM in seconda lettura e con previsione di applicazione dal prossimo anno 2017, interviene sull’articolo 6 del D. Lgs. 471/1997 in tema di reverse charge, riscrivendo integralmente i commi da 9-bis a 9-bis3. Il comma 9-bis (la cui applicazione viene…

Continua a leggere...
soldi1

Revisione della riscossione: salviamo contribuente ed Equitalia

Uno dei decreti legislativi approvati (in seconda battuta dopo il primo parere delle Commissioni parlamentari) attiene alla revisione del sistema della riscossione. Il provvedimento contiene vari interventi che avremo modo di dettagliare in prossimi articoli e nel corso delle giornate di studio di fine mese dedicate alla tematica. Ce n’è davvero per tutti i gusti:…

Continua a leggere...
team-1

Legge delega di riforma del sistema fiscale: da chimera a quasi realtà

Nel Consiglio dei Ministri dello scorso 4 settembre si è aggiunta una ulteriore tessera per completare il mosaico della Legge Delega; così, sono stati approvati (al secondo esame preliminare) 5 decreti legislativi dopo il prescritto parere delle Commissioni Parlamentari. La palla torna ora alle medesime Commissioni per un ulteriore parere non vincolante. Un primo decreto…

Continua a leggere...
iva3

Non si detrae l’IVA addebitata in misura maggiore al dovuto

Cosa accade quando, in relazione ad una operazione IVA, il soggetto emittente addebita una imposta superiore a quella dovuta (si ipotizzi, per errore nella applicazione dell’aliquota)? Può il soggetto committente/acquirente esercitare il diritto alla detrazione del tributo, ovvero agire nei confronti dell’Agenzia per richiedere la restituzione della maggiore imposta pagata? Di questi temi si è…

Continua a leggere...
semaforo-verde

La CTR di Milano distingue tra cattivo affare e società di comodo

Si vivacizza la quantità di pronunce giurisprudenziali in tema di società di comodo ed al novero se ne aggiunge una pregevole, rilasciata dai giudici meneghini. Ci riferiamo alla sentenza della CTR di Milano n. 2068 depositata il 18-05-2015, il cui testo è stato diffuso in questi giorni. Il caso analizzato è davvero frequentemente riscontrabile nelle…

Continua a leggere...
documenti4

Legittima la curiosità del fisco sui conti correnti

Doppio approccio alle indagini finanziarie: da un lato, il Legislatore della Delega fiscale depotenzia le presunzioni legate ai prelevamenti (per gli imprenditori) ed ai depositi sui conti correnti (per i lavoratori autonomi) e, per altro verso, si conferma sempre più la libera possibilità dell’amministrazione di analizzare i contenuti e le movimentazioni dei conti correnti dei…

Continua a leggere...
editoriale

Quale futuro per gli studi di settore?

Tutte le opinioni sono rispettabili e, come tali, contribuiscono ad alimentare riflessioni e spunti che dovrebbero apportare miglioramenti al sistema. Quando, però, le riflessioni provengono da soggetti altamente qualificati, sia pure se espresse a titolo personale, vanno vagliate in modo ancor più critico e, se del caso, vanno contrastate in modo esplicito e puntuale, ove…

Continua a leggere...
vs

Contraddittorio o atto immediato? Questo il dilemma

Ci mancano punti fermi, questo è certo. Ed i riferimenti carenti si ripercuotono sui comportamenti degli uffici e delle Commissioni tributarie che ondeggiano (legittimamente) su questioni per le quali si dovrebbero avere granitiche certezze. Ma non ci scoraggiamo, in quanto siamo abituati a dover galleggiare in questo sistema tributario. La riflessione ci viene suggerita analizzando…

Continua a leggere...
ok

Gerico sbaglia? Nessun problema, lo correggiamo

Che Gerico sia una creatura “mutante” lo sapevamo; ad esempio, sul periodo di imposta 2014 siamo arrivati alla versione 1.0.4 del 16 luglio, noncuranti del fatto che la prima scadenza per il versamento delle imposte fosse spirata dieci giorni prima. Che, nel passato, sia già accaduto che fossero richieste correzioni postume, non ci stupisce; anche…

Continua a leggere...
lavori-progetto-1

Ancora dubbi applicativi sul nuovo reverse charge

L’apertura dell’anno 2015 è stata caratterizzata dal “tormentone” della inversione contabile di cui all’articolo 17, comma 6, lettera a-ter) del DPR 633/1972; sono passati pochi mesi e l’attenzione sul tema sembra essere scemata, anche se non possiamo certo dire che sono stati risolti tutti i problemi. Negli studi ci sono ancora le posizioni “incagliate”, in…

Continua a leggere...
giudice-soldi

Qualche soddisfazione dalla Giurisprudenza

Facendo un po’ di “zapping” tra le sentenze rilasciate dalle Commissioni di merito, capita talvolta di rinvenire alcune pronunce la cui lettura produce grande soddisfazione, una sorta di godimento perverso per il contribuente che riesce a vedere affermate le proprie ragioni, anche andando oltre i meri ragionamenti di convenienza che spesso facciamo nella vita professionale…

Continua a leggere...
centro

La partecipazione in una SRL produce reddito di impresa?

Talvolta, scorrendo in forma libera le sentenze che sono segnalate dalla stampa specializzata capita di imbattersi in questioni interessanti che si pensava fossero ormai sepolte dalla polvere. Così è accaduto leggendo la sentenza della Corte D’Appello di L’Aquila n.752 dello scorso 25-06-2015, avente ad oggetto l’obbligo di versamento dei contributi INPS delle gestioni artigiani e…

Continua a leggere...
IRAP-1

Ancora dubbi sulle opzioni IRAP

Riuscire a chiudere le dichiarazioni con questo caldo non è davvero facile. Talvolta, poi, anche gli inghippi informatici ci complicano la vita e fanno salire ancor più la temperatura, già di per sé difficilmente sopportabile. L’ennesima diavoleria insorge nel comparto dell’IRAP, in relazione a quei soggetti IRPEF che, pur essendo naturalmente ricompresi tra quelli che…

Continua a leggere...
carte

L’incasso col POS senza scontrino o ricevuta

La Cassazione, con sentenza 13494 del 1° luglio 2015, ha confermato il proprio orientamento (ormai consolidato) in merito al soggetto sul quale grava l’onere della prova in caso di sussistenza di presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti. La fattispecie analizzata riguarda un esercizio alberghiero della Toscana, al quale erano state mosse, con apposito PVC,…

Continua a leggere...
centro

Errori trascurabili e buona fede del contribuente (l’epilogo)

Nell’edizione del 25 giugno scorso avevamo raccontato di un caso bizzarro che ci era capitato. Si trattava di un avviso bonario rateizzato da un contribuente per un importo complessivo di oltre 20.000 euro, caratterizzato da una tardività di versamento di circa 200 euro; a seguito dei controlli, l’Agenzia delle Entrate aveva emesso due cartelle esattoriali…

Continua a leggere...
contabilita1

Esiste un valore dell’area per i fabbricati non cielo terra?

Nonostante il termine “canonico” di approvazione e deposito dei bilanci sia ormai spirato, riteniamo utile tornare per un momento sulla tematica dello scorporo delle aree, alla luce delle indicazioni operative fornite dal CNDCEC in analisi alle novità contenute nel nuovo documento OIC 16, applicabile ai bilanci dell’esercizio chiuso al 31-12-2014. La vicenda che più interessa…

Continua a leggere...
megafono

Errori trascurabili e buona fede del contribuente

Nella gestione del rapporto tra Fisco e contribuente ci vorrebbe un pizzico di comprensione in capo a ciascuno dei soggetti coinvolti. Certo, ci sono le regole e le regole vanno rispettate, su questo siamo pienamente concordi. Ma, in periodi come quelli che stiamo vivendo, le regole dovrebbero essere integrate con un pizzico di buon senso…

Continua a leggere...
divieto

Limiti (forse ingiustificati) all’utilizzo dei crediti INPS

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una crescente limitazione alle possibilità di compensazione ed utilizzo dei crediti vantati dai contribuenti; non fa eccezione il comparto dei contributi previdenziali che, da qualche tempo, impone una sorta di limite temporale al libero utilizzo in compensazione dei crediti vantati ed emergenti dalla dichiarazione annuale dei redditi (quadro…

Continua a leggere...
centro

Emerge finalmente la distinzione tra valore e corrispettivo

I decreti attuativi della Legge Delega di riforma del sistema fiscale (legge 11-03-2014 n.23) spaziano in ambiti molto differenziati e contengono numerose disposizioni che possono incidere sulla operatività quotidiana dei professionisti; in particolar modo, appare denso di novità il c.d. decreto “crescita ed internazionalizzazione delle imprese”. Nell’attesa di verificare quale sarà (e, vista l’esperienza passata,…

Continua a leggere...
ambiente2

Fondo ripristino e bonifica ambientale: nessuna rilevanza fiscale

Ci siamo più volte occupati, su EC news, della tematica dello scorporo delle aree a livello contabile (imposta della nuova versione del documento OIC 16) e delle conseguenze fiscali che ne possono derivare. A tale riguardo, pur se i bilanci potrebbero essere già stati depositati, sono ancora aperte le valutazioni per la dichiarazione dei redditi;…

Continua a leggere...
centro

Compensazioni oltre soglia: certa la sanzione al 30%

In questi giorni di predisposizione dei modelli dichiarativi, può capitare di avvedersi che un contribuente abbia ecceduto la soglia massima di compensazioni possibile. In tali casistiche, fermo restando la conoscenza del tetto massimo previsto dalla legge 388/2000 (art. 34) attualmente pari a 700.000 euro, viene da pensare a quale sia il corretto trattamento sanzionatorio, ritenendo…

Continua a leggere...
documenti-1

Gli studi di settore sono “produttivi”?

Ogni cosa, anche nel fisco, dovrebbe avere un senso logico compiuto; ciò significa che, prima di ogni altra caratteristica, ogni concetto dovrebbe essere razionale, facilmente comprensibile ed applicabile da tutti i contribuenti. La riflessione di cui sopra è sollecitata dalla lettura della nota metodologica che accompagna i correttivi anticrisi applicabili, per gli studi di settore,…

Continua a leggere...
auto

Si deducono i rimborsi chilometrici agli associati?

Capita spesso di affrontare una tematica specificamente dedicata alla determinazione del reddito di lavoro autonomo: nel caso in cui un associato di associazione professionale utilizzi il proprio mezzo per trasferte inerenti la professione, può ricevere il rimborso delle tariffe ACI per l’utilizzo del proprio mezzo, consentendo al contempo la deduzione all’associazione? La vicenda da tempo…

Continua a leggere...
divieto

Ravvedimento operoso: ancora qualche dubbio

A decorrere dal periodo 2015 (anche in relazione e violazioni commesse nelle annualità passate) il volto del ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del decreto 472/1997 (per i soli tributi amministrati dalla Agenzia delle Entrate) è stato profondamente innovato ad opera della legge di stabilità. In sostanza: sono state rimosse gran parte delle cause ostative…

Continua a leggere...
filo

Accertamento: l’indifferenza non paga mai

In un rapporto “sereno” tra Fisco e contribuente l’indifferenza e l’immobilismo sono sempre armi spuntate. Questo il messaggio che è possibile ricavare dalla lettura della sentenza della Cassazione numero 9721 del 13 maggio 2015. La vicenda, in sé, appare assolutamente piana. In sede di accertamento fiscale in capo ad un lavoratore autonomo, sono stati riconosciuti…

Continua a leggere...
sveglia

Chi sa quando scade il termine per versare le imposte?

Anche quest’anno ci risiamo. Il ritornello comincia a stancare, dal punto di vista sistematico, anche se poi un po’ di tempo in più per pagare le imposte fa comodo a tutti: ai contribuenti ed a noi professionisti. Siamo circa alla metà di maggio e cominciano a comparire le prime indiscrezioni in merito a possibili slittamenti…

Continua a leggere...
approved-1

L’Agenzia “si arrende” all’assenza del quadro VR

In un paese normale, dovrebbe essere sacrosanto il diritto di un contribuente ad avere in restituzione imposte versate in eccesso, a prescindere da qualsiasi formalità omessa o posta in essere in modo non del tutto conforme. D’altro canto, se tanto fiato si spreca per cercare di costruire un rapporto “trasparente e leale” con il Fisco,…

Continua a leggere...
giudice1

La Cassazione precisa il principio di competenza

Con la chiusura dei bilanci e la compilazione della dichiarazione dei redditi, gli operatori non possono trascurare di svolgere una riflessione sul tema della competenza e della correlazione; tema che potrebbe apparire, in prima istanza banale ma che l’esperienza pratica insegna essere oggetto di numerose contestazioni. L’attualità del tema è stata indirettamente confermata da una…

Continua a leggere...
estero

Questioni problematiche sul recupero delle imposte estere

La Circolare n. 9/E/2015 ha risolto alcuni problemi che si ponevano agli operatori che assistevano contribuenti che fossero stati chiamati ad assolvere imposte estere. Il credito disciplinato dall’articolo 165 del Tuir, infatti, spetta (tra l’altro) alla condizione che tali tributi siano stati corrisposti su redditi che si possano considerare prodotti all’estero. In tal senso, si…

Continua a leggere...
bilancio

Adozione degli OIC e rinvio termini approvazione bilancio

La prima adozione dei nuovi principi contabili nazionali può essere una causa per il rinvio dell’approvazione del bilancio da parte dell’assemblea dei soci, qualora lo statuto sociale preveda tale facoltà. Questo il messaggio diffuso dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili, ed in particolare della Commissione per lo studio dei principi contabili nazionali,…

Continua a leggere...
documenti4

Dichiarazione precompilata e rapporto con i CAF

Con l’apertura del canale telematico dedicato alla dichiarazione precompilata, appare necessario cercare di creare un po’ di ordine in merito alla posizione dei colleghi che agiscono quali “satelliti” dei Centri di Assistenza Fiscale. Innanzitutto, in questo caso va chiarito che l’apposizione del visto di conformità avviene ad opera del responsabile fiscale del CAF e non…

Continua a leggere...
centro

Inversione contabile: altre aree dubbie della circolare 14/E

L’emanazione della Circolare n. 14/E in tema di nuove ipotesi di inversione contabile dal 2015 presenta, oltre ad alcune conferme e chiarimenti, anche alcune perplessità, che cercheremo di dipanare in questa sede. Una vicenda che ha fatto a lungo discutere è quella della prevalenza tra inversione contabile e lettera di intento; in sostanza, per fare…

Continua a leggere...
casa

Inversione contabile ed interventi edili: ancora dubbi?

Gli operatori hanno salutato con favore l’emanazione della Circolare n. 14/E con la quale l’Agenzia delle entrate ha finalmente “tolto i veli” alla intricata questione della nuova inversione contabile nel comparto delle prestazioni sugli edifici, applicabile dal 01.01.2015. Le direttrici generali sono quelle che abbiamo sempre sposato con precedenti interventi su EC News, specialmente per…

Continua a leggere...
filo

Ancora sul contraddittorio e sull’obbligo di motivazione

Una recente sentenza della CTR di Milano (n. 6783 del 16.12.2014) ci dà l’occasione per tornare sul tema del significato del contraddittorio e sul comportamento che le parti debbono assumere nell’ottica del comportamento trasparente prescritto dallo Statuto del contribuente. La questione oggetto di discussione muove da un accertamento redditometrico (periodo di imposta 2005-2006-2007) elevato nei…

Continua a leggere...
idea

Quale futuro per gli studi di settore?

Si avvicina il periodo dell’anno in cui si comincia ad approcciare il tema delle dichiarazioni dei redditi e, di conseguenza, anche il pensiero degli studi di settore fa capolino negli studi. Quali saranno le novità per il periodo 2014? Ad oggi risulta prematuro ipotizzare scenari credibili, poiché l’esperienza insegna come sia doveroso attendere il varo…

Continua a leggere...
semaforo-verde

Parte la campagna delle società di comodo

Con l’approssimarsi del periodo per la chiusura per bilancio di esercizio, si cominciano a prospettare le prime problematiche relative alle società di comodo per il periodo di imposta 2014, sotto il duplice profilo delle società in perdita sistemica e delle società non operative. Il concetto generale appare sostanzialmente noto e, per il 2014, si delinea…

Continua a leggere...
asso

La precompilata toglie i veli

E’ stato pubblicato, sul sito delle Entrate, il Provvedimento direttoriale 25992 del 23 febbraio (circa 285 pagine!) che rappresenta il primo passo reale per accedere al mondo della dichiarazione precompilata. Dopo il via libera del Garante della Privacy, dunque, si può tentare di comprendere il funzionamento operativo e le modalità di gestione dei flussi documentali….

Continua a leggere...
documenti4

Dichiarazione precompilata: come si accede e cosa si vede?

Proviamo a fare un viaggio sul sito dell’Agenzia delle entrate per comprendere quali informazioni può trarre, ai primi giorni di febbraio, un normale contribuente; le informazioni si rinvengono nell’area dedicata al modello 730/2015. Innanzitutto viene precisato che il modello interesserà i lavoratori dipendenti e i pensionati che hanno presentato il modello 730/2014 e, inoltre, hanno…

Continua a leggere...
filo

Certificazione unica, provvigioni e competenza

Il prossimo 9 marzo gli studi professionali si confronteranno per la prima volta con l’adempimento dell’invio telematico delle certificazioni uniche; si tratta, come al solito, di un adempimento coerente nella logica ma pasticciato nell’attuazione, in perfetto italian style (Provvedimento di approvazione del modello del 15.01.2015 – poi aggiornato il 22.01.2015 per un refuso – e…

Continua a leggere...
documenti3

La certificazione unica

Abbiamo già individuato, in passate edizioni, il problema del nuovo adempimento della Certificazione Unica che dovrà essere assolto entro il prossimo 9 marzo, mediante invio telematico dei flussi all’Agenzia delle entrate, dopo avere consegnato la copia cartacea del modello al sostituito, entro il 28 febbraio. Le ritenute interessate sono quelle che gravano sui redditi di…

Continua a leggere...
casa1

Inversione contabile e concetto di edifici

Abbiamo già cominciato il mese di febbraio e non è ancora giunto alcun chiarimento in merito alle nuove regole da seguire per l’applicazione delle regole sulla inversione contabile di cui all’art. 17, comma 6, lettera a- ter) del D.P.R. n. 633/1972. Come noto, si tratta delle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione…

Continua a leggere...
iva1

Il trattamento IVA dei voucher

Risulta sempre più diffusa la prassi commerciale di prevedere la possibilità di emissione di buoni acquisto, usualmente denominati voucher; si tratta di titoli non nominativi che danno diritto al possessore di effettuare il pagamento per l’acquisto di un bene o la fruizione di un servizio. In sostanza, potremmo assimilarli forzatamente a “carte prepagate” che possono…

Continua a leggere...
documenti-1

Dichiarazione precompilata e responsabilità del professionista

L’asse portante dell’intero meccanismo della dichiarazione precompilata è costituito sui seguenti punti: ampliamento delle informazioni da trasmettere all’Anagrafe tributaria (si veda il precedente intervento sull’invio telematico delle certificazioni, pubblicato il 20/01/2015); messa a disposizione del contribuente, previa elaborazione e “assemblamento” dei dati, di una dichiarazione (obbligatoriamente incompleta, nella prima fase triennale di sperimentazione); possibilità del…

Continua a leggere...
regalo

Le cessioni di beni a titolo di omaggio

L’articolo 2 del D.P.R. n. 633/1972 esclude dalla categoria delle cessioni di beni, le cessioni gratuite di beni: la cui produzione o il cui commercio non rientra nell’attività propria dell’impresa se di costo unitario non superiore a 50,00; per i quali non sia stata operata, all’atto dell’acquisto o della importazione, la detrazione dell’imposta a norma…

Continua a leggere...
centro

Cominciamo col pianificare l’invio delle certificazioni telematiche

Pensate al 9 marzo 2015 prossimo: è qui, dietro l’angolo. Per quella data, secondo la norma vigente, dovranno essere trasmesse in via telematica, per la prima volta, le certificazioni delle somme corrisposte ai percipienti durante l’anno 2014. Si tratta, come noto, dei “risvolti negativi” della dichiarazione precompilata, tanto voluta dall’Esecutivo, che – per poter essere…

Continua a leggere...
dama

Chi applica il reverse charge dal 2015?

A pochi giorni dall’avvio del nuovo anno 2015 gli studi professionali devono affrettarsi a comunicare alla propria clientela che vi sono rilevanti novità nel mondo dell’Iva, con particolare riguardo alle nuove casistiche di applicazione del reverse charge. Ci riferiamo al mondo “dell’edilizia”, con una definizione volutamente generica che andremo a specificare, all’interno della quale ci…

Continua a leggere...
editoriale

Con il 2015 Euroconference rinnova la formazione specialistica

Il primo editoriale di questo 2015 lo dedichiamo a Euroconference e ai propri Clienti, dando conto del rinnovamento dell’offerta di Master e Seminari di Specializzazione che la nostra Società ha deciso di porre in essere. L’intento è quello di creare percorsi formativi ancora più vicini alle esigenze operative dei Professionisti e per fare questo, dopo…

Continua a leggere...
approved-1

Ravvedimento operoso: il nuovo volto dal 2015

Con l’approvazione definitiva (e rocambolesca) della Legge di Stabilità per il 2015, risulta tracciato il nuovo volto del ravvedimento operoso che si dovrà gestire a partire dal 2015; trattasi di una sorta di “rimedio per tutti i mali” destinato a raccogliere l’eredità anche di altri istituti deflattivi, quali la definizione dell’invito a comparire, del PVC…

Continua a leggere...
editoriale

La mia lettera a Babbo Natale: voglio solo una gomma!

Sono un conservatore, lo so. Mi piacciono le tradizioni e credo ancora alle favole. Quindi, scrivo sempre la mia letterina a Babbo Natale, sperando che esaudisca i miei desideri. Peraltro, ritengo di essere morigerato, in quanto chiederò solo una gomma e spero che il “barbuto” possa reperirla con poca difficoltà. Certo, non è una gomma…

Continua a leggere...
riunione

Riduzione termini fusione: come si manifesta il consenso?

La procedura della fusione societaria trova indicazioni ben precise nelle norme che il codice civile detta in relazione alla realizzazione della operazione, contrariamente ad altre casistiche, quali il conferimento. In particolare, l’iter appare “infarcito” dalla indicazione di termini temporali minimi che, tuttavia, possono essere superati mediante l’acquisizione del consenso unanime dei soci. Ne è un…

Continua a leggere...
iva1

Lettere di intento: tutto in stand by sino al giorno 11/02/2015

Intervenendo in anticipo rispetto ai tempi prospettati, l’Agenzia delle entrate ha pubblicato ieri sera sul proprio sito il Provvedimento 159674, con il quale si dà pratica attuazione alle nuove regole di gestione delle lettere di intento relative alle operazioni poste in essere dall’1/01/2015. Il nuovo iter appare così strutturato: il soggetto che intende acquistare beni…

Continua a leggere...
megafono

Abuso del diritto: confini già certi?

Il tema dell’abuso del diritto è quanto mai di attualità in questi giorni di fine 2014, vuoi per la frequenza con cui la tematica fa capolino negli accertamenti dell’Agenzia, vuoi per le prospettive di riforma affidate alla legge delega, peraltro non ancora palesate con decreto attuativo, nonostante i ripetuti annunci. Certamente l’argomento è tanto delicato…

Continua a leggere...
antenna

Disclosure definitiva: conviene fare alcune valutazioni?

Il giorno 4 dicembre 2014 il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge sulla voluntary disclosure; con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dunque, si potrà materialmente disporre di uno strumento che sembra essere l’ultimo ideale punto di contatto tra scenario vecchio e nuovo in tema di detenzione di capitali all’estero. A testimonianza…

Continua a leggere...
contratto1

Lettere di intento: da quando si cambiano le abitudini?

Quella introdotta dall’articolo 20 è certamente una delle novità più interessanti del D.L. n. 175/2014 (c.d. Decreto Semplificazioni), pubblicato sulla G.U. di venerdì scorso; infatti, si ribalta, direttamente sull’esportatore abituale, il compito di comunicare al Fisco le dichiarazioni d’intento emesse. Dopo dieci anni, con effetto per le operazioni effettuate dal 01/01/2015, quindi, si cambia impostazione…

Continua a leggere...
famiglia

Conferimento di azienda organizzata in impresa familiare – parte 3

Nei precedenti interventi (“ Conferimento in società di un’azienda organizzata in impresa familiare” del 26 novembre e “ Conferimento di azienda organizzata in impresa familiare – parte 2” del 28 novembre), abbiamo delineato la natura individuale e non societaria dell’impresa familiare e le conseguenze di natura fiscale che si producono, in capo al titolare ed…

Continua a leggere...
famiglia

Conferimento di azienda organizzata in impresa familiare – parte 2

Proseguiamo l’analisi della tematica già delineata in un precedente intervento del 26 novembre, nel quale sono stati esaminati i motivi per i quali il conferimento in analisi non possa essere assimilato ad una trasformazione. Degli aspetti fiscali relativi alle somme spettanti ai collaboratori si è occupata in modo massiccio la dottrina nel passato, specialmente in…

Continua a leggere...
famiglia

Conferimento in società di un’azienda organizzata in impresa familiare

Nella seconda giornata del Master Breve stiamo analizzando il tema del conferimento di azienda e spesso viene richiesto quali siano le conseguenze nel caso in cui oggetto dell’apporto sia una impresa familiare; in tale caso, l’operazione generalmente determina la creazione di un soggetto societario cui partecipano il titolare ed i familiari, magari con l’ottica di…

Continua a leggere...
dama

Conferimento e cessione quote: il registro va messo in conto?

Il trasferimento indiretto delle aziende, o dei rami d’azienda, mediante l’utilizzo del conferimento in una società (solitamente di nuova costituzione) e la successiva cessione delle quote della New.Co. è divenuta oramai una diffusa abitudine tra gli operatori, per il semplice fatto che la variabile fiscale viene ad essere quasi azzerata. Inoltre, ove vi fossero esigenze…

Continua a leggere...
francia

Si può diminuire l’invenduto delle immobiliari copiando dai francesi?

Con l’approvazione, con voto di fiducia del Senato dello scorso 5 novembre, del decreto sblocca Italia, prende forma definitiva il provvedimento teso ad incentivare l’acquisto di immobili da destinare alla locazione a canone calmierato. Infatti, l’articolo 21 del decreto prevede una deduzione dal reddito del 20% a favore dei privati che acquistano, dal 1° gennaio…

Continua a leggere...
iva1

Il tetto massimo della compensazione annua

E’ stata diffusa in questi giorni una sentenza della CTR di Milano (n. 3047, sezione 30, del 10 giugno 2014) che torna sulla vicenda del tetto massimo delle compensazioni, su modello F24, che il contribuente può porre in essere nel corso di un anno solare. Come noto, l’articolo 34 della L. 388/2000 (come integrato, sia…

Continua a leggere...
auto

Contratto di rent to buy dalle mille opzioni

La norma di comportamento n. 191 dell’AiDC di Milano ha il pregio di schematizzare le conseguenze fiscali che si possono produrre nell’utilizzo del contratto di rent to buy, di recente vitalizzato dalla sua previsione ufficiale all’interno del decreto Sblocca Italia (DL 133/2014, ancora da convertire definitivamente) e già oggetto di commento sulle pagine di Euroconference…

Continua a leggere...
giudice-soldi

Incostituzionale la previsione prelevamento = compenso

Il giorno 6 ottobre, la Corte Costituzionale ha depositato la sentenza n.228 con cui viene dichiarata illegittima – con riferimento al mondo del lavoro autonomo – la parte dell’articolo 32 del DPR 600/1973, nella quale eventuali prelevamenti dai conti correnti bancari (o, più in genere, dismissioni da rapporti finanziari) non transitati nelle scritture contabili o…

Continua a leggere...
progetto

Redditi diversi ed effetti della condizione sospensiva

Il deposito, in data 12 settembre scorso, della sentenza 190 ad opera della CTR di Campobasso, ci dà l’occasione di verificare gli effetti che si producono sui redditi diversi in relazione ad atti che siano subordinati ad una condizione sospensiva. La vicenda oggetto di giudizio riguarda un soggetto che, avendo ricevuto per successione mortis causa…

Continua a leggere...
documenti

La scientificità degli studi di settore

Capita, a volte, di confrontarsi tra colleghi sulle proprie esperienze professionali, interrogandosi se si trascura qualche riflessione, se si è preso un abbaglio, o altro ancora. Così nasce questa riflessione che ha per oggetto il risultato degli studi di settore per il comparto dei lavoratori autonomi: ci si arrovella, si approfondisce la materia e, sovente,…

Continua a leggere...
caso-controverso

Quale polizza assicurativa per il visto?

Sull’edizione di ieri di Euroconference news è stato fornito un primo commento alla circolare 28/E dell’Agenzia delle entrate, documento relativo al visto di conformità, che si contraddistingue per la poca tempestività e, soprattutto, per la scarsità di indicazioni operative sui controlli da effettuare. Interventi di questo tipo sono, a nostro giudizio, controproducenti, nel senso che…

Continua a leggere...
computer

Dichiarazione precompilata? Parliamone

Buttiamoci per un attimo alle spalle la campagna dei dichiarativi per il periodo di imposta 2013 e facciamo un ipotetico balzo al prossimo anno. Non si tratta di pazzia, né di voler anticipare i tempi in relazione ad una disposizione che non è ancora ufficiale; semplicemente, appare opportuno provare a comprendere cosa accadrà dal prossimo…

Continua a leggere...

Compilare il modello IRAP non significa dover pagare il tributo

Negli ultimi giorni prima dell’invio delle dichiarazioni possono sorgere dubbi in merito al comportamento da tenere in relazione ai soggetti per i quali si ritiene non sussistere la soggettività passiva IRAP; si pensi al caso di un lavoratore autonomo, di un agente di commercio o di un piccolo imprenditore in genere. La recente sentenza 3045,…

Continua a leggere...
caso-controverso

Perdite sistematiche light dal 2014

Il decreto sulle semplificazioni fiscali sembra davvero essere in dirittura d’arrivo: ci auguriamo che l’approvazione sia snella, onde evitare di dare corso ad una vera e propria contraddizione (la difficoltà di approvare un decreto semplificazioni!). Comunque sia, nelle bozze che stanno circolando, è presente una disposizione che interessa il comparto delle società di comodo e,…

Continua a leggere...
documenti

Chiarite le casistiche di utilizzo del modello F24 telematico

A pochi giorni dall’ avvio dell’ estensione dell’obbligo di utilizzo del modello F24 telematico, l’Agenzia delle entrate dirama le proprie istruzioni operative con la circolare 27/E del 19/09/2014. Il documento di prassi, innanzitutto, riepiloga le casistiche che sono interessate dall’obbligo, che vanno considerate in aggiunta a quelle già presenti (riferimento ai titolari di partita IVA):…

Continua a leggere...
giudice

Non sempre l’istanza di adesione sospende i termini del ricorso

E’ proprio necessario, quando si presenta una istanza di accertamento con adesione, inserire le motivazioni in forza delle quali si ritiene di poter proficuamente svolgere il contraddittorio con l’Ufficio? Ci poniamo questo interrogativo a seguito delle notizie di stampa che rendono nota una sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Bergamo (sentenza 319 del 17/04/2014), ove…

Continua a leggere...

Tremonti quater e micro investimenti

Non sono certo tempi in cui le aziende effettuano rilevanti investimenti, a causa della limitata disponibilità di liquidità e delle incertezze che connotano il mercato. Tuttavia, per chi avesse già programmato l’acquisizione di impianti e macchinari, è bene tenere in considerazione i benefici che sono concessi dall’articolo 18 del DL 91/2014 (c.d. Tremonti quater). La disposizione assegna ai titolari di…

Continua a leggere...
IMU-210x140

Dichiarazioni: la generosità non tollera ripensamenti

La recente sentenza della Cassazione n.18757 del 5 settembre 2014 torna sull’argomento della  ritrattabilità della dichiarazione dei redditi (nello specifico IVA, ma il principio è generale), cercando di  circoscrivere il perimetro all’interno del quale può essere esercitata la facoltà di emendare l’originario modello. Partiamo dal caso concreto per comprendere meglio. Un contribuente ha  erroneamente qualificato talune operazioni IVA,…

Continua a leggere...

Cessione di quote e documentazione correlata alla società

Le vicende economiche degli ultimi anni hanno reso più frequenti le operazioni di scambio di quote societarie; talvolta si tratta di veri e propri sconvolgimenti della originaria compagine che, proprio per effetto delle cessioni suddette, muta in modo integrale. Solitamente, tali transazioni determinano una cesura completa tra vecchia e nuova gestione e tale circostanza determina…

Continua a leggere...

Apparizioni e sparizioni dei crediti Iva

Credo si possa affermare che sia cosa rara che un collega non abbia mai avuto problemi con qualche pratica di disconoscimento del credito IVA a riporto, per omessa presentazione della dichiarazione annuale. Ci si dibatteva in un dilemma che vedeva contrapporsi, da un lato, l’esistenza del credito (aspetto sostanziale) e, dall’altro, la mancanza del “veicolo”…

Continua a leggere...

Quale termine per la rettificativa a favore?

In prossimità del termine per la trasmissione dei modelli dichiarativi per il periodo di imposta 2013, può accadere che ci si avveda di avere commesso degli errori a proprio danno nel modello unico delle annualità precedenti; può essere il tipico caso di un intervento di recupero del patrimonio edilizio che ci si sia scordati di…

Continua a leggere...

La progressiva estinzione del modello F24 cartaceo

Ricordo che, quando muovevo i primi passi della professione, il saggio Silvio Moroni – quando si parlava di modalità di assolvimento delle imposte (allora esistevano ancora le esattorie…) – affermava che l’unica questione degna di nota era il formale atto del pagamento, anche se il medesimo fosse avvenuto con modalità non consone a quelle indicate….

Continua a leggere...

Quadro RW e dubbi di compilazione

Le ultime settimane che precedono l’invio definitivo delle dichiarazioni dei redditi sono solitamente dedicate ad un lavoro di rifinitura generale (per il completamento delle informazioni che non influiscono sul debito di imposta), oltre che alla soluzione delle problematiche che si pongono con l’applicazione dei programmi di controllo Entratel. Tra questi ultimi controlli va certamente annoverato…

Continua a leggere...

Quadro RW e dubbi di compilazione

Le ultime settimane che precedono l’invio definitivo delle dichiarazioni dei redditi sono solitamente dedicate ad un lavoro di rifinitura generale (per il completamento delle informazioni che non influiscono sul debito di imposta), oltre che alla soluzione delle problematiche che si pongono con l’applicazione dei programmi di controllo Entratel. Tra questi ultimi controlli va certamente annoverato…

Continua a leggere...

Collegio sindacale in fase di “assestamento”

La definitiva versione del DL 91/2014, a seguito della approvazione della legge 116 del 11 agosto 2014, pubblicata sul Supplemento Ordinario della Gazzetta Ufficiale n.192 del 20 agosto scorso, impone di riprendere il tema dell’organo di controllo delle società a responsabilità limitata. Le nuove disposizioni sono entrate in vigore dallo scorso 21 agosto, giorno successivo…

Continua a leggere...

La corsa all’iban per i rimborsi

L’anno fiscale 2013 si è caratterizzato dalla introduzione di alcuni limiti alla effettuazione dei rimborsi da assistenza fiscale (modello 730) per importi superiori a 4.000 euro, necessari per porre rimedio ad alcune situazioni di abuso che si erano perpetrate nelle passate annualità, specialmente in relazione alle detrazioni per familiari ed al riporto delle eccedenze di…

Continua a leggere...

Compensazioni Inps e tassazione separata

L’articolo 17, comma 1, lettera n-bis) del TUIR prevede che siano assoggettate a tassazione separata, salva l’opzione per la tassazione ordinaria, le somme conseguite a titolo di rimborso di imposte o di oneri dedotti dal reddito complessivo o per i quali si è fruito di una detrazione. Nel novero di questa casistica rientra, appieno, l’ipotesi…

Continua a leggere...

Compensazioni Inps e tassazione separata

L’articolo 17, comma 1, lettera n-bis) del TUIR prevede che siano assoggettate a tassazione separata, salva l’opzione per la tassazione ordinaria, le somme conseguite a titolo di rimborso di imposte o di oneri dedotti dal reddito complessivo o per i quali si è fruito di una detrazione. Nel novero di questa casistica rientra, appieno, l’ipotesi…

Continua a leggere...

Quadro Rw: chi sono i contitolari?

Rush finale per le dichiarazioni dei redditi; rimangono da risolvere, oltre alle posizioni “incagliate”, anche quelle relative al completamento di dati di natura descrittiva che si sono in precedenza omessi. Al riguardo, spesso viene domandato come debba essere compilata la sezione del quadro RW dedicata alla segnalazione del codice fiscale dei soggetti che, per brevità,…

Continua a leggere...

Costruzioni da demolire: aree o fabbricati?

Da poco si è conclusa l’ennesima campagna di rivalutazione delle aree e delle quote di partecipazione in società non quotate; se in relazione alle partecipazioni non ci sono particolari problematiche, una questione assai spinosa si è sviluppata in relazione alle aree. La risposta alla interrogazione parlamentare 5-03220 del 31 luglio 2014 ci dà allora l’occasione…

Continua a leggere...

Costruzioni da demolire: aree o fabbricati?

Da poco si è conclusa l’ennesima campagna di rivalutazione delle aree e delle quote di partecipazione in società non quotate; se in relazione alle partecipazioni non ci sono particolari problematiche, una questione assai spinosa si è sviluppata in relazione alle aree. La risposta alla interrogazione parlamentare 5-03220 del 31 luglio 2014 ci dà allora l’occasione…

Continua a leggere...

Art – bonus: i chiarimenti delle Entrate

Con la circolare 24/E di ieri, l’Agenzia delle entrate rende noto il proprio punto di vista sul credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura, introdotto dal DL 83/2014 e più noto come “Art-Bonus”. Per le persone fisiche e giuridiche che effettuano erogazioni liberali in denaro a favore di cultura e…

Continua a leggere...

Si paga l’Inps sulle somme da recesso?

Negli ultimi tempi, complice la crisi economica e le difficoltà in cui versano molte imprese, si intensificano sempre più i casi di recesso da società; intendiamo occuparci in modo particolare del caso dell’abbandono di una società personale, argomento che sarà meglio approfondito in un articolo di prossima pubblicazione sulla nostra Circolare Tributaria settimanale. Concentriamo la…

Continua a leggere...

Sette chiarimenti sul visto di conformità

Nel caso controverso di sabato abbiamo evocato alcuni dubbi che sono ancora pendenti in materia di apposizione del visto di conformità per l’utilizzo in compensazione di crediti da imposte dirette (formati dal 2013 in avanti) per importi superiori a 15.000 euro. L’avvicinarsi del termine di invio delle dichiarazioni richiede, appunto, urgenti chiarimenti di natura strategica…

Continua a leggere...

Tutto tace sul visto di conformità

Ci siamo già occupati, in precedenti interventi, della questione del visto di conformità che, per la prima volta dal 2014, vincola l’utilizzo in compensazione di crediti da imposte dirette per importi superiori a 15.000 euro. I mesi sono passati, le dichiarazioni ormai quasi ultimate, e resta un silenzio assordante delle Entrate sulla specifica questione. A…

Continua a leggere...

Tutto tace sul visto di conformità

Ci siamo già occupati, in precedenti interventi, della questione del visto di conformità che, per la prima volta dal 2014, vincola l’utilizzo in compensazione di crediti da imposte dirette per importi superiori a 15.000 euro. I mesi sono passati, le dichiarazioni ormai quasi ultimate, e resta un silenzio assordante delle Entrate sulla specifica questione. A…

Continua a leggere...

La circolare n.23/E sul regime speciale dei prodotti editoriali

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n.23/E/2014 di ieri, ha emanato gli attesi chiarimenti in relazione alle disposizioni dell’IVA applicabile al comparto dell’editoria (dell’articolo l’art. 74 c.1 lett c) DPR 26 ottobre 1972 n. 633), come modificate dal D.L. n.63 del 2013. Le modifiche interessano le operazioni di vendita di prodotti editoriali, poste in essere…

Continua a leggere...

Ancora sulla previdenza dei soci di Srl

Il periodo delle dichiarazioni dei redditi rappresenta il momento in cui i clienti dello studio professionale sperimentano sulla propria pelle le stranezze del nostro sistema fiscale e contributivo. Un caso lampante di questa situazione è rappresentato dalla vicenda dei contributi INPS dovuti dai soci delle SRL, iscritti o iscrivibili alla mutua dei commercianti o degli…

Continua a leggere...

Quadro Rw: chi sono i contitolari?

Rush finale per le dichiarazioni dei redditi; rimangono da risolvere, oltre alle posizioni “incagliate”, anche quelle relative al completamento di dati di natura descrittiva che si sono in precedenza omessi. Al riguardo, spesso viene domandato come debba essere compilata la sezione del quadro RW dedicata alla segnalazione del codice fiscale dei soggetti che, per brevità,…

Continua a leggere...

Studi di settore: di refuso in refuso

  Se tutto va per il verso giusto, è legittimo ritenere che entro il prossimo 20 agosto dovremmo riuscire ad ottenere le istruzioni corrette per la compilazione degli studi di settore ed un software Gerico che funziona senza intoppi. Non è poco, se si considera il ritmo quasi frenetico con cui quest’anno si sono susseguiti…

Continua a leggere...

C’è proprio bisogno degli studi di settore?

Tra persone civili e di buon senso, credo si possa tranquillamente affermare che un qualsiasi adempimento possa essere svolto (magari non sempre senza fatica) con un minimo di serenità quando se ne comprende l’utilità o il senso. Questa caratteristica comincia a difettare sempre più negli studi di settore che, se da un alto hanno svolto…

Continua a leggere...

Prospetto società di comodo

Si avvia alla conclusione lo sforzo compilativo delle dichiarazioni dei redditi del periodo di imposta 2013 e, per conseguenza, rimangono sulla scrivania dei professionisti le posizioni “spinose” che si sono accantonate … in attesa della decisiva ispirazione. Al riguardo, ci sono giunte diverse segnalazioni di difficoltà legate alla compilazione del prospetto delle società di comodo,…

Continua a leggere...

Prospetto società di comodo

Si avvia alla conclusione lo sforzo compilativo delle dichiarazioni dei redditi del periodo di imposta 2013 e, per conseguenza, rimangono sulla scrivania dei professionisti le posizioni “spinose” che si sono accantonate … in attesa della decisiva ispirazione. Al riguardo, ci sono giunte diverse segnalazioni di difficoltà legate alla compilazione del prospetto delle società di comodo,…

Continua a leggere...

Il reddito delle STP? È lavoro autonomo

Dopo l’approvazione dello schema di decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, sarà chiaro che le Società tra professionisti (c.d. STP) producono reddito di lavoro autonomo: si tratta di una attesa conferma ufficiale, dopo che l’amministrazione finanziaria aveva correttamente sostenuto che, nel panorama attuale, ove la STP avesse assunto la forma di società commerciale, non avrebbe potuto…

Continua a leggere...

Studi di settore: un incubo senza fine

Da incubo per i contribuenti gli studi di settore sono diventati negli ultimi anni soprattutto un incubo per noi professionisti. Le nostre vacanze estive sono ormai strettamente dipendenti da Gerico, che è una presenza immanente nelle nostre vite, anche e soprattutto quando non c’è e arriva in ritardo. Se ci pensiamo un attimo, gli studi…

Continua a leggere...

La mia prima settimana col pos

A pochi giorni dal “lancio” della operazione del POS obbligatorio, appare utile provare a tracciare un primo bilancio della esperienza che, vale subito la pena di ribadire, riteniamo inutile e ridicola. Vogliamo parlare di bilancio per il semplice fatto che, quando argomenti di natura tecnica e/o amministrativa sono trattati alla stregua di fatti di cronaca…

Continua a leggere...

Lavoro dipendente all’estero

Anche nella campagna delle dichiarazioni dei redditi del periodo di imposta 2013 abbiamo ricevuto numerose sollecitazioni da parte di colleghi in merito alla tematica dei redditi di lavoro dipendente prodotti all’estero da cittadini fiscalmente residenti in Italia. La questione si snoda su due direttrici fondamentali: da un lato cercare di comprendere se tali redditi debbano…

Continua a leggere...

Ci mancava il canone speciale Rai

In queste settimane di intenso impegno lavorativo, il clima già teso degli studi professionali viene ulteriormente turbato da telefonate, mail e visite di clienti che chiedono delucidazioni su una simpatica letterina che viene recapitata dalla RAI. Si tratta, come esplicitato dall’oggetto della comunicazione, del Canone Speciale alla televisione; già la forma lessicale è claudicante, figuriamoci…

Continua a leggere...

Il leverage cash out a rischio di elusione

Un’operazione in voga nella pratica professionale, soprattutto alcuni anni or sono, è stata quella che del c.d. “leveraged cash out”. L’operazione è la seguente: i soci di una società di capitali ricca di utili vendono le quote della medesima, dopo averle rivalutate ai sensi dell’art. 5 della L. 448/2001 pagando l’imposta del 4% o del…

Continua a leggere...

Limiti alla compensazione

In questi giorni di chiusura delle dichiarazioni dei redditi ricompare sulle nostre scrivanie il tema della correttezza delle compensazioni, in particolar modo per quanto attiene il rispetto del tetto massimo delle medesime. Stiamo ragionando sull’anno 2013, periodo nel quale la soglia da rispettare coincideva ancora con il noto parametro dei 516.456,90; dal 2014, invece, sappiamo…

Continua a leggere...

Il decreto crescita in pillole

Si sintetizzano i principali interventi in campo fiscale del D.L. 91/2014. Credito di imposta comparto agricolo – Art. 3 Viene introdotto, al fine di sostenere il “Made in Italy”, un credito di imposta per tutte le imprese che producono prodotti agricoli contemplati nell’Allegato I del Trattato di funzionamento della UE, nonché alle sole pmi nel…

Continua a leggere...

Srl: si assottigliano i collegi sindacali

Scompare l’obbligo di nomina del collegio sindacale per le SRL con capitale sociale non inferiore al minimo previsto per le SPA che, al contempo, viene ridotto da 120.000 a 50.000 euro; questo l’effetto delle modifiche apportate al codice civile ad opera del decreto legge 91 del 24 giugno 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 144…

Continua a leggere...

Prestazioni occasionali: sabbie mobili Inps

Capita spesso di incrociare, nell’economia un po’ traballante di questi anni, soggetti che effettuano prestazioni di natura sporadica ed occasionale di svariata natura. Una prima difficoltà, solitamente, risiede nel corretto inquadramento della natura di tali compensi, che potrebbero essere ascritti alla categoria del reddito di lavoro autonomo occasionale (art. 67, comma 1, lettera l) del…

Continua a leggere...

Ancora sulla tassazione del brevetto

La scorsa settimana abbiamo analizzato la casistica di un soggetto privato che cede un brevetto incassando un corrispettivo rilevante, ponendoci l’interrogativo se tali somme dovessero, o meno, essere tassate. In quella prima analisi avevamo ipotizzato una prima soluzione, tra le due che si contrappongono in dottrina, tesa a confermare la irrilevanza della somma in forza…

Continua a leggere...

Proroghe e dintorni: è questo il modo?

Tutto è bene quel che finisce bene, si dice. Con i suoi contributi di ieri e di oggi Fabio Garrini ci ha dato conto del contenuto tecnico del DPCM che ha ufficialmente differito i termini per il versamento delle imposte per i soggetti interessati da studi di settore. Si trattava di una proroga tanto attesa…

Continua a leggere...

Tanto per parlare …

  Può il Ministero delle Economie e delle Finanze uscire con un comunicato stampa sabato 14 giugno per annunciare la proroga dei versamenti che scadono il 16 giugno (riuscendo per inciso a fare peggio dell’anno scorso quando la proroga arrivò il 13 giugno)? E “con che faccia” può il Ministro andare in televisione il giorno…

Continua a leggere...

Si tassa la cessione di un brevetto?

Si ipotizzi che un soggetto, persona fisica, abbia elaborato e regolarmente registrato un brevetto o altro diritto simile, ascrivibile alla categoria delle opere dell’ingegno; ed ancora, si ipotizzi che a tele soggetto venga avanzata una offerta economicamente allettante per l’acquisto di tale opera. Quale è il trattamento fiscale riservato a tale operazione? A livello normativo…

Continua a leggere...

Toc! toc! C’è qualcuno?

Non passa giorno, di questo periodo, che non ci sia qualche cosa di cui stupirsi. Cose belle e cose meno edificanti che passano veloci come schegge tra un modello UNICO ed una TASI. Quasi testualmente tratto da una delibera TASI di un comune sardo per il quale proponiamo un premio Nobel per la semplificazione tributaria:…

Continua a leggere...

Il momento del cambiamento

Il momento è davvero decisivo, in diversi ambiti. Lo è dal punto di vista politico, come più volte abbiamo messo in evidenza, perché si è riformato un seppur minimo barlume di speranza che le cose possano cambiare ed è un patrimonio che non possiamo permetterci di disperdere nuovamente … anche se le vicende di Expo…

Continua a leggere...

Oneri da prelocazione e competenza

Negli ultimi mesi non sono certo frequenti le nuove iniziative immobiliari, a causa del diffuso stato di crisi che sta interessando l’economica in generale; tuttavia, i pochi casi che si riscontrano sono, di solito, di importo non trascurabile. Ipotizziamo, allora, che un cliente di studio intenda realizzare un immobile supportando l’iniziativa con una società di…

Continua a leggere...

Oneri da prelocazione e competenza

Negli ultimi mesi non sono certo frequenti le nuove iniziative immobiliari, a causa del diffuso stato di crisi che sta interessando l’economica in generale; tuttavia, i pochi casi che si riscontrano sono, di solito, di importo non trascurabile. Ipotizziamo, allora, che un cliente di studio intenda realizzare un immobile supportando l’iniziativa con una società di…

Continua a leggere...

Iva in edilizia: c’è stufa e stufa …

Negli ultimi anni si fanno sempre più ricorrenti gli interventi effettuati sui fabbricati, al fine di provvedere alla installazione di impianti che permettono la creazione di calore con fonti alternative al gas oppure al gasolio; tra questi sono frequenti le installazioni di stufe a pellet, con la conseguenza che rimbalzano negli studi professionali numerosi quesiti…

Continua a leggere...

Errori dell’intermediario e sanzioni

Avvicinandosi il periodo di chiusura dei modelli dichiarativi, appare opportuno rammentare che molta attenzione deve essere posta nella trattazione dell’impegno a trasmettere, documento che l’intermediario deve rilasciare al contribuente a mente delle linee guida che regolano il rapporto tra i due soggetti. Quando tutto si svolge nei termini ordinari nulla quaestio, ma quando si tratta…

Continua a leggere...

Errori dell’intermediario e sanzioni

Avvicinandosi il periodo di chiusura dei modelli dichiarativi, appare opportuno rammentare che molta attenzione deve essere posta nella trattazione dell’impegno a trasmettere, documento che l’intermediario deve rilasciare al contribuente a mente delle linee guida che regolano il rapporto tra i due soggetti. Quando tutto si svolge nei termini ordinari nulla quaestio, ma quando si tratta…

Continua a leggere...

Anche il fisco richiede un po’ di serietà

Esordisco con una domanda banale: quando un cliente di studio ha presentato in modo ordinato e tempestivo tutto la necessaria documentazione per il modello Unico, a qualche professionista verrebbe mai in mente di presentare la dichiarazione in modo approssimativo, sulla scorta del motto “tanto poi se qualche cosa non va bene posso correggere tra una…

Continua a leggere...

Tutto chiaro per le liquidazioni “semplificate”

Nel caso controverso del 21 dicembre 2013 ci eravamo occupati della ritrosia di alcuni Conservatori dei Registri Imprese ad accogliere pratiche di messa in liquidazione della società e nomina dei liquidatori non supportate da un atto pubblico; ci veniva infatti riferito che, sovente, tali pratiche venivano “congelate” con conseguenze di non poco conto sia sul…

Continua a leggere...

Tutto chiaro per le liquidazioni “semplificate”

Nel caso controverso del 21 dicembre 2013 ci eravamo occupati della ritrosia di alcuni Conservatori dei Registri Imprese ad accogliere pratiche di messa in liquidazione della società e nomina dei liquidatori non supportate da un atto pubblico; ci veniva infatti riferito che, sovente, tali pratiche venivano “congelate” con conseguenze di non poco conto sia sul…

Continua a leggere...

Dopo Gerico, arrivano i modelli

Un comunicato stampa di ieri ha annunciato il varo del provvedimento direttoriale 69100/2014 con cui sono stati approvati i modelli dei 205 studi di settore da allegare ad Unico2014; quindi, l’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle entrate si arricchisce di un ulteriore tassello che consente la compilazione dei modelli dichiarativi. Manca all’appello, ad oggi, solo…

Continua a leggere...

Che fatica pagare le imposte!

Ricordiamo come, agli inizi della professione, a fronte di eventuali errori o irregolarità negli aspetti formali dei versamenti delle imposte, venivamo tranquillizzati con una affermazione tranciante: non ti preoccupare, l’importante è che il pagamento sia stato effettuato. Non sappiamo se tale affermazione sia ancora attuale, specialmente dopo la lettura dell’articolo 11 del DL 66/2014 (c.d….

Continua a leggere...

Immobili fatiscenti: sono aree o fabbricati?

Negli ultimi mesi si è rivitalizzata, in senso favorevole al contribuente, la tematica delle conseguenze fiscali della cessione di un fabbricato (più o meno fatiscente e compreso, o meno, in un piano di recupero) posseduto da oltre un quinquennio. Come noto, la vicenda trova le sue radici nella risoluzione 395/E/2008, documento nel quale l’Agenzia delle…

Continua a leggere...

Immobili fatiscenti: sono aree o fabbricati?

Negli ultimi mesi si è rivitalizzata, in senso favorevole al contribuente, la tematica delle conseguenze fiscali della cessione di un fabbricato (più o meno fatiscente e compreso, o meno, in un piano di recupero) posseduto da oltre un quinquennio. Come noto, la vicenda trova le sue radici nella risoluzione 395/E/2008, documento nel quale l’Agenzia delle…

Continua a leggere...

Arriva gerico … e che fine fa la proroga?

Con apposito comunicato stampa di ieri, l’Agenzia delle Entrate avverte che è online la versione definitiva di Gerico 2014, il software per la compilazione degli studi di settore, aggiornata con i correttivi “crisi” (approvati con il Dm del 2 maggio 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 12 maggio 2014). Si gioca dunque d’anticipo di qualche…

Continua a leggere...
unico

Nuova tassazione delle rendite con perplessità

Una fetta importante del gettito atteso dal c.d. Decreto Renzi (DL 66/2014) è certamente connessa con la revisione delle aliquote di tassazione delle rendite finanziarie, materia della quale ci occupiamo limitatamente all’area dei dividendi e dei capital gains, innalzate dal 20 al 26%. In primo luogo, va notato che il Legislatore ha fatto una scelta…

Continua a leggere...

Le oscillazioni della Cassazione

Uno dei principali problemi del nostro sistema fiscale, come è noto, è rappresentato dalla giustizia tributaria, che non sembra in grado di dare molte garanzie né ai contribuenti, né all’Erario, favorendo di converso il ricorso agli istituti deflattivi. Molto spesso si ritiene che una delle cause di questa situazione di grande difficoltà risieda nel fatto…

Continua a leggere...

Si scomputano le ritenute non versate dal cliente?

Negli studi professionali si sta facendo, in questo periodo, il controllo della presenza delle certificazioni delle ritenute d’acconto; la “caccia” al fatidico pezzo di carta, infatti, è il primo degli ostacoli che devono essere superati per poter scomputare le imposte che i committenti hanno versato per nostro conto. Sappiamo che l’Agenzia delle entrate, con risoluzione…

Continua a leggere...

Si scomputano le ritenute non versate dal cliente?

Negli studi professionali si sta facendo, in questo periodo, il controllo della presenza delle certificazioni delle ritenute d’acconto; la “caccia” al fatidico pezzo di carta, infatti, è il primo degli ostacoli che devono essere superati per poter scomputare le imposte che i committenti hanno versato per nostro conto. Sappiamo che l’Agenzia delle entrate, con risoluzione…

Continua a leggere...

Le sentenze debbono essere adeguatamente motivate

  La sentenza 8850 depositata il giorno 16 aprile 2014 dalla Cassazione rappresenta un ottimo documento da analizzare per valutare il tema dell’obbligo di motivazione delle sentenze delle Commissioni Tributarie. La questione non appare di mero stile o di limitato interesse per gli “affetti” da curiosità scientifica, bensì un tema sul insistere quando ci si…

Continua a leggere...

Riserva legale a velocità variabile

È tempo di approvazione dei bilanci e, fra i numerosi aspetti da considerare, non vanno trascurate le novità relative alla corretta quantificazione degli utili da accantonare obbligatoriamente a riserva legale, in particolar modo per le SRL. Per le SRL “tradizionali” e per le SpA, da sempre l’art. 2430 c.c. prevede che dagli utili netti annuali…

Continua a leggere...

Non è tempo di comodo

Si profila una nuova tornata di dichiarazioni nella quale la disciplina sulle società di comodo è destinata a lasciare molte “vittime sul campo”. Tra non operative e in perdita sistematica sono infatti sempre di più le società che, già in difficoltà per una crisi che ormai “morde” da troppi anni, rischiano di ricevere il “colpo…

Continua a leggere...

Liquidarsi per sfuggire dalle comodo

  Si avvicina il momento di affrontare la dichiarazione dei redditi e, per i soggetti societari, va certamente superato lo scoglio delle società di comodo, questione che da qualche anno riveste una importanza elevatissima, confermata anche per il 2013 visto il perdurare dello stato di crisi. Le vie d’uscita dal regime sono ormai a tutti…

Continua a leggere...

Alla fine gli 80 euro in più al mese ai dipendenti sono arrivati

Alla fine gli 80 euro in più al mese ai dipendenti sono arrivati, nonostante lo scetticismo di molti e la richiesta da parte di alcune forze politiche al Presidente della Repubblica di non firmare il decreto legge denominato spending review, privo, secondo loro, della copertura finanziaria necessaria. Che il punto preoccupasse anche il Quirinale è…

Continua a leggere...

Le novità degli studi di settore per il 2013 (2a parte)

In un precedente intervento abbiamo ricostruito la situazione del “cantiere” degli studi di settore per il 2013, evidenziando come le modifiche ad oggi note riguardano l’introduzione di ulteriori indicatori di coerenza economica, finalizzati ad intercettare anomalie nella segnalazione dei dati rilevanti ai fini degli studi. Vediamo ora, nel dettaglio, in cosa consistono le novità. L’indicatore…

Continua a leggere...

Le novità degli studi di settore per il 2013 (1a parte)

Come noto, al fine di poter formalmente adempiere alla prescrizione normativa che impone l’approvazione degli studi di settore entro la fine del periodo di imposta per il quale i medesimi si rendono applicabili ed, al contempo, potersi riservare un ulteriore “spazio di azione” dopo una prima visione dei dati tendenziali del periodo stesso, da un…

Continua a leggere...

Si chiude un’epoca

Tra poco più di un mese il Direttore dell’Agenzia delle Entrate e presidente di Equitalia Befera lascerà il proprio incarico. Non sarà un normale avvicendamento nell’ambito dello spoil system, ma la vera e propria fine di un’epoca, con l’uscita di scena di un uomo che nei sei anni nei quali ha diretto l’Amministrazione finanziaria, concentrando…

Continua a leggere...

Esiste un limite per il TFM?

La chiusura dei conti dell’anno 2013 ripropone una riflessione tipica di questi periodi, in quanto attinente le scritture di assestamento: esiste un limite quantitativo per la deduzione dell’accantonamento per trattamento di fine mandato dei collaboratori, tra cui anche gli amministratori? Innanzitutto, vale la pena di ricordare che la deduzione della posta è, secondo l’ottica dell’Agenzia,…

Continua a leggere...

Al via lo spesometro 2013

Domani scade il termine per l’invio del c.d. spesometro 2013 (oppure, elenco clienti e fornitori che dir si voglia) per i contribuenti che, nel corso del 2014, liquidano l’IVA trimestralmente; il giorno 20 sarà invece il turno dei soggetti trimestrali. L’adempimento è stato ormai “assorbito” dagli studi professionali con un approccio pratico operativo sostanzialmente sereno;…

Continua a leggere...

L’evasione è una cosa seria … buttiamola in ridere

Vasto eco ha avuto sulla stampa specializzata l’audizione al Senato del Direttore dell’Agenzia delle entrate dello scorso 2 aprile. L’obiettivo dello studio, elaborato dall’Agenzia con il consueto approccio statistico, è quello di “comprendere i bisogni dei contribuenti e le realtà territoriali da amministrare e controllare” e “organizzare e pianificare le attività in modo differenziato sul…

Continua a leggere...

Detrazioni su immobili ed errori nei bonifici

Avvicinandosi il periodo di predisposizione delle dichiarazioni dei redditi, cominciano a giungere negli studi professionali i documenti di supporto per la redazione dei modelli; capita, allora, di intercettare delle casistiche che presentano taluni aspetti di problematicità. Vogliamo evocare, in questo intervento, la casistica del soggetto che, nel corso del 2013, ha realizzato interventi di recupero…

Continua a leggere...

Detrazioni su immobili ed errori nei bonifici

Avvicinandosi il periodo di predisposizione delle dichiarazioni dei redditi, cominciano a giungere negli studi professionali i documenti di supporto per la redazione dei modelli; capita, allora, di intercettare delle casistiche che presentano taluni aspetti di problematicità. Vogliamo evocare, in questo intervento, la casistica del soggetto che, nel corso del 2013, ha realizzato interventi di recupero…

Continua a leggere...

Gli studi di settore scaldano i motori

  In questi giorni si stanno completando gli strumenti che sono necessari al contribuente per la gestione delle dichiarazioni dei redditi; in particolare, la commissione degli esperti ha validato ieri i correttivi anticrisi proposti dalla Sose ed, inoltre, sulla GU del 31.03.2014 è stato pubblicato il decreto ministeriale 24 marzo, che apporta alcune modifiche strutturali…

Continua a leggere...

Quando il fisco non è così perfetto

La scorsa settimana su Euroconference NEWS abbiamo pubblicato un pezzo di Maurizio Tozzi intitolato “Quando il fisco è perfetto”, nel quale si raccontava un caso di ottima amministrazione della cosa pubblica. L’Agenzia delle Entrate di Latina, pur avendo vinto in primo grado il contenzioso con un contribuente, costituendosi in giudizio in appello ha richiesto l’estinzione…

Continua a leggere...

Auto in uso ai dipendenti e detrazione Iva

Spesso accade che le aziende acquistino dei veicoli destinati ad essere concessi in uso promiscuo ai dipendenti. La regolazione di questa attribuzione può essere gestita con due differenti modalità: tramite l’inserimento di un fringe benefit in busta paga, oppure tramite emissione di fattura, pagata dal dipendente anche con trattenuta (finanziaria) sul cedolino da parte del…

Continua a leggere...

Auto in uso ai dipendenti e detrazione Iva

Spesso accade che le aziende acquistino dei veicoli destinati ad essere concessi in uso promiscuo ai dipendenti. La regolazione di questa attribuzione può essere gestita con due differenti modalità: tramite l’inserimento di un fringe benefit in busta paga, oppure tramite emissione di fattura, pagata dal dipendente anche con trattenuta (finanziaria) sul cedolino da parte del…

Continua a leggere...

Anche il sindaco si innamorò del fisco

Lo scorso 20 marzo, il Direttore dell’Agenzia delle entrate è stato ascoltato in audizione alle Camere per aggiornare il Parlamento sulla attuazione e sulle prospettive del Federalismo fiscale. Dalla relazione possiamo estrapolare il paragrafo relativo alla partecipazione dei Comuni all’attività di accertamento, per svolgere qualche riflessione, anche in vista del decollo del nuovo redditometro. Come…

Continua a leggere...

Attività preparatoria e detrazione dell’Iva

La Cassazione torna ancora sulla tematica della detraibilità dell’IVA assolta sugli acquisti c.d. preparatori all’attività, vale a dire quelli sostenuti in periodi in cui non si sono prodotti ricavi; il tema è al centro della sentenza 6664 depositata lo scorso 21 marzo 2014. Un contribuente apriva in data 5 maggio 1997 una partita IVA per…

Continua a leggere...

Locazione di immobili con opzione di acquisto – seconda parte

Nel caso controverso della scorsa settimana ci siamo occupati della tematica, cara a numerose imprese del comparto immobiliare, dei nuovi contratti di locazioni associati ad una opzione di acquisto, analizzandone i risvolti propri del comparto della imposizione diretta ed evidenziando le differenziazioni rispetto alla tipologia contrattuale della locazione con patto di futura vendita. Si tratta…

Continua a leggere...

Locazione di immobili con opzione di acquisto – seconda parte

Nel caso controverso della scorsa settimana ci siamo occupati della tematica, cara a numerose imprese del comparto immobiliare, dei nuovi contratti di locazioni associati ad una opzione di acquisto, analizzandone i risvolti propri del comparto della imposizione diretta ed evidenziando le differenziazioni rispetto alla tipologia contrattuale della locazione con patto di futura vendita. Si tratta…

Continua a leggere...

Sanzioni amministrative e rapporto con il commercialista

Che succede quando un contribuente incarica un professionista (o sostiene di averlo incaricato) di svolgere un adempimento fiscale e, invece, lo stesso adempimento non viene posto in essere? Si possono ravvisare elementi di responsabilità a carico del commercialista? La vicenda appare di assoluta attualità, specialmente in questi periodi di crisi, per il semplice fatto che,…

Continua a leggere...

Locazione di immobili con opzione di acquisto

Stante il periodo di crisi che ha colpito il comparto immobiliare, sempre più spesso accade che alcune imprese costruttrici utilizzino nuovi schemi contrattuali quali la locazione immobiliare ad uso abitativo con facoltà di successivo acquisto da parte del conduttore; l’ipotesi è riferita a beni che sono normalmente collocati tra le immobilizzazioni di bilancio. In tal…

Continua a leggere...

Locazione di immobili con opzione di acquisto

Stante il periodo di crisi che ha colpito il comparto immobiliare, sempre più spesso accade che alcune imprese costruttrici utilizzino nuovi schemi contrattuali quali la locazione immobiliare ad uso abitativo con facoltà di successivo acquisto da parte del conduttore; l’ipotesi è riferita a beni che sono normalmente collocati tra le immobilizzazioni di bilancio. In tal…

Continua a leggere...

Rettifica della detrazione con lieta sorpresa

In periodo di dichiarazione annuale IVA, la sola menzione dell’istituto della rettifica della detrazione genera, normalmente, fenomeni di orticaria e dissenteria; si tratta, come noto, di argomento ostico da comprendere ed ancora più difficoltoso da applicare, specialmente per quanto attiene il reperimento dei dati. Di non secondaria importanza l’impatto sul conto economico del soggetto che,…

Continua a leggere...

Non uno, ma due fondi svalutazione crediti

Avvicinandosi i tempi di chiusura dei bilanci dell’esercizio 2013, si cominciano a testare le ripercussioni che le recenti novità legislative determinano sui conti delle società. In particolar modo, durante questa settimana abbiamo discusso in merito alla gestione delle svalutazioni e delle perdite su crediti nel bilancio 2013. Il motivo che ci ha spinto verso l’argomento…

Continua a leggere...

Non uno, ma due fondi svalutazione crediti

Avvicinandosi i tempi di chiusura dei bilanci dell’esercizio 2013, si cominciano a testare le ripercussioni che le recenti novità legislative determinano sui conti delle società. In particolar modo, durante questa settimana abbiamo discusso in merito alla gestione delle svalutazioni e delle perdite su crediti nel bilancio 2013. Il motivo che ci ha spinto verso l’argomento…

Continua a leggere...

Lettere di intento e frodi Iva

La vigente normativa IVA prevede la possibilità, per i soggetti che possono qualificarsi come esportatori abituali, di acquistare beni e servizi senza addebito di IVA, dietro il vincolo che al fornitore sia inviata (prima del momento di effettuazione della operazione) apposita dichiarazione di intento. In linea di principio, il ricevente tale documento deve solo rispettare…

Continua a leggere...

Iva non versata e credito 2013

Sistemate, a febbraio, le comunicazioni e le dichiarazioni delle posizioni non patologiche, l’attenzione, da marzo, si sposta sulle posizioni “incagliate”. Fra queste, ci sono quelle del soggetto che non ha versato (per mancanza di liquidità) l’IVA di un determinato mese o trimestre dell’anno 2013 ma, negli ultimi mesi dell’anno, ha maturato un’eccedenza di Iva a…

Continua a leggere...

Un futuro (sin troppo) ambizioso … un presente (desolatamente) triste

  La prima settimana di vita del governo Renzi in campo tributario segna in modo marcato il disallineamento tra le aspettative e le promesse riformatrici, che caricano questo esecutivo come nessun altro, e l’odierna realtà delle cose, che non consente certo “voli pindarici”. Fra gli aspetti positivi va menzionato il fatto che il Parlamento ha…

Continua a leggere...

Sei questioni sul rientro dei capitali

La tematica del rientro volontario di capitali sta generando una reazione dal doppio sapore: da un lato un interesse quasi assimilabile ad una morbosa curiosità (stimolato dalla diffusa convinzione che sia terminato il periodo in cui fosse “poco rischiosa” la detenzione di capitali all’estero), dall’altro, un generalizzato timore di non avere ben chiare le conseguenze…

Continua a leggere...

Sei questioni sul rientro dei capitali

La tematica del rientro volontario di capitali sta generando una reazione dal doppio sapore: da un lato un interesse quasi assimilabile ad una morbosa curiosità (stimolato dalla diffusa convinzione che sia terminato il periodo in cui fosse “poco rischiosa” la detenzione di capitali all’estero), dall’altro, un generalizzato timore di non avere ben chiare le conseguenze…

Continua a leggere...

Royalties escluse dai dazi doganali e dall’Iva importazione

Le royalties pagate dall’importatore al titolare del marchio, che sia un soggetto diverso dal fornitore estero, sono escluse dalla tassazione doganale se, allo stesso tempo, i diritti di licenza non costituiscono una “condizione di vendita” e non sussiste un rapporto di controllo tra il licenziante e l’esportatore. È la conclusione della Commissione Tributaria Regionale di…

Continua a leggere...

Norma confusa? Niente sanzioni

Potremmo affermare che tematica della soggettività passiva IRAP dei contribuenti ha ormai assunto dimensioni tali da rendere sconsigliabile il tornare a parlarne; pur tuttavia, a parere di chi scrive non si può lasciar passare sotto silenzio la pregevole sentenza n.4394 che la Cassazione (Presidente Cicala, Relatore Di Blasi) ha depositato lo scorso 24 febbraio 2014….

Continua a leggere...

Chiusura bilanci e rinunce ai crediti

Si avvicina, galoppando, il termine per la chiusura dei bilanci dell’esercizio 2013 che, si teme, non brilleranno certo per risultati rilevanti; anzi, probabilmente torneranno alla ribalta i soliti problemi delle perdite, della loro copertura e delle possibili influenze negative sulla conservazione del capitale. Una via di fuga sempre utilizzabile è quella dell’intervento dei soci, che…

Continua a leggere...

Fate qualcosa … e fate presto

  Molti ritengono, e noi siamo fra quelli, che il Governo che ha appena giurato nelle mani del Capo dello Stato rappresenti una sorta di ultima spiaggia per il nostro Paese, da troppi anni avviluppato su se stesso. L’Esecutivo uscente, prigioniero della propria debolezza originaria, è stato impalpabile, facendo poco, troppo poco, in una situazione…

Continua a leggere...

Il professionista “rinnova” il leasing

Pur in attesa di una conferma ufficiale di prassi, riteniamo che l’anno 2014 si caratterizzi per una sorta di rivitalizzazione della rilevanza fiscale degli acquisti immobiliari nel comparto dei lavoratori autonomi. Infatti, l’emanazione della legge di stabilità per il 2014, l’inserimento nell’articolo 54 del TUIR di specifiche regolamentazioni in merito alla durata della deduzione dei…

Continua a leggere...

Il professionista “rinnova” il leasing

Pur in attesa di una conferma ufficiale di prassi, riteniamo che l’anno 2014 si caratterizzi per una sorta di rivitalizzazione della rilevanza fiscale degli acquisti immobiliari nel comparto dei lavoratori autonomi. Infatti, l’emanazione della legge di stabilità per il 2014, l’inserimento nell’articolo 54 del TUIR di specifiche regolamentazioni in merito alla durata della deduzione dei…

Continua a leggere...

Disponibile il software intr@web per la gestione delle dichiarazioni intrastat per l’anno 2014

L’Agenzia delle Dogane, in collaborazione con EUROSTAT (Ufficio Statistico dell’Unione europea), ha reso disponibile, sul proprio sito Internet (www.agenziadogane.it), il software Intr@Web 2014 per la gestione degli elenchi riepilogativi degli scambi intracomunitari di beni e servizi. Si tratta di un’applicazione rivolta sia agli operatori economici che decidono di presentare direttamente i modelli INTRASTAT, sia ai…

Continua a leggere...

Risoluzione 23/E: lo “scambio punti” tra società partner non è soggetta ad imposta sostitutiva

L’Amministrazione finanziaria, in base all’orientamento ribadito, da ultimo, con la risoluzione n. 101 del 26 novembre 2012, aveva chiarito che i punti trasferiti da un concorso all’altro sono qualificabili come premi e che gli stessi sono esenti da IVA ai sensi dell’art. 10, comma 1, n. 4), del D.P.R. n. 633/1972, in quanto il corrispettivo…

Continua a leggere...

Le note di addebito dell’Iva non sono soggette al limite di un anno

Con la sentenza n.2249/2014, la Corte di Cassazione ha affermato che il termine annuale per l’emissione delle note di variazione non riguarda le rettifiche in aumento dell’imponibile o dell’imposta, ma solo alcune specifiche ipotesi di rettifica in diminuzione. Il caso esaminato si riferisce ad una società che, dopo avere acquistato varie quantità di acqua, regolarmente…

Continua a leggere...

Fattura di acquisto errata: che fare?

Molto spesso accade che un soggetto acquirente o committente riceva una fattura, per operazioni di acquisto di beni o servizi, che non risulta perfettamente corretta nel suo contenuto. Per erroneità intendiamo due differenti casistiche: da un lato la possibile mancanza di alcuni elementi fondamentali del documento (ad esempio, una eccessiva genericità della descrizione degli addebiti),…

Continua a leggere...

La “nuova via” alla formazione: gli Special Events Privilege – Euroconference News

In questo editoriale una volta tanto non parliamo dell’Agenzia delle Entrate o del legislatore, ma parliamo di noi. Vogliamo presentarvi una nuova linea di eventi formativi che Euroconference ha ideato per i propri Clienti: li abbiamo chiamati Special Event Privilege – Euroconference News perché vogliamo che siano appunto “speciali” per chi vi partecipa. Si tratta…

Continua a leggere...

Fattura di acquisto errata: che fare?

Molto spesso accade che un soggetto acquirente o committente riceva una fattura, per operazioni di acquisto di beni o servizi, che non risulta perfettamente corretta nel suo contenuto. Per erroneità intendiamo due differenti casistiche: da un lato la possibile mancanza di alcuni elementi fondamentali del documento (ad esempio, una eccessiva genericità della descrizione degli addebiti),…

Continua a leggere...

Rimborso Iva ammesso per i soggetti non residenti con rappresentante fiscale

  La Corte di giustizia, con la sentenza del 6 febbraio 2012, relativa alla causa C-323/12, ha affermato che un soggetto passivo stabilito in uno Stato membro, che abbia effettuato cessioni di beni territorialmente rilevanti in un altro Stato membro, ivi soggette a reverse charge, ha il diritto di ottenere il rimborso “diretto” dell’IVA anche…

Continua a leggere...

È cedibile anche il credito Iva trimestrale?

Il concetto di credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale non va riferito soltanto alle somme chieste a rimborso con la dichiarazione stessa, ma può essere esteso agli importi richiesti a rimborso in sede trimestrale, ai sensi del secondo comma dell’art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972, sotto la condizione che il credito, rimborsabile infrannualmente, trovi successiva…

Continua a leggere...

Sul redditometro siamo pronti … quasi … forse …

Ascoltando a Telefisco il Direttore dell’Agenzia Befera annunciare l’imminente arrivo dei primi accertamenti basati sul “nuovo” (si fa per dire) redditometro, ci è venuta la curiosità di andare a vedere quante volte il dott. Befera abbia fatto il medesimo annuncio. Da quello che ci consta, con quello dello scorso 30 gennaio Befera ha fatto cifra…

Continua a leggere...

Operazioni straordinarie e società di comodo

Le società che sono interessate da operazioni straordinarie si trovano spesso ad avere delle difficoltà nel conteggio dei ricavi minimi per verificare la propria operatività ai fini del regime delle società di comodo. Si pensi al caso, ad esempio, di una fusione per incorporazione, a seguito della quale la società incorporante si trovi a verificare…

Continua a leggere...

Operazioni straordinarie e società di comodo

Le società che sono interessate da operazioni straordinarie si trovano spesso ad avere delle difficoltà nel conteggio dei ricavi minimi per verificare la propria operatività ai fini del regime delle società di comodo. Si pensi al caso, ad esempio, di una fusione per incorporazione, a seguito della quale la società incorporante si trovi a verificare…

Continua a leggere...

Un’APE … fastidiosa come una mosca

Una piccola cosa (quasi un insetto, verrebbe da dire), ci dà la dimostrazione di quale sia la capacità dei soggetti che producono le leggi in Italia; da tale palese inadeguatezza (che non andrebbe lasciata scorrere …) deriva un panorama che potrebbe rendere assai “velenosa” la mancata osservanza degli obblighi in tema di attestato di prestazione…

Continua a leggere...

Tornano i problemi delle società di comodo

Una risposta rilasciata dall’Agenzia delle entrate durante Telefisco ci rammenta che, con l’avvio dell’anno 2014, torna di estrema attualità il tema delle società di comodo, nelle sue due differenti declinazioni delle società non operative e delle società in perdita sistemica. La differenza tra le due situazioni, ormai nota, consiste nel tipo di analisi che deve…

Continua a leggere...

I nostri funzionari non hanno un premio per la caccia agli evasori …

«Mi lasci sfatare una leggenda metropolitana: i nostri funzionari non hanno un premio per la caccia agli evasori, non è mai esistito. Questa credenza nasce da una considerazione: le modalità di calcolo delle somme che l’Agenzia delle Entrate ogni anno prende dal Ministero, anche per gli incentivi al personale ma non solo, sono basate sulla…

Continua a leggere...

Deduzione Imu con criterio di “cassa” anomalo

Alcune risposte rilasciate dall’Agenzia delle Entrate nel corso della recente manifestazione di Telefisco proprio non convincono; sulla edizione di venerdì 31/01/14 abbiamo parlato del presunto obbligo di copertura fiscale della rivalutazione dei beni di impresa, argomento in relazione al quale ci eravamo già pronunciati in senso completamente opposto nelle scorse settimane. Oggi, invece, ci soffermiamo…

Continua a leggere...

Deduzione Imu con criterio di “cassa” anomalo

Alcune risposte rilasciate dall’Agenzia delle Entrate nel corso della recente manifestazione di Telefisco proprio non convincono; sulla edizione di ieri abbiamo parlato del presunto obbligo di copertura fiscale della rivalutazione dei beni di impresa, argomento in relazione al quale ci eravamo già pronunciati in senso completamente opposto nelle scorse settimane. Oggi, invece, ci soffermiamo ad…

Continua a leggere...

Telefisco in pillole

A seguire, si presenta una tabella riepilogativa di sintesi con le risposte fornite dall’Agenzia delle entrate nel corso della manifestazione di incontro con la stampa specializzata. Lo spirito è quello di fornire una sorta di indice per orientarsi tra i parare delle Entrate. A titolo di precisazione, specifichiamo che: il numero si riferisce alla risposta…

Continua a leggere...

Colpo di scure sulla rivalutazione dei beni

Con una risposta che, in tutta sincerità, pare costruita con il solo intento di difendere una posizione “precostituita”, l’Agenzia delle Entrate ha manifestato il proprio parere in merito alla questione più importante che attiene alla rivalutazione dei beni di impresa, introdotta dalla legge di stabilità per il 2014. Volutamente diciamo che quello conosciuto è il…

Continua a leggere...

Approccio morbido alle compensazioni

Sarà l’abitudine a sorprese negative, sarà una generale diffidenza verso i nuovi adempimenti, ma va detto che le tre risposte rilasciate dall’Agenzia in tema di compensazioni di crediti da imposte dirette (oltre la soglia di 15.000) euro appaiono tutte condivisibili. I temi toccati sono i seguenti: modalità di computo del limite; necessità di preventiva presentazione…

Continua a leggere...

Lo studio associato bisticcia con l’Irap

Si è ormai chiuso anche l’anno 2013 e si stanno riscaldando i motori in preparazione delle dichiarazioni dei redditi; ciò nonostante, rimane del tutto inalterata la situazione nebulosa che attiene alla soggettività passiva IRAP, materia nella quale sembra sfumata anche la possibilità di un intervento volto a delineare (in modo netto e preciso) i contorni…

Continua a leggere...

La saga dello spesometro: la “tolleranza” dell’Agenzia non è nulla rispetto a quella dei contribuenti …

Tutto si può dire dell’Agenzia … ma non che non ami stupirci. L’avevamo rimosso, ma lo spesometro, adempimento nato evidentemente sotto una cattiva stella (per noi si intende, non per loro), torna ad agitare i nostri sonni. Vi ricordate che dopo numerose proroghe, per la trasmissione dei dati relativi al periodo di imposta 2012, alla…

Continua a leggere...

Reclamo fiscale con inammissibilità in stand by

E’ noto che, all’interno della legge di stabilità 2014, è stato posto rimedio ad una stortura delle norme relative all’istituto del reclamo o mediazione tributaria di cui all’articolo 17-bis del decreto 546/1992. In particolare, la mancata attivazione della procedura di reclamo (ove obbligatoria) determinava la assoluta inammissibilità del ricorso, con il conseguente consolidamento della pretesa…

Continua a leggere...

Reclamo fiscale con inammissibilità in stand by

E’ noto che, all’interno della legge di stabilità 2014, è stato posto rimedio ad una stortura delle norme relative all’istituto del reclamo o mediazione tributaria di cui all’articolo 17-bis del decreto 546/1992. In particolare, la mancata attivazione della procedura di reclamo (ove obbligatoria) determinava la assoluta inammissibilità del ricorso, con il conseguente consolidamento della pretesa…

Continua a leggere...

La partenza poteva essere migliore

  Avevamo chiuso l’anno 2013 con un editoriale che si intitolava “Un anno migliore”, ma c’è da dire che, almeno dal punto di vista legislativo, nemmeno il nuovo anno è partito con il piede giusto. L’altro giorno eravamo assieme per la 4a giornata del Master Breve e riflettevamo sulle numerose disposizioni contenute nella Legge di…

Continua a leggere...

Rivalutazione solo fiscale?

Una questione particolarmente delicata da sviscerare in merito alla rivalutazione dei beni e delle partecipazioni attiene alla circostanza che essa possa o meno essere eseguita in ambito meramente civilistico. Al riguardo, va segnalato che il dato letterale non sembra dirimente per assumere l’una o l’altra tesi poiché il testo dei commi da 140 a 146…

Continua a leggere...

Rivalutazione solo fiscale?

Una questione particolarmente delicata da sviscerare in merito alla rivalutazione dei beni e delle partecipazioni attiene alla circostanza che essa possa o meno essere eseguita in ambito meramente civilistico. Al riguardo, va segnalato che il dato letterale non sembra dirimente per assumere l’una o l’altra tesi poiché il testo dei commi da 140 a 146…

Continua a leggere...

Compensazioni imposte dirette: quale limite?

A decorrere dal periodo di imposta 2014, ed in relazione alle eccedenze formatesi dal 2013, i contribuenti che, ai sensi delle disposizioni che disciplinano la compensazione orizzontale tra crediti e debiti di imposta e contributivi, utilizzano in compensazione i crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle ritenute alla fonte, alle imposte…

Continua a leggere...

L’ennesimo inutile orpello

Con la Legge di Stabilità 2014 il Legislatore ha introdotto nuovi limiti alla compensazione dei crediti erariali. Dopo il “successo” dell’operazione nell’ambito Iva, si è pensato di replicare il meccanismo anche negli altri comparti impositivi (imposte sui redditi, addizionali, ritenute alla fonte e imposte sostitutive delle imposte sul reddito, Irap), cercando in questo modo di…

Continua a leggere...

Diritti camerali e deduzione per cassa

Negli ultimi mesi le aziende stanno ricevendo numerosi atti di recupero relativi a carenti od omessi versamenti dei diritti camerali di annualità passate. Supponendo che tali richieste siano legittime, si pone il problema di valutarne la deducibilità ai fini fiscali, ragionando sia in termini di criterio applicabile (cassa o competenza), sia in termini di certezza…

Continua a leggere...

Diritti camerali e deduzione per cassa

Negli ultimi mesi le aziende stanno ricevendo numerosi atti di recupero relativi a carenti od omessi versamenti dei diritti camerali di annualità passate. Supponendo che tali richieste siano legittime, si pone il problema di valutarne la deducibilità ai fini fiscali, ragionando sia in termini di criterio applicabile (cassa o competenza), sia in termini di certezza…

Continua a leggere...

La mediazione rileva anche ai fini INPS

La legge di stabilità 2014 modifica le norme in materia di reclamo/mediazione con estensione degli effetti anche ai fini INPS. Con riferimento a tale ultima novità, il Legislatore ha normato quanto già affermato dall’Agenzia delle Entrate con circolare 9/E/2012 nell’ambito della quale, al punto 1.4, l’amministrazione ha chiarito che: “la mediazione produce effetti anche sui…

Continua a leggere...

Separazione attività ai fini IVA

Passa il tempo e, nonostante l’assestamento quasi definitivo che è stato apportato alla normativa IVA relativa alla cessione e locazione di fabbricati negli ultimi anni, ancora sussistono alcune incertezze in merito al tema della separazione delle attività. Al riguardo, l’articolo 36 del DPR 633/1972 (come modificato nel corso del mese di gennaio del 2012), prevede…

Continua a leggere...

Separazione attività ai fini IVA

Passa il tempo e, nonostante l’assestamento quasi definitivo che è stato apportato alla normativa IVA relativa alla cessione e locazione di fabbricati negli ultimi anni, ancora sussistono alcune incertezze in merito al tema della separazione delle attività. Al riguardo, l’articolo 36 del DPR 633/1972 (come modificato nel corso del mese di gennaio del 2012), prevede…

Continua a leggere...

Locazioni, antiriciclaggio e contrasto all’uso del contante

L’articolo 1, comma 50 della legge di Stabilità per il 2014 introduce una deroga alle regole “usuali” in tema di utilizzo del denaro contante (consentito sino a 999,99 euro); si prevede, infatti, che i pagamenti riguardanti canoni di locazione di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, sono corrisposti obbligatoriamente,…

Continua a leggere...

Un anno migliore

  L’anno che ci stiamo lasciando alle spalle è stato un anno difficile, da molti punti di vista. Un’economia che non riesce in alcun modo a risollevarsi, un legislatore e un’amministrazione finanziaria che ci hanno reso la vita più complicata che mai, un’attività professionale che soffre delle difficoltà dei nostri clienti ed al tempo stesso…

Continua a leggere...

Svalutazione magazzino e rilevanza IRAP

Può accadere che, in sede di valutazione del magazzino di fine anno, taluni operatori siano chiamati a valorizzare beni in rimanenza che hanno perduto gran parte del proprio valore, a causa del lento rigiro del magazzino o del “fattore moda”, come a esempio accade nel comparto dell’abbigliamento. Il corretto valore civilistico in alcune occasioni è…

Continua a leggere...

Svalutazione magazzino e rilevanza IRAP

Può accadere che, in sede di valutazione del magazzino di fine anno, taluni operatori siano chiamati a valorizzare beni in rimanenza che hanno perduto gran parte del proprio valore, a causa del lento rigiro del magazzino o del “fattore moda”, come a esempio accade nel comparto dell’abbigliamento. Il corretto valore civilistico in alcune occasioni è…

Continua a leggere...

La legge di stabilità in pillole

017 ter Acquisto di pubblicità on line: nuove regole IVA Viene introdotto nel DPR 633/72 un nuovo articolo 17-bis, prevedendo che: I soggetti passivi che intendano acquistare servizi di pubblicità e link sponsorizzati on line, anche attraverso centri media e operatori terzi, sono obbligati ad acquistarli da soggetti titolari di una partita IVA rilasciata dall’amministrazione…

Continua a leggere...

Scommettiamo che?

Alla fine, anche se con grande difficoltà, la legge di stabilità è divenuta realtà. Dopo l’approvazione della Camera, infatti, oggi dovrebbe esserci quella del Senato. Anche quest’anno, naturalmente, c’è stato il consueto “attacco alla diligenza” e le varie lobby hanno cercato di indirizzare l’azione di Governo e Parlamento. Di tesoretti da distribuire però non ce…

Continua a leggere...

Ancora sul monitoraggio fiscale

  A decorrere dal 3 febbraio 2014 per la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili e per gli adempimenti successivi come restino escluse dagli obblighi di monitoraggio (ai sensi dell’articolo 38, comma 13 del DL 78/2013) – sin tanto che il lavoratore presta la propria attività all’estero – le persone fisiche che prestano lavoro: all’estero, per…

Continua a leggere...

Liquidazioni “fai da te” in salita: difficoltà dai Conservatori

Stiamo affrontando in queste settimane, nella terza giornata del Master Breve, l’argomento della liquidazione delle società di capitali, riscontrando un elevato grado di interesse da parte dei partecipanti. Tra le molte questioni controverse, quella che desta maggiore interesse è certamente la possibilità di attivare la fase della liquidazione senza ricorrere all’intervento del Notaio. Ci riferiamo,…

Continua a leggere...

Liquidazioni “fai da te” in salita: difficoltà dai Conservatori

Stiamo affrontando in queste settimane, nella terza giornata del Master Breve, l’argomento della liquidazione delle società di capitali, riscontrando un elevato grado di interesse da parte dei partecipanti. Tra le molte questioni controverse, quella che desta maggiore interesse è certamente la possibilità di attivare la fase della liquidazione senza ricorrere all’intervento del Notaio. Ci riferiamo,…

Continua a leggere...

Monitoraggio fiscale: l’agenzia toglie i veli

  Con apposito Provvedimento del 18 dicembre 2013 (Protocollo 2013/151663), l’Agenzia delle entrate ha dettato le disposizioni attuative in tema di monitoraggio fiscale, dopo che l’articolo 9 della legge 6 agosto 2013, n. 97 ha apportato rilevanti modifiche al decreto legge 28 giugno 1990, n. 167. In questo contributo analizziamo le indicazioni in tema di…

Continua a leggere...

Non facciamo prevalere la rassegnazione!

  E’ domenica sera e sono sul treno che da Verona mi dovrebbe portare a Firenze, dove il giorno dopo devo essere per la giornata del Master Breve dedicata a trust e liquidazione. Una gran corsa per arrivare alla stazione in tempo, le carrozze stracolme di passeggeri, e poi … non succede niente … il…

Continua a leggere...

Società di comodo, credito Iva e periodi non solari

E’ ben noto che, ai sensi dell’articolo 30 della legge 724/1994, le società di comodo (siano esse non operative che in perdita sistematica) possono avere ripercussioni negative sulla gestione dell’eventuale credito IVA. Infatti, il comma 4 della citata norma prevede che, per detti soggetti, “… l’eccedenza di credito risultante dalla dichiarazione presentata ai fini dell’imposta…

Continua a leggere...

Società di comodo, credito Iva e periodi non solari

E’ ben noto che, ai sensi dell’articolo 30 della legge 724/1994, le società di comodo (siano esse non operative che in perdita sistematica) possono avere ripercussioni negative sulla gestione dell’eventuale credito IVA. Infatti, il comma 4 della citata norma prevede che, per detti soggetti, “… l’eccedenza di credito risultante dalla dichiarazione presentata ai fini dell’imposta…

Continua a leggere...

Risoluzione n.90/E: il notaio paga, ma è estraneo al rapporto

La risoluzione 90/E emanata ieri dalla Agenzia delle entrate, ci dà l’occasione di riprendere alcuni concetti propri dell’imposta di registro gravante sugli atti rogati dai notai che, come noto, la riscuotono per conto del fisco e la versano in sede di registrazione dell’atto. La questione oggetto di interpello riguardava il mutamento di orientamento dell’Agenzia delle…

Continua a leggere...

Un mestiere difficile, ma non “molliamo”

  Sarà il periodo non propizio dal punto di vista economico, sarà il continuo turbinio di adempimenti, scadenze, proroghe, “tolleranze” e chi più ne ha più ne metta, ma stiamo ricevendo molte mail dai lettori che ci segnalano situazioni di estrema difficoltà, manifestano il loro scoramento e propongono possibili azioni di protesta “pacifica”. A noi…

Continua a leggere...

Beni rivalutati: effetti contabili della cessione “anticipata”

Spesso accade che soggetti che abbiano rivalutato beni aziendali in occasione delle disposizioni del DL 185/2008 si trovino costretti a cederli prima dell’effetto fiscale della rivalutazione stessa, normalmente coincidente (ai fini della cessione) con il periodo 2014. Così, per ipotesi, pensiamo alla situazione di una società che, per immediate ed improrogabili esigenze di liquidità, si…

Continua a leggere...

Tre mesi di Euroconference NEWS

Oggi Euroconference NEWS compie esattamente tre mesi – il primo numero è uscito infatti il 9 settembre – un periodo “breve” in senso generale, ma allo stesso tempo sufficientemente “lungo” per fare una prima valutazione del percorso che abbiamo intrapreso. La nostra idea era, per quanto possibile, di fare qualcosa di diverso rispetto all’offerta già…

Continua a leggere...

Beni rivalutati: effetti contabili della cessione “anticipata”

Spesso accade che soggetti che abbiano rivalutato beni aziendali in occasione delle disposizioni del DL 185/2008 si trovino costretti a cederli prima dell’effetto fiscale della rivalutazione stessa, normalmente coincidente (ai fini della cessione) con il periodo 2014. Così, per ipotesi, pensiamo alla situazione di una società che, per immediate ed improrogabili esigenze di liquidità, si…

Continua a leggere...

Varato il nuovo Isee

Con DPCM del 3 dicembre è stato finalmente varato il nuovo Isee (Indicatore della situazione economica equivalente), definito ai sensi dell’articolo 2 come lo strumento di valutazione, attraverso criteri unificati, della situazione economica dei cittadini che richiedono prestazioni sociali agevolate. Ai fini dell’effettiva operatività del nuovo strumento si rendono, tuttavia, ancora necessari ulteriori passaggi oltre,…

Continua a leggere...

Studi evoluti, raffinatezza e sportività

  La recente diffusione di una sentenza in tema di studi di settore (CTR Milano, sezione staccata di Brescia, n. 212 del 26 luglio 2013), ci permette di tornare sul punto del corretto rapporto collaborativo tra Agenzia delle entrate e contribuente e sul concetto di “sportività”. Per comprendere l’innesco del ragionamento, si consideri che una…

Continua a leggere...

Conferimento impresa familiare

Spesso capita che imprenditori individuali, organizzati sotto forma di impresa familiare, decidano di conferire la propria azienda in una costituenda società, magari con l’intento di creare una struttura che possa essere utilizzata dai figli per proseguire l’attività di famiglia. Se non vi è ombra di dubbio che il conferimento di una azienda in una società…

Continua a leggere...

Proteggere il patrimonio (nostro e dei clienti) è un’esigenza imprescindibile

Oggi inizia la 3a giornata del Master Breve, dedicata al tema dell’utilizzo del trust nella protezione del patrimonio. Eravamo indecisi sull’argomento sul quale incentrare il nostro editoriale, considerato che, anche questa settimana, l’Agenzia delle entrate ed il Governo ci hanno dato degli spunti ineguagliabili: la vicenda della comunicazione dei beni ai soci e dei finanziamenti,…

Continua a leggere...

Le sanzioni per l’omessa comunicazione dei finanziamenti dei soci

La parte sicuramente più insidiosa della comunicazione che scade il prossimo 12 dicembre (salvo possibili aperture “supplementari” del canale Entratel, come avvenuto per lo spesometro) è rappresentata indubbiamente dall’indicazione dei finanziamenti e degli apporti effettuati dai soci alle società (e dai familiari all’imprenditore individuale). A pochi giorni dalla scadenza vi è però ancora incertezza su…

Continua a leggere...

Beni ai soci: il lupo non perde il vizio

  E’ proprio vero che il lupo perde il pelo ma non il vizio; il lupo, ovviamente, è l’Agenzia delle entrate, che non si è lasciata sfuggire l’occasione di violentare, per l’ennesima volta, lo Statuto dei diritti del contribuente. Infatti, con comunicato stampa di ieri, si annuncia la disponibilità dei modelli e delle istruzioni per…

Continua a leggere...

Risultanze civlistiche e Tuir sotto un unico tetto

L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione 84/E di ieri si è pronunciata negativamente sulla possibilità, per un contribuente, di assumere un comportamento fiscale difforme a quello risultante dalla particolare forma giuridica adottata; ciò, anche se la società fosse stata interessata da una operazione straordinaria qualificata come elusiva dalla amministrazione finanziaria. Vediamo di capire meglio la…

Continua a leggere...

Piccoli scostamenti e significatività della contestazione

  Dopo la diffusione delle conclusioni del Garante della Privacy in tema di redditometro, credo sia corretto svolgere una riflessione più ampia in merito alle metodologie di accertamento pseudo – automatizzate ed alla opportunità di micro accertamenti. Sia ben chiaro, non mi voglio assolutamente accostare alla pericolosa tematica della evasione di sopravvivenza, che lascio volentieri…

Continua a leggere...

È il momento di fare marcia indietro

Con il rilascio giovedì scorso del documento del Garante per la protezione dei dati personali la surreale vicenda del “nuovo” redditometro si è arricchita dell’ennesimo capitolo. Sono passati più di 3 anni – per la precisione 1.274 giorni – dall’entrata in vigore del D.L. 78/2010, che ha riformulato la disciplina dell’accertamento sintetico (ma un decreto…

Continua a leggere...

È davvero non deducibile la svalutazione degli immobili?

L’emanazione della risoluzione n.78/E dello scorso 12 novembre, ci dà l’occasione di riflettere su un tema lungamente dibattuto in dottrina, risolto in maniera negativa dalla Entrate: ove si sia operata, a livello di rimanenze di bilancio, la valutazione di un bene a costo specifico (si pensi al caso degli immobili, ma non solo), l’eventuale svalutazione…

Continua a leggere...

È davvero non deducibile la svalutazione degli immobili?

L’emanazione della risoluzione n.78/E dello scorso 12 novembre, ci dà l’occasione di riflettere su un tema lungamente dibattuto in dottrina, risolto in maniera negativa dalla Entrate: ove si sia operata, a livello di rimanenze di bilancio, la valutazione di un bene a costo specifico (si pensi al caso degli immobili, ma non solo), l’eventuale svalutazione…

Continua a leggere...

Inno al garante per la protezione dei dati personali

  Ieri si è conclusa, con l’emanazione del documento web n. 2765110, l’analisi del Garante per la protezione dei dati personali sui documenti e sulle procedure predisposte dall’Agenzia delle entrate per l’avvio degli accertamenti da nuovo redditometro. Il risultato potrebbe essere rappresentato simpaticamente con una ola dei contribuenti, in quanto demolisce in modo sostanziale le…

Continua a leggere...

La dichiarazione “bianca” è validamente presentata

E’ ormai noto che la dichiarazione dei redditi si ritiene comunque valida anche se presentata oltre la scadenza canonica del 30 settembre, purché il ritardo non ecceda i 90 giorni. Per il 2013, la soglia è da individuarsi nella data del 30 dicembre, poiché il giorno 29 (scadenza effettiva) cade di domenica. Talvolta accade, però,…

Continua a leggere...

Spesometro: 11 perle di saggezza

  Nei rapporti con il Fisco vale certamente il motto che sempre ha ragione chi attende. Lo spesometro non fa eccezione, anzi, possiamo dire che è la prova lampante della situazione di pieno disorientamento che stiamo vivendo; infatti, all’alba del 19 novembre (quando è già trascorso il termine del 12 novembre per i soggetti mensili…

Continua a leggere...

Ci salvi chi può …

Questa è stata indubbiamente la settimana dello spesometro, con il primo caso, almeno a memoria nostra, di scadenza “virtuale”, per effetto del fantasioso comunicato stampa (che ne ha necessitato uno successivo esplicativo) con il quale l’Agenzia ha confermato il termine del 12 novembre per l’invio, indicando che comunque la comunicazione delle operazioni Iva relative all’anno…

Continua a leggere...

Le Snc sono esonerate dalla comunicazione dei beni ai soci?

Il prossimo mese di dicembre, salvo l’ applicazione del nuovo istituto giuridico della “tolleranza” già sperimentato in occasione dello spesometro, i contribuenti dovranno confrontarsi con l’adempimento della comunicazione dei beni dati in uso gratuito (oppure dietro il pagamento di un canone inferiore al valore di mercato) ai soci o familiari. La vicenda è ormai nota,…

Continua a leggere...

Le Snc sono esonerate dalla comunicazione dei beni ai soci?

Il prossimo mese di dicembre, salvo l’ applicazione del nuovo istituto giuridico della “tolleranza” già sperimentato in occasione dello spesometro, i contribuenti dovranno confrontarsi con l’adempimento della comunicazione dei beni dati in uso gratuito (oppure dietro il pagamento di un canone inferiore al valore di mercato) ai soci o familiari. La vicenda è ormai nota,…

Continua a leggere...

Super rateazione: equitalia compagna di una vita

  Trova finalmente pace il tema della super rateazione: dopo annunci, smentite e rettifiche, il giorno 8 novembre è finalmente approdato in Gazzetta Ufficiale il decreto del MEF che stabilisce quando è possibile ottenere le super rateazioni previste dal Decreto del Fare (sarebbe utile ridenominare il provvedimento in “decreto del fare con calma”) . Ad…

Continua a leggere...

Spesometro 2012: massima tranquillità anche senza proroga

  Com’è noto, con comunicato stampa diramato nella serata del 7/11/2013, in piena zona “Cesarini”, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato che gli operatori avranno tempo fino al 31/01/2014 per effettuare l’invio (oppure la sostituzione o l’annullamento) dei dati riguardanti la comunicazione spesometro 2012. L’annuncio vale sia per chi utilizza il canale Entratel che, come precisato…

Continua a leggere...

Comunicazione finanziamenti: esonero se l’apporto è noto. Ma con quali limiti?

Considerata la “proroga” dello spesometro, mettiamo da parte per un momento questo adempimento, e concentriamoci sulla comunicazione dei beni e dei finanziamenti. Manca circa un mese alla scadenza e ancora non ci sono le indicazioni operative: gli operatori si pongono quindi numerosi dubbi in merito alle corrette modalità di compilazione, in particolare sulla comunicazione dei…

Continua a leggere...

Comunicazione finanziamenti: esonero se l’apporto è noto. Ma con quali limiti?

Considerata la “proroga” dello spesometro, mettiamo da parte per un momento questo adempimento, e concentriamoci sulla comunicazione dei beni e dei finanziamenti. Manca circa un mese alla scadenza e ancora non ci sono le indicazioni operative: gli operatori si pongono quindi numerosi dubbi in merito alle corrette modalità di compilazione, in particolare sulla comunicazione dei…

Continua a leggere...

R.M. 74/E/2013: parzialmente estendibili all’IVCA le novità in tema di IRM

L’art. 68 del D.L. n. 83/2012 ha apportato alcune modifiche in merito alle imposte sostitutive da applicare ai redditi di capitale di natura assicurativa e all’imposta sulle riserve matematiche dei rami vita. Con l’intervento normativo il legislatore ha armonizzato il trattamento fiscale delle polizze di assicurazione italiane con quello previsto per le polizze emesse dalle…

Continua a leggere...

La R.M. 75/E spiega la base imponibile Ivie sugli immobili esteri

Con la risoluzione 75/E di ieri, l’Agenzia delle entrate ha indicato le corrette regole di quantificazione del valore degli immobili esteri ai fini del pagamento dell’IVIE; in particolare, si è analizzata la casistica del fabbricato ubicato nel Regno Unito e detenuto in forza del diritto di “leasehold”. In particolare, la casistica rappresentata nell’interpello atteneva il…

Continua a leggere...

Assicurazioni sulla vita: novità al traguardo

La conversione definitiva del D.L. 102/2013, completata con la pubblicazione sulla GU del 29 ottobre scorso della legge n.124 del 28.10, determina l’assestarsi del nuovo panorama delle regole di detrazione fiscale connesse al pagamento di premi assicurativi sulla vita e sugli infortuni. Innanzitutto, va notato che il testo definitivo determina una variazione delle indicazioni contenute…

Continua a leggere...

Spesometro: settimana cruciale

  Comincia la settimana cruciale dello spesometro e, per spirito di solidarietà con tutti i colleghi che – come noi – affondano nelle sabbie mobili di questo odioso adempimento, abbiamo deciso di dedicare a questo tema l’editoriale della settimana. Per ora non ci sono notizie certe di proroga, nonostante tutte le associazioni si siano unite…

Continua a leggere...

Studi e parametri: rileva anche l’aspetto finanziario

  La sentenza n.23994 depositata, dalla Cassazione, lo scorso 23 ottobre 2013, offre lo spunto per ricostruire il corretto approccio con il quale vadano contrastate, in contenzioso, eventuali pretese dell’amministrazione in tema di parametri e studi di settore. Prima di entrare nel merito, sia consentito riscontrare come possa generare un brivido riscontrare che, nel 2013,…

Continua a leggere...

Spesometro: proroghe, richieste, cortesie e statuto

Credo che in questi giorni di fine ottobre l’attenzione degli studi sia puntata sullo spesometro, adempimento in relazione al quale erano trapelate, dapprima, voci certe di proroga e, successivamente, presunti atteggiamenti di chiusura. Si è ancora letto dell’avvio di un “movimento” di matrice professionale, teso alla richiesta di uno slittamento del termine, affinché si tenga…

Continua a leggere...

Legge di Stabilità 2014: perdite su crediti

Il disegno di legge di Stabilità 2014 mette nuovamente mano alla disciplina delle perdite su crediti. Il testo, attualmente all’esame della V Commissione Bilancio, integrando il dettato dell’art. 101, comma 5 del TUIR, ammette al pieno riconoscimento fiscale le perdite prodotte dalla cancellazione dei crediti dal bilancio operata in dipendenza dei principi contabili nazionali. In…

Continua a leggere...

C’è bisogno di più equilibrio da parte degli Uffici

  Nell’ultimo anno si è parlato molto di semplificazioni del sistema tributario, che indubbiamente ha un livello di complessità elevatissimo: i risultati raggiunti sono al momento però davvero modesti (si veda il nostro editoriale su Euroconference NEWS del 14 ottobre). A livello normativo il disegno di legge sulle semplificazioni è arenato in Parlamento e le…

Continua a leggere...

Rettifiche da liquidazione: quali effetti fiscali?

L’operazione di liquidazione risulta sempre più frequente nella prassi professionale e, parallelamente, sempre più frequente è l’attenzione che gli operatori dedicano al rispetto delle prescrizioni dell’OIC 5. Può allora capitare che, per rispettare le indicazioni della prassi contabile, possano insorgere delle difficoltà di natura fiscale che, per essere superate, richiedono una riflessione. Su tali aspetti…

Continua a leggere...

Rettifiche da liquidazione: quali effetti fiscali?

L’operazione di liquidazione risulta sempre più frequente nella prassi professionale e, parallelamente, sempre più frequente è l’attenzione che gli operatori dedicano al rispetto delle prescrizioni dell’OIC 5. Può allora capitare che, per rispettare le indicazioni della prassi contabile, possano insorgere delle difficoltà di natura fiscale che, per essere superate, richiedono una riflessione. Su tali aspetti…

Continua a leggere...

I chiarimenti della risoluzione 70/E sui versamenti delle imposte sostitutive nella rivalutazione

  L’Agenzia delle Entrate, opportunamente stimolata dalla interrogazione parlamentare n. 5-01210 del 16 ottobre 2013, ha varato ieri la risoluzione 70/E, con la quale si suggerisce una via di uscita indolore per le anomalie legate al versamento della imposta sostitutiva relativa alla rivalutazione degli immobili d’impresa, istituita e regolata dall’art. 15 del D.l. 29 novembre…

Continua a leggere...

No Pvc, no accertamento

Avvicinandosi la fine del periodo di imposta 2013, appare utile tornare ad analizzare la tematica della possibilità di emettere avvisi di accertamento non preceduti dal rilascio di PVC. La suprema Corte di Cassazione, con Sentenza depositata l’11 settembre 2013, afferma il principio secondo il quale le attività d’ispezione e verifica, effettuate presso il contribuente, si…

Continua a leggere...

I Consulenti del lavoro sulla responsabilità solidale

La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, con la circolare 16 ottobre 2013, n. 13, ha fatto il punto sul regime di responsabilità solidale tra committente e appaltatore-subappaltatore nei contratti di appalto di opera e servizi, anche alla luce dei più recenti interventi normativi. Nell’ordinamento vigente, il contratto di appalto determina l’insorgenza di obbligazioni solidali…

Continua a leggere...

Da comunicare i finanziamenti della ditta individuale?

Il prossimo mese di dicembre, salvo proroghe, i contribuenti dovranno confrontarsi con l’invio della comunicazione dei beni dati in uso gratuito ai soci e familiari, nonché dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuate a favore delle società. Abbiamo allora concentrato la nostra attenzione sul Provvedimento 2.8.2013, n. 94904, in forza del quale anche l’imprenditore individuale dovrebbe…

Continua a leggere...

Da IMU e Tares alla Trise: i conti però non tornano

La Legge di Stabilità porta in dote il superamento dell’Imu e della Tares, che saranno sostituiti dalla Trise, il nuovo tributo sui servizi comunali. Per molti mesi mesi si è discusso della soppressione dell’Imu e – immaginiamo – i fautori di questo intervento ritenevano opportuna l’eliminazione o quanto meno una significativa riduzione del prelievo sulla…

Continua a leggere...

Iva: l’imposta si detrae anche se il fornitore disconosce la fattura

Può talvolta accadere che, nell’ambito di verifiche effettuate dall’Agenzia delle entrate e/o dalla Guardia di finanza, siano accertate delle violazioni a carico di un soggetto che, in relazione a determinate operazioni, abbia emesso delle fatture a carico di altri partners. Il tema della riflessione è il seguente: cosa accade in merito alla detrazione IVA in…

Continua a leggere...

Da comunicare i finanziamenti della ditta individuale?

Il prossimo mese di dicembre, salvo proroghe, i contribuenti dovranno confrontarsi con l’invio della comunicazione dei beni dati in uso gratuito ai soci e familiari, nonché dei finanziamenti e delle capitalizzazioni effettuate a favore delle società. Abbiamo allora concentrato la nostra attenzione sul Provvedimento 2.8.2013, n. 94904, in forza del quale anche l’imprenditore individuale dovrebbe…

Continua a leggere...

Assonime commenta i decreti estivi

Assonime, con la circolare 32 di ieri, commenta in 39 pagine i numerosi decreti che si sono succeduti nella pausa estiva, fornendo una interpretazione generale delle varie tematiche che assume, ad onore del vero, più la funzione di rassegna riepilogativa di sistematizzazione, che non funzione di vero e proprio approfondimento. Il documento analizza, dapprima, il…

Continua a leggere...

Semplificazioni senza appeal

Troppe parole, pochi fatti. I nostri lettori non apprezzano per nulla il progetto di semplificazione avviato dal Governo unitamente all’Agenzia delle entrate. Infatti, ben l’85% dei partecipanti al sondaggio ritiene che il progetto abbia una portata limitata (43%), oppure non serva proprio a nulla (42%). La restante quota comprende i “fiduciosi” o gli scettici: solo…

Continua a leggere...

Detrazioni energetiche e immobiliari

Può una società immobiliare di gestione beneficiare delle detrazioni per l’incremento dell’efficienza energetica di un edificio detenuto con lo scopo di locarlo a terzi? Abbiamo ragionato su questa tematica che, fino al prossimo 31 dicembre 2013, appare di assoluto interesse per le imprese, visto l’elevato beneficio fiscale (65%) che l’ordinamento concede e che si cumula…

Continua a leggere...

Detrazioni energetiche e immobiliari

Può una società immobiliare di gestione beneficiare delle detrazioni per l’incremento dell’efficienza energetica di un edificio detenuto con lo scopo di locarlo a terzi? Abbiamo ragionato su questa tematica che, fino al prossimo 31 dicembre 2013, appare di assoluto interesse per le imprese, visto l’elevato beneficio fiscale (65%) che l’ordinamento concede e che si cumula…

Continua a leggere...

Il professionista deduce il risarcimento a terzi

Ove un professionista eroghi delle somme a terzi a seguito della richiesta di risarcimento di danni, ha la possibilità di dedurre tali poste nella determinazione del reddito di lavoro autonomo? La risposta, sia pure a determinate condizioni, è certamente positiva, così come confermato dalla CTP Cremona, 9 aprile 2013 n.39. Nel caso di specie, si…

Continua a leggere...

L’avviso si anticipa solo per timore di decadenza

Il comma 7 dell’articolo 12 dello Statuto del contribuente prevede che, una volta rilasciato alla parte il PVC di fine verifica, l’avviso di accertamento non possa essere emanato prima che siano decorsi 60 giorni, salvo non ricorrano ipotesi di particolare e motivata urgenza, al fine di consentire al contribuente di presentare eventuali memorie difensive. La…

Continua a leggere...

Per il socio amministratore esonero comunicazione beni ai soci a 360°

Questa settimana proponiamo una riflessione in merito alla comunicazione dei beni utilizzati da soci, focalizzando l’attenzione sulle nuove situazioni di esonero individuate dal Provvedimento 2.8.2013, n. 94902. In particolare, tra le fattispecie esonerate di cui al paragrafo 3.1, sono citati gli amministratori della società, nonché i dipendenti ed i professionisti. Ciò che balza all’occhio, è…

Continua a leggere...

Andava evitato ad ogni costo l’aumento dell’IVA

Andava ad ogni costo evitato l’aumento dell’IVA: questa è la conclusione (a dire il vero non sorprendente) del nostro sondaggio della scorsa settimana. Il 62% dei lettori ritiene infatti che l’incremento dell’aliquota IVA dovesse essere scongiurato in qualsiasi modo, perché ritenuto evidentemente insostenibile in una fase ancora così delicata e recessiva. Il restante 38% è…

Continua a leggere...

Per il socio amministratore esonero comunicazione beni ai soci a 360°

Questa settimana proponiamo una riflessione in merito alla comunicazione dei beni utilizzati da soci, focalizzando l’attenzione sulle nuove situazioni di esonero individuate dal Provvedimento 2.8.2013, n. 94902. In particolare, tra le fattispecie esonerate di cui al paragrafo 3.1, sono citati gli amministratori della società, nonché i dipendenti ed i professionisti. Ciò che balza all’occhio, è…

Continua a leggere...

Giurisprudenza più severa del fisco

Non sempre l’errore scusabile sul calcolo di sanzioni ed interessi salva il contribuente dall’applicazione delle sanzioni ordinarie per omessi o tardivi versamenti; questo è il messaggio che si può trarre dalla lettura della sentenza n.203 della CTR Lazio, pronunciata il 17 giugno 2013 e depositata lo scorso 9 luglio 2013. Insomma, sembra di avere invertito…

Continua a leggere...

Il credito rivive anche con la cartella esattoriale

  L’Agenzia delle entrate ha di recente stabilito che la omissione della presentazione della dichiarazione annuale dalla quale emerge un credito (si pensi al caso dell’IVA) non determina, automaticamente, il venir meno della possibilità di utilizzare l’eccedenza nel periodo successivo. Infatti, a fronte della emissione del preavviso di irregolarità che rettifica il modello del successivo…

Continua a leggere...

Quadro RW: conviene il ravvedimento?

Ci siamo occupati, la scorsa settimana, del tema delle sanzioni e delle modalità di compilazione del quadro RW, alla luce delle modifiche apportate dalla legge n.97/2013 alla disciplina regolata dal D.L. 167/1990. Approfondendo ulteriormente l’analisi, ci siamo posti altri quesiti che attengono, in particolar modo, le modalità di correzione ed integrazione del quadro RW, visto…

Continua a leggere...

Quadro RW: conviene il ravvedimento?

Ci siamo occupati, la scorsa settimana, del tema delle sanzioni e delle modalità di compilazione del quadro RW, alla luce delle modifiche apportate dalla legge n.97/2013 alla disciplina regolata dal D.L. 167/1990. Approfondendo ulteriormente l’analisi, ci siamo posti altri quesiti che attengono, in particolar modo, le modalità di correzione ed integrazione del quadro RW, visto…

Continua a leggere...

Il risparmio accumulato blocca il sintetico

La ricchezza accumulata negli anni precedenti a quello di accertamento sintetico è una prova valida a giustificare lo scostamento tra reddito accertabile e reddito dichiarato. E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n.21994 del 25 settembre 2013, che può rappresentare un utile passo in avanti nella costruzione di un quadro sempre maggiormente…

Continua a leggere...

Rivalutazioni: rebus in Unico

Espletamento degli ultimi controlli prima dell’invio telematico definitivo; è questa una delle attività più frequenti di questi giorni all’interno degli studi professionali. E’ noto che, solitamente, le ultime questioni che giacciono sulla scrivania sono quelle meno gradite o, quantomeno, quelle in relazione alle quali mancano precise indicazioni operative. Capita proprio questa situazione per i contribuenti…

Continua a leggere...

La dubbia compilazione del quadro RW in Unico 2013

Quali sanzioni si applicano alle violazioni delle regole sul monitoraggio fiscale? E, nello specifico, con quali criteri debbono essere gestiti eventuali ravvedimenti operosi per rimediare alle violazioni commesse nel corso del 2011? E’ questa la questione sulla quale il Comitato si è confrontato nel corso della settimana. Il punto di partenza, come è ovvio, è…

Continua a leggere...

Quando pagare gli avvisi bonari rideterminati?

Può capitare che un contribuente, oppure direttamente l’intermediario abilitato che abbia assunto specifico impegno, riceva un avviso bonario contenente delle inesattezze, tali per cui gli importi dovuti si riducano rispetto alla originaria pretesa. Ipotizzando che si riesca ad ottenere la rettifica, va compreso quando scada il termine per il tempestivo versamento delle somme che consenta…

Continua a leggere...

Quale capitale minimo per le “vecchie” Srl?

La definitiva approvazione del D.L. 76/2013, con la pubblicazione della legge di conversione sulla GU del 22 agosto scorso, ha determinato la modifica ad alcune regole di funzionamento delle società a responsabilità limitata; in particolar modo, ci riferiamo all’articolo 2463 del Codice civile e, pertanto, tralasciamo le specifiche disposizioni del successivo articolo, specificatamente dedicate alla…

Continua a leggere...

La dubbia compilazione del quadro RW in Unico 2013

Quali sanzioni si applicano alle violazioni delle regole sul monitoraggio fiscale? E, nello specifico, con quali criteri debbono essere gestiti eventuali ravvedimenti operosi per rimediare alle violazioni commesse nel corso del 2011? E’ questa la questione sulla quale il Comitato si è confrontato nel corso della settimana. Il punto di partenza, come è ovvio, è…

Continua a leggere...

Nuove indicazioni dell’Agenzia sugli studi di settore

  A pochi giorni dal termine per l’invio delle dichiarazioni dei redditi, l’Agenzia delle Entrate emana la circolare n.30/E in tema di studi di settore, intervenendo a chiarire alcuni dubbi compilativi ed applicativi stimolati da altrettante domande che sono state sollevate in sede di tavolo tecnico di confronto. L’argomento è tale per cui si crede…

Continua a leggere...

I fabbricati da demolire non sono aree

Gli Uffici dell’Agenzia delle Entrate, molto spesso, aggrediscono le transazioni aventi ad oggetto dei fabbricati qualora l’acquirente provveda alla loro demolizione per nuovi utilizzi edificatori. L’intento appare evidente: la cessione di un fabbricato potrebbe non generare alcuna plusvalenza (si pensi alla cessione ultraquinquennale), mentre la cessione di un’area edificabile (normalmente plusvalenze) genera sempre materia tassabile….

Continua a leggere...

L’omessa autofattura ai fini Iva va punita

L’omessa registrazione e fatturazione (leggi autofatturazione), da parte della committente, delle prestazioni di servizi ricevute da soggetto straniero privo di stabile organizzazione in Italia e che non abbia nominato un proprio rappresentante fiscale integra violazione di obblighi sostanziali, consentendo il recupero dell’imposta evasa, che non può essere compensata ex post, in virtù di esercizio del…

Continua a leggere...

Esiste un effetto “salvadanaio” nel redditometro?

L’accumulo di denaro sui conti correnti, o comunque diversamente dimostrabile dal contribuente, può rappresentare una valida difesa per eventuali contestazioni da art. 38 del DPR n.600/1973 su annualità successive? Questo è l’interrogativo che ha posto un Collega scrivendoci su direzione@ecnews.it dopo l’analisi della circolare n.24/E/13 emanata dall’Agenzia delle Entrate a commento del “nuovo” redditometro. Per…

Continua a leggere...

Ci vuole ben altro

Il primo sondaggio di Euroconference NEWS non poteva che essere dedicato agli interventi realizzati dal Governo in materia di Imu, atteso l’enorme carico di aspettative che sono state poste su questo tema in sede elettorale e nei primi mesi di questa (ennesima) travagliatissima legislatura. Per non fare pagare la prima rata, il Governo ha varato…

Continua a leggere...

Esiste un effetto “salvadanaio” nel redditometro?

L’accumulo di denaro sui conti correnti, o comunque diversamente dimostrabile dal contribuente, può rappresentare una valida difesa per eventuali contestazioni da art. 38 del DPR n.600/1973 su annualità successive? Questo è l’interrogativo che ha posto un Collega scrivendoci su direzione@ecnews.it dopo l’analisi della circolare n.24/E/13 emanata dall’Agenzia delle Entrate a commento del “nuovo” redditometro. Per…

Continua a leggere...

La Cassazione sulla prova della cessione intracomunitaria

La non imponibilità di una cessione intracomunitaria è subordinata alla effettiva uscita dei beni dal territorio Italiano; inoltre, grava sul cedente l’onere probatorio della dimostrazione dell’avvenuta consegna dei beni dal territorio italiano o, quantomeno, di avere adottato tutte le cautele necessarie per escludere possibili sospetti in merito a tale circostanza. Questo il principio affermato dalla…

Continua a leggere...

Le dichiarazioni tardive per il 2012

Cosa accadrebbe se non si riuscisse a presentare la dichiarazione dei redditi entro la scadenza naturale del 30 settembre? La risposta giusta, come spesso accade nel mondo tributario, è “dipende”. La prima situazione da identificare è quella della dichiarazione presentata con ritardo non superiore a 90 giorni rispetto alla scadenza; si tratta, dunque, di dichiarazioni…

Continua a leggere...

Ritenute omesse: pagando entro il 20 settembre si evita anche il penale

Il prossimo 20 settembre scade il termine entro il quale i sostituti d’imposta, in proprio o per il tramite degli intermediari abilitati, debbono inviare la dichiarazione 770 relativa al periodo 2012. Rispetto alle originarie scadenze di luglio, infatti, anche quest’anno abbiamo registrato l’immancabile proroga, concessa con DPCM del 24 luglio scorso. Ricordata la proroga, allora,…

Continua a leggere...

Arriva Euroconference NEWS

Oggi per noi è un giorno davvero speciale – il concretizzarsi di un lungo lavoro, l’inizio di una nuova avventura, l’attesa per il giudizio dei nostri Lettori. Per Gruppo Euroconference è un giorno altrettanto speciale, perché dopo la formazione, le riviste e l’editoria, la nuova sfida è quella di affermarsi anche nel settore dell’informazione quotidiana….

Continua a leggere...

Presentazione dichiarazioni integrative sul 2011

Entro il prossimo 30 settembre dovranno essere inviate le dichiarazioni del periodo di imposta 2012; il richiamato termine, però, appare importante anche per sistemare eventuali errori relativi all’anno 2011. Infatti, entro il termine di presentazione della dichiarazione dell’anno successivo, il contribuente ha la possibilità di rimediare ad eventuali errori a suo danno, oppure ad eventuali…

Continua a leggere...