Fabio Garrini

Ultimi articoli a cura di: Fabio Garrini
bilancio

L’opzione delle SRL per l’IRI esclude la trasparenza

La legge di Bilancio 2017 ha introdotto una tassazione proporzionale per i soggetti IRPEF che possono assoggettare il reddito prodotto (al netto dei prelevamenti) all’aliquota del 24%, mentre i soci subiscono una tassazione IRPEF quale reddito d’impresa in relazione ai prelevamenti operati. La novella normativa interviene anche nell’articolo 116 TUIR per consentire analogo meccanismo di…

Continua a leggere...
casa-1

Proventi immobiliari con dubbia imputazione nelle nuove semplificate

Il nuovo regime (naturale) previsto per i contribuenti in contabilità semplificata che, salvo opzione per la disciplina della registrazione di cui all’articolo 18, comma 5, D.P.R. 600/1973, impone di tenere una accurata gestione di incassi e pagamenti, presenta molti profili di dubbia applicazione, legati ad una formulazione legislativa per larghi tratti non particolarmente precisa. Tra…

Continua a leggere...
iva1-2

Regime IVA per cassa: scarso interesse anche nel 2017

Il regime IVA per cassa, già da qualche anno presente nel nostro ordinamento, non ha mai raccolto il favore dei contribuenti (e dei relativi consulenti), non tanto (o, per meglio dire, non solo) per i vantaggi modesti che ne derivano, ma per il fatto che questi non siano in grado di giustificare i relativi aggravi…

Continua a leggere...
trasferte-3

Trasferte professionisti: il committente può pagare le spese di viaggio

Il D.L. 193/2016, convertito e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, prevede la revisione, a decorrere dal 2017, del meccanismo di gestione delle spese di viaggio sostenute dal committente a favore del professionista chiamato ad espletare un incarico (si pensi all’ingegnere che si sposta per periziare un immobile). In modo condivisibile, si statuisce che tali spese non…

Continua a leggere...
idea-4

Semplificati per cassa: un regime con varianti ibride

La nuova modalità di gestione dei contribuenti in contabilità semplificata prevista nella bozza alla legge di bilancio 2017 è un’ipotesi che sta facendo molto discutere: per tali soggetti sarà introdotta la determinazione del reddito sulla base del principio di cassa. Si tratta di una norma oggi non ancora in vigore, ma innescando tale soluzione occorrerà…

Continua a leggere...
regalo-1

IVA e omaggi: addebito e detrazione dipendono dalla natura del bene

Il trattamento degli omaggi, quantomeno ai fini IVA, viene distinto a seconda della natura del bene destinato alla cessione gratuita: occorre infatti verificare se esso risulta prodotto / commercializzato dall’impresa o meno, in quanto si vengono a modificare significativamente le regole applicabili, tanto nell’eventuale addebito dell’imposta in sede di cessione, quanto in relazione alla detrazione…

Continua a leggere...
sveglia

Il 16 dicembre scade il conguaglio IMU e TASI

Il saldo IMU e TASI, in scadenza il prossimo 16 dicembre, è calcolato sulla base delle aliquote pubblicate entro il 28 ottobre scorso; eventuali deliberazioni successive non andranno prese in considerazione.   Versamenti Le previsioni relative ad entrambi i tributi comunali sono del tutto allineate: i versamenti 2016, da effettuarsi tramite F24 (nel qual caso…

Continua a leggere...
iva1

Scuderie: IVA detraibile indipendentemente dal numero di cavalli?

La Corte di Giustizia, con la recente causa C-432/15 del 10 novembre 2016 ha stabilito l’irrilevanza ai fini IVA dei premi al traguardo per le scuderie che fanno gareggiare i propri cavalli: questa posizione porta a sollevare dubbi sulla coerenza con le disposizioni comunitarie dell’articolo 44 L. 342/2000 che ammette al contrario la soggettività dell’imposta…

Continua a leggere...
semaforo-verde

La liquidazione e la gestione delle perdite nelle società di capitali

Uno degli elementi da tenere sotto debito controllo in una società di capitali che sta affrontando la fase di liquidazione è il monitoraggio delle perdite realizzate e le relative possibilità di utilizzo in opposizione degli eventuali redditi conseguiti: siccome la società non opera regolarmente ma l’attività è finalizzata a liquidare l’attivo, non è remoto che,…

Continua a leggere...
semaforo-verde

Dichiarazione omessa e riduzione delle sanzioni

Con la pubblicazione della circolare 42/E/2016 l’Agenzia è intervenuta a chiarire l’applicazione delle sanzioni tributarie previste per le irregolarità che interessano le dichiarazioni fiscali, alla luce del nuovo sistema sanzionatorio riformato dal D.Lgs. 158/2015, in vigore dallo scorso 1 gennaio 2016. Tra i temi analizzati consta anche il trattamento sanzionatorio previsto nel caso di omessa…

Continua a leggere...
casa1-1

Esenzione IMU limitata per l’anziano in ricovero

Dal 2016 opera l’esenzione totale dal prelievo IMU e TASI a favore degli immobili adibiti ad abitazione principale e tale esonero riguarda anche gli anziani e disabili ricoverati, se il Comune ha deliberato in tal senso. Occorre però evidenziare che l’agevolazione riguarda gli immobili posseduti a titolo di proprietà o di usufrutto, mentre analoga agevolazione…

Continua a leggere...
tasi

Rent to buy: IMU e TASI si trasferiscono dal rogito

In estrema sintesi, possiamo definire il contratto di rent to buy – o affitto a riscatto – come un contratto finalizzato alla compravendita (normalmente di un immobile): esso è caratterizzato dal fatto che la cessione non avviene immediatamente, ma solo dopo un determinato lasso di tempo stabilito tra le parti, durante il quale il locatario…

Continua a leggere...
IVA4-1

Rimborsi Iva senza garanzia pregiudicati dagli elementi di “rischio”

Con la circolare estiva n. 33/E del 22 luglio 2016 l’Agenzia delle Entrate è intervenuta per fornire la propria interpretazione in relazione ad alcune problematiche che si pongono in relazione ai rimborsi IVA; i chiarimenti certamente più attesi riguardavano le società non operative o in perdita sistemica già oggetto di analisi in un precedente contributo….

Continua a leggere...
professionista2

Da Unico 2017 nessun monitoraggio per i costi black list

Il 2016 segna una forte evoluzione nei rapporti tra operatori economici nazionali e soggetti ubicati in paradisi fiscali; recentemente l’Agenzia è intervenuta sul tema pubblicando la circolare n. 39/E/2016. Il presente contributo si dedica a riepilogare la situazione vigente dal 2016, rinviando ad un precedente articolo le considerazioni (ed i chiarimenti dell’Amministrazione finanziaria) relative al periodo…

Continua a leggere...
casa1-1

Assegnazione e trasformazione agevolata al test dell’esenzione IMU

Tra i vari elementi che distinguono l’assegnazione e la trasformazione agevolata vi è anche un’ipotesi di convenienza a scegliere quest’ultima in ragione della possibilità di applicare l’esenzione IMU a favore degli immobili costruiti ed invenduti: mentre nel caso di assegnazione il trasferimento del bene al socio provoca la perdita dell’agevolazione, se al contrario i soci…

Continua a leggere...
dubbio-1

Dubbi e poche certezze sulla base imponibile IVA per l’assegnazione

L’assegnazione agevolata dei beni sociali è un’operazione che, generalmente, è rilevante ai fini dell’applicazione dell’IVA; trattandosi di opzione senza corrispettivo occorre determinare il valore normale da considerare quale base imponibile. Su questo punto la circolare n. 37/E/2016 conferma una configurazione di valore normale “al costo”, scartando in ogni caso il valore di mercato. La base…

Continua a leggere...
mani

La circolare 37/E spinge la cessione agevolata di beni sociali

Con la recente circolare n. 37/E/2016 l’Agenzia fornisce alcuni chiarimenti aggiuntivi sulla disciplina dell’assegnazione agevolata dei beni d’impresa. Una delle conclusione che possiamo trarre è certamente come la cessione agevolata, sotto il profilo delle conseguenze fiscali, sia spesso preferibile all’operazione di assegnazione, soprattutto quando l’operazione risulti essere minusvalente. La minusvalenza deducibile La disciplina per la…

Continua a leggere...
giustizia1-1

Minusvalenza da lease back deducibile interamente nell’esercizio

In precedente intervento abbiamo avuto modo di commentare la pronuncia della Cassazione n. 35294/2016 in tema di tassazione delle plusvalenze provenienti da contratto di sale and lease back: la posizione dei giudici della Suprema Corte, del tutto condivisibile, al contrario delle posizioni espresse dall’Agenzia delle Entrate, consente la tassazione del provento realizzato al momento della cessione…

Continua a leggere...
leasing

La plusvalenza da lease back è tassabile per competenza

Il “sale and lease back” – o più semplicemente “lease back” come frequentemente viene definito – rappresenta un contratto atipico con causa finanziaria con il quale un soggetto cede un bene ad una società di leasing al fine di riottenerlo in locazione finanziaria; tale operazione viene realizzata al fine di ottenere liquidità. Lo scoglio principale…

Continua a leggere...
casa3-1

IMU versata dal proprietario anche nel fondo patrimoniale

In un precedente intervento abbiamo avuto modo di ricordare come i redditi provenienti dagli immobili sui quali viene costituito un fondo patrimoniale siano imputati per il 50% a favore di ciascuno dei coniugi, indipendentemente dalla proprietà degli immobili dai quali tali redditi promanano: questo in forza della previsione contenuta nell’articolo 4 TUIR, che dispone specificamente in…

Continua a leggere...
famiglia1

Il fondo patrimoniale non blocca la cedolare

I redditi dei beni che formano oggetto del fondo patrimoniale sono imputati per metà del loro ammontare netto a ciascuno dei coniugi: tale imputazione dei redditi (ripartizione tra i coniugi) si applica anche nel caso di opzione per la cedolare secca. Conseguentemente, il coniuge non proprietario può optare autonomamente per l’applicazione del regime della cedolare…

Continua a leggere...
professionista1

Plus da assegnazione agevolata da assoggettare a imposta sostitutiva

L’assegnazione agevolata prevista all’articolo 1, commi da 115 a 120, della L. 208/2015 permette di tassare in maniera agevolata le plusvalenze che si vengono a generare al momento della destinazione dei beni a finalità estranea all’attività d’impresa; tali plusvalenze richiedono peraltro l’applicazione dell’imposta sostitutiva, senza la possibilità di compensarle con altri componenti negativi generati dalla…

Continua a leggere...
casa-2

Nelle trasformazioni agevolate le minus non sono deducibili

Con l’avvicinarsi della scadenza per beneficiare delle disposizioni agevolate contenute nella L. 208/2015, si intensificano le valutazioni di convenienza circa i diversi istituti posti a disposizione dei contribuenti. Il “trittico” di soluzioni messo a disposizione della Finanziaria 2016 (assegnazione, cessione, trasformazione) presenta delle peculiarità in ciascun istituto; tra queste occorre segnalare la disciplina delle minusvalenze,…

Continua a leggere...
mondo3-1

Permute di servizi: il momento di effettuazione

Può capitare che operatori economici, invece che pagarsi il corrispettivo delle rispettive operazioni, si scambino beni o servizi, talvolta non perché questo sia la base dell’accordo, ma piuttosto per estinguere obbligazioni precedentemente sorte. Queste operazioni prevedono delle regole specifiche ai fini IVA, soprattutto sotto il profilo del momento di effettuazione dell’operazione che, come noto, guida…

Continua a leggere...
lavori-progetto-1

Acquisto di box: il bonus fiscale rende allettante l’investimento

Il mercato edilizio ancora stagnante presenta, per chi ha la disponibilità di liquidità da investire, notevoli opportunità: tra queste va segnalato l’investimento in autorimesse e posti auto. A rendere particolarmente allettante questa forma di investimento è la possibilità di portare in detrazione il 50% del costo di costruzione: considerando che molte imprese si trovano a…

Continua a leggere...
casa4-1-1

Fuori campo IVA i trasferimenti di opere di urbanizzazione al Comune

Quando le imprese costruttrici effettuano delle cessioni di beni senza corrispettivo a favore del Comune, in esecuzione di adempimenti imposti da una convezione per la realizzazione di interventi urbanistici, l’operazione risulta al di fuori del campo di applicazione dell’IVA: questa è la decisione presa dalla Cassazione nella sentenza 11344 del 31 maggio 2016, motivata con…

Continua a leggere...
professionista3-1

Parcelle non incassate: partita IVA per sempre, se non anticipi l’IVA

Il professionista che, dopo la cessazione dell’attività, dovesse incassare un compenso relativo alla propria attività professionale in precedenza svolta, deve assoggettare ad IVA tale corrispettivo: secondo le Sezioni Unite della Cassazione, nella sentenza 8059 del 21 aprile 2016 la debenza del tributo non viene meno in quanto il fatto generatore si è realizzato al momento…

Continua a leggere...
firma-2

Cedolare ammessa anche per il contitolare che non appare nel contratto

La possibilità di applicare la tassazione proporzionale sui contratti di locazione a destinazione abitativa e relative pertinenze è ammessa anche a favore del contribuente che non risulta dal contratto di locazione, purché ovviamente esso sia possessore dell’immobile (altrimenti verrebbe meno il presupposto per la tassazione).   La locazione stipulata da uno solo dei comproprietari Non…

Continua a leggere...
casa1-2

I° casa: “super” termine solo per l’abitazione in precedenza agevolata

La Legge di Stabilità 2016 è intervenuta a modificare la disciplina dell’agevolazione “prima casa” lasciando più tempo all’acquirente dell’immobile agevolato per la cessione del precedente immobile agevolato: dal 2016, infatti, non è più ostativo il possesso di un’altra abitazione acquisita con i benefici fiscali, purché sia alienata entro un anno. Sul punto consta però il…

Continua a leggere...
casa3

Esenzione IMU abitazione principale: serve almeno la fusione fiscale

Con la recente circolare 27/E/2016. l’Agenzia delle entrate interviene per evidenziare le modalità per realizzare, a livello catastale, una “unione di fatto ai fini fiscali” di due unità immobiliari che non possono essere fuse (ad esempio perché di proprietà di due soggetti diversi); tale indicazione è utile per gestire l’eventualità in cui una famiglia possiede…

Continua a leggere...
casa3

Assegnazione degli immobili e rettifica della detrazione IVA

Nel precedente intervento sono state ricordate le regole IVA relative all’assegnazione dell’immobile; il ragionamento deve essere completato ricordando le conseguenze sulla detrazione dell’IVA assolta. La circolare 26/E/2016 interviene in maniera molto sfuggente sul tema delle rettifica, con un passaggio che lascia più dubbi che certezze.   La rettifica della detrazione L’assegnazione spesso può avvenire senza applicazione…

Continua a leggere...
casa4-1-1

Il trattamento IVA in sede di assegnazione dell’immobile

La disciplina relativa all’assegnazione agevolata dei beni d’impresa non stabilisce una specifica disciplina IVA per accompagnare la fuoriuscita del bene dalla perimetro dell’impresa, con la necessità, pertanto, di applicare le ordinarie regole previste dal DPR 633/1972. Questa impostazione viene confermata anche dalla circolare 26/E/2016 che sul punto non aggiunge grandi approfondimenti ma contribuisce a fornire…

Continua a leggere...
casa4-1-1

IMU e TASI: vincoli incrociati di aliquota

Quando ci si approccia al calcolo dell’IMU e della TASI, l’aspetto che risulta probabilmente più problematico è l’individuazione della corretta aliquota applicabile, soprattutto con riferimento all’imposta sui servizi; questa è infatti caratterizzata da una serie di vincoli incrociati con il tributo maggiore, vincoli che spesso non sono immediati da gestire. Le aliquote IMU L’aliquota di…

Continua a leggere...
casa4-1-1

IMU e TASI: acconto 2016 utilizzando le aliquote 2015

Le regole di calcolo dell’acconto IMU e TASI non presentano novità operative e sono del tutto allineate, nel senso che entrambi i tributi locali presentano le stesse modalità di calcolo dell’imposta dovuta. Il 16 giugno occorrerà quindi procedere al versamento dell’acconto dovuto per l’anno 2016, mentre il conguaglio dovrà essere corrisposto entro il prossimo 16…

Continua a leggere...
flag

RW immobili: la base imponibile dell’IVIE

La compilazione del quadro RW relativamente ai beni immobili si scontra con la quantificazione dell’IVIE dovuta su questi: si presentano infatti alcune problematiche relative tanto alla determinazione della base imponibile, quanto all’individuazione dell’imposta pagata all’estero eventualmente scomputabile.   Base imponibile La base imponibile dell’IVIE deve, nella generalità dei casi, essere rinvenuta nel costo di acquisto…

Continua a leggere...
agricoltura1

Esenzione IMU anche per i coadiuvanti dell’impresa agricola

L’esenzione IMU (ai fini TASI i terreni sono in ogni caso esclusi da tassazione) prevista dalla scorsa legge di stabilità in favore dei coltivatori diretti (CD) e degli imprenditori agricoli professionali (IAP), in relazione ai terreni da questi condotti e coltivati e ovunque ubicati (quindi anche nei Comuni pianeggiati), risulta operativa anche a favore dei…

Continua a leggere...
documenti3

Il corretto coordinamento tra cause di disapplicazione

Affrontare la posizione di un cliente che si trova nelle condizioni che presuppongono l’innesco della disciplina prevista per le società di comodo non è certo un’esperienza gratificate per chi si trova a compilare il relativo modello Unico: è infatti spesso quasi avvilente constatare come il pensiero dell’Agenzia (e spesso anche della giurisprudenza) propenda per applicare…

Continua a leggere...
contratto1

Mensa scolastica detraibile con certificazione del pagamento

Tra la diverse fattispecie di oneri detraibili, l’ipotesi che per l’anno 2015 ha subito l’evoluzione più marcata è certamente quella relativa alle spese di istruzione. All’interno della circolare n. 3/E, pubblicata lo scorso 2 marzo 2016, sono state rese le prime indicazioni riguardanti tali spese e le novità introdotte, (al riguardo si veda “Le novità…

Continua a leggere...
agricoltura1

IMU dovuta per i contitolari di coltivatori diretti e IAP

L’esenzione dalla tassazione IMU per i terreni agricoli, introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 (L. 208/2015) a favore dei coltivatori diretti (CD) e degli imprenditori professionali (IAP), non dovrebbe estendersi a favore degli altri contitolari del terreno che non svolgono attività agricola su di esso: questo è quanto occorre concludere esaminando il tenore della previsione…

Continua a leggere...
agricoltura1

Orticelli e incolti (in pianura) sempre tassati ai fini IMU

Gli orticelli ed i terreni incolti sono da considerare al pari degli atri terreni: pertanto, quando ricorre una delle ipotesi di esenzione, riformate da ultimo dalla Legge di Stabilità per il 2016 (L. 208/2015), anche questi si considerano esenti. La conseguenza implicita è che nelle altre situazioni l’IMU (la TASI mai deve essere corrisposta sui…

Continua a leggere...
casa6

Il passaggio al forfettario è un’estromissione gratuita a regime

Il titolo è certamente di effetto e non vuole certo essere un invito ad operazioni ardite al limite dell’abuso del diritto, delle quali ciascuno si assumerebbe le responsabilità; l’obiettivo è invece quello di segnalare come la posizione che l’Agenzia ha recentemente assunto nella circolare 10/E del 4 aprile 2016, in tema di tassazione delle plusvalenze…

Continua a leggere...
dubbio

Precompilata: uno strumento efficiente?

Siamo al secondo anno di applicazione del modello 730 precompilato e, anche sulla scorta dell’esperienza passata, possiamo avanzare qualche valutazione. Con la pubblicazione dei comunicati stampa dell’11 e del 15 aprile 2016, l’Agenzia ha pomposamente affermato la possibilità per i contribuenti di accedere a tale opportunità. Proviamo a considerare quali sono gli aspetti delicati e…

Continua a leggere...
flag

I dati integrativi dei forfettari da indicare nel quadro RS

In un precedente intervento abbiamo segnalato la necessità di compilare, nelle dichiarazioni dei contribuenti che hanno aderito al regime forfetario nel 2015, il quadro RS di Unico PF 2016 relativo alle informazioni supplementari, evidenziando come tale richiesta paia poco ragionevole, posto che stiamo considerando un regime agevolato che si basa (anche e soprattutto) sulle semplificazioni contabili….

Continua a leggere...
documenti3

La dichiarazione dei forfettari ci impone di tenere la contabilità

Su Euroconferencenews siamo intervenuti ripetutamente a commento del regime forfettario introdotto per il 2015, dalla L. 190/14, ma che grazie ai correttivi previsti nell’ultima legge di stabilità, L. 208/15, è diventato davvero fruibile solo dal 2016. Si tratta di un regime di indiscutibile interesse, sia per il mediamente tenue carico impositivo riconosciuto al contribuente, ma…

Continua a leggere...
casa5-1

Trasformazione agevolata: esistono ipotesi elusive?

In questi mesi si dibatte molto sui nuovi istituti agevolativi introdotti dalla legge di stabilità 2016 per la fuoriuscita dei beni dalla sfera dell’impresa. Accanto al provvedimento “principe” previsto a favore delle società, ossia l’assegnazione, sempre più viene apprezzata la soluzione della trasformazione agevolata: in molti casi, anziché trasferire i beni alla sfera personale dei…

Continua a leggere...
IVA4-1

Le manutenzioni fatturate con inversione contabile

Il tema dell’inversione contabile relativa alla lettera a-ter dell’art. 17 c.6 DPR 633/72 è di certa rilevanza, poste le complicazioni che esso genera negli operatori e, di conseguenza, nei consulenti che li seguono. Mentre la norma non richiama esplicitamente l’applicazione dell’istituto alle prestazioni di manutenzione e riparazione degli impianti, le posizioni espresse dall’Agenzia delle Entrate…

Continua a leggere...
tasi

Le indicazioni del MEF sulla TASI degli immobili nel fallimento

In un precedente intervento pubblicato su Euroconference news, ci siamo occupati del trattamento ai fini TASI dell’immobile posseduto dal contribuente interessato da una procedura concorsuale. In quella sede si ebbe modo di osservare come fosse arduo ipotizzare una interpretazione estensiva della disciplina specificamente stabilità ai fini IMU e come fosse singolare che nessuna indicazione in…

Continua a leggere...
tasi

Riduzione IMU e TASI per i comodati: possibile un “doppio bonus”

Una delle previsioni che ha destato interesse in questo inizio di 2016 è quella contenuta nella Legge di Stabilità riguardante la riduzione del 50% a favore degli immobili offerti in uso gratuito ai familiari; si tratta di una previsione che presenta numerose (e, a parere di chi scrive, ingiustificate) complicazioni operative, che devono però essere…

Continua a leggere...
tasi

IMU/TASI: l’immobile in diritto di abitazione non pregiudica il bonus

La Legge di Stabilità 2016, tra le varie novità introdotte sulla tassazione locale, ha previsto la riduzione del 50% a favore degli immobili offerti in uso gratuito ai familiari. Sul tema il MEF ha emanato la risoluzione 1/DF del 17 febbraio 2016 per fornire le precisazioni riguardanti alcuni degli aspetti controversi. Uno dei limiti posti…

Continua a leggere...
tasi

Sconto IMU e TASI per i contratti a canone concordato

È sentimento comune la considerazione che gli investimenti in immobili da “mettere a reddito” sono fortemente colpiti dal prelievo fiscale: acquistare un immobile da destinare alla locazione, a conti fatti, a causa della tassazione a livello centrale e locale, è un investimento che rischia di essere molto poco redditizio. Vi è però una fattispecie che…

Continua a leggere...
iva1

Crediti IVA annuale e trimestrale: quali correlazioni?

L’inizio nel nuovo periodo d’imposta è sempre caratterizzato dalle problematiche sulla gestione dei crediti, in particolar modo quelli IVA; una di queste riguarda la valutazione circa la necessità o meno di porre il visto di conformità sul modello IVA per sbloccare le compensazioni, o ottenere il rimborso senza garanzia, oltre la soglia di € 15.000….

Continua a leggere...
flag

Crediti IVA trimestrali: quando porre il visto sul TR?

Il 2015 è stato segnato dall’introduzione di nuovi istituti che hanno aumentato le possibilità di riscontrare una dichiarazione IVA a credito (in primis reverse charge delle attività correlate all’edilizia e split payment). Per cercare di recuperare più velocemente questo credito, viene sempre più spesso percorsa (avendone i requisiti) la via della presentazione dell’istanza trimestrale (modello…

Continua a leggere...
riunione1

Assegnazione agevolata: attenzione al prelievo sul socio

Dopo molti anni di attesa, la Legge di stabilità per il 2016 – L. 208/15 – introduce una disposizione straordinaria per la fuoriuscita dei beni dalle società. L’interesse del provvedimento viene concentrato sul confronto tra il prelievo in capo alla società, quantificato attraverso la previsione agevolativa, rispetto a quanto si sarebbe dovuto versare in condizioni…

Continua a leggere...
mani

Mediazione per tributi locali: cambia la procedura per il ricorso

Il D.Lgs. 156/2015 ha riformato la disciplina di contenzioso e interpelli prevedendo, tra le altre cose, l’estensione della procedura di reclamo e mediazione anche ad ambiti diversi dagli atti emessi dall’Agenzia delle Entrate; tale estensione coinvolge, pertanto, anche gli atti impositivi emessi dagli Enti locali. Sul punto constano anche le indicazioni della CM 38/E/15, soprattutto,…

Continua a leggere...
leasing

L’applicazione ai leasing della disciplina sui superammortamenti

Oltre che per i beni in proprietà, per esplicita previsione del c. 91 della L. 2018/15, la disciplina agevolata per gli investimenti, riguarda anche i beni in leasing. Vi sono però alcune complicazioni operative alle quali occorre dare una soluzione. In attesa di chiarimenti ufficiali possiamo basarci sulle condivisibili osservazioni proposte dalla circolare 25 del…

Continua a leggere...
tempo1

Superammortamenti: periodo agevolato e decorrenza

Nella Legge di stabilità 2016 – L. 208/15 – è stato introdotto un provvedimento che ha lo scopo di incentivare gli investimenti in beni strumentali nuovi attraverso un incremento del valore fiscale del bene, beneficiabile tramite i relativi ammortamenti, se il bene è acquisito in proprietà, ovvero tramite i canoni di competenza, se il bene…

Continua a leggere...
flag

Trasformazione con costo della partecipazione automaticamente aggiornato

La Legge di Stabilità per il 2016, all’interno del gruppo dei provvedimenti che permettono di far fuoriuscire i beni della società della sfera dell’impresa, contempla anche una procedura per la trasformazione agevolata in società semplice. In alcune situazioni, pur volendo “estromettere” (in senso lato) il bene dal perimetro dell’impresa, potrebbe essere utile mantenere un veicolo…

Continua a leggere...
casa

Estromissione e assegnazione immobili: agevolazioni IVA a regime

La Legge di Stabilità 2016 interviene per introdurre un interessante (e attesissimo) istituto di assegnazione o di trasformazione agevolate: si tratta di un provvedimento atteso da tempo per risolvere (ove possibile) le situazioni di società di comodo che si presentano nella clientela di ogni studio professionale. Detto provvedimento è stato peraltro esteso anche alle ditte…

Continua a leggere...
casa2

Plusvalenze immobiliari escluse se il fabbricato è abitazione principale

Nel caso di cessione di un fabbricato detenuto al di fuori del regime d’impresa o lavoro autonomo, la plusvalenza è in ogni caso esclusa qualora il fabbricato sia destinato ad abitazione principale del contribuente, comprese le relative pertinenze.   L’esonero per l’abitazione principale Sono da considerarsi imponibili quali redditi diversi di natura immobiliare le plusvalenze…

Continua a leggere...
regalo1

Donazione d’azienda: profili divergenti tra dirette e indirette

Tra le diverse soluzioni poste a disposizione del nostro ordinamento per gestire il passaggio generazionale delle imprese, la donazione è certamente una delle più classiche, anche se in molti casi non risulta essere tra le più funzionali, sia per quanto riguarda la tranquilla pianificazione dell’allocazione del patrimonio (occorre infatti tenere in considerazione i rischi di…

Continua a leggere...
tasi

IMU e TASI: ricalcolo dell’imposta 2015 entro il 16 dicembre

Il 16 dicembre è in scadenza il versamento del saldo IMU e TASI dovute per il 2015, calcolata sulla base delle aliquote pubblicate entro il 28 ottobre scorso. Di seguito saranno riepilogate le regole di calcolo, ricordando che per il 2015, stranamente, non vi sono né regole transitorie, tantomeno disposizioni dell’ultimo momento, a cui purtroppo…

Continua a leggere...
casa1

Locazione con patto di futura vendita: nessun effetto ai fini Imu

Quando un immobile viene locato con patto di futura vendita non vi è trasferimento di soggettività passiva: sarà quindi il locatore a dover pagare, ove dovuta, l’Imu, sino al momento in cui non viene sottoscritto l’atto che sancisce l’effettivo trasferimento del diritto di proprietà e, con esso, dell’onere di pagare il tributo. Quello descritto è…

Continua a leggere...
casa

Nuda proprietà e usufrutto: attenzione alla verifica del quinquennio

In caso di cessione di fabbricato per il quale nuda proprietà ed usufrutto sono stati acquisiti in momenti diversi, la verifica del periodo quinquennale che consente la detassazione della plusvalenza conseguita in sede di cessione va verificato distinguendo le modalità con le quali il contribuente ha ricevuto il diritto di usufrutto.   Le plusvalenze a…

Continua a leggere...
casa

Deducibilità degli interessi passivi relativi a finanziamenti

A decorrere dal periodo d’imposta 2016 (in tal senso depone il quinto comma dell’articolo 4 D.Lgs. 147/2015) gli interessi passivi relativi a finanziamenti garantiti da ipoteca su immobili destinati alla locazione saranno deducibili senza tener conto dei limiti imposti dall’articolo 96 Tuir per tutte le società che svolgono in via effettiva e prevalente attività immobiliare….

Continua a leggere...
casa1

L’IMU è dovuta dal debitore pignorato

La procedura di pignoramento immobiliare, fino a quando non viene definita con la vendita ad un soggetto terzo dell’immobile e la conseguente emissione del decreto di trasferimento, non comporta alcuna modifica della soggettività passiva IMU. Pertanto, sino a tale data, il debitore pignorato dovrà assolvere agli obblighi (in primis il versamento) imposti dalla disciplina relativa…

Continua a leggere...
tasi

Fallimento e TASI: impervia la via del differimento dei versamenti

Solo ai fini IMU risulta puntualmente codificata la disciplina riguardante gli obblighi (soprattutto di versamento) relativi agli immobili posseduti da un soggetto interessato da fallimento (così come nel caso di liquidazione coatta amministrativa). Le similarità tra i due tributi sono tali da suggerire l’ipotesi di un trattamento comune, che estenda anche alla tassa sui servizi…

Continua a leggere...
sveglia

Entro il 30 ottobre sanatoria per l’acconto IMU sui terreni

Anche nel 2015 ad ottobre è presente una scadenza intermedia per il versamento dei tributi locali. Come tutti ben ricorderanno, lo scorso anno toccò alla TASI essere interessata da tale adempimento supplementare: al 16 ottobre 2014 si era provveduto a versare la “seconda tranche” degli acconti, quelli relativi ai quei Comuni che non avevano reso…

Continua a leggere...
tasi

Fabbricati D: IMU e TASI da ricalcolare sulla rendita definitiva

La base imponibile dei fabbricati è mediamente quella più semplice da gestire nella determinazione di IMU e TASI: normalmente si fa riferimento alla rendita catastale che, salvo interventi sugli immobili, rimane costante nel tempo. Ciò premesso, va ricordato che vi sono però anche alcune situazioni che presentano un certo grado di complicazione da gestire.  …

Continua a leggere...
agriturismo

Per l’IMU sui terreni, il rompicapo della detrazione di € 200

In vista dell’approssimarsi della scadenza in proroga dell’acconto IMU – si veda il decreto enti locali, art. 8 c. 13-bis del DL 78/15 – prevista al 30 ottobre solo per quanto riguarda i terreni, occorre verificare le regole di calcolo per tali immobili, soprattutto per quanto riguarda la gestione della detrazione di € 200, aspetto…

Continua a leggere...
tasi

Fusione e scissione impongono la dichiarazione IMU/TASI

Le modalità di presentazione delle dichiarazioni IMU sono descritte dall’art. 13 c. 12-ter del DL 201/11, nel quale viene previsto un termine di presentazione (modificato dal DL 35/13) fissato al 30 giugno dell’anno successivo quello in cui è avvenuta la modifica oggetto di comunicazione; per rinvio operato dal c. 687 della L. 147/13, le stesse…

Continua a leggere...
firma

Il contratto preliminare non ha rilevanza ai fini IMU e TASI

Poiché il contratto preliminare obbliga i contraenti, ma non comporta alcun effetto sui diritti reali pertinenti alle parti contrattuali, esso è del tutto irrilevante ai fini dell’individuazione della soggettività passiva, tanto ai fini IMU, quanto ai fini TASI; l’obbligo di versamento di entrambe le imposte sarà posto a carico dell’acquirente solo dal momento in cui…

Continua a leggere...
tasi

IMU e TASI: requisiti variabili per le agevolazioni del mondo agricolo

Gli immobili impiegati in agricoltura da sempre beneficiano di un trattamento di favore nell’ambito dei tributi locali; occorre però notare che non tutte le agevolazioni concesse poggiano sui medesimi presupposti. Nel presente contributo andremo a distinguere, in particolare: la sussistenza dei requisiti (soggettivo ed oggettivo) per poter applicare le agevolazioni riservate ai terreni condotti direttamente,…

Continua a leggere...
privacy

Nodo privacy per le spese mediche nella precompilata

Le spese mediche confluiranno nella precompilata relativa al periodo d’imposta 2015: il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate – Prot. n. 103408/2015 del 31 luglio 2015 e pubblicato il 3 agosto 2015 – regolamenta la raccolta e la gestione di tali informazioni, evidentemente di massima sensibilità sotto il profilo della privacy. Sono infatti state previste…

Continua a leggere...
vs

Anomalie volume d’affari e spesometri: l’incrocio dati convince poco…

Nel corso del mese di luglio l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento prot. N. 94624 con il quale vengono rese note alcune linee guida per la comunicazione ai contribuenti di anomalie presenti nei dati comunicati all’Amministrazione Finanziaria. Alcuni di questi “incroci” però convincono poco.   La disciplina La Legge di Stabilità 2015 (art. 1,…

Continua a leggere...
tasi

IMU e TASI ridotta per fabbricati con vincolo diretto ancorché parziale

Già più volte sulle pagine del presente giornale telematico si è dato conto delle agevolazioni previste per IMU e TASI a favore dei fabbricati vincolati (si veda, in particolare, “Fabbricati vincolati: IMU e TASI al 50%, ma serve cautela”) la riduzione della rendita al 50% compete solo nel caso in cui il vincolo sull’immobile sia…

Continua a leggere...
casa1

Locazione di immobile in comodato: canoni imponibili sul comodante

Una delle domande che ci si sente porre dai colleghi durante i convegni riguardanti le dichiarazioni dei redditi riguarda il trattamento delle locazioni di immobili dati in comodato: non è raro, ad esempio, che il genitore abbia consegnato al figlio un immobile tramite concessione in comodato dello stesso, anche regolarmente registrato, e su tale fabbricato…

Continua a leggere...
tasse1

I chiarimenti dell’Agenzia sul ravvedimento dei tributi locali

I chiarimenti forniti nella CM 23/E/15 dell’Agenzia delle Entrate in materia di ravvedimento operoso, oggetto di commento sulla pagine della presente rivista telematica, esplicano i propri effetti anche in relazione ai tributi locali che vanno in autoliquidazione (IMU e TASI); in particolare viene confermato il riferimento alla scadenza del versamento per l’applicazione delle riduzione ad…

Continua a leggere...
tasi

Dichiarazione TASI: per gli inquilini dichiarazione non sempre dovuta

Mancano pochi giorni alla scadenza del 30 giugno, termine entro il quale i contribuenti devono rendere la dichiarazione per le variazioni IMU relative al 2014 (nel caso in cui nulla sia cambiato rispetto al precedente anno, nulla va comunicato al Comune); entro il medesimo termine va resa la comunicazione 2014 relativa alla TASI, adempimento complicato…

Continua a leggere...
tasi

IMU e TASI: regole allineate per l’acconto 2015

Dal 2015 le scadenze Imu e Tasi sono allineate: rispetto allo scorso anno dove la TASI è stata interessata da diverse proroghe (si trattava del primo anno di applicazione e quindi era stata introdotta una specifica previsione transitoria), quest’anno la gestione dei versamenti avviene con le stesse modalità previste per l’IMU.   Versamenti L’acconto IMU…

Continua a leggere...
casa

RW immobili: la base imponibile dell’IVIE

Dallo scorso anno il quadro RW assolve il duplice compito di monitorare gli investimenti all’estero e di liquidare le imposte patrimoniali eventualmente dovute su tali beni. In particolare, quando la compilazione del quadro RW è legata al possesso di un immobile, alle complicazioni ordinarie previste per gli altri investimenti (specialmente legate alla raccolta delle informazioni…

Continua a leggere...
contratto1

La deduzione del TFM regolata dall’atto con data certa

Il Trattamento di Fine Mandato (TFM) altro non è se non una remunerazione differita spettante all’amministratore. Il tema da analizzare è il seguente: tale componente negativa di reddito risulta deducibile per competenza al momento dell’accantonamento, ovvero sarà deducibile per cassa al momento dell’effettiva materiale erogazione?   La tassatività degli accantonamenti Gli accantonamenti sono evidentemente delle…

Continua a leggere...
730

730 precompilato: verifiche ridotte in base alle modalità di presentazione

La novità procedurale principale che segna la presentazione delle dichiarazioni per il 2014 è quella riguardante l’introduzione della precompilata; si tratta di una modifica che comporta molte complicazioni (per tutti, contribuenti compresi) e altrettante responsabilità (soprattutto per gli intermediari), ma giustificati nella logica del legislatore, con riduzione di rischi di verifica in capo al contribuente….

Continua a leggere...
unico1

Canoni di locazione non riscossi: l’impatto in Unico

Una delle problematiche con cui occorre scontrarsi nel momento in cui ci si approccia alla compilazione della dichiarazione delle persone fisiche è quello inerente la gestione dei canoni di locazione non riscossi: è infatti noto che tali canoni, in forza della previsione contenuta nell’art. 26 Tuir, devono comunque essere dichiarati dal contribuente, indipendentemente dall’effettiva percezione,…

Continua a leggere...
IMU-210x140

La TASI è pienamente deducibile in ragione del pagamento

Capita frequentemente che i colleghi si interroghino sulla possibilità di computare la deduzione riconosciuta all’IMU (nel 2014 pari al 20%) quando pagata in relazione ai fabbricati strumentali, tanto per le imprese che per i professionisti, in relazione alle altre imposte comunali. Il dubbio riguarda, in particolare, il trattamento della TASI pagata nel corso del periodo…

Continua a leggere...
casa

Immobile a uso promiscuo: il professionista non tassa la plusvalenza

In precedente intervento pubblicato sulle pagine del presente quotidiano telematico ci siamo concentrati sulla tassazione della plusvalenza dell’immobile utilizzato in maniera strumentale da parte del professionista: malgrado il tenore letterale della norma, con riferimento a tale fattispecie le istruzioni alla compilazione del quadro RE del modello Unico affermano che l’imponibilità riguarda solo il provento realizzato sull’alienazione…

Continua a leggere...
agriturismo

IMU: il punto sull’esenzione per i comuni montani

Con la conversione in legge del D.L. n. 4/2015 (si tratta della L. n. 34 del 24 marzo 2015 pubblicata sul S.O. della G.U. del 25 marzo 2015) diviene definitivo il trattamento previsto per i terreni ubicati nei comuni montani, trattamento oggetto di numerose modifiche nel corso degli ultimi mesi. Tralasciando il tema della gestione…

Continua a leggere...
730

730 precompilato: riepiloghiamo cosa ci sarà dentro

Ormai è aprile: tempo dei primi caldi e di arrabbiature dichiarative. Dopo mesi in cui ci siamo lamentati (giustamente) della nuova disciplina riguardante il modello 730, diffusamente analizzata nelle “pagine” del nostro quotidiano online, è ormai imminente il momento di affrontare il problema: dal 15 aprile l’Agenzia metterà infatti a disposizione i modelli precompilati e dal…

Continua a leggere...
soldi

Tassata la plusvalenza del professionista su immobili ammortizzabili

Il panorama fiscale degli immobili utilizzati dai professionisti si dimostra davvero molto frastagliato, soprattutto per il fatto che il legislatore è intervenuto diverse volte, stabilendo delle “classi” di immobili con un diverso trattamento fiscale, a seconda dell’anno di acquisizione di tale bene. In particolare, la finestra del triennio 2007—2009, ha creato non poca confusione nella…

Continua a leggere...
agriturismo

Scorporo terreni sottostanti ai fabbricati: la correlazione con la disciplina fiscale

In precedente contributo pubblicato sulle pagine della presente rivista telematica si è già avuto modo di evidenziare gli effetti del nuovo principio contabile OIC16 sulla gestione contabile dei fabbricati; all’interno di tale principio, uno degli elementi più innovativi è proprio la necessità di evidenziare la quota di costo del fabbricato imputabile al terreno e, in…

Continua a leggere...
casa1

Fabbricati civili e nuovi OIC: ammesso l’allineamento civile – fiscale

La gestione contabile e fiscale dei fabbricati civili è un aspetto sicuramente delicato in sede di predisposizione del bilancio di esercizio; questo è vero per una serie di motivi e, tra questi, vi è una possibile complicazione nella gestione degli ammortamenti a livello contabile e il relativo trattamento fiscale. Il trade off esistente tra i…

Continua a leggere...
tagli

Nel rent to buy acconti detassati per le cessioni oltre i cinque anni

Nel precedente intervento abbiamo valutato il contratto rent to buy stipulato da persona fisica in qualità di locatore / cedente, sotto il profilo della tassazione del canone percepito; in questa sede ci soffermiamo invece sul successivo momento del trasferimento dell’immobile, per valutare gli effetti fiscali stabiliti dall’Agenzia delle Entrate nella C.M. n.04/E/2015. Il canone percepito deve…

Continua a leggere...
centro

Il rent to buy: una buona soluzione per chi non ha “fretta di vendere”

Il contratto di rent to buy ha ricevuto un impulso importante con il D.L. n. 133/2014, quantomeno sotto il profilo della garanzia a favore dell’acquirente, ma l’assenza di chiare regole fiscali ne rendeva materialmente difficile l’impiego; finalmente l’Agenzia si è espressa con la C.M.  n. 04/E/2015, colmando di fatto la lacuna normativa. Tale documento di…

Continua a leggere...
casa

Salvaguardia della detrazione: separazione tra gestione e compravendita

La compilazione della dichiarazione Iva, oltre che adempimento periodico, è spesso sede per ragionare (e ripensare) su alcune situazioni che frequentemente vengono trascurate in corso d’anno; tra queste vi è la gestione degli immobili sotto il profilo Iva. La compravendita e la locazione di immobili è attività ordinariamente esente (anche se può essere talvolta superata…

Continua a leggere...
lavori-progetto-1

Fabbricati: la cessione è ordinariamente in inversione contabile

Questo inizio 2015 vede alla ribalta l’inversione contabile e, spesso, negli incontri che si tengono in questo periodo, ci si trova a confrontarsi con i colleghi circa l’applicabilità della nuova previsione contenuta nella lettera a-ter dell’art. 17, comma 6 del D.P.R. n. 633/1972. Nel riscontrare l’attenzione sul tema e l’apprensione che esso genera in termini…

Continua a leggere...
casa1

Fabbricati vincolati: IMU e TASI al 50%, ma serve cautela

La disciplina IMU e TASI prevede una agevolazione di non poco conto per i fabbricati ai quali è stato riconosciuto un particolare pregio storico, artistico o architettonico: la riduzione al 50% della rendita catastale al fine del calcolo della base imponibile. Si tratta comunque di una agevolazione da computare con le dovute accortezze, visto che…

Continua a leggere...
tasse1

L’applicabilità del nuovo ravvedimento ai tributi locali

La Legge di Stabilità 2015 (L. n. 190/2014) interviene a modificare le regole applicabili dal 2015 al ravvedimento operoso: in relazione all’applicabilità di tali novità (in particolare le nuove misure di definizione) ai tributi locali (ovviamente quelli che vengono pagati in autoliquidazione, IMU e TASI) consta un contributo del 19.01.2015 dell’IFEL – istituto per la…

Continua a leggere...
iva1

Split-Payment: intersezioni con il differimento di esigibilità

La Legge di Stabilità 2015, con l’introduzione dell’art. 17-ter al D.P.R. n. 633/1972, ha istituito l’inedito istituto dello split payment, il cui meccanismo di funzionamento, analizzato nel corso della quarta giornata del Master Breve, può essere riassunto come segue: il fornitore emette, nei confronti della Pubblica Amministrazione, una fattura che evidenzia, secondo l’ordinario meccanismo delle…

Continua a leggere...
tasi

Aliquote TASI: vincoli confermati anche per il 2015

Si attendeva l’ennesima rivoluzione nella tassazione locale degli immobili (con l’introduzione della local tax), invece la Legge di Stabilità (L. n. 190 del 23.12.2014) altro non fa che confermare in tutto e per tutto l’impianto che già abbiamo avuto modo di verificare nell’anno che si è appena chiuso. Forse, viste le evoluzioni a cui abbiamo…

Continua a leggere...
contratto1

Lettere d’intento e periodo transitorio: comunicazione del fornitore?

La gestione delle lettere d’intento è l’adempimento che tiene banco negli Studi in questo periodo: dopo l’importante modifica, che impone gli oneri comunicativi a carico dell’esportatore abituale, introdotta dal D.L. n. 175/2014 a ridosso dell’approssimarsi della scadenza di fine anno, con il Provvedimento n.159674 dello scorso 12.12.2014, l’Agenzia delle Entrate ha cercato di trovare una…

Continua a leggere...
riunione1

Compensi amministratore: non sempre vale il principio di cassa “allargato”

Tra le tradizionali operazioni da svolgere entro la fine dell’anno vi è la verifica del pagamento dei compensi spettanti agli amministratori entro la fatidica data del 12 gennaio: entro tale scadenza occorre infatti procedere alla materiale erogazione di detti emolumenti al fine di poter beneficiare della deduzione dal reddito della società nel periodo d’imposta appena…

Continua a leggere...
sveglia

Per la trasparenza fiscale, opzione entro fine anno con “vecchie regole”

Negli ultimi mesi il decreto semplificazioni (D.L. n. 175/2014), da pochi giorni entrato in vigore, e le numerose novità in esso contenute hanno tenuto banco nei commenti degli operatori; tra queste novità constano (art. 16 del D.Lgs. n. 175/2014) le nuove modalità per l’esercizio dell’opzione per i regimi contabili e di determinazione dell’imposta (tra cui…

Continua a leggere...
auto

Entro fine anno i riaddebiti per l’auto in uso promiscuo al dipendente

La fattispecie della vettura in uso promiscuo al dipendente è certamente molto “gettonata” dalla imprese. Il motivo è di tutta evidenza: in un panorama fiscale dove l’autovettura è vista come l’emblema del massimo abuso a disposizione del titolare di partita Iva (tanto che oggi essa risulta, di fatto, pressoché indeducibile), quando può essere configurata l’attribuzione…

Continua a leggere...
tasi

Gli immobili invenduti non devono pagare la TASI

Si è da poco conclusa la tornata degli acconti 2014 (l’acconto TASI nella maggioranza dei Comuni è stato versato il 16 ottobre) e già per gli Studi professionali è tempo di tornare a lavorare sulle scadenze di versamento dei tributi locali: la scadenza di dicembre vede infatti allineati IMU e TASI, dopo che l’acconto è…

Continua a leggere...
regalo

IVA omaggi: la detrazione dipende dal momento di effettuazione

Dicembre per le imprese è periodo di omaggi, forse qualche anno addietro in misura più frequente rispetto ad oggi: è emblematico il fatto che la stessa relazione tecnica al Decreto semplificazioni identifichi tale modifica come di trascurabile impatto in termini di stime di gettito “in considerazione della scarsa ricorrenza delle fattispecie coinvolte”, prendendo atto della…

Continua a leggere...
mondo

Per il 2015, lettere d’intento nel caos

Il decreto semplificazioni introduce, come noto, una significativa modifica circa gli adempimenti correlati alla non imponibilità IVA per gli esportatori abituali: il ritardo derivante dalla pubblicazione del decreto semplificazioni creerà non pochi problemi, visto che le nuove modalità di comunicazione devono essere fissate da un ulteriore successivo provvedimento. Questo però non può pregiudicare il diritto…

Continua a leggere...
semaforo-rosso

Black list 2014: tutto da rifare???

Il decreto semplificazioni interviene a modificare la disciplina che regola la presentazione della comunicazione delle operazioni realizzate con controparti localizzate in Paesi a fiscalità privilegiata; le modifiche introdotte dal c. 1 dell’art. 21 riguardano: l’allineamento della periodicità con quella prevista per lo spesometro, stabilendo la cadenza annuale in luogo di quella attuale (mensile o trimestrale…

Continua a leggere...
costi

Società di comodo in perdita sistemica: modifica di modesta portata

Sulle pagine del presente quotidiano telematico più volte già abbiamo avuto modo di segnalare la disposizione che allunga da 3 a 5 anni il periodo di monitoraggio da verificare per considerare di comodo una società che produce perdite (“Sarà sufficiente allungare a 5 anni il monitoraggio per la perdita sistemica” e “Perdite sistematiche light dal…

Continua a leggere...
scacchi

Tremonti-quater: pochi investimenti anche nella media di raffronto

Mancano ancora le indicazioni dell’Agenzia relativamente all’agevolazione per l’acquisto di beni strumentali nuovi, ma visto l’orizzonte temporale offerto per perfezionare gli acquisti (che dovranno avvenire obbligatoriamente entro il prossimo 30 giugno 2015), piuttosto limitato, anche considerando che un terzo di questo periodo è già passato, occorre cimentarsi “al buio” nelle prime valutazioni per consigliare al…

Continua a leggere...
agriturismo

Per i rurali la TASI non può superare l’1 per mille

Rispetto all’IMU, in relazione alla quale sono del tutto esenti dal prelievo, ai fini TASI occorre calcolare il tributo anche sui fabbricati rurali: nei circa 5.000 Comuni nei quali i contribuenti sono chiamati alla scadenza dell’acconto entro domani, occorre pertanto prendere in considerazione anche i fabbricati impiegati nell’attività agricola (mentre, si ricorda per completezza, il…

Continua a leggere...
tasi

Agevolazioni TASI per l’abitazione principale: la creatività dei Comuni

Entro il prossimo 16 ottobre è in scadenza il versamento dell’acconto TASI per gli immobili ubicati in comuni che non avevano approvato aliquote e detrazioni entro il 23 maggio ma vi hanno provveduto entro il 10 settembre: si tratta di circa 5.000 comuni (circa due terzi dei comuni italiani), in relazione ai quali per il…

Continua a leggere...
agriturismo

Coltivatori diretti e IAP pagano la TASI sulle aree in affitto

La finzione di non edificabilità delle aree prevista a favore dei coltivatori diretti e degli Imprenditori Agricoli Professionali, che fiscalmente qualifica agricoli terreni che urbanisticamente sarebbero suscettibili di utilizzazione edificatoria, opera oltre che ai fini IMU, anche con riferimento alla TASI; tale previsione si scontra però con la particolare situazione in cui detti immobili sono…

Continua a leggere...
tasi

Locazione temporanea: TASI a carico del solo proprietario

Già più volte in passato sulle pagine di Euroconference NEWS abbiamo avuto modo di intrattenerci nel commentare la cervellotica disposizione che obbliga a ripartire il carico del tributo sui servizi tra possessore e detentore, secondo la misura prescelta dal Comune. Fa però eccezione a tale regola il caso di locazione per breve periodo: il comma…

Continua a leggere...
F24

Partite IVA: dal 1 ottobre F24 a zero con Entratel

Il 1 ottobre scatta l’obbligo (quasi) generalizzato di utilizzo del modello F24 telematico: dopo 8 anni in cui tale imposizione già interessava i contribuenti titolari di partita IVA, essa viene estesa (seppur con alcune differenziazioni) anche ai cosiddetti “privati”. Va però evidenziato come tale intervento provochi effetti anche a carico di chi possiede la posizione…

Continua a leggere...
documenti-1

Ravvedimento ritenute 2013: dead line al 19 settembre

Ultima chance per definire gli omessi versamenti delle ritenute 2013: il 19 settembre scade il termine per la presentazione del modello 770 con il quale i sostituti d’imposta devono comunicare all’Amministrazione Finanziaria l’ammontare delle ritenute operate nel corso del 2013 in relazione a ciascun singolo percettore. La scadenza a regime per tale modello è prevista…

Continua a leggere...
tasse

Acconto TASI al 16 ottobre: chi deve versare?

  Manca circa un mese alla scadenza di ottobre per il versamento della TASI e gli Studi devono tornare a mettere mano alle posizioni TASI dei propri clienti, rispolverando tutti i problemi che si sono presentati nella scadenza di giugno. Qualche giorno fa abbiamo evidenziato come il Ministero avesse sollecitato i Comuni all’invio delle deliberazioni…

Continua a leggere...

Nessuna sorpresa per la scadenza TASI del 16 ottobre?

Passate le vacanze è ancora tempo di acconto TASI: scade infatti il 16 ottobre la “seconda tranche” degli acconti relativi ai quei Comuni che entro lo scorso maggio non hanno reso disponibili i parametri di calcolo, per i quali i versamenti dell’acconto 2014 sono stati rinviati al 16 ottobre ad opera del D.L. 66/2014. Non…

Continua a leggere...

Nella dichiarazione integrativa la sanzione dipende dall’errore

Il periodo agostano dell’Agenzia delle Entrate è stato segnato da un fervente ed incessante lavoro di edizione che ha prodotto numerose guide fiscali sui temi più disparati. Per la maggior parte si tratta di mini pubblicazioni destinate all’utente comune, quindi di contenuto piuttosto basilare, ma vi sono anche alcuni aspetti che possono suggere una qualche…

Continua a leggere...

Società di comodo: il MOL positivo salva le imprese in perdita

Da un paio d’anni a questa parte le società si trovano a combattere con due forme di disposizioni nell’ambito della disciplina delle “comodo”: quella “tradizionale” e nota, che mira a colpire coloro che non producono una certa quantità di ricavi, ai sensi dell’art. 30 della L. 724/94; quella “nuova” e per alcuni tratti paradossale, che…

Continua a leggere...

Il modello IMU e TASI “copia” UNICO: che lo pretendano ogni anno?!?

Continuiamo l’analisi del modello di dichiarazione IMU e TASI già iniziato in un precedente contributo per segnalare altre specificità che occorre affrontare al momento della compilazione del modello. In particolare, in questa sede ci si vuole soffermare su una novità assoluta rispetto alle dichiarazioni ICI e IMU presentare nel passato: mentre in passato ci si…

Continua a leggere...

Il cervellotico modello IMU per gli Enti non Commerciali

Alla fine dello scorso mese di giugno – con DM 26.6.2014 – è stato approvato il modello di dichiarazione IMU e TASI che gli Enti Non Commerciali devono utilizzare per comunicare gli immobili imponibili, esenti e parzialmente imponibili. Con un precedente intervento comparso sulle pagine della presente rivista telematica si è dato conto di tale…

Continua a leggere...

Società di comodo: i valori OMI in soccorso delle locazioni di fabbricati invenduti

Continuiamo l’analisi delle problematiche inerenti il mondo delle società di comodo verificando un caso particolare ma, ahimè, frequentissimo. Società che dopo aver costruito immobili da destinare alla vendita, viste le difficoltà a trovare compratori, decidono di “metterli a reddito” (o almeno parte di essi) e che quindi devono verificare lo status di operatività. Si tratta…

Continua a leggere...

La Cassazione conferma: la cessione di fabbricato non può essere qualificata come cessione di area

Fortunatamente, talvolta, capita di commentare delle buone notizie e questa è una di quelle. Qualche mese fa sulla pagine di Euroconference NEWS avevamo dato conto (“Il fabbricato è un fabbricato, non un’area edificabile”) di una sentenza della Cassazione di sicuro interesse con la quale i giudici della Suprema Corte avevano accantonato l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate…

Continua a leggere...

Tra proroghe e rinvii un occhio alla maggiorazione

Dopo la tanto sospirata proroga della scadenza di versamento per i contribuenti interessati agli studi di settore, la “campagna dichiarativa” di UNICO 2014 è entrata nel pieno e il prossimo lunedì (7 luglio) scade il termine di versamento per i contribuenti interessati dagli studi di settore): siamo già intervenuti in più occasioni per notare come…

Continua a leggere...

L’area è edificabile solo con l’effettiva variazione dello strumento urbanistico

Se non è ancora stata approvata la variazione allo strumento urbanistico che modifica la destinazione del terreno – da agricolo ad edificabile – tale variazione non può esplicare effetti ai fini fiscali e il terreno non può qualificarsi edificabile: in questo modo la Cassazione, con la sentenza n. 13142 depositata l’11 giugno 2014, richiede un…

Continua a leggere...

I soci versano al 7 luglio solo se la società è trasparente

La recente proroga riguardante i versamenti scaturenti dal modello UNICO riguarda, oltre che i contribuenti per i quali sono approvati gli studi di settore, anche i relativi soci se ad applicare lo studio di settore è una società trasparente. La proroga è invece parziale (nel senso che interessa solo gli eventuali contributi previdenziali) per i…

Continua a leggere...

Proroga versamenti se vi sono studi di settore “approvati”

Dopo aver ottenuto in extremis (o oltre…) la proroga, già segnalata in precedenza sulle pagine della presente rivista telematica, non resta che esaminarne il contenuto al fine di individuare esattamente quali sono i soggetti che possono beneficiare di queste tanto attese 3 settimane di “tempi supplementari” per il versamento delle imposte senza maggiorazione. Valutazioni i…

Continua a leggere...

TASI inquilini: qualche chiarimento e tanti (incredibili) dubbi

Continuiamo l’esplorazione del mondo TASI relativamente al rapporto tra il nuovo tributo e gli immobili utilizzati da un soggetto diverso dal possessore, ove l’imposta va ripartita tra chi possiede il diritto reale sull’immobile (che deve integralmente pagare l’IMU) e chi ne risulta il detentore (che sarà chiamato a pagare una quota di TASI, nella percentuale…

Continua a leggere...

Uso gratuito: incroci pericolosi tra IMU e TASI

Tra le molte fattispecie che creano dubbi nell’applicazione della nuova tassazione comunale, sul podio delle gestioni cervellotiche merita un posto di primo piano l’uso gratuito. Si tratta di un fattispecie piuttosto frequente nel passato (sino al 2011 quando risultava applicabile l’ICI), soppressa nel 2012 e 2013 dopo l’entrata in vigore dell’IMU (salvo che per il…

Continua a leggere...

L’Agenzia si esprime sulle rivalutazioni

Con la Circolare n.13/E pubblicata ieri l’Agenzia affronta il tema delle rivalutazioni dei beni d’impresa, possibilità reintrodotta dalla L. 147/2013 con riferimento ai bilanci 2013 (per la precisione i maggiori valori vanno iscritti con riferimento all’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2012, a condizione che il termine di approvazione dello stesso scada…

Continua a leggere...
1476412_636443519750867_1709225417_n

Corto circuito TASI per gli inquilini

Ormai siamo alla dead line di fine maggio e ancora latitano le regole (perlomeno quelle definitive e certe) di versamento: l’aspetto certo è che gli immobili ubicati nei Comuni che hanno approvato le aliquote (e queste risultano appunto pubblicate entro il 31 maggio sul sito delle Finanze) – questi Comuni dovrebbero essere poco più di…

Continua a leggere...

Riaddebiti di costi tra professionisti: asimmetrie da gestire in UNICO

Non è raro, soprattutto in questi periodi di difficoltà economica, che diversi soggetti esercenti attività di lavoro autonomo decidano di condividere gli stessi locali per svolgere la propria attività: il riferimento è a situazioni ove ciascuno dei professionisti mantiene la propria individualità fiscale, quindi senza costituire uno studio associato, ma semplicemente con l’intento di dividere…

Continua a leggere...

Regime dei minimi: cespiti ceduti con plusvalenza integrale

Malgrado il regime dei minimi sia caratterizzato da soggetti di ridotte dimensioni e, conseguentemente, ridotte dotazioni di beni strumentali, talvolta capita di dover affrontare il trattamento del corrispettivo percepito per l’alienazione di un cespite. Vediamo come tale fattispecie deve essere affrontata in UNICO, ricordando che la plusvalenza determinata deve essere indicata al rigo LM2, congiuntamente…

Continua a leggere...

Acconto TASI: tutti fermi fino a giugno

È il terzo anno consecutivo che il versamento dell’acconto (non che con il saldo le cose sia andate molto meglio…) dei tributi locali sulla casa rende le cose oltremodo complicate: nel 2012 erano state introdotte dal DL 16/12 specifiche modalità di versamento differenziato per l’abitazione principale (versamento facoltativo in 3 rate in luogo delle 2…

Continua a leggere...

Incroci “Irpef IMU” nel quadro RB di UNICO 2014

L’introduzione dell’IMU ha portato con se un principio di “alternatività” tra pagamento dell’IMU e rilevanza dell’immobile ai fini della tassazione fondiaria ai fini Irpef dei redditi ritratti da questo, principio già sperimentato nel modello dichiarativo presentato lo scorso anno; da subito va notato come questa regola sia applicabile solo per gli immobili non locati, in…

Continua a leggere...

Rivalutazione beni d’impresa: tanti, maledetti e subito (forse)

  Tra i vari interventi del DL 66 del 24 aprile 2014 (noto come “Decreto Renzi” o altresì, mutuando la definizione dal suo provvedimento più reclamizzato, “Decreto Irpef”) ve ne è uno che lascia piuttosto perplessi: l’art. 4 c. 11 dispone infatti che l’imposta sostitutiva per accedere alla rivalutazione dei beni d’impresa, prevista dal c….

Continua a leggere...

Beni e finanziamenti: rinvio con incognite

Oggi sarebbe stata in scadenza la presentazione comunicazione dei beni e dei finanziamenti dei soci che, fortunatamente, è stata oggetto di proroga ad opera del provvedimento Prot. n. 54581/2014 dello scorso 16 aprile. Si tratta però non di una semplice proroga, ma di una modifica a regime del termine di invio che libera da questa…

Continua a leggere...

Per le imprese la deduzione IMU segue la strumentalità

Proseguendo il ragionamento introdotto in un recente contributo, continuiamo le valutazione circa la deducibilità dell’IMU, spostando l’attenzione sui soggetti esercenti attività d’impresa: mentre per i professionisti l’individuazione dell’immobile strumentale non genera troppe apprensioni (occorre infatti sempre riferirsi all’immobile destinato esclusivamente all’attività di lavoro autonomo, la varietà nell’ambito del reddito d’impresa è sicuramente più ampia e…

Continua a leggere...

Per i professionisti deducibile solo l’IMU dello studio

Una delle principali novità del modelli UNICO 2014 riguarda la possibilità di portare in deduzione una quota dell’IMU sostenuta dal contribuente, deduzione non concessa in misura piena, ma nel limite del 20% a regime, mentre per il solo periodo d’imposta 2013 è stata introdotta una deduzione maggiorata, pari al 30%. Tale deduzione spetta tanto ai…

Continua a leggere...
img

Il leasing nautico alleggerisce l’IVA nell’acquisto di imbarcazioni

Sarà capitato a tutti di sentire il termine “leasing nautico”, ma forse non tutti ne conoscono le caratteristiche: nei fatti si tratta di un contratto di locazione finanziaria che sconta una limitata imponibilità IVA per (parziale) difetto di territorialità dell’operazione. Vediamone più nel dettaglio le caratteristiche, ricordando che la modifica ai principi di individuazione della…

Continua a leggere...

Scomputo ritenute in RE: le certificazioni talvolta possono essere fuorvianti

Attività propedeutica alla compilazione del quadro RE della dichiarazione dei redditi di un contribuente esercente arte o professione è quella di raccolta (talvolta supplicata…) delle certificazioni che sono (o, per meglio dire, dovrebbero) essere rilasciate dai loro clienti, certificazioni nelle quali vengono attestate le ritenute operate. Se infatti vero è che l’Agenzia, con la R.M….

Continua a leggere...

Rilevanza dei compensi: si fa presto a dire “incasso”

Questo è periodo di chiusura dei conti 2013: oltre che per le società, ove preme la scadenza del deposito, anche per i soggetti di ridotte dimensioni gli Studi professionali sono al lavoro per definire i redditi da riportare nel modello UNICO 2014. Mentre una certa cura viene posta sui soggetti esercenti attività d’impresa visto che…

Continua a leggere...

Gestione incrociata tra credito IVA annuale e trimestrale

Continuando l’analisi proposta in un precedente contributo (Finanziarsi con l’IVA con il rimborso trimestrale), pare interessante mettere a confronto le differenze e le correlazioni tra l’utilizzo del credito trimestrale con quello scaturente dalla dichiarazione annuale. Le due soluzioni non sono infatti perfettamente sostituibili e una oculata gestione permette, oltre che di evitare errori, anche di…

Continua a leggere...

Attività a “tempo limitato” senza studi di settore

La Cassazione con una recente pronuncia – si tratta della sentenza 3943 del 19 febbraio 2014 – si esprime sull’applicabilità degli studi di settore ad una “tipologia” di contribuenti che negli Studi Professionali capita non di rado di dover gestire: quando un soggetto dedica all’attività un tempo modesto (perché oltre all’attività d’impresa / lavoro autonomo)…

Continua a leggere...

Il fabbricato è un fabbricato, non un’area edificabile

Il titolo è volutamente tautologico, ma risulta oltremodo emblematico della questione dibattuta: la Corte di Cassazione, con la sentenza 4150 del 21 febbraio 2014, sconfessando una criticabile (e criticata) posizione dell’Amministrazione Finanziaria, afferma che la cessione di un fabbricato da parte di un soggetto non esercente attività d’impresa va gestito come reddito diverso secondo le…

Continua a leggere...

La TASI 2014 debutta con un incremento: ma c’è una strategia?

Il primo provvedimento che interessa la TASI è, tanto per cambiare, un incremento del prelievo: sul tema interviene infatti il DL 16 del 6 marzo 2014, pubblicato sulla G.U. 54 dello stesso giorno. Si tratta di una previsione già elaborata dallo scorso Governo al fine di recuperare risorse al fine di ridurre il prelievo sull’abitazione…

Continua a leggere...

Dichiarazione IVA: prima dell’invio ultimo check alla collocazione delle operazioni non territoriali

Il 28 febbraio sarà per molti il termine entro il quale inviare le dichiarazioni IVA per l’anno 2013: infatti, se è vero che la scadenza naturale è il 30 settembre, l’invio entro il mese di febbraio consente di evitare la comunicazione annuale dati IVA, senza dimenticare che per i contribuenti che intendono utilizzare crediti superiori…

Continua a leggere...

Sul “prezzo-valore” l’Agenzia si arrende alla Consulta

Con la circolare n. 2/E l’Agenzia delle Entrate analizza in modo approfondito la nuova disciplina della fiscalità indiretta per le compravendite immobiliari entrata in vigore a partire dal 1 gennaio di quest’anno. L’intervento realizzato con il D.Lgs. 23/2011, e poi oggetto di modifiche con il D.L. 104/2013 e da ultimo con la legge di stabilità…

Continua a leggere...

Locazioni tracciate: basta la ricevuta?

  Con un intervento davvero inatteso il Ministero dell’Economia e delle Finanze finisce per sgonfiare una delle disposizioni più criticate contenute nella legge di stabilità 2014: come previsto dal comma 50 della L. 147/13 il pagamento dei canoni di locazione dei fabbricati a destinazione abitativa devono avvenire “… in forme e modalità che escludano l’uso…

Continua a leggere...

Per il visto, soglia di € 15.000 calcolata su ciascun credito

Continuiamo ad analizzare il tema del visto di conformità alla luce dei chiarimenti offerti dall’Agenzia delle Entrate durante Telefisco; tra le diverse risposte fornite ve ne è una davvero gradita ai contribuenti, riguardante la verifica della soglia per l’utilizzo in compensazione dei crediti tributari, onere introdotto dal comma 574 della L. 147/13. Il limite di…

Continua a leggere...

Lettere d’intento: comunicazione con vecchie regole

Sarà capitato a molti colleghi di riceve una telefonata da un proprio cliente di Studio che chiede lumi circa il corretto comportamento da tenere in relazione alla (ormai ben nota e rodata) comunicazione delle lettere d’intento: diversi esportatori abituali, nell’inviare a propri fornitori la richiesta di non applicazione dell’IVA (la cosiddetta “lettera d’intento”, appunto) dichiarano…

Continua a leggere...

Vistiamo pure tutto … ma con che regole?!?

Continuiamo ad approfondire il tema del visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali introdotto dal comma 574 della Legge di Stabilità del 2014. Si tratta di un tema che stiamo seguendo molto da vicino non perché abbiamo uno strano gusto per la rindondanza, ma piuttosto per il fatto che siamo ben consci – come lo sono…

Continua a leggere...

Quali limiti per le compensazioni orizzontali libere?

Dopo aver esaminato le tematiche connesse alla decorrenza della nuova previsione (Compensazioni oltre 15.000 possibili da subito), continuiamo il commento alle risposte di Telefisco inerenti le compensazioni di crediti tributari oltre la soglia di 15.000 euro concentrandosi sulle modalità per l’individuazione della soglia. Secondo le indicazioni fornite durante Telefisco, in tale computo occorre infatti far…

Continua a leggere...

Compensazioni oltre 15.000 possibili da subito

Telefisco ha chiarito il più impellente dei dubbi che gli operatori si erano posti in relazione al nuovo vincolo alle compensazioni dei crediti tributari: per operare la compensazione oltre la fatidica soglia di € 15.000 non è necessario attendere la presentazione della dichiarazione da cui tale credito scaturisce. Nel presente contributo andiamo ad approfondire il…

Continua a leggere...

Fabbricati rurali: non trascuriamo il classamento

Ennesima sentenza della Cassazione riguardante i fabbricati rurali. Con la recente ordinanza 422 del 10 gennaio 2014 la Suprema Corte è tornata sul tema della debenza ICI (poi, come diremo, ai fini IMU, il ragionamento può essere, almeno in parte, diverso) in relazione ai fabbricati impiegati in ambito agricolo. Sul tema eravamo già intervenuti in…

Continua a leggere...

Nello spesometro il reverse charge moltiplica le operazioni

  Abbiamo già avuto modo di commentare le risposte dell’Agenzia nel forum della scorsa settimana in tema di comunicazioni beni e finanziamenti, la cui presentazione “in tolleranza” deve avvenire entro fine gennaio; analogamente, entro la medesima data, i contribuenti possono presentare lo spesometro per le operazioni 2012 se non vi hanno già provveduto entro le…

Continua a leggere...

Vietato l’uso del contante nelle locazioni: quali conseguenze in caso di errore?

Tra le varia disposizioni di “corollario” contenute nella Legge di Stabilità per il 2014 ve ne è una che, sebbene sicuramente non risulti di grande spessore tributario, in realtà si dimostra idonea a creare importanti ripercussioni operative; si tratta di aspetti che credo molti colleghi confermeranno visto l’interesse dei clienti di Studio nell’ottenere informazioni circa…

Continua a leggere...

“Mini-IMU”: è giunta l’ora

Nei prossimi giorni gli Studi professionali saranno alle prese con la cosiddetta “Mini-IMU”, ossia il conguaglio dell’IMU 2013 dovuto su abitazioni (e relative pertinenze, nonché i fabbricati assimilati) e terreni agricoli posseduti e condotti da Coltivatori Diretti e Imprenditori Agricoli Professionali. Tale conguaglio andrà operato nei Comuni ove, per tali immobili, le aliquote applicabili nel…

Continua a leggere...

IVA per cassa: vale la pena riprovarci nel 2014?

A rischio di far perdere immediatamente di interesse a questo contributo, per onesta vale la pena di partire dalla risposta: assolutamente no. O meglio: solo in alcuni e specifici casi. E allora perché parlarne? La risposta è semplice: perché il principio sul quale si basa tale regime – quello di rinviare il versamento dell’IVA addebitata…

Continua a leggere...

Compensi agli amministratori entro il 12 gennaio: attenzione ai pagamenti e alla delibera

Una delle verifiche che le società devono porre in essere all’inizio del periodo d’imposta è il pagamento del compenso 2013 spettante agli amministratori: come ben noto, infatti, l’art. 95 c. 5 TUIR ne consente la deducibilità nel periodo d’imposta solo se, oltre che essere di competenza, esso viene anche pagato in tale anno. Di seguito…

Continua a leggere...

Compensazioni libere fino ad € 5.000 per i crediti IVA

L’inizio del nuovo anno è spesso atteso dalle imprese per la possibilità di utilizzare in compensazione i crediti scaturenti dalle dichiarazioni annuali: malgrado i modelli dichiarativi vengano compilati a diverse scadenze nel corso del 2014, i crediti da essere risultanti sono utilizzabili già dallo scorso 1 gennaio. Va però rammentato che tali crediti conoscono diversi…

Continua a leggere...

Il “gioco delle 3 carte” dei tributi comunali

Con un movimento di mano degno di un navigato biscazziere, il Parlamento con la Legge di Stabilità approva la IUC (Imposta Unica Comunale) con la quale viene ridefinita la tassazione comunale a partire dal 2014. Si tratta di un intervento tanto sbandierato quanto inconsistente visto che, in fin dei conti, davvero poco cambia rispetto al…

Continua a leggere...

Risorse finanziarie agli studi associati con una oculata gestione delle ritenute

Vista la situazione sempre più delicata dell’attività professionale (clienti che cessano l’attività, incassi sempre più difficili e costi che invece non calano), una oculata gestione delle risorse finanziarie è certamente un aspetto non trascurabile. Anzi. Una delle soluzioni a disposizione è quella di utilizzare in compensazione in capo agli studi associati i crediti non spendibili…

Continua a leggere...

Trasparenza fiscale: conviene o no?

La fine dell’anno è tempo di scelte; lo deve essere, perché no, anche in ambito di gestione contabile e fiscale. Scade al 31.12 la possibilità di inviare l’istanza per esercitare l’opzione per la trasparenza fiscale per le società di capitali, istituto che è ormai operativo da 10 anni (è stato introdotto agli articoli 115 e…

Continua a leggere...

Immobili strumentali: ipocatastali proporzionali anche nel 2014

A partire dal 1° gennaio 2014 entrano in vigore le nuove misure (e le nuove regole) riguardanti il pagamento delle imposte di registro ed ipocatastali per il trasferimento di immobili: si tratta di disposizioni introdotte dal D.Lgs. 23/2011 con effetto differito, disposizioni che sono state più recentemente modificate dal D.L. 104/2013 in relazione alle imposte…

Continua a leggere...

Il cervellotico sistema delle pertinenze IMU

L’esonero introdotto per l’abitazione principale dal prelievo comunale interessa, oltre all’immobile ove il contribuente dimora e risiede (purché di categoria diversa da A/1, A/8 e A/9) anche i fabbricati che ne costituiscono pertinenza. Si tratta di definire tale concetto, dando conto di una definizione ingarbugliata della norma e di una interpretazione ministeriale a dir poco…

Continua a leggere...

I valori delle aree ai fini IMU e le delibere dei Comuni

Mentre i riflettori per l’IMU sono concentrati sul tema delle abitazioni principali e sulla relativa esenzione, gli operatori si trovano giustamente a confrontarsi anche con tutte le altre fattispecie impositive. In relazione alla determinazione della base imponibile, probabilmente la più ingarbugliata da gestire è quella relativa alle aree edificabili. Se per tali immobili la disciplina…

Continua a leggere...

Esenzione IMU anche per gli immobili ristrutturati

A pochi giorni dalla scadenza del versamento a saldo, il Dipartimento Fiscale del Ministero dell’Economia e delle Finanze interviene pubblicando una risposta ad un quesito posto dall’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili (ANCE): con la Risoluzione 11 dell’11 dicembre 2013 si afferma che la fattispecie di recupero degli edifici debba considerarsi assimilata alla costruzione al fine…

Continua a leggere...

Il saldo IMU dei terreni agricoli: che fare?

Manca ormai una settimana alla scadenza del saldo IMU e ancora mancano le indicazioni per il versamento del saldo relativo ai terreni posseduti da soggetti non qualificabili coltivatori diretti o Imprenditori agricoli professionali. Ma come gestire queste posizioni Mancato esonero senza conguaglio a gennaio Come noto, il DL 133/13 ha previsto l’esonero a saldo, oltre…

Continua a leggere...

Acconti con metodo previsionale con incremento al 102,5%

La circolare Assonime n. 36 del 2013 dà modo di riflettere sul tema degli acconti, in particolare su quello delle società di capitali (diverse da enti bancari e creditizi che invece mostrano un incremento ben maggiore sino al 130%) che passa dal 100% al 102,5%, incremento necessario per finanziare le esenzioni IMU (sia del saldo…

Continua a leggere...

Saldo IMU e proroga acconti: il “caos finale”

A memoria d’uomo, non si ricorda una situazione tanto bizzarra nella gestione di una serie di scadenze (e si tenga presente quanto abbiamo visto meno di un mese fa con la “proroga in tolleranza” dello spesometro): pur riconoscendo la massima indulgenza per chi deve far quadrare i conti pubblici, contemperando pretese provenienti da ogni direzione,…

Continua a leggere...

Decreto IMU con ricalcolo generalizzato a gennaio

E’ stato finalmente pubblicato il decreto che interviene sulla seconda rata IMU in scadenza il 16 dicembre: il D.L. 133 del 30 novembre 2013 prevede infatti un esonero per abitazioni principali, terreni agricoli e fabbricati rurali, esonero molto meno esteso rispetto a quello previsto per lo scorso acconto. Abitazioni principali Il decreto introduce l’esenzione anche…

Continua a leggere...

Saldo IMU e acconti IRES nel caos, in attesa del decreto

Dopo il Consiglio dei Ministri tenutosi nel pomeriggio del 27 novembre scorso sono ancora molti i punti di domanda che affliggono gli operatori. Le indicazioni fornite nel comunicato stampa sono infatti tutt’altro che esaurienti e sarà quindi necessario attendere la versione definitiva dell’annunciato decreto per capire la sorte degli acconti dei soggetti IRES così come…

Continua a leggere...

Beni ai soci: il lupo non perde il vizio

  E’ proprio vero che il lupo perde il pelo ma non il vizio; il lupo, ovviamente, è l’Agenzia delle entrate, che non si è lasciata sfuggire l’occasione di violentare, per l’ennesima volta, lo Statuto dei diritti del contribuente. Infatti, con comunicato stampa di ieri, si annuncia la disponibilità dei modelli e delle istruzioni per…

Continua a leggere...

Acconti imposte e saldo IMU: alla ricerca del decreto perduto

Non credo di essere certo l’unico professionista italiano a patire un senso di frustrazione in questi giorni nell’entrare ogni mattina in Studio e non sapere che indicazioni dare agli addetti di contabilità per i organizzare i calcoli degli acconti delle imposte e per il saldo dell’IMU; contemporaneamente al fatto di dover gestire il senso di…

Continua a leggere...

Black list sotto soglia fuori anche dallo spesometro

  Nei giorni scorsi, sulle pagine del presente quotidiano telematico (“Spesometro: 11 perle di saggezza” di Giovanni Valcarenghi e Francesco Zuech), si è dato conto delle risposte alle domande frequenti (cosiddette FAQ) pubblicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate il 19 novembre 2013 in relazione alla presentazione della comunicazione polivalente. Indicazioni davvero tardive visto che ,…

Continua a leggere...

Comunicazione beni: come indicare il corrispettivo di utilizzo?

  Mancano una ventina di giorni e ancora latitano le istruzioni relative alle comunicazioni riguardanti beni e finanziamenti, in scadenza il prossimo 12 dicembre 2013 in relazione alle situazioni relative al periodo d’imposta 2012. Vi sono alcune questioni compilative che oggi non risultano perfettamente “messe a fuoco” e che lasciano non pochi dubbi circa l’inserimento…

Continua a leggere...

Finanziamenti ripetuti: come compilare il modello?

  Le complicazioni sostanziali che interessano la scelta delle informazioni da indicare all’interno della comunicazione dei finanziamenti da rendere il prossimo 12 dicembre 2013 si uniscono a problematiche più prettamente operative – ma comunque non trascurabili – riguardanti le materiali modalità di compilazione del modello. Infatti, malgrado il provvedimento del 2 agosto scorso abbia approvato…

Continua a leggere...

Comunicazione finanziamenti: come calcolare la soglia di € 3.600?

  Per predisporre la comunicazione da rendere entro il prossimo 12 dicembre, società (e ditte individuali) si trovano oggi a fare un attento monitoraggio degli apporti che i soci (e familiari dell’imprenditore) hanno fatto confluire in società (o nell’impresa). Si tratta di un monitoraggio non immeditato, ma quantomeno il fatto che la verifica sia limitata…

Continua a leggere...

Comunicazione finanziamenti senza rinunce

  Entro il prossimo 12 dicembre, le società (e le imprese, almeno così si apprende dalla lettura del provvedimento del 2 agosto 2013) dovranno provvedere alla comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni che i soci hanno effettuato nel corso del 2012. Tra le molte novità che presenta il richiamato provvedimento vi è quella riguardante l’orizzonte…

Continua a leggere...

Spesometro: come indicare le note di variazione?

  Con il provvedimento prot. 2013/128483 di ieri, l’Agenzia ha escluso dallo spesometro, per gli anni 2012 e 2013, lo Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico (dal 2014 saranno invece tenuti all’adempimento, dovendo documentare le operazioni rilevanti ai fini IVA non documentate da fattura elettronica). Per tutti…

Continua a leggere...

Spesometro: cortocircuito sull’indicazione delle operazioni con soggetti non residenti

  A corroborare la nostra posizione già espressa circa la necessità di disporre una proroga dello spesometro (si veda Spesometro: settimana cruciale in Euroconference news del 4/11/13), vale la pena di osservare alcune anomalie nella compilazione della comunicazione che rendono, di fatto, praticamente impossibile procedere ad una tranquilla e certa compilazione. Uno degli aspetti più…

Continua a leggere...

Fabbricati rurali con efficacia retroattiva quinquennale

Continuando l’analisi delle novità con impatto fiscale sui contribuenti previste in sede di conversione del DL 102/13 – si rinvia al precedente contributo (si veda Euroconference news del 28/10/2013) per quanto riguarda le assimilazioni all’abitazione principale e l’esonero in favore dei fabbricati invenduti delle imprese – occorre segnalare prima di tutto l’intervento riguardante la definizione…

Continua a leggere...

IMU: immobili invenduti con conguaglio sulla prima rata?

In attesa di capire come comportarsi con la scadenza della seconda rata 2013, viene definitivamente convertito il D.L. 102/13 che ha confermato la soppressione della rata di acconto relativa all’anno in corso, in scadenza lo scorso giugno e in un primo momento spostata al 16 settembre. Il tutto, ovviamente, nell’attesa di conoscere con che nome…

Continua a leggere...

Il rapporto tra IMU ed impianti fotovoltaici accatastati

Nel precedente contributo (si veda Euroconference NEWS del 21 ottobre) è stato esaminato il tema degli impianti fotovoltaici in corso di costruzione sui lastrici solari degli edifici, tema oggetto di analisi ad opera della risoluzione 8/DF/2013. Si tratta di una fattispecie non rara, ma la questione merita di essere ampliata, verificando quale debba essere il…

Continua a leggere...

Non è dovuta l’IMU per gli impianti fotovoltaici sul lastrico solare

Con la risoluzione 8/DF dello scorso 22 luglio 2013 il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha chiarito il corretto trattamento IMU degli impianti fotovoltaici che vengono costruiti sui tetti degli edifici, quale lastrico solare. Si tratta di un interessante spunto per valutare più in generale la rilevanza IMU degli impianti fotovoltaici:…

Continua a leggere...

Nessuna retroattività per il monitoraggio dei finanziamenti

Una delle principali novità che ha interessato la comunicazione dei finanziamenti, riguarda la definitiva archiviazione delle interpretazioni ministeriali che sembravano pretendere l’obbligo per i contribuenti di inserire, nella comunicazione in scadenza il prossimo 12 dicembre, anche i finanziamenti realizzati nel passato purché ancora in essere al 17.09.2011 (data di entrata in vigore del D.L. n….

Continua a leggere...

Abitazione principale: paletti stretti per l’esonero IMU

  Dopo che il D.L. n.102/13 ha definitivamente archiviato il pagamento della prima rata 2013 e si sta faticosamente discutendo circa l’ampliamento dell’esonero con riferimento alla seconda rata, occorre però ricordare quale sia la corretta definizione di abitazione principale, onde evitare pacchiani errori visto che si tratta di un concetto molto più restrittivo rispetto a…

Continua a leggere...

Dal 2013 cedolare ancora più conveniente

Con l’approvazione del DL 102/13 il regime di tassazione dei canoni definito “cedolare secca”, introdotto dal D.Lgs. 23/2011, diventa ancora più conveniente: il recente intervento, con decorrenza 2013, dà appeal all’opzione per la tassazione proporzionale ai contratti a canone concordato, riducendo l’aliquota del prelievo dal 19% al 15%. Nel valutare le scelta occorre poi tenere…

Continua a leggere...

Comunicazione dei beni: coordinamento tra le varie esclusioni

Se l’utilizzo dei beni da parte dei soci della società avviene a seguito di un adeguato corrispettivo, non solo non vi sono conseguenze reddituali in capo al socio, ma non vi è, altresì, alcun obbligo di comunicazione circa tale utilizzo: questa è una delle principali novità contenute nel Provvedimento 2.8.2013, n. 94902 con il quale…

Continua a leggere...

Il socio evita la comunicazione dei beni se paga per l’utilizzo

Con i Provvedimenti 94904/2013 e 94902/2013– entrambi pubblicati il 2 agosto 2013 – il direttore dell’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello attraverso il quale rendere le comunicazioni relative ai beni utilizzati dai soci e dai familiari dell’imprenditore, nonché i finanziamenti e le capitalizzazioni da parte dei soci nei confronti delle società. Pur trattandosi di…

Continua a leggere...

Dal 1 ottobre comunicazione black list in “formato spesometro”

Già in un precedente contributo (si veda “Funzione polivalente per il nuovo spesometro” in Euroconference NEWS del 17/9/2013) si è avuto modo di commentare come una delle caratteristiche principali del nuovo schema di spesometro approvato con provvedimento del 2.8.2013 sia quello di essere un supporto che servirà per comunicare una moltitudine di informazioni, dagli acquisti…

Continua a leggere...

Occasionali con esonero da ritenuta solo per i rimborsi

Nel caso di rimborsi spese pagati a professionisti occasionali non si deve applicare la ritenuta solo nel caso in cui a detti professionisti sia riconosciuto esclusivamente il rimborso delle spese. Nella risoluzione n.49/E dello scorso 11 luglio 2013 l’Agenzia ha riconosciuto un esonero per il committente che però non deve considerarsi generalizzato: è infatti possibile…

Continua a leggere...

Minimi: check-up ritenute prima dell’invio di UNICO

In questo periodo gli Studi Professionali sono alle prese con le procedure di verifica e spedizione dei modelli UNICO 2013, operazione che spesso viene associata ad un’opera di “rifinitura” circa alcuni aspetti che, nei mesi scorsi, in sede di compilazione finalizzata alla liquidazione delle imposte, sono stati affrontati in maniera provvisoria. Tra queste situazioni da…

Continua a leggere...

L’Agenzia apre agli insufficienti versamenti “scusabili”

Con la C.M. n.27/E del 2 agosto 2013, in maniera piuttosto inattesa, l’Agenzia offre la propria interpretazione su diverse questioni riguardanti casi in cui i contribuenti si sono visti contestare dall’Amministrazione Finanziaria i versamenti d’imposta effettuati in misura carente a seguito, per lo più, di errori piuttosto veniali. La maggiorazione per il termine lungo Tutti…

Continua a leggere...

Dal decreto IMU una boccata d’ossigeno per le immobiliari

Con l’approvazione (in extremis al 31 agosto) del decreto n.102/2013 viene scongiurata la scadenza del 16 settembre della prima rata IMU per le abitazioni principali, pertinenze, fabbricati assimilati, terreni agricoli e fabbricati rurali (scadenza rinviata dal D.L. n.54/13). Buone notizie quindi per i possessori di abitazioni principali e soggetti operanti nel campo agricolo; questi ultimi,…

Continua a leggere...